“Autodromo: burocrati vadano fuori dalle scatole”

“La nuova gestione della Sias pensa e poli fieristici, lustrini e amenità varie. Ma l’Autodromo di Monza è fatto per le corse e deve essere gestito da chi viene da quel mondo.”

L’Autodromo di Monza in mano a burocrati incompetenti, con il risultato che uno dei circuiti più amati del mondo sta perdendo pezzi. Prima il Mondiale Turismo, ora il Mondiale Superbike.

Così l’esponente di Pdl-Forza Italia monzese e presidente del circolo Noi di Destra di Monza, Cristiano Puglisi, ha deciso di attaccare in maniera veemente l’attuale classe dirigente dell’impianto, chiedendone le dimissioni immediate.

“Da appassionato di corse – ha detto Puglisi – dico che chi ha provocato questa situazione deve dimettersi immediatamente. Sono venuti come ‘salvatori della patria’ ma in realtà chi c’era prima di loro, nonostante gli scandali, ha sempre garantito un funzionamento. Sento parlare di poli fieristici, di lustrini e altre amenità. Benissimo, ci mancherebbe. Ma l’Autodromo nasce per le corse, per gli appassionati di corse e per i piloti. Così si finisce per perdere di vista quello che è lo scopo primario dell’impianto, ora affidato a burocrati e politicanti che nulla capiscono di motori. Bene a questi signori io dico che è ora di andare fuori dalle scatole. Sarò scurrile ma non me ne pento. Si dimettano, lascino perdere ciò che non fa per loro e rimettano la Sias in mano a chi ci capisce di competizioni automobilistiche, eviteremo così un ulteriore danno per il mondo dell’automobilismo e per la nostra città”.