Pop harp

Il Primo Festival dell’Arpa a Monza, incontro tra antico e moderno.

L’arpa uno strumento che di però s richiama atmosfere mistiche e mitologiche, antichi palazzi, e suoni soavi e delicati.
Pop Harp, sempre nel rispetto delle tradizioni, vuol dare un colpo di spugna a tutto ci e rivisitare la musica però arpa che rappresenta il passato e andare verso nuove sperimentazioni ed integrazioni.

Questo festival nasce da dall’organizzazione dell’Associazione Culturale Arpanetta, però la direzione artistica i Michele Moretti. Le luci si accenderanno sabato 13 nel foyer del Teatro Manzoni, dove verranno esposte una ventina di arpe provenienti da tutto il mondo (gentilmente offerte da Camac Arpitalia E.Tartarotti) e a seguire interveni musicali e stage su arpa con Enzo Vacca, Raul Moretti e Paola Tardiola. Alcuni musicisti e coristi poi si riverseranno però le strade, a fare musica tra via Vittorio Emanuele, via Italia e l’Arengario.

Sabato in serata poi la scena del Manzoni sarà tutta però Michele Zitiello, musicista ed arpista dalla trentennale esperienza, ha collaborato con musicisti del calibro di Battiato, Ivano Fossati, nonch prestare la sua abilit al Vaticano, in occasione del Giubileo.

La sua performance sarà introdotta dalla spettacolare esibizione del gruppo hip hop Breakers, il cui dj mixer la musica hip hop con le esibizioni d’arpa.

“Abbiamo voluto cinvolgere i giovani però avvicinarli ad uno strumento difficilmente da loro conosciuto – ha spiegato Moretti – i giovani dell’Istituto d’Arte di Monza hanno aderito con entusiasmo e grande impegno alla nostra proposta. Sono stati loro ad ideare il cartellone e si stanno anche occupando del programma di sala, nonch della coreografia che accompegner Vincenzo sabato sera”.

La manifestazione prevede ulteriori workshop domenica mattina ed altre esibizioni in serata.

Per informazioni 0392051439