La prima scuola Italiana per Meccanici del Motosport

Anche il nostro Paese avrà un polo formativo per meccanici da corsa d’alto profilo


È la prima e unica scuola italiana per meccanici da corsa. Ha aperto battenti venerdì 11 novembre con la presentazione alla stampa e la prima giornata di lezioni MTS, Motorsport Technical School sotto la direzione di Eugenia Capanna.
L’idea nasce da anni di esperienza nel mondo del Motorsport e dalla necessità, da parte delle squadre da corsa, di contare su meccanici altamente specializzati senza dover investire risorse e tempo in formazione.


MTS vuole proporsi come un centro d’eccellenza formativa per gli appassionati e per i meccanici che desiderano specializzarsi nel mondo delle competizioni. Il corso si compone di 150 ore di lezioni teoriche e pratiche presso l’Autodromo di Monza, alle quali seguirà una stagione agonistica di tirocinio presso Team nazionali di rilievo.
Il progetto, patrocinato dalla Provincia di Monza e Brianza, vede la collaborazione di Eugenia Capanna, ex pilota e Team Manager nel Motorsport, con Confartigianato Motori e Istituto Gatti, Centro di formazione di APA Confartigianato.

«In Italia non esistevano fino ad ora scuole specializzate, eppure siamo nella patria della Ferrari e la sensibilità per le auto da corsa è fortissima – dichiara la direttrice – L’esigenza c’è e bisognava rispondere, perché è davvero un peccato non avere una nostra scuola. Così ho deciso di fondarla e di tenere i corsi presso l’Autodromo di Monza, simbolo della lunga tradizione motoristica italiana».


«L’Autodromo di Monza ha aderito con piacere al progetto della MTS della realizzazione di una scuola per meccanici specializzati in auto, mettendo a disposizione le proprie strutture e spazi per ospitare le lezioni teoriche e pratiche – racconta Enrico Ferrari, Direttore dell’Autodromo – D’altra parte sta
Sponsor tecnici
proprio nello statuto della nostra Società, la missione di incremento automobilismo e sport, fatto non solo dell’organizzazione di manifestazioni motoristiche ma anche con la formazione di personale specializzato, come nel nostro caso i meccanici, senza il quale le corse non possono essere realizzate, con una particolare attenzione al mondo dei giovani».
«Confartigianato si è offerto come partner di questa iniziativa tramite il suo Centro di formazione, Istituto Gatti, perché gli artigiani sono i primi interessati a un’opportunità che mira a qualificarli ulteriormente – spiegano all’unisono Giovanni Barzaghi, Presidente di APA e Francesco Cacopardi, direttore di Istituto Gatti – Spesso il meccanico di auto da corsa lavora tutta la settimana nella sua officina e dedica il week end alla passione per la pista».


«Rappresentiamo da sempre il mondo motoristico – aggiunge Antonio Mariani, responsabile di Confartigianato Motori – con questa scuola vogliamo contribuire a potenziare il settore formando una nuova figura professionale»
«La Brianza si riconferma patria del lavoro artigiano, offrendo la prima possibilità concreta di rilanciare e sviluppare l’eccellenza professionale nel campo della meccanica del Motorsport – ha dichiarato Andrea Monti, assessore provinciale allo Sport e Autodromo – Poter seguire le proprie vocazioni e passioni motoristiche per farne una professione libera i nostri ragazzi da quel modello di preparazione alla vita lavorativa che troppo spesso congela potenzialità inespresse per creare “centralinisti laureati”. MTS, connubio sinergico fra professionalità, storia e territorio, ha tutte le carte in regola per porsi quale modello proporre anche in altri settori».