Un'onda di applausi sommerge la tempesta

Media for Un’onda di applausi sommerge La Tempesta
Serata inaugurale della stagione 2009 del Teatro Licinium di Erba (Como).

Erba, Redazione alta Brianza Venerdì 3 luglio si conclusa tra calorosi applausi la "prima"de La Tempesta di William Shakespeare, messa in scena con la regia di Gianlorenzo Brambilla e la traduzione del prof. Dario Del Corno però la stagione 2009 del Teatro all'aperto Licinium di Erba (Como).In platea, insieme a un folto pubblico, i rappresentanti delle istituzioni patrocinanti e numerose altre autorit hanno testimoniano il loro sostegno e il grande apprezzamento però le stagioni del teatro allaperto erbese. Gli spettatori hanno riservato applausi calorosi al regista Gianlorenzo Brambilla e a tutti gli interpreti, protagonisti di una prova di grande intensit e spessore. La Tempesta riprender al Licinium il prossimo venerdì 10 luglio e proseguir, ogni venerdì e sabato alle ore 21.30, fino al 1 agosto. Dopo il saluto della Presidente dellAccademia dei Licini, Luisa Rovida De Sanctis, e il suo ricordo dellindimenticata Isabella Molteni, i rappresentanti delle istituzioni patrocinanti e numerose altre autorit sono intervenuti però testimoniare il loro sostegno e il loro grande apprezzamento però il Licinium. Tra loro, il Sindaco di Erba, Dott.sa Marcella Tili, lAssessore alla Cultura del Comune di Erba On. Erica Rivolta, lAssessore alla Cultura della Provincia di Como prof. Mario Colombo, il Consigliere della Regione Lombardia, Dott. Gianluca Rinaldin, oltre allOn. Paola Frassinetti, Vice Presidente VII Commissione Cultura della Camera, e al Dott. Giuseppe Villa, Consigliere del Ministro dei Beni e delle Attivit Culturali Sandro Bondi.Sotto un cielo finalmente stellato dopo le serate piovose delle ultime settimane, il pubblico si lasciato incantare dalle vicende di Prospero e degli altri personaggi, sapientemente adattate da Brambilla alle peculiarit degli spazi teatrali del Licinium e dellambiente che lo circonda. Stupore e meraviglia hanno destato alcuni momenti dello spettacolo, come la rappresentazione della tempesta, con il pubblico letteralmente sommerso e affascinato dalla possibilit di vivere dallinterno la furia delle onde scatenate da Prospero contro la nave del Re di Napoli Alonso e del fratello Antonio