LOMBARDIA.TICKET, MARONI: APPROVATI TAGLI PER 54 MILIONI – MANTOVANI: 6 MILIONI CITTADINI ESENTI

MARONI: APPROVATI TAGLI PER 54 MILIONI

IL PRESIDENTE: REALIZZATO PUNTO IMPORTANTE NOSTRO PROGRAMMA
LA REGIONE DÀ PROVA DI RIUSCIRE A RIDURRE PRESSIONE FISCALE

Dal programma ai fatti: tagliati i ticket
sanitari. Ne hanno dato notizia il presidente della Regione
Lombardia Roberto Maroni e il vice presidente e assessore alla
Salute Mario Mantovani al termine della riunione di Giunta di
questa mattina, presentando le nuove esenzioni varate
dall’Esecutivo lombardo in materia sanitaria, rese possibili
grazie all’applicazione dei costi standard, rivendicata con
forza da Palazzo Lombardia.

LE MISURE – La delibera da 54 milioni, ha spiegato il
governatore, “è modulata su tre misure: 40 milioni sono
destinati all’esenzione completa dei ticket sui farmaci per i
cittadini lombardi con più di 65 anni e con reddito inferiore ai
18.000 euro”. “Riguarda – ha fatto notare il presidente – di
800.000 persone”. “A questo intervento principale – ha
proseguito – si aggiungono uno da 12 milioni di euro, per il
mantenimento delle esenzioni per disoccupati, cassaintegrati e
minori di 14 anni, e uno da 2 milioni di euro per il
mantenimento dell’esenzione per numerosi interventi chirurgici
in ‘day surgey’”. “Questi ticket – ha ricordato ancora Maroni -
dovevano entrare in vigore nel giugno scorso, a seguito di una
delibera del dicembre 2012, ma l’avevamo sospesa per sei mesi.
Oggi abbiamo deliberato una nuova sospensione per tutto il
2014″.

 "La decisione sulla riduzione dei ticket è
stata presa e fa parte delle norme della Regione, per cui mi
auguro di non leggere più interrogativi, dubbi o supposizioni su
questo tema". E' quanto ha detto il vice presidente e assessore
alla Salute della Regione Lombardia Mario Mantovani, commentando
la delibera approvata oggi dalla Giunta.
"E' una norma - ha proseguito Mantovani - che incide sul piano
sociale, aiutando le persone anziane. Togliere agli over 65
anche solo la spesa di 2 o 4 euro ogni volta che vanno in
farmacia per comprare le medicine è una soluzione
straordinaria".
"Le 800.000 persone che esentiamo oggi dal pagamento dei ticket
sui farmaci - ha concluso Mantovani - si aggiungono ai 5 milioni
di Lombardi già esenti. Raggiungiamo dunque la cifra di quasi 6
milioni: si tratta di un numero molto considerevole". (Ln)