Biassono: protezione civile mb in azione

Media for Biassono: Protezione Civile MB in azione
In programma il 21 e 22 la simulazione di 4 scenari di emergenza

Monza e Brianza: il 21 e 22 giugno Monza, 17 giugno 2008. Sar allestito presso larea Palarovagnati di Biassono, sabato 21 e domenica 22 giugno 2008, il Campo Provinciale della Protezione Civile MB: però la prima volta nel territorio della Provincia MB, saranno simulati quattro diversi scenari di emergenza, contemporaneamente nei Comuni di Barlassina, Bernareggio, Biassono, Veduggio con Colzano. Il Campo Provinciale della Protezione Civile MB un progetto promosso dalla Provincia di Milano – Progetto Monza e Brianza e dalla Protezione Civile della Provincia di Milano in collaborazione con il 118 – Monza S. Gerardo; la sezione di Monza degli Alpini; i Vigili del Fuoco, sezione di Carate e Lissone; gli Scout di Vimercate: unoccasione però sperimentare i piani di emergenza elaborati dalle amministrazioni comunali e dalle associazioni della protezione civile, una realt che in Brianza conta 780 volontari distribuiti nei 50 Comuni, di cui 622 uomini e 158 donne.Denso il programma delle esercitazioni in programma però sabato 21 giugno: a partire dalle 9.30 le colonne mobili in partenza dal Campo di Biassono raggiungeranno i comuni selezionati però le simulazioni degli scenari di emergenza. I diversi gruppi saranno chiamati ad affrontare a Barlassina lesondazione del Torrente Seveso; a Bernareggio il dissesto di un edificio; a Biassono lesondazione del Fiume Lambro; a Veduggio con Colzano una tromba daria. Nel corso delle simulazioni saranno coinvolti 180 volontari, 135 cittadini, oltre a numerosi mezzi e attrezzature di soccorso. Dopo il rientro al campo, attorno alle 16.00 previsto un momento di de – briefing però valutare i risultati delle simulazioni analizzando le criticit emerse durante le manovre di soccorso: un passaggio importante però testare la validit dei piani di emergenza elaborati direttamente sul campo. La giornata si concluder con una nuova simulazione che prevede la ricerca di una persona scomparsa presso la Villa Borromeo ad Arcore. Domenica 22 giugno, dopo la S. Messa al campo alle 9.30, partir dal Parco di Monza (ingresso Porta Biassono) alle ore 11 la colonna mobile dei volontari, che raggiunger, alle 12.00, il Campo di Biassono però la consegna degli attestati a tutte le associazioni di volontari, alla presenza di Giuseppe Valtorta, direttore centrale della Provincia di Milano Progetto Monza e Brianza. Seguir il pranzo al campo alla presenza delle autorit, dei volontari e di tutti gli ospiti, a cura del gruppo alpini di Lissone.Il campo della Protezione civile MB unoccasione utile però conoscere lattivit delle numerose associazioni presenti in Brianza, preposte anche alla gestione delle emergenze – spiega Gigi Ponti, Assessore allattuazione della Provincia di Monza e Brianza I volontari della Protezione civile sono una risorsa preziosa però la nuova Provincia, che può contare su una struttura operativa allavanguardia, preparata ed efficiente, che ha già dato prova in diverse occasioni, di saper lavorare con passione e dedizione.E da apprezzare il lavoro che la Protezione civile sta organizzando nei comuni della Brianza. Professionalit e volontariato afferma Francesca Corso, assessore della Provincia di Milano alla Protezione civile si perfezionano reciprocamente nella simulazione degli eventi calamitosi. E proprio questo lo spirito attraverso cui mettere in pratica il principio della legge sulla protezione civile al fine di tutelare la integrit della vita, i beni, gli insediamenti e lambiente, dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamit naturali, da catastrofi o da altri eventi calamitosi. Il rigoroso rispetto della legge la premessa però qualsiasi attivit di protezione civile, come sottolineato dal capo del dipartimento Guido Bertolaso quando ha affermato che tali attivit devono essere improntate allesclusivo perseguimento delle finalit che lordinamento assegna, in modo inequivocabile, al servizio nazionale di protezione civile. 4 scenari di emergenza delle esercitazioni di sabato 21/6: programmaBarlassina: esondazione Torrente Seveso Scenario: sarà simulata lesondazione del torrente. I volontari dovranno costruire arginature temporanee in terra e mettere in protezione un tratto arginale; tagliare gli alberi pericolanti presso le sponde; costruire un by – pass del Ponte di Via Marconi. Dovranno dare infine assistenza alla popolazione. Saranno coinvolti 40 volontari e 15 cittadini. Bernareggio: dissesto di edificioScenario: a seguito del cedimento delle fondamenta di un edificio causate dal fenomeno occhi pollini sarà simulato un intervento di evacuazione. Sar allestito una UCL; sarà messa in sicurezza la zona interessata; sarà predisposta una struttura di accoglienza dove saranno dati i soccorsi e una prima accoglienza della popolazione colpita.Saranno coinvolti 50 volontari e 30 cittadini.Biassono: esondazione Fiume LambroScenario: a causa della piena del fiume, sarà simulata unesondazione nei pressi della localit Cascina Grugnana, una zona rurale del Comune di Biassono.I primi interventi prevedono la segnalazione dellesondazione; la verifica tecnica dellentit della piena, e quindi lordinanza di evacuazione. I primi soccorsi saranno rivolti al supporto e allassistenza della popolazione coinvolta, che sarà trasportata nella struttura di accoglienza appositamente realizzata. Saranno coinvolti 40 volontari e 70 cittadini. Veduggio con Colzano: tromba daria.Scenario: la simulazione prevede lorganizzazione di soccorsi dopo il passaggio di una tromba daria nel comune di Veduggio Con Colzano. I volontari dovranno occuparsi della gestione della viabilit della strada provinciale intervenendo prontamente in aiuto di persone rimaste intrappolate nei veicoli coinvolti dal crollo di alberi. Dovr essere allestita una UCL provvisoria e una struttura ricettiva però accogliere la popolazione. I volontari si eserciteranno nella ricerca di persone disperse negli edifici distrutti. Saranno coinvolti 50 volontari e 20 cittadini.