GLI IMMEMORI DI UNA VERGOGNA…

vergogna
Riflessioni ..di Gianmaria Italia
Il 30 novembre 1946 un noto quotidiano di Partito  scriveva:
“Non riusciremo mai a considerare aventi diritto ad asilo coloro che si sono riversati nelle nostre grandi città. Non sotto la spinta del nemico incalzante, ma impauriti dall’alito di libertà che precedeva o coincideva con l’avanzata  degli eserciti liberatori. Non meritano davvero la nostra solidarietà né hanno diritto a rubarci pane e spazio che sono già così scarsi”.
Quel giornale era… L’Unità.
Quell’incitamento venne preso alla lettera in occasione di un episodio tristemente passato alla Storia come “il treno della vergogna”: un convoglio di carri merci su cui viaggiavano nostri profughi che, provenienti da Pola erano sbarcati ad Ancona dalla nave Toscana ed erano diretti a Bologna. In questa stazione li attendeva il massimo dell’ostilità: il treno venne preso a sassate mentre aderenti alla CGIL minacciarono di scioperare se a quegli esuli  fosse stato dato da mangiare.
Era il 18 febbraio del 1947.
Alcuni attivisti di sinistra arrivarono a rovesciare sui binari i contenitori del latte messo a disposizione per sfamare i bambini … Erano tutti Italiani , fratelli  contro fratelli ..
Forse non lo sa chi taccia di razzismo quegli Italiani che si oppongono all’arrivo indiscriminato di migranti.
Oppure la memoria è corta per convenienza elettorale?
E invece, un momento i riflessione per le umiliazioni patite dai nostri connazionali espulsi dalle italiche terre giuliano dalmate proprio no?
Meditate  Cittadini , meditate ….
Articolo di Gianmaria Italia.
Video Storico :
https://www.youtube.com/watch?v=hWRjMVX1Mo0