Premio arcobaleno 2010 della bottega dell’arte a brigitte bardot

Media for Premio Arcobaleno 2010 della Bottega dell’Arte a Brigitte Bardot
Valentini e Scaccabarozzi a Parigi però incontrare l'ex attrice..

Sarà Brigitte Bardot, la grande attrice cinematografica francese che ha lasciato le scene molti anni fa (si vedano, fra i suoi tanti film di successo, Atto d’amore e Piace a troppi), a ricevere uno dei riconoscimenti assegnati ogni anno, nell’ambito del “Premio Arcobaleno”, dalla “Bottega dell’Arte”, l’associazione artistico – culturale di Bevera, a Castello Brianza, che opera da oltre trent’anni sul territorio, non solo italiano, sotto la guida del presidente Silvano Valentini, critico d’arte, e del direttore artistico Gerry Scaccabarozzi, pittore di fama internazionale. Quest’anno il “Premio Internazionale di Arte e Cultura L’Arcobaleno”, giunto alla sua dodicesima edizione e che vuole segnalare pubblicamente singole personalità, enti e associazioni che si distinguono nei più svariati campi d’attività, si svolgerà a Capaccio – Paestum, in provincia di Salerno, il giorno di domenica 18 luglio prossimo e vedrà tra i premiati, oltre a importanti personaggi della vita culturale, civile e sociale della provincia di Salerno e a giornali e TV locali, anche la nota “Fondazione Brigitte Bardot”, fondata dall’attrice anni fa con lo scopo di tutelare, salvaguardare e proteggere gli animali in ogni parte del mondo. A contorno del “Premio Arcobaleno”, gli artisti della “Bottega dell’Arte” faranno un’estemporanea di pittura nei pressi dei famosi templi dorici di Paestum risalenti ai tempi della Magna Grecia e a una mostra collettiva di pittura e di scultura presso la Galleria d’arte “Shunt”, sempre a Paestum. La “Bottega dell’Arte” è stata poi invitata ufficialmente a compiere una visita alla sede parigina della “Fondazione Brigitte Bardot” e quindi, nel mese di settembre, secondo accordi presi tra i dirigenti dell’associazione brianzola e lo staff di Brigitte Bardot, una delegazione dell’associazione artistico – culturale italiana si recherà al Trocadero di Parigi, dove ha sede, appunto, la fondazione transalpina.