oltre 90 miliardi per brand del design Milano e la Brianza

camera com mb

Complessivamente sono 15.830 le imprese attive nel design, di cui quasi 3.900 in
Lombardia, con Milano che conta 1.540 imprese, Como 440, Monza e Brianza 328.
E in Italia lavorano anche 568 designer stranieri.
Monza, 21 aprile 2012. In dirittura d’arrivo la settimana del Salone del Mobile, dedicata al design e al legno arredo, eccellenze e specificità del territorio lombardo, il cui brand vale per Milano e la Brianza 92 miliardi di Euro, di cui 48 miliardi sono relativi a Milano, oltre 25 miliardi a Monza e Brianza e più di 18,5 miliardi a Como. Creatività e stile che contraddistinguono il sistema Paese e che, nonostante la crisi, si traducono in una crescita per le imprese del design di +5,4% in un anno.
Complessivamente sono 15.830 le imprese attive nel design, di cui quasi 3.900 in Lombardia, con Milano che conta 1.540 imprese attive nel design, Como 440, Monza e Brianza 328. Gli under 30 rappresentano in Lombardia il 10,0% del totale delle imprese individuali attive nel design, a Monza e Brianza la percentuale dei giovani si attesta all’8,8%. E in Italia lavorano anche 568 designer stranieri, +6,6% in un anno. Designer che vengono principalmente da Paesi dell’Europa (Svizzera, Germania, Francia) ma anche dal Sud America (Argentina) e dall’est asiatico (sono circa 40 i designer di Cina e
Giappone che lavorano in Italia).
È quanto emerge da elaborazioni su Registro Imprese e da una stima, all’interno del progetto ERI, dell’Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza a partire da Anholt Brand Index su dati Registro Imprese, Istat, Coeweb, Censis, Isnart, Istituto Tagliacarne.
“Il design è un fiore all’occhiello per il Made in Italy, un brand riconosciuto a livello internazionale, caratterizzato da fermento e dinamismo come ancora una volta il Salone del Mobile ha testimoniato – ha dichiarato Carlo Edoardo Valli, Presidente della Camera di commercio di Monza e Brianza -, un settore di richiamo per giovani creativi, preparati e aperti al mondo che, nonostante le difficoltà, scelgono di rispondere alla crisi, mettendosi in proprio, tanto che un’impresa individuale su dieci nel design ha come titolare un giovane.”
Il Passaporto del mobile Il “Passaporto del Mobile Made in Italy” è un progetto sviluppato dalla Camera di Commercio di Monza e Brianza, con l’obiettivo di dare alle imprese e ai distretti, operanti nel settore del legno-arredo, la possibilità di associare al valore materiale dei prodotti il valore immateriale costituito da differenti contenuti informativi favorendo e tutelando così la promozione del Made in Italy. L’iniziativa prevede, attraverso l’applicazione di tecnologie innovative (QR Code), l’associazione ai prodotti di contenuti informativi digitali attivabili dal consumatore finale per mezzo di telefoni cellulari (smartphone) sia in fase di pre-vendita per conoscere le caratteristiche, la filiera di produzione e la certificazione di autenticità del prodotto, che di post-vendita per accedere alle informazioni relative a garanzia, manutenzione ed utilizzo del prodotto. Si tratta di una vera carta di
identità del mobile, a costo zero per le imprese: www.passaportodelmobile.it