Gal Lissone nella storia

emily, carlotta, betta, alessia e sara

Campionato Italiano Ginnastica Artistica femminile SERIE A 2013 – GAL Lissone  12° Scudetto

Il palcoscenico sportivo designato per la disputa dell’atto finale del CAMPIONATO ITALIANO di Serie A 2013 è il “Mandela forum” nella splendida Firenze.

A contendersi il titolo finale, le eterne rivali, Brixia e Gal Lissone.

Sabato 6 Aprile 2013 non è un fine settimana comune perché è il giorno in cui la GAL LISSONE conquista senza alcuna esitazione il dodicesimo scudetto, il terzo consecutivo, un risultato che conferma l’eccellente stato di forma delle atlete, l’ottimo staff tecnico e la vincente atmosfera societaria del Presidente Roberto Meloni.

I risultati appartengono già alla storia recente e ad alcune delle più belle pagine della storia della Ginnastica Artistica Italiana. Il Campionato si serie A 2013 ha preso l’avvio a Ancona dove la GAL ha messo immediatamente in chiaro che l’obbiettivo era la conquista del terzo titolo italiano consecutivo. Una vittoria importante per il punteggio e per la morale che ha permesso di individuare quali fossero le forze in campo. La ASDG Brixia anche quest’anno dimostra sin dalla prima gara di voler competere con lo squadrone di Lissone e lo dimostra nel secondo appuntamento di Campionato vincendolo sulla Gal seppur con uno scarto di punteggio assai risicato.

Il 16 Marzo a Bari e il 6 Aprile a Firenze la storia racconta di una sola squadra al comando, la GAL LISSONE , che si aggiudica così anche per quest’anno lo Scudetto numero dodici con grande dimostrazione di forza, una supremazia assoluta che fa’ ben sperare per il futuro.

La classifica finale vede la GAL LISSONE a quota 97 punti seguita al secondo posto la BRIXIA di Vanessa Ferrari a soli 85 punti e sul gradino più basso del podio la A.S. Olos Gym 2000 a 80 punti.

Sul gradino più alto del podio a Firenze, giustamente sommersi dagli applausi unanimi, provenienti da tutta Italia, le atlete Carlotta Ferlito, Elisabetta Preziosa, Alessia Praz, Elisa Meneghini, Emily Armi, Sara Barri i tecnici Claudia Ferrè, Paolo Bucci, Anna Sassone, Tiziana di Pilato e il Presidente della GAL Lissone Roberto Meloni.

Tutto ciò accadeva mentre il tecnico Paolo Bucci accompagnava Elisa Meneghini a Tokyo ad un’importantissima prova individuale del circuito di Coppa del Mondo come prova per gli imminenti Campionati europei di Mosca.

L’emozione di uno scudetto negli occhi di tutti ma nel cuore la voglia e l’impazienza di ritornare immediatamente in pedana per i prossimi non meno importanti appuntamenti nazionali e internazionali, un tour di palestre continuo, tra allenamenti incessanti e competizioni con la divisa della Gal Lissone, con l’azzurro nazionale, sempre sotto i riflettori sia del mondo dello sport sia quelli della televisione grazie al seguitissimo realty “Ginnaste – vite parlallele” che mette in evidenza anche l’aspetto squisitamente umano e simpatico.

Elisabetta Preziosa, “Betta” per tutti, ha mostrato per tutto l’arco della stagione una non nuova straordinaria forza di volontà e incredibile tenacia nel restare sempre competitiva e perfetta su tutti i campi gara nonostante un fastidioso stop forzato per un delicato intervento agli occhi, mai doma, mai abbattuta, Betta ha stretto i denti e insieme alle sue compagne di squadra e amiche ha confezionato questo ennesimo gioiello prezioso.  L’atleta ha rivestito, in questa importante stagione, anche il ruolo determinante di leader nei momenti in cui è mancata Carlotta Ferlito a Bari impegnata in una competizione internazionale in Francia.

Da Lissone parte una nuova sfida al mondo della Ginnastica …………….. con i complimenti sinceri per un’annata davvero straordinaria e un augurio speciale al Presidente onorario Giovanni Fumagalli costretto a seguire la conquista del dodicesimo scudetto da casa.

A cura di

Alberto Moioli