Roma: 60.000 Imprenditori gridano : Ci AVETE ROTTO I COGLIONI !!!

60.000 Imprenditori  gridano : Ci AVETE ROTTO I COGLIONI !!!

Roma , 18 Febbraio 2014

Quando il gregge brianzolo   ruggisce , anche i lupi capitolini  stanno a cuccia .

Questa mia  frase anche se nuova , diventerà presto  molto conosciuta , perché è quello che è successo ieri  , in Piazza del Popolo  a Roma .

Per la prima volta  più di 60.000 Commercianti , Artigiani , Esercenti , piccoli Imprenditori , insomma  lavoratori delle partite IVA che rappresentano il sistema portante dell’ Economia  reale italiana ,  sono scesi in Piazza per  urlare BASTA  !!!

Basta agli sprechi della Politica , Basta alle richieste di un Fisco peggiore di un gruppo di usurai , Basta  alla burocrazia enorme  che impedisce di lavorare e programmare investimenti , Basta a leggi e protezioni corporative sul Lavoro .

Questi sono i punti centrali che le 5 maggiori Organizzazioni nazionali , Confesercenti, Confcommercio, Cna, Casartigiani e Confartigianato., uniti insieme con lo slogan «Senza impresa non c’è Italia, riprendiamoci il futuro», hanno costituito  Rete imprese Italia:

Dopo lo “ sbarco “ alla Stazione Termini ,  i manifestanti giunti da tutta Italia , Isole comprese  hanno marciato  compostamente  verso  Piazza del Popolo  , con Via del Babbuino , Piazzale Flaminio  quasi bloccate , che sembrava un vero corteo sindacale  stile  anni 70/ 80  .

Con la Piazza stracolma  , molti si sono arrampicati anche verso la terrazza  del Pincio , dove si aveva una bella vista della manifestazione .

Sul palco si sono succeduti i vari Presidenti che hanno posto l’accento sulle varie problematiche .

Sangalli della Confcommercio ha avvisato i Politici che  <<La Pace Sociale è a rischio , siamo stanchi ,meritiamo e chiediamo  Rispetto .”

Marco Venturi, presidente di Rete imprese italia e di Confesercenti: «Andiamo in piazza perché non ce la facciamo più , stiamo chiudendo con le Aziende anche il nostro Futuro ».

Matteo Merletti presidente di Confartigianato: «Le imprese hanno risparmiato, perché non può farlo il Pubblico?

“ Renzi dovrebbe cominciare proprio dai tagli alla spesa… Non ne possiamo più, come imprenditori e cittadini, di essere soffocati dalle tasse e dalla burocrazia….. Ci hanno rotto i coglioni».

Questo sfogo accolto da un’ovazione totale , è il barometro sociale che  lancia un allarme rosso sul clima tra chi crea la ricchezza del Paese e chi la sperpera per giochi e interessi politici.

Anche un numeroso  gruppo di rappresentanti della Confcommercio di Monza e Brianza era presente , guidata dal Segretario Marco Poppi , che  con fischietti e bandiere si facevano sentire senza sosta . La cosa che  ha più colpito è stata proprio una commerciante brianzola  che sventolando la bandiera bianca della Confcommercio , in piedi sulle colonne del Pincio , sembrava la mitica Marianne francese che guidava i parigini alla presa della Bastiglia ….

Ecco , forse sarà così che l’imprenditoria femminile del Nord  riuscirà a sfondare i muri della Burocrazia e del Fisco Italiota che finora hanno ridotto in catene i nostri Imprenditori , piccoli nella produzione ,ma  grandi nel loro lavoro .

Pertanto un appello a tutte le “ Marianne” del Commercio di Italia : avanti , incitate i vostri famigliari , colleghi , amici  per avere una società più Onesta  , un Fisco più giusto e degli Amministratori capaci , insomma , riprendiamoci la vera Italia ..La nostra ..

Gianfranco Beretta