La “tassa” sulla Spesa …

images-1
di Gianmaria Italia
Dal 1° gennaio è in vigore questo aggravio che inciderà sulla nostra spesa quotidiana e proprio per questo ancor più antipatico.
Perché ho virgolettato tassa? Perché questa si applica ad un servizio e dato che tale costo non si traduce in alcun servizio è più corretto chiamarla imposta.
Un cavillo lessicale? No e neppure polemica ma semplice constatazione: è stata creata un’imposta che ha poco senso se non quello di portare altro denaro nelle casse dello Stato e questi, se ha stimato un determinato introito, ha certamente fatto male i conti.
Sono infatti già in atto misure alternative, prima fra tutte quella di non imbustare il frutto ma applicare l’etichetta del prezzo direttamente sulla buccia; chi può impedirlo su arance, limoni, avocado, banane, meloni, ecc? E così su carciofi, melanzane, zucche, zucchine…
La busta biodegradabile si può riutilizzare per lo smaltimento dei rifiuti organici, l’umido, nelle città in cui tale sistema di raccolta differenziata è adottato
Diamo un valore congruo alla busta: una confezione da 15 sacchetti biodegradabili da 15 litri costa circa 2 euro, per cui il costo singolo non può superare il centesimo e mezzo.
Sarebbe auspicabile che i supermercati, a cui la singola busta costa molto meno, si accorpino la spesa scontandola sullo scontrino; invece ho appena visto pubblicate foto di scontrini dove, oltre al prezzo di una singola arancia o singolo limone, sono stati addebitati anche 2 centesimi come “sacchetto orto”. Ma se non è stato acquistato! E’ il Governo che deve rispondere a questa “indebita appropriazione”.
Non mancano invece curiose disparità; dall’Osservatorio dell’Assoplastic apprendiamo che Esselunga, Coop Toscana e Unes li faranno pagare euro 0,01 l’uno, il doppio in Auchan, Conad, Coop Lombardia mentre la catena Lidl con quella di Pan e Simply 0,03
Spero che le entrate per l’erario, che sta invece elargendo fondi non molto condivisibili, siano ben inferiori a quanto stimato, così da bocciare un’imposta impopolare. E’ poi ancora da chiarire perché tanta premura di inserire questa norma nel d.l. 91/2017 relativo alla crescita economica del Mezzogiorno quando la direttiva UE 2015-720 a cui si richiama non obbliga alcuna imposta, ma la lascia tra le ipotesi; guarda caso solo l’Italia ha scelto la via onerosa.
Davvero discutibile poi la dichiarazione palesemente più ideologica che funzionale da parte di certe organizzazioni ambientaliste a cui replico: 
- è pura fantasia ritenere che il pagare un sacchetto formi una coscienza ecologista
- i cittadini sanno adeguarsi alle regole e se un comune si attrezza con un’efficace raccolta differenziata non vedremo plastica sulle rive dei mari (si è mai pensato ai rifiuti gettati dai diportisti?)
- nessuna tassa ha mai depurato l’aria o migliorato l’ambiente. 
 Gianmaria Italia