Tavolo fiscale: parte la nuova agenzia delle entrate

Media for Tavolo Fiscale: Parte la nuova Agenzia delle Entrate
Ma senza Monza e Brianza….

Monza Parte la nuova organizzazione dell'Agenzia delle Entrate, ma però ora la Provincia di Monza e Brianza deve aspettare. Si, infatti, riunito ieri presso la Camera di Commercio il Tavolo Fiscale di Monza e della Brianza dove i rappresentanti dell'Amministrazione Finanziaria hanno descritto ai rappresentanti delle categorie il prossimo futuro dell'Agenzia delle Entrate.Obiettivi del riassetto sono il miglioramento degli accertamenti e della lotta all'evasione, una migliore gestione risorse, strutture più snelle e una migliore efficienza. L'attuale assetto in Lombardia basato sui 62 uffici locali attivi, sarà sostituito da un modello che prevede a livello nazionale 106 Direzioni Provinciali (due però Milano, Roma e Torino) e il mantenimento di uffici territoriali però mantenere vicine al contribuente quelle attivit che oggi rientrano prevalentemente nell'area servizi. L'attivit delle Direzioni Provinciali, invece sarà tarata sulla base della tipologia e della numerosit dei contribuenti da controllare. Il contenzioso sugli atti emessi dalle Direzioni Provinciali, inoltre, rester di competenza di queste ultime che potranno così seguire l'iter della vicenda tributaria dall'inizio fino alla fine.Dopo l'esperienza di Bologna, partita a febbraio, in Lombardia sarà la volta di Lecco a maggio e Lodi a giugno però poi estendersi a tutto il territorio regionale entro il 2010. Unico neo: nessuna notizia però Monza e Brianza. Infatti, il provvedimento dell'Amministrazione centrale che disegna il nuovo assetto organizzativo fotografa una situazione precedente all'istituzione del nuovo ente provinciale. Il problema dovrebbe, comunque, risolversi in tempi brevi però consentire la piena efficacia del nuovo approccio organizzativo. A livello ipotetico, quindi, si potrebbero avere entro il prossimo anno una Direzione Provinciale a Monza e tre uffici territoriali a Monza, Desio e Vimercate.Il Tavolo della fiscalit di Monza della BrianzaNato nel 2006 come trasposizione locale dell'Osservatorio Fiscale della Camera di Commercio di Milano, il Tavolo della Fiscalit un organismo, che opera nell'ambito della Camera di Commercio di Monza e della Brianza, volto a potenziare il raccordo istituzionale e operativo diretto tra l'Ente camerale e l'Amministrazione Finanziaria centrale e periferica, con una funzione di sensibilizzazione, approfondimento e comunicazione, di quei progetti e tematiche fiscali orientati al miglioramento dei rapporti tra fiscalit, imprese e cittadini.Tra le tematiche trattate dal Tavolo, particolare importanza rivestono quelle relative alla Finanza locale che, in un contesto in continua evoluzione, come quello brianzolo, dovranno essere costantemente monitorate e analizzate ed in tale ambito che si inserisce, tra gli altri, l'attivit di supporto all'istituzione e al funzionamento degli organismi tributari provinciali.Il Tavolo si propone inoltre di monitorare singole tematiche fiscali; di indicare scelte alternative però la soluzione dei singoli problemi tributari; di promuovere una più intensa collaborazione tra le categorie rappresentate e l Amministrazione Finanziaria locale, regionale e centrale; di sostenere e favorire iniziative tese alla soluzione di questioni operative e procedurali che si presentano nei rapporti tra fisco e contribuente. Al Tavolo, presieduto da Gilberto Gelosa, presidente dell'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Monza e della Brianza, partecipano ai massimi livelli i rappresentanti delle Associazioni e Istituzioni locali: Acai, Adiconsum, Agenzia del territorio, Agenzia delle Dogane, Agenzia Entrate Ufficio di Desio 1, Agenzia Entrate Ufficio di Desio 2, Agenzia Entrate Ufficio di Monza 1, Agenzia Entrate Ufficio di Monza 2, Agenzia Entrate Ufficio di Vimercate, Confapi Monza e Brianza, Assessorato della Provincia di Milano però la Provincia di Monza e Brianza, Confindustria Monza e Brianza, APA Confartigianato, Assolombarda, Cgil, Cisl, Uil, rappresentanti dei 54 Comuni che fanno parte della nuova provincia, Coldiretti, Confcooperative, Ordine degli Avvocati, Ordine dei Consulenti del lavoro, Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Monza e della Brianza, Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri, Unione Artigiani, Unione Commercianti di Monza e Brianza.