Monza: la guerra della "plina"

Media for Monza: la guerra della ” Plina”
INFESTAZIONE DI MOSCHE DA UN'ALLEVAMENTO DI GALLINE NELLA ZONA SAN DONATO

Monza, 1 Agosto Invasione di mosche nel territorio monzese.Gi dallanno 2006 le zone al confine fra Monza e Brugherio e anche altre aree limitrofe erano state interessate da uninfestazione di mosche. Il fenomeno era riconducibile alla concimazione non effettuata correttamente da alcune Aziende Agricole. Il Settore Ambiente eman pertanto un ordinanza sul corretto uso dei reflui zootecnici.Nellestate dello scorso anno il fenomeno si ripresent, ma era riconducibile esclusivamente allattivit di allevamento di galline ovaiole esercitata dallAzienda Agricola Visini con sede a Monza in via Vignola 30. Tale infestazione era causata dalla pollina ( sterco delle galline) depositata presso lallevamento stesso, sulla quale veniva rilevata una presenza massiccia di mosche.Linfestazione del 2007 venne comunque debellata a seguito dello svuotamento del pollaio, denominato periodo di vuoto, imposto alla ditta durante i mesi estivi con ordinanza del Settore Ambiente. Nel 2008 linfestazione si ripresentata allinizio del mese di maggio. Il settore Ambiente del Comune ha iniziato conseguentemente un nuovo procedimento ordinatorio con destinataria la ditta in questione, imponendo a questultima di smaltire la pollina come qualsiasi rifiuto e cioè di trasportarla presso un impianto di smaltimento. LAzienda Agricola Visini ha invece contro dedotto che la pollina non un rifiuto ed ha espresso la volont di interrarla presso i terreni vicini allinsediamento, come normalmente viene fatto da tutte le Aziende che esercitano lattivit di produzione di uova.Il Settore Ambiente, supportato dallA.S.L. 3 di Monza e dagli Agronomi incaricati di monitorare il fenomeno dellinfestazione, ha ribadito la necessit di procedere allo smaltimento della pollina, in quanto linterramento a causa della presenza massiccia di larve di mosche sulla pollina non avrebbe sicuramente debellato linfestazione.Stante lirremovibilit della posizione dellAzienda e lintensificazione dellinfestazione causata dalla persistenza della pollina presso linsediamento produttivo, lAmministrazione Comunale ha notificato allAzienda in data 15.6.2008 un provvedimento a carattere urgente sottoscritto dal Sindaco, con il quale questUltimo, in qualit di massima autorit locale in materia sanitaria, ha ordinato alla stessa di smaltire la pollina entro 5 giorni. In caso di ulteriore inadempimento, oltre alla denuncia allautorit giudiziaria nei confronti della ditta, è stato previsto lintervento dufficio del Comune a spese del contravventore (ditta inadempiente).LAzienda Agricola non ha abbandonato la propria posizione e ha presentato ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale, chiedendo la sospensione del provvedimento stesso.Il T.A.R. di Milano, nonostante il ricorrente abbia supportato il proprio ricorso con il parere di un professore universitario tra i più competenti in materia, ha rigettato listanza di sospensione con ordinanza del 22.7.2008, ritenendo le motivazioni igienico sanitarie richiamate nel provvedimento sindacale a tutela dellinteresse della collettivit, prevalenti rispetto ai costi imposti allAzienda però le operazioni di smaltimento.Ieri i tecnici agronomi incaricati dallUfficio Ambiente del Comune hanno già accertato che la ditta Visini ha provveduto ad eliminare la pollina ed ha sanificato tutto il locale destinato allo stoccaggio della stessa. La verifica definitiva del pieno adempimento dellordinanza verrà successivamente effettuata dallA.S.L.3.