10K Liberi di Correre 18-19 maggio 2013

10K Liberi di Correre, sabato 18 e domenica 19 maggio 2013, porterà atleti e appassionati a correre per le eleganti vie del centro storico di Monza

 La 10K CHRONO, gara agonistica nazionale Fidal, che vedrà il via alle ore 21.00 di sabato 18 maggio, nelle edizioni passate ha coinvolto alcuni tra i migliori interpreti italiani del fondo e mezzofondo. Proprio nella scorsa edizione, il marocchino di Casablanca, classe 1979 in forze alla Daini Carate Brianza, Lahcen Mokraji, già campione nel 2011, con 30:50 ad una media di 3’04 al chilometro, ha battuto il record della manifestazione mentre l’azzurra del CS Esercito Elena Romagnolo ha dominato la gara in 34:09 abbassando il record precedente della manifestazione di quasi due minuti (apparteneva alla maratoneta azzurra Lucilla Andreucci con 36:03 nel 2008). Come ogni anno, chi correrà la 10K CHRONO potrà gratuitamente correre anche la DIECIK POPULAR al via alle ore 10.00 di domenica 19 maggio per 5 o 10 km a passo libero, sempre sullo stesso percorso della prova agonistica. Le iscrizioni alla gara agonistica sono già aperte e possono essere effettuate direttamente su www.otc-srl.it seguendo le indicazioni sul sito www.diecik.it (quota di euro 15,00 fino alle ore 24.00 del 1 maggio 2013, successivamente la quota di iscrizione sarà di euro 20,00). Le iscrizioni per la gara popolare saranno invece disponibili nei negozi ufficiali che a breve verranno pubblicati sul sito della manifestazione, sempre al costo di euro 10,00. La DieciK sarà ancora un’occasione per fare solidarietà e quest’anno ci sarà VITAL ITALY Onlus, nata come costola italiana del gruppo VITAL (www.vitalforchildren.org ), un’organizzazione non profit che lavora per aiutare i bambini bisognosi di Calcutta e di altre zone disagiate. VITAL ITALY è una delle poche onlus al mondo che garantisce che il 100% delle donazioni ricevute vadano direttamente ai bambini. Tutti i costi dell’organizzazione, infatti, vengono coperti dai soci in prima persona.
Ogni informazione su WWW.VITAL-ITALY.ORG oppure scrivendo ad allegra@vital-italy.org
Di seguito il prestigioso albo d’oro maschile e femminile della manifestazione:
ALBO D’ORO MASCHILE
2008 Migidio Bourifa (Atl. Valle Brembana) 31’25”
2009 Amor Rached (Pro Sesto) 31’05”
2010 Paolo Finesso (Ginn. Comense 1872) 30’56”
2011 Lahcen Mokraji (Daini Carate Brianza) 30’53
2012 Lahcen Mokraji (Daini Carate Brianza) 30’50” (Record della manifestazione)
ALBO D’ORO FEMMINILE
2008 Lucilla Andreucci (Forestale) 36’03”
2009 Marzena Michalska (Fiamme Oro Padova) 36’27”
2010 Cecilia Sampietro (Ginn. Comense 1872) 37’49”
2011 Anna Maria Mazzetti (Friesian Team) 36’04”
2012 Elena Romagnolo (CS Esercito) 34’09” (Record della manifestazione)
Foto di Roberto Mandelli (Podisti.net)

18 MAGGIO LA MOSTRA “LA CASA CHE VORREI”

2000 elaborati e ben 50 scuole coinvolte:
AL VIA SABATO 18 MAGGIO LA MOSTRA “LA CASA CHE VORREI”

Si terrà sabato l’inaugurazione della MOSTRA “LA CASA CHE VORREI” l’iniziativa patrocinata dalla Provincia di Monza e Brianza e dal Comune di Lesmo e sostenuta dall’azienda BRIANZATENDE come progetto di corporate social responsability. Alle ore 10.00 l’inaugurazione avrà luogo presso lo showroom di Lesmo e alle ore 11.30 presso lo showroom di Monza. “Considero l’iniziativa di grande rilievo, riconoscendo l’importanza della famiglia come elemento fondamentale e aggregante nel tessuto sociale – spiega Giuliana Colombo, Assessore Provinciale alle Politiche Sociali e Istruzione – La casa è intesa qui non soltanto come realtà abitativa ma come luogo dove si realizzano, in sinergia con altri ambiti educativi, la formazione e la crescita dell’individuo, in una trama di rapporti interpersonali e tra generazioni, che costituisce il fondamento culturalmente rilevante di una comunità vissuta”. “Il progetto si presenta molto interessante sotto il profilo degli obiettivi, ovvero il far riflettere i bambini sullo SPAZIO inteso non solo come “fisico”, ma soprattutto come LUOGO DI RELAZIONE – afferma Katya Campagna, Assessore all’Istruzione del Comune di Lesmo – L’Istituto Comprensivo di Lesmo porta avanti da anni un progetto in verticale, dal titolo IO, APPRENDISTA CITTADINO: per gli alunni più piccoli, ovvero per la Scuola dell’Infanzia e per i primi anni della Scuola Primaria, ciò si declina con percorsi formativi che promuovono la conoscenza di sè in relazione col l’altro, col gruppo sociale e con l’ambiente circostante…In questa direzione il Progetto LA CASA CHE VORREI mi sembra si integri in modo opportuno; magari un domani si potrebbero coinvolgere gli stessi alunni ad allargare la propria visuale sullo SPAZIO SOCIALE (verso i giardini pubblici, la biblioteca,il paese…) per renderli protagonisti attivi nel loro territorio. Il valore aggiunto di collaborare con un’azienda che opera nel nostro paese da molto tempo, si inserisce alla perfezione nel nostro obiettivo di Amministratori, che è quello di coinvolgere e creare una rete di tutti i vari soggetti del nostro tessuto sociale”. I bambini hanno dato spazio alla loro creatività disegnando con i pastelli sul un foglio A4 la loro idea di “CASA” intesa non solo come lo spazio fisico dell’abitazione ma anche come la rete di rapporti che costituiscono la famiglia. L’iniziativa è stata rivolta a tutte le classi 3^ dell’anno scolastico 2012/2013. La mostra terminerà il 27 luglio 2013 e durante l’apertura le realizzazioni potranno essere segnalate con schede di gradimento. I quattro progetti vincenti e le scuole d’appartenenza riceveranno delle forniture di materiale scolastico. “Per la nostra azienda l’iniziativa rappresenta un’azione di responsabilità sociale territoriale che ci consente di interloquire con il territorio in cui la nostra realtà è inserita – ha affermato Aristide Radaelli, Amministratore dell’azienda Brianzatende – Vorrei ringraziare sin d’ora tutti coloro che sosterranno il progetto e in particolar modo i bambini e le famiglie che metteranno alla prova la loro creatività nella presentazione degli elaborati. Un ringraziamento particolare alle insegnanti, ai coordinatori scolastici senza i quali non sarebbe possibile dar vita a progetti di questo calibro.

www.lacasachevorrei.net

NUOVO CONSIGLIO DIRETTIVO PER L’USSMB

A seguito dell’Assemblea elettiva tenutasi il 15 aprile scorso, le Società affiliate all’USSMB, l’Unione delle Società Sportive della provincia di Monza e Brianza, hanno rinnovato il Consiglio Direttivo per il 2013/2016 e lunedì 6 maggio i Consiglieri eletti nella 1^ riunione hanno nominato come Presidente Pietro Mazzo, come VicePresidente Vicario Enrico Radaelli, come Vice Presidenti Fabrizio Ciceri, Riccardo Corio e Vincenzo Magni, come segretaria Angela Fortuna, come vice segretario Alfonso Marelli e infine come tesoriera Luisa Biella. Questi poi i consiglieri eletti: Giovanni Castoldi, Damiano Cavaglieri,Carlo Cevenini, Anna Colzani, Bruna Giussani, Alfredo Grandi, Adriano Milesi, Antonio Padovano e Carlo Poroli. Eletti anche come delegato F.I.B. Russomanno Francesco, come delegato FIPSAS Giuseppe Mancin e come revisore dei Conti. Luca Monguzzi. Il Presidente Pietro Mazzo, rieletto per la sesta volta, si è mostrato commosso per la stima e l’affetto rinnovati e ha dichiarato: “L’impegno dell’USSMB continuerà ad essere quello di continuare, anche in momenti particolarmente difficili come quelli che stiamo vivendo, l’attività svolta ormai da quasi quarant’anni a favore delle realtà sportive cittadine, collaborando con loro per cercare di favorirne lo sviluppo, inteso come dato di fatto importante per i nostri giovani. Cercheremo anche di migliorare l’approccio che i giovani hanno con noi attraverso il nostro sito e stiamo pensando se realizzare un notiziario bimensile per essere sempre più vicini alle loro giuste esigenze.”

“Te la do io la Brianza”

Anche la provincia di Monza e Brianza ha deciso di lanciarsi in iniziative di inclusione
digitale dei propri cittadini. La nuova idea si chiama “Te la do io la Brianza”, per
partecipare è necessario fare una fotografia ed inviarla entro il 31 di maggio. Requisiti?
Le fotografie devono parlare di Brianza e ne raccontino le specifiche bellezze, come ad
esempio itinerari, il cibo o lo sport.
Si può partecipare scegliendo una delle cinque categorie, ovvero cultura (riservata agli under 25), itinerari, gastronomia, sport (ed una specifica dedicata all’autodromo).
L’obiettivo è proprio sensibilizzare il territorio ed i turisti a valutare le montagne e la neve non solo dal punto di vista classico, ma espandendo l’orizzonte verso le tante attività, talvolta poco conosciute, che rendono un viaggio una vera e propria esperienza.
Instagram e Twitter saranno il principale mezzo di diffusione di questi nuovi contenuti; è
stato pensato anche un hashtag dedicato #fotocontestbrianza.
Ci si aspetta una partecipazione locale, ma la diffusione del progetto è di ambizione
internazionale. Una bella iniziativa per veicolare dal basso le bellezze di un territorio che
spesso viene schiacciato dalle iniziative di altri ingombranti “cugini”. Venite anche voi a
scoprire le bellezze della Brianza, l’appuntamento è su internet!

Pierluigi Marzorati onora Monza

Monza 11 Aprile 2013
Basta scorrere l’agenda, la cronaca, per constatare come il nostro club si stia rivelando un carrefour di temi e di ospiti di livello assoluto.

Lo conferma la conviviale di aprile che, mettendo il Presidente regionale del CONI come ospite d’onore, ha registrato la presenza del sindaco Roberto Scanagatti e del colonnello Mario Salerno, comandante del Gruppo Guardia di Finanza di Monza. Una presenza non certo marginale se pensiamo alle decine di campioni che militano nel Gruppo Sportivo Fiamme Gialle.
Marzorati, riconfermato presidente solo tre mesi fa, è tornato al Panathlon di Monza dopo l’applaudita visita del gennaio 2011.
Lo storico “numero 14” della Pallacanestro Cantù, dove ha militato dal 1969 al 1991 (693 presenze, compresa quella simbolica in una gara del 2006), ha ritrovato la stessa cordiale accoglienza e, ancor più, l’importante attenzione del nostro mondo sportivo rappresentato ai massimi livelli cittadini: Scanagatti, nella veste di assessore allo sport, Pietro Mazzo presidente dell’USSMB ed Enrico Radaelli presidente dell’Ass.Amici Autodromo e del MAMS. A completare il parterre degli “addetti ai lavori” un altro graditissimo ospite, Giovanni Andronico presidente della Fed. Sci Nautico e Wakeboard.

Scanagatti, nel ringraziare Marzorati per l’importante visita ha sottolineato l’importanza del prossimo insediamento del CONI Point provinciale a Monza, territorio che sa continuamente esprimere notevoli risultati, frutto di grande passione e professionalità.
Il Presidente regionale ha avuto parole di marcato apprezzamento per questa attività che contribuisce al valore del CONI, alla vigilia dei 90 anni dalla fondazione, a cui il presidente Giovanni Malagò (in visita a Milano una ventina di giorni fa) sta dando significativi miglioramenti d’indirizzo.
Nell’illustrare i principali capitoli della missione intrapresa in Lombardia, dove conta circa 11mila società, Marzorati ha sottolineato alcuni interventi nella nostra regione, come l’offerta formativa della Scuola regionale dello Sport (istituita nel 1996), il progetto Sport Work, i corsi di Alfabetizzazione motoria, la proficua collaborazione col mondo scolastico e una più mirata attenzione al mantenimento e alla valorizzazione dell’impiantistica sportiva. Non secondario anche il coinvolgimento nel progetto europeo ELYS, laboratori didattico – educativi rivolti al mondo della tifoseria giovanile.
Applaudito come campione sta ora raccogliendo i consensi per una capace guida del massimo ente sportivo in Lombardia; tornerà a Monza tra soli due giorni: la mattina di sabato 13 aprile, al Circolo Tennis Monza, per inaugurare il Meeting Interregionale di tennis.
(testo e foto di Gianmaria Italia)

Nelle Foto
(4676) Salerno, Mazzo, Franca Casati e Marzorati

(4680) Salerno, Casati, Scanagatti e Mazzo

(4727) Marzorati e Andronico

(4735) Marzorati firma l’albo d’oro degli Ospiti del club

Seregno; CENTO CHILOMETRI

Domenica 14 aprile torna «La Cento Chilometri di Seregno – Trofei Italsilva»: gli atleti saranno impegnati sullo stesso percorso del campionato mondiale dell’anno scorso

Cento chilometri in poco meno di sette ore. È questo l’obiettivo degli iscritti de «La Cento Chilometri di Seregno Trofeo Italsilva» in programma domenica 14 aprile, quinta edizione dopo quelle «storiche» del 1955 e del 1959 e quelle dal 1978 al 1989. Gli ultramaratoneti correranno sullo stesso percorso del mondiale 2012: un anello di 20 chilometri da percorrere cinque volte attraverso le strade e le piazze di Seregno, Cabiate, Giussano, Verano Brianza e Carate Brianza, con partenza e arrivo in via alla Porada, dove sarà allestito il villaggio dello sport. Partenza alle 7.30 con la fanfara dei Bersaglieri e arrivo, dei primi, previsto tra le 13.30 e le 14.00 (tempo massimo 15 ore). Tra i protagonisti tre atleti di «casa nostra»: Pietro Colnaghi, secondo alla 100 Km. del Passatore dell’anno scorso, e l’azzurra Ilaria Fossati, convocata per il campionato mondiale ed europeo di 24 ore in programma l’11 e il 12 maggio a Steenbergen, in Olanda. Con gli atleti della cento partiranno anche quelli della sessanta chilometri (tempo massimo 9 ore), una gara che per molti servirà a preparare il campionato mondiale ed europeo di 24 ore. Saranno tre i giri da completare. Alle 9 partenza della «Maxi Sport Half Marathon», una mezza maratona di 21 chilometri, poco più di un giro (tempo massimo 2 ore e mezzo). Presente anche quest’anno Noemy Gizzi, che nel 2012 ha vinto l’«Half Marathon» di Seregno e nel 2011 la 50 km. «La “cento” rappresenta un momento sportivo di alta qualità. Al via – dichiara il Sindaco Giacinto Mariani – ci saranno alcuni atleti di altissimo livello, ma i veri protagonisti saranno i podisti non professionisti, con la loro passione, la ricerca del limite estremo e la loro voglia di tagliare il traguardo. La “Cento” è un’esperienza straordinaria, capace di unire in un mix inedito sport e cultura: oltre alla dura prova di resistenza richiesta da una corsa così impegnativa, gli atleti potranno infatti conoscere da vicino le strade e i luoghi di una parte della Brianza in un percorso che si snoda tra il verde e i centri cittadini». Ad oggi sono circa seicento gli iscritti. Tutti gli atleti, all’arrivo, riceveranno una medaglia con l’incisione del proprio tempo. I volontari impegnati a controllare il percorso nella giornata di gara saranno, invece, circa 600, mentre i punti ristoro saranno dieci (uno ogni 5 chilometri). Al villaggio dello sport alle 15.30 si svolgerà una dimostrazione di boxe e thay boxe a cura dell’«Unione Sportiva Lombarda», mentre alle 18.30, per gli atleti il tradizionale «Pasta party».Le premiazioni si svolgeranno in tre momenti: alle ore 12 la «Maxi Sport Half Marathon», alle ore 15 la 60 Km., alle 17 «La Cento Chilometri di Seregno Trofeo Italsilva». Accanto alle tre gare competitive è prevista la «Straseregno», una gara non agonistica di 6 e 12 chilometri aperta a tutti. Partenza alle ore 10 e iscrizioni presso il G.S. AVIS Seregno (tel. 347/ 4008395 – email gsavis.seregno@infinito.it) o i punti vendita di Lissone (tel. 039/4655076) e Merate (tel. 039/9908685) di «Maxi Sport». Sono attesi più di 1.200 partecipanti. Le premiazioni sono in programma alle ore 12.30. La corsa ha il patrocinio della FIDAL (Federazione Italiana di Atletica Leggera), della IUTA (Associazione Italiana Ultramaratona & Trail), del CONI – Comitato Regionale Lombardia, della Regione Lombardia e della Provincia di Monza e Brianza. In prima linea nell’organizzazione la responsabile dell’evento, Manuela Berti, e i Runners Desio.

INAUGURATO NUOVO TUNNEL DI MONZA, FRA I PIÙ LUNGHI D’ITALIA

LN-LOMBARDIA. SS36, MARONI: INFRASTRUTTURE PRIORITÀ GIUNTA

DEL TENNO: A NOVEMBRE PRONTA ANCHE LA VIABILITÀ LOCALE

“Le infrastrutture sono una priorità per la Lombardia e la Regione intende svolgere un ruolo di regia fra tutti gli Enti interessati alle opere, affinché vengano rispettate alcune condizioni essenziali: tempi certi, costi certi e tutela dell’ambiente”. Così, il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni è intervenuto questa mattina all’inaugurazione del tunnel di Monza sulla SS36 ‘del Lago di Como e dello Spluga’, insieme all’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Maurizio Del Tenno. La galleria, con i suoi 1,8 chilometri, è una delle più lunghe d’Italia in ambito urbano e, con la sua apertura al traffico, velocizza gli spostamenti di chi deve raggiungere il sistema autostradale di Milano, rendendo al contempo più sicura la viabilità locale. PRIORITÀ NELL’AZIONE DI GOVERNO – Ricordando che domani, giovedì 4 aprile, illustrerà in Consiglio regionale il suo programma di governo, il presidente ha ribadito che “una delle priorità è rappresentata proprio dagli investimenti in infrastrutture”. Maroni si è soffermato, in particolare, sulle tre opere più “importanti e strategiche”: Tem, Brebemi e Pedemontana, “che dovranno essere completate rapidamente. Non solo in vista di Expo – ha sottolineato – ma perché è giusto che le infrastrutture siano fatte e siano fatte rapidamente. Voglio impegnarmi personalmente e voglio impegnare la Giunta a seguirne l’iter, perché è una necessità assoluta. Lo è per la mobilità dei cittadini e per migliorare la competitività delle imprese”. TEMPI E COSTI CERTI, RISPETTO DELL’AMBIENTE – È necessario, ha proseguito il numero uno di Palazzo Lombardia, “che siano rispettate alcune condizioni: tempi e costi certi, nonché attenzione, affinché le opere non abbiano un impatto devastante sull’ambiente. E noi verificheremo e controlleremo attentamente che siano rispettate”. È un equilibrio “non sempre facile da raggiungere”, ha ammesso Maroni, citando proprio come esempio il tunnel di Monza, dove tempi e costi sono cresciuti nel corso degli anni. “E’ però un obiettivo indispensabile – ha ribadito nuovamente – e voglio garantire l’impegno mio personale e del Governo della Lombardia in questa direzione. Per realizzarlo, serve un metodo efficace: la leale collaborazione tra tutte le istituzioni coinvolte. Realizzare le infrastrutture è interesse di tutti: delle imprese e degli Enti locali, che godono dei benefici delle opere, ma che soffrono anche dei disagi dovuti ai cantieri”. “Regione Lombardia – ha aggiunto Maroni – svolgerà un ruolo di coordinamento e regia, per fare in modo che le infrastrutture, quelle già programmate e quelle che verranno, siano realizzate in tempi certi, con i costi stimati e nel rispetto dell’ambiente”. VOLANO PER ECONOMIA DEL TERRITORIO – Un impegno, quello della conclusione dell’opera nei tempi annunciati, che è stato assunto anche dall’assessore Del Tenno. “Oggi sono qui – ha detto – per confermare il mio impegno alla concludere quest’opera nei tempi che si sono annunciati: dopo questa importante apertura del tunnel, che consentirà di velocizzare il traffico di attraversamento, per novembre sarà infatti pronta anche la riqualificazione di superficie di viale Lombardia, che consentirà di rendere più sicura e agevole la viabilità locale”. “Saranno in molti a beneficiare dell’apertura di questa galleria – ha proseguito l’assessore, ribadendo il ruolo di volano dell’economia rappresentato da infrastrutture come quella inaugurata oggi – non solo i cittadini che vivono a ridosso della strada, che non subiranno più l’inquinamento ambientale e acustico delle 80.000 auto che, quotidianamente, transitano su questa arteria, ma anche chi, dalla Valtellina, da Lecco e dalla Brianza, si sposta verso Milano per lavoro o chi, al contrario, dal capoluogo potrà raggiungere più velocemente le località turistiche di questa parte della nostra regione”. LE CRITICITÀ VERRANNO RISOLTE – Il presidente della Regione ha quindi concluso ringraziando tutti i soggetti coinvolti: le imprese, i Comuni, le Province, e, soprattutto, gli operai e tutte le maestranze, che, con il loro lavoro, hanno reso possibile il completamento del tunnel. “Ci sono ancora delle criticità – ha chiosato -, che però siamo impegnati a risolvere. La settimana scorsa c’è stato un passaggio importante in Regione: la firma di otto banche e della società Brebemi, che mi fa pensare positivamente per la conclusione dell’autostrada e delle opere connesse. Uno dei miei primi atti da presidente è stata l’inaugurazione della metropolitana di Brescia. E’ stato un buon segno, perché questa è la direzione da seguire. La seguirò e la seguiremo con impegno, costanza e attenzione. La conclusione delle infrastrutture già iniziate e la realizzazione di quelle che servono è indispensabile per la Regione Lombardia, motore d’Italia e motore d’Europa”. LOMBARDIA FARÀ PROPRIA PARTE – Un tema, quello delle criticità da risolvere, che è stato affrontato anche Del Tenno, il quale si è riferito, in particolare, ai costi aggiuntivi emersi per la realizzazione dell’opera. “In momenti in cui i bilanci degli Enti locali sono messi a dura prova da anni di tagli – ha evidenziato l’assessore – la Lombardia farà la propria parte, ma lo Stato e Anas dovranno tenere conto delle difficoltà economiche che i territori e i cittadini, in questo momento, stanno vivendo”. L’INTERVENTO – La galleria artificiale, a tre corsie per senso di marcia, viaggia al di sotto dell’attuale viale Lombardia e consente la separazione del traffico di attraversamento della strada statale 36, che viene interrato, dalla viabilità urbana. Viale Lombardia, riprogettato dal punto di vista ambientale e dell’arredo, sarà destinato a esclusivo uso delle funzioni urbane della città di Monza. LAVORI DA 330 MILIONI – L’infrastruttura fa parte dei lavori di connessione tra la strada statale 36 e il sistema autostradale di Milano, un intervento del valore di 330 milioni di euro (in parte cofinanziati dalla Regione Lombardia, dalla Provincia di Milano, dal Comune di Monza, dal Comune di Cinisello Balsamo, dall’Alsi S.p.A. e dall’Autostrada Milano Serravalle – Milano Tangenziali S.p.A.). Il costo per i soli lavori della galleria ammonta a oltre 75 milioni di euro. Con questa opera si conclude la riqualificazione di questo importante asse viario, che ha avuto inizio con l’adeguamento del tratto Monza-Giussano ed è proseguito con l’apertura al traffico del traforo del Monte Barro e dell’attraversamento della città di Lecco. I PARTECIPANTI – All’evento erano presenti, tra gli altri, anche il sottosegretario di Stato alle Infrastrutture e Trasporti Guido Improta, i presidenti delle Province di Milano e Monza Guido Podestà e Dario Allevi, il sindaco di Monza Roberto Scanagatti, il presidente di Anas Pietro Ciucci. (Ln)