Giovani padani: “Il 15 settembre è il nostro 25 aprile”

“Il 15 settembre 1996 è stato per noi un nuovo 25 aprile. Il Nord ha
detto per la prima volta in modo chiaro basta alla distruzione della
nostra cultura, all’annientamento delle nostre identità,
all’occupazione del nostro territorio da parte del centralismo romano.
Quella data resta e ci porta oggi a dettare condizioni precise a Roma e
Bruxelles: servono una nuova Europa e un nuovo euro, non accettiamo più
il saccheggio del Governo come è successo con l’Imu e vogliamo una
Lombardia forte nella nuova macroregione del Nord, forte anche del 75%
delle tasse che chiede di tenere in casa propria per i lombardi. Questo
è il filo rosso che lega il 15 settembre 1996 al “Prima il Nord” di
oggi”.

Così Lucio Brignoli, coordinatore federale del Movimento
giovani padani annunciando il convegno in ricordo di Gianfranco Miglio
che si terrà domani, alle ore 11, a Domaso. Presente il segretario
federale Roberto Maroni insieme a Gilberto Oneto e Stefano Bruno Galli

“Essere indipendenti oggi vuol dire portare a termine azioni concrete
di libertà – aggiunge Eugenio Zoffili, coordinatore lombardo MGP – Il
20 e 21 ottobre raccoglieremo le firme per tre proposte di legge su euro, imu e
tasse lombarde. E’ il momento di passare dalle parole ai fatti contro la tirannia di Monti e di Bruxelles”.