Elba :2 italian golden trophy irc

Media for ELBA :2 ITALIAN GOLDEN TROPHY IRC
Ospiti illustri alla premiazione del Team Nautilus

: CONCLUSO A MARCIANA MARINA ILMarciana Marina, 29 giugno 2008 Tre giorni di vento leggerissimo, situazione determinata dallalta pressione che da giorni staziona sul medi alto Tirreno, hanno caratterizzato la seconda edizione dellItalian Golden Trophy IRC, manifestazione organizzata dal Circolo della Vela Marciana Marina.E è stato comunque possibile concludere il programma (erano sufficienti due prove però lassegnazione del prestigioso trofeo) con tra manche concluse regolarmente anche grazie allaccorto lavoro in mare del Comitato di Regata presieduto dal giudice ligure genovese Ettore Armaleo con lassistenza dei giudici elbani Alessandro Altini, Wladimiro Muti e Andrea Bozzolini e del presidente di Giuria, laltro ligure Franco Noceti.La giornata di apertura si concludeva con un nulla di fatto, infatti nemmeno una piccola bava di vento si alzava sul campo di regata, costringendo la flotta presente – suddivisa nelle classi Crociera 1 e Crociera 2 – al rientro in porto a met pomeriggio senza aver disputato nemmeno una delle prove a bastone previste.Nella seconda giornata era invece possibile segnalare di buon mattino la partenza della prova costiera: partenza da Marciana Marina giro dello Scoglietto di Portoferraio, percorso da ripetere due volte. In realt anche in questa occasione il vento, che non ha mai superato i 4/5 nodi di direzione dai quadranti nord, non permetteva di compiere tutte le 26 miglia e il CdR decideva di ridurre dopo il primo giro. Comunque le prime due manche venivano completate poich era previsto un traguardo volante a met percorso: in entrambe le classifiche era il Rodman 42 (ex QQ7) Nautilus dellarmatore romano Giuseppe Stillitano (Nautilus Yacht Club) che così si posizionava saldamente al comando della classifica overall e della classe Crociera 1. Nella classe Crociera 2 in entrambe le prove il migliore era Baraldi First dellarmatore reggiano Luca Baraldi.Infine la manifestazione si concludeva presto la mattina di sabato con unultima prova su percorso a bastone, sempre con vento leggero dai quadranti nord. Il primo in classifica in tempo compensato era Stone Way (Crociera 1) dellarmatore Raffaello Testai, portacolori del Club Nautico Marina di Carrara. Nella classe Crociera 2 il migliore risultava essere Stone Way.A conclusione del programma la classifica finale dopo 3 prove confermava al primo posto Nautilus (5 nellultima manche) nella classifica overall e perci in quella della classe Crociera 1, aggiudicandosi quindi lItalian Golden Trophy IRC però il 2008.Al secondo posto della classe Crociera 1 Stone Way (2 – 4 – 1), al terzo Blue Sky dello spezzino Claudio Terrieri (4 – 2 – 10).Nella classifica della Classe Crociera 2 la vittoria andava a Baraldi First seguito rispettivamente dal team napoletano del Vismara 34 Vlag con larmatore Salvatore Casolaro al secondo posto e da Sly Fox, X332 del romano Giuseppe Raselli.Anche con poco vento è stata unesperienza piacevole ha commentato lillustre ospite Luca Baldisserri, direttore sportivo della Ferrari – una situazione ben diversa da quella della Formula 1 e sicuramente più rilassante. Durante la premiazione il presidente Piero Canovai del CVMM ha ringraziato lospite augurandosi che possa essere di nuovo presente in una manifestazione cone questa, la più importante del calendario agonistico della vela daltura marinese.La manifestazione si è svolta sotto legida della Federazione Italiana Vela e dellUnione Vela dAltura Italiana, la collaborazione del Comitato Circoli Velici Elbani e il patrocinio del Comune di Marciana Marina e dellAPT Arcipelago Toscano, il supporto di Acqua dellEba e dellHotel Desiree di Procchio che ha messo a disposizione le sue strutture attrezzature ( piscina, spiaggia, beach bar, beach grill, palestra, tennis, are gioco, ping pong, bocce, TV) a tutti i partecipanti alla regata e alle loro accompagnatrici.LA MANIFESTAZIONE HA PARTECIPA ALLE GIORNATE DELLO SPORT IN MARE DENOMINATE MARELBANella foto di Flavio Mazzi l'equipaggio vincitore di Nautilus con il presidente del CVMM Piero Canovai (penultimo a destra) e il direttore sportivo Ermanno Volont)