Marathon Bike : Tony Longo sul podio

Casatenovo , 1 Settembre 2013
Al terzo tentativo il trentino della TX-Active Bianchi, Tony Longo, è entrato nell’albo d’oro della MARATHON BIKE della Brianza che anche per la sua 22ª edizione ha avuto il sole e superato come nelle precedenti edizioni i 1.500 partecipanti, (1.517), confermandosi ancora come una delle più longeve e amate manifestazione di mountain bike in Italia.


Dopo la vittoria del russo Alexey Medvedev lo scorso anno, è stato quindi un corridore italiano ad aggiungere nel proprio palmares il trionfo in quella che è diventata ormai un appuntamento irrinunciabile per gli specialisti delle gare di mountain bike sulle lunghe distanze e per le loro squadre.   E’ stata una gara combattuta ed incerta fino a poche centinaia di metri dal traguardo, con un’epilogo drammatico per Johnny Cattaneo che è caduto quando stava per proiettasi nela volata che avrebbe deciso anche quest’oggi chi doveva alzare al cielo sul palco di Casatenovo il trofeo del vincitore, quel trofeo che il Bike Action Team Galgiana ha voluto intitolare a uno di loro, ad un’amico, Giuseppe Galbiati, scomparso tragicamente ad inizio agosto in un’escursione in montagna.
 
“Non mi sono reso conto di cosa fosse successo alle mie spalle, avevamo appena iniziato la volata e dopo aver avvertito un contatto alla mia ruota posteriore, ho sentito un gran rumore.  Dietro di me avevo il mio compagno di squadra Leonardo Paez e Johnny Cattaneo, solo all’arrivo mi sono reso conto che fosse stato Cattaneo a cadere.  Mi dispiace per lui con cui avevo battagliato negli ultimi 25 Km ed era rimasto il mio avversario più pericoloso.  Ho scollinato per primo al GPM, ma nella discesa del San Genesio, Johnny mi ha ripreso e mi ha fatto capire che per vincere avrei dovuto vedermela con lui.  Sono contento di aver vinto questa gara che si è dimostrata molto dura e aveva al via tutti i più forti” ha detto al microfono il vincitore mentre con lo sguardo cercava di capire se la caduta di Cattaneo avesse avuto delle conseguenze.
Nessun danno fisico per il biker di Santa Brigida che ancora frastornato è riuscito ad rialzarsi e a tagliare il traguardo in terza posizione, preceduto dal colombiano Leonardo Paez che lo ha evitato per un soffio. Erano in tanti a credere che Johnny Cattaneo diventasse il primo a vincere per tre volte la MARATHON BIKE della Brianza, ma per il secondo anno di fila il bergamasco della Team Selle San Marco Trek ha dovuto alzare bandiera bianca, già lo scorso anno il 28enne di Siror per un problema meccanico era rimasto escluso dalla corsa, perdendo la possibilità per il bis.
Si era capito sin dal via che Cattaneo era partito per vincere la MARATHON BIKE della Brianza, è rimasto a controllare l’andamento della corsa per i primi venti chilometri in cui il gruppetto di sei corridori che si era formato in testa, dopo una partenza velocissima, si era sfaldato.  Erano lui e Longo a guidare la corsa sulle rampe di Giovenzana nel percorso di avvicinamento al GPM del San Genesio in vista di cui Longo aveva messo sul terreno tutte le sue doti di scalatore, mentre il vincitore delle edizioni 2010 e 2011, Leonardo Paez, sembrava aver deciso di fare da spettatore alla lotta per la vittoria.  Dapprima la discesa verso Campsirago, in cui Cattaneo ha messo le ali, e poi più avanti gli strappi di Montevecchia ed i veloci saliscendi del finale, hanno rimesso in corsa il colombiano della TX Active Bianchi che insieme a Longo ha cercato di non far scappare Cattaneo.
 Quando tutto il pubblico di Casatenovo ha iniziato a guardar lontano, un colpo di scena, ha concluso la 22ª edizione MARATHON BIKE della Brianza, infranto le speranze di un deluso Johnny Cattaneo e, coronato il magnifico percorso di Tony Longo che dopo il terzo posto del 2010 e il secondo dello scorso anno, è diventato il nuovo re della MARATHON BIKE della Brianza che ha visto nella top ten nomi altisonanti.
Quarto posto in volata per Cristian Cominelli (Avion Axevo MTB Pro Team) che dopo aver battagliato per l’intera gara con lo spagnolo Ivan Alvarez Gutierrez (Elettroveneta Corratec), ha concluso a 30 secondi dal podio.  Sesto il ceco Kristian Hynek, il Campione Europeo Marathon 2012 della Elettroveneta Corratec, dopo essersi messo in evidenza nel primo terzo di gara, ha agevolmente controllato la posizione, avendo il suo compagno di squadra Enrico Franzoi distante di oltre due minuti.  Ottavo l’altoatesino della Scott Racing Team Franz Hofer, unico sopravvissuto della squadra diretta da Mario Noris che non ha visto al traguardo il Campione Italiano Marathon Juri Ragnoli e Daniele Mensi.  Nono posto per Luca Ronchi (Avion Axevo MTB Pro Team), decimo il danese Soren Nissen (Elettroveneta Corratec) che ha preceduto il colombiano Jaime Yesid Chia Amaya (Reparto Corse Polimedical), sul podio lo scorso anno.  Primo degli amatori, il leccheseMatteo Valsecchi (Team Ecodyger-CYP), autore di una grande gara che lo ha visto precedere atleti del calibro di Mirko Celestino, il greco Ilias Periklis (Campione del Mondo Marathon 2012), Marzio Deho, Massimo De Bertolis (Campione del Mondo Marathon 2004).
Monologo nella gara femminile della lughese Elena Gaddoni (FRM Factory Racing Team), capace di vincere per la seconda volta consecutiva la MARATHON BIKE della Brianza con quasi dieci minuti di vantaggio sulla ticinese Sofia Pezzati (VC 3 Valli Biasca), già seconda nell’edizione 2011.  Ha completato il podio la leccheseMara Fumagalli (Team Spreafico Velo Plus), arrivata a 5’ dalla Elite svizzera.   Commenti entusiasti della vincitrice all’arrivo per un percorso che ha gradito dall’inizio alla fine:  “Bellissimo percorso quello della Marathon Bike della Brianza, veramente impegnativo e molto tecnico, soprattutto nella sua lunga discesa dal San Genesio.  E’ un percorso particolare, molto diverso da quello delle classiche marathon, devi essere concentrata per tuti i suoi 68 Km perché è molto insidioso.  Sono felice di aver vinto per il secondo anno consecutivo questa gara che avevo conoscito per la prima volta nel 2008, quando arrivai seconda ai Campionati Italiani Marathon”
Ordine d’arrivo MARATHON BIKE della Brianza 2013 Maschile
1.  Longo Tony  (TX-Active Bianchi) in 2 ore 39’ 45”
2.  Paez Leonardo (TX-Active Bianchi) a 0’ 01”
3.  Cattaneo Johnny (Team Selle San Marco Trek) a 1’ 18”
4.  Cominelli Cristian (Avion-Axevo MTB Pro Team) a 1’ 52”
5.  Gutierrez Ivan Alvarez (Elettroveneta-Corratec) a 1’ 53”
6.  Hynek Kristian (Elettroveneta-Corratec) a 2’ 07”
7.  Franzoi Enrico (Elettroveneta-Corratec) a 3’ 26”
8.  Hofer Franz (Scott Racing Team) a 4’ 30”
9.  Luca Ronchi (Avion-Axevo MTB Pro Team) a 5’ 31”
10.  Nissen Soren (Elettroveneta-Corratec) a 5’ 53”
Ordine d’arrivo MARATHON BIKE della Brianza 2013 Femminile
1.  Gddoni Elena (FRM Factory Racing Team) in 3 ore 19’ 37”
2.  Pezzati Sofia (VC 3 Valli Biasca) a 9’ 52”
3.  Fumagalli Mara (Team Spreafico Velo Plus) a 14’ 57”
4.  Gaspardino Giulia (Titici LGL Pro Team) a 15’ 42”
5.  Mandelli Chiara (Valcavallina Superbike Lovato Electric) a 19’ 10″

PEDALA COI LUPI STROBOVISION 2013

I giorni 11, 12, 13 e 14 luglio saranno costellati da eventi straordinari. Giovedì 11 si apre alla grande con il concerto de I Luf. Venerdì 12 Birreria Artigianale con Cucina e un evento da non perdere, BiCirco, dove Artisti di strada ci stupiranno con le loro incredibili evoluzioni sui Monocicli. Sabato 13 tutti in sella alla propria MTB per pedalare attraverso le nuove, forti e vibranti emozioni che saprà regalare la nuova PEDALA COI LUPI stroboVISION. Quest’anno il percorso sarà un’esplosione di sensazioni: nuovi effetti speciali , musiche e suoni che creeranno un’atmosfera unica, tutta da vivere! Il bellissimo contesto di Villa Greppi farà da palcoscenico a numerosi artisti. Avremo tanti punti dove ci si potrà intrattenere ad ascoltare della buona musica gustando dell’ottimo cibo. Il Giardino del Blues, Il Cortiletto del Jazz, La Terrazza del Rock, questi sono solo alcuni degli appuntamenti del sabato sera, anche per chi non pedala ma vuole partecipare ad una grande ed entusiasmante manifestazione. Domenica 14 TEATRO by BIKE, chiamerà a raccolta i piccoli amici del Torrevilla MTB con una nuova favola, da scoprire pedalando sul percorso creato nel parco di Villa Greppi. Quattro giorni ricchi, ricchissimi di incontri, spettacoli, musica, arte e l’immancabile “good food” marchiato Torrevilla MTB! PEDALA COI LUPI stroboVISION: una garanzia di divertimento e spettacolo! DOVE: presso “Villa Greppi” via Monte Grappa (S.P. 6) Monticello B.za (LC)

GIOVEDÍ 11 LUGLIO – ORE 21.00 Concerto de “I Luf” I Luf nascono da un’idea di Dario Canossi, nato sulle montagne della Val Camonica, in provincia di Brescia, terra che ispira quasi tutte le sue canzoni. Canzoni che parlano di vita comune e “camuna”, personaggi e storie vere, nel senso più poetico del termine. Piccole perle di dialetto, amore per la cultura, tradizione popolare e impegno sociale, tutti elementi che sono alla base della filosofia dei Luf. Da quelle parti “luf” vuol dire lupi e i Luf , infatti, sono un branco di musicisti che arrivano da esperienze diverse e che insieme riescono a creare un impatto sonoro forte, con una grande impronta folk-rock. Le loro canzoni colpiscono il cuore e le gambe, scatenando un’irresistibile voglia di muoversi. Potevano forse mancare all’apertura di Pedala coi Lupi? Ore 19.00 apertura della Birreria Artigianale con Cucina dove potrai sfamarti e dissetarti prima del concerto. Ingresso libero

VENERDÌ 12 LUGLIO – ORE 20.00 BiCirco & Birreria Artigianale con Cucina Birreria Artigianale con Cucina, punto centrale della ristorazione, apre le porte ai tanti visitatori e spettatori di BiCirco, lo spettacolo di artisti circensi che richiama grandi e piccini. Un happening di artisti di strada, curato da Spazio Bizzarro, che unirà alle acrobazie su bici e monocicli numeri tratti dal circo contemporaneo. “L’obiettivo” ha dichiarato Bruni di Spazio Bizzarro “è quello di attirare e affascinare un pubblico sempre più ampio, che sappia apprezzare l’unione tra le tecniche circensi tradizionali, la danza, il teatro e lo spettacolo. Per questo motivo sono stati invitati artisti di grande talento, famosi a livello europeo, che si esibiranno in numeri davvero unici”. BI-CIrco Ammireremo Mike Rollins (USA) giocoliere, monociclo, fantasista; Giulia Arcangeli (I) tessuti aerei, acrobata & Luis Parades (Guatemala) palo cinese, acrobata che insieme formano in Duo Kaos e Nicola Bruni, acrobata e giocoliere. Ingresso libero Ore 19.00 apertura della Birreria Artigianale con Cucina dove potrai sfamarti e dissetarti prima e durante gli spettacoli

SABATO 13 LUGLIO – DALLE 19.00

Pedala coi Lupi STROBOVisions.

Alla serata di Sabato 13 è dedicato il cuore della manifestazione, la famosa Pedala coi Lupi, arricchita quest’anno dall’effetto STROBOVISION.
Apparizioni fantastiche, personaggi onirici, forme eteree che, esaltate da una colonna sonora e da effetti di luce, renderanno estremamente suggestivo il percorso e faranno vivere ai partecipanti un’esperienza unica.
Oltre 60 comparse,12 zone musicali ed effetti luminosiSTROBO trasformeranno il percorso in un vero e proprio spettacolo, unico nel suo genere ed irripetibile.

Quindi tutti in sella alla propria MTB per pedalare attraverso le nuove, forti e vibranti emozioni che saprà regalare la nuova PEDALA COI LUPI STROBOVISION.

Ti porteremo dentro lo spettacolo, un’esplosione di emozioni!

Iscrizioni aperte dalle ore 19.00 – partenza ore 21.30.

Birreria Artigianale con Cucina e Spettacoli dalle ore 19.00 a notte fonda.

DOMENICA 14 LUGLIO – ORE 10.30 Teatro by Bike Mattinata dedicata ai bambini con Teatro by Bike, una rappresentazione teatrale itinerante, all’interno dello splendido Parco di Villa Greppi. I piccoli spettatori in sella alle loro bici, saranno accompagnati, insieme ai loro genitori, attraverso un percorso che li porterà ad assistere, tappa per tappa, allo svolgimento della storia. I palcoscenici, allestiti in mezzo alla natura del parco di Villa Greppi, ci permetteranno di scoprire quel che succede sino alla fine della storia, pronti per una merenda ristoratrice. Quest’anno verrà rappresentata un’originalissima versione ROCK de I TRE PORCELLINI. Ingresso libero

Monza: NASCE IL CENTRO STUDI APPLICATI BENFORD

E’ monzese la prima unità italiana dedicata alla ricerca teorica e pratica della legge probabilistica come strumento rivoluzionario per scovare frodi e manipolazioni dei dati contabili

Anni di studio, un forte interesse per le discipline matematiche e fisiche,  una carriera avviata nell’ambito della revisione. Questa è la formula che ha spinto il Dott. Carlo Mauri di Lentate sul Seveso a fondare il Centro Studi Applicati Benford, la prima realtà italiana che si occupa di analisi, ricerca e applicabilità dell’altrimenti detta “legge della prima cifra” che fornisce la frequenza con cui si distribuiscono le prime cifre in una serie numerica.

Anni di esperienza in ambito fiscale uniti alla consapevolezza della crescente necessità di informazioni sintetiche ed immediate  per lo sviluppo di procedure analitiche, hanno spinto il professionista della Brianza ad analizzare i profili di applicazione pratica della “Legge di Benford” per la determinazione di anomalie, errori o manipolazioni di dati contabili quale possibile misura di attendibilità di bilanci o report finanziari.

“Il mondo della revisione contabile sta attraversando un momento di accelerazione delle procedure e delle prassi adottate – spiega il fondatore - In particolare sta aumentando negli ultima anni l’attenzione sulla valutazione del rischio di revisione ossia la possibilità che il revisore possa produrre conclusioni non corrette in quanto fondate su dati contabili erronei a causa di azioni non intenzionali o derivanti da operazioni manipolatorie”.

Lo sforzo della letteratura tematica specifica è stato quello di trovare strumenti adatti a misurare questo rischio finalizzati a scovare dove si annidano errori nell’ambito della contabilità. “Nel corso degli anni ho avuto modo di studiare e approfondire questo tema, applicarne le procedure a i casi concreti  per riscontrarne l’effettiva validità matematica – continua Mauri - La letteratura straniera, soprattutto anglosassone ed americana, è ricca di casistiche che utilizzano la legge di Benford per strategie di analisi aziendale, cosa che invece manca in Italia. Da qui nasce la volontà di creare un Centro che si propone come promotore di conoscenza intellettuale e sviluppo di ambiti di applicazione della Legge di Benford”.

L’uso più concreto ed utile nell’utilizzo del procedimento “Benford” è quello di essere un utile strumento di primo livello nell’identificare “anomalie” da cui partire per effettuare più approfondite analisi con minor dispersione di risorse per assistere i revisori nella scoperta di frodi nelle comunicazioni finanziarie. “La legge di Benford, applicata alle revisione, alle analisi di bilancio ed in genere a tutte quelle attività di auditing finalizzate alla scoperta di errori o peggio di frodi è sicuramente un tema molto stimolante che richiede ancora molta attività di studio ed approfondimento – conclude Mauri - proprio in quest’ottica ho deciso di dare avvio a una nuova realtà che rappresenta un primato italiano, con l’intento di generare un processo virtuoso di sviluppo conoscitivo che in potenza può divenire uno strumento analitico utile  per l’individuazione di frodi nel nostro Paese”.

 www.csabenford.com

MONZA, MARONI: IMPEGNO TOTALE PER AUTODROMO

 ”L’impegno mio e della Regione per l’Autodromo di Monza è totale. Regione Lombardia è a disposizione per tutto quello che serve, perché questo patrimonio venga preservato. E’ impensabile che in occasione dell’Expo non ci sia il Gran Premio di Monza”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, intervenendo all’Assemblea generale di Confindustria Monza e Brianza, organizzata presso l’Autodromo, e commentando la notizia secondo cui il Gran Premio di Formula Uno di Monza sarebbe a rischio. Presenti all’appuntamento, tra gli altri, il presidente nazionale di Confindustria Giorgio Squinzi, il presidente di Confindustria Monza e Brianza Andrea Dell’Orto, il sindaco di Monza Roberto Scanagatti, il presidente della provincia di Monza e Brianza Dario Allevi e il presidente della Camera di Commercio di Monza e Brianza Carlo Edoardo Valli. EXPO – “Abbiamo eletto Monza – ha aggiunto Maroni – come luogo di rappresentanza per Expo, che non è una faccenda solo di Milano. Se Milano diventerà in quel periodo la capitale d’Europa, Monza sarà la sede di rappresentanza. Cominciamo con il grandissimo evento del 7 luglio, che apre la fase di promozione dei contenuti. Expo non è solo infrastrutture ma anche contenuto e di questo si occupa il sottosegretario Sala, cui ho dato incarico di costruire un percorso di promozione. E’ una straordinaria occasione, deve essere qualcosa che rimane come infrastruttura, ma anche come immagine di eccellenza italiana nell’agroalimentare, ma non solo”. PRIMI CENTO GIORNI – “Sono da poco passati – ha detto ancora Maroni – i 100 giorni dal mio insediamento e devo dire che sono soddisfatto per le cose fatte e per le cose che stiamo facendo. Ci siamo impegnati soprattutto sul lavoro, sul contrasto alla crisi, l’aiuto alle imprese e ai lavoratori. E’ di oggi la notizia dell’intesa raggiunta con le parti sociali per il rinnovo dell’Accordo quadro sugli ammortizzatori sociali in deroga per il secondo semestre del 2013. Abbiamo trovato le modalità per anticipare le risorse che l’Inps ha ma non riesce a utilizzare per ragioni burocratiche. Di questo accordo beneficeranno 70.000 lavoratori e centinaia di imprese”. INTERVENTI PRINCIPALI – Tra gli altri interventi dei primi 100 giorni Maroni ha ricordato: lo stanziamento di 22 milioni di euro per i Confidi, in grado di attivare crediti per 500 milioni di euro; la legge sui Pgt, che ha permesso la riapertura di 3.000 cantieri del valore complessivo di 500 milioni di euro; la messa a disposizione di 40 milioni di euro per la competitività delle imprese (con l’assestamento di bilancio). “La prossima settimana – ha annunciato Maroni – presenterò una misura straordinaria, che mette a disposizione delle imprese 1 miliardo di euro per una serie di misure”. (Ln)

 

Signo’ vince a Barni, podio per Klomp, Colombo e Merlo

Domenica 12 maggio con la quadra del team KTM-STIHL Torrevilla Mtb divisa in due tronconi. A Marina di Cecina (Li) sede della quindicesima edizione della Gran Fondo Costa degli Etruschi, prova del circuito della Coppa Toscana, presenti cinque atleti del sodalizio brianzolo di Monticello Brianza del presidente Fabrizio Pirovano. Una gara movimentata per i numerosi biker al via, ma soprattutto per il nostro colombiano Diego Alfonso Arias Cuervo. Dal tredicesimo chilometro si forma un quartetto in testa alla gara, ma all’attraversamento di Casale Marittimo a circa metà gara il primo a transitare è il colombiano portacolori del KTM-STIHL Torrevilla Mtb, Arias Cuervo. Problemi di segnaletica: sta di fatto che involontariamente Arias ed il resto del gruppo, non passano sul tracciato originale. << Purtroppo in un tratto del tracciato- spiega il team manager Nunzio Avventura- dove c’era un bivio, non c’era nessuno dell’organizzazione e nemmeno una freccia che potesse indicare il tratto di strada da percorrere. Sta di fatto che Arias, che si trovava alle spalle del quartetto di testa accompagnate dalle moto, ed il resto del gruppone, è andato dritto quando doveva svoltare a destra. Una situazione sgradevole>>. Arias Cuervo è il primo a transitare sotto lo striscione d’arrivo ma la classifica generale è un’altra. Causa un errore di segnalazione, la gara è stata falsata. Nessuna colpa per il nostro Arias che viene inserito al quinto posto: settimo l’altro colombiano Jhon Jairo Botero Salazar. Ventiquattresimo il bergamasco Stefano Moretti. In campo femminile altro podio per Sandra Klomp che chiude seconda, con la varesina Martina Giovanniello decima assoluta e terza Open. A Barni (Co), appuntamento con la prova del circuito 3 Province di cross country. Anello di 6 km da effettuare quattro volte con Simone Colombo che conquista un brillante terzo posto assoluto centrando il secondo posto nei Master 2 (35/39). Sul podio anche Carlo Merlo, quattordicesimo assoluto e terzo nei Master 4 (45/49) In campo femminile vittoria Open per la nostra Alessandra Signo’.

Maurino vince la 31° Trial Internazionale DGDB

Si è conclusa con la vittoria di Daniele Maurino la 31° edizione del Trial
Internazionale “Due Giorni Della Brianza”. Il pilota del gruppo sportivo
Fiamme Oro in sella moto Ossa, incide così per la seconda volta consecutiva
il proprio nome nel prestigioso albo d’oro.
Alla manifestazione hanno aderito un centinaio di piloti, in rappresentanza di
cinque nazioni, impegnati sabato su un percorso di 20 zone controllate, mentre la situazione meteo della domenica, ha indotto gli organizzatori del
Moto Club Monza ad una revisione delle difficoltà riducendo le zone controllate da 30 a 25.
La nevicata di domenica è stata una costante per tutta la gara, un fatto che non si era mai verificato nella lunga storia della Due Giorni, in ogni caso tutti i
piloti (95 %) ha completato il percorso e l’organizzazione con non poche difficoltà ha mantenuto attive tutte le postazioni, disseminate nei 30 Km del percorso.


Ed è proprio nella dura giornata di domenica, che Daniele Maurino ha
costruito la sua vittoria smentendo tutti i più accreditati “guru” che vedendolo sabato in quarta posizione fuori dal podio, lo davano decisamente non più
favorito. Il pilota delle Fiamme Oro strappa invece il miglior risultato della
giornata, risale sul gradino più alto del podio, e fa suo il trofeo dedicato alla memoria di “Giulio Mauri”, precedendo Giacomo Saleri e il vincitore della prima giornata Luca Cotone rallentato da qualche malanno al ginocchio.
Osservati un po’ speciali gli stranieri in gara, nella categoria TOP l’inglese
Martin Crosswaite non è andato oltre un nono posto, ed il finlandese Timo
Myohanen nonostante un situazione meteo a lui probabilmente abituale è
sempre rimasto nelle parti basse della classifica, l’atteso austriaco Ernest
Walkner si avvicinato al podio della categoria Entry senza però raggiungerlo.
Il francese Philippe Bontemps con la sua specialissima JTD il podio lo aveva
raggiunto vincendo la prima giornata della categoria Entry Over ha invece
lasciato la manifestazione per precedenti impegni in altra gara d’oltralpe.
Nelle altre categorie; affermazioni di Michele Bosi (Super), Marco Bosio
(Entry), Enzo Rolle (Entry Over), e Gianni Tabarelli (Epoca) con uno storico
Fantic Motor simile a quello da lui utilizzato nell’affermazione della prima
edizione del 1983.
Per i piloti del Moto Club Monza, onorevoli piazzamenti nelle rispettive
categorie di Matteo Cappelletti e Luigi Barrotta, è anche un degno riconoscimento alla memoria del mitico Presidente Giulio Mauri ,deceduto improvvisamente ” sul campo ” , in sella alla sua moto da Trial , che aveva sempre creduto in questa manifestazione ..

 

TOURISM THINK TANK 30, 31, 2013 Lario Fiere

LA CAMERA DI COMMERCIO DI MONZA E BRIANZA PROMUOVE TOURISM THINK TANK

TTT: si terrà a Lariofiere il 30 e il 31 gennaio il primo btb dedicato al turismo e al marketing territoriale. Sono 24 gli operatori del settore turistico di Monza e Brianza che parteciperanno alla fiera.

3 Monza e Brianza, Como e Lecco insieme in occasione della prima edizione di TTT – Tourism Think Tank, la prima b2b dedicata al comparto turistico che si terrà a Lariofiere, Erba, il 30 e il 31 gennaio dalle 9.30 alle 18.00. Qualità e ospitalità i due fattori determinanti per il rilancio dell’economia del territorio. Sono 24 gli operatori del settore turistico di Monza e Brianza che parteciperanno alla “due giorni” dedicata al turismo e al marketing territoriale: Ani ani Goup srl (Communication room) Biassono, Area&20 srl (Communication room) Monza, Ferrari Illuminazioni sas di Ferrari Ginfranco e C. Lissone, Fossati Sas di Fossati Antonio e C.Verano Brianza, Francofiore srl Bellusco, Linea Zappa Contract srl Giussano, Mambretti Antonio & Figli snc Seregno, Mia srl Macherio, Ms Progetto Abitativo srl Monza, Pozzi snc poltrone e divani di Pozzi Felice e C. Meda, Pubblieditori srl Arcore, RG 2 snc di Riboldi e Giussani e C. Lissone, Solareco srl Usmate Velate, Studio Prisma Usmate Velate, Teco Service srl Cesano Maderno, Touchcontents srl Desio, Tpvision Italy srl Monza, Egirent srl / Alberto Terraneo Desio , Indoors Travel di Ideando Viaggi Srl Monza Brianza , Conseal Energia srl / Arch. Giuseppe Caramazza Monza Brianza, 2V Studio Tecnico/Cristiano Villa, Luca Valaguzza Monza Brianza, A+E Lab+ RGAStudio/Arch. Ersilia Anna Brambilla Monza Brianza, Meecarchitetti / Arch. Colzani Eros e Elli Massimiliano Seregno, Pasin Francesca Freelance Meda. Complessivamente in Lombardia sono attive 3.469 imprese nel settore dell’alloggio, con una variazione annuale che le vede crescere del 2,9%. Sopra la media lombarda, l’aumento delle imprese di Monza e Brianza (+11%), con 91 imprese attive. TTT è stato presentato oggi presso la sede della Camera di commercio di Monza e Brianza alla presenza di Gian Luca Brambilla consigliere della Camera di commercio di Monza e Brianza, Andrea Monti assessore allo Sport e al Turismo della Provincia di Monza e Brianza, Andrea Camesasca, ideatore del format TTT e membro di giunta della Camera di commercio di Como, Silvio Oldani direttore di Lariofiere.

VIMERCATE, BIKE SHARING, MOBILITÀ AD “IMPATTO ZERO”

A VIMERCATE IL DISTRETTO GREEN AND HIGH TECH
POTENZIA IL BIKE SHARING PER UNA MOBILITÀ AD “IMPATTO ZERO”

Tedesco, il mobility manager: «Sono lieto che anche il Comune investa nelle piste ciclabili»

 30 ottobre 2012, Vimercate – Il Bike Sharing cresce. Ad oggi il numero degli abbonati è di una cinquantina: ne fanno uso soprattutto lavoratori e pensionati. Il Distretto High Tech in collaborazione con il Comune di Vimercate e la Provincia di Monza e Brianza ha deciso di rendere più performante il servizio.

Un periodo di sperimentazione ha permesso di individuare e correggere le criticità rilevate dagli utenti e dai tecnici. In particolare, è stato modificato il sistema di bloccaggio delle biciclette, realizzato ora con due elettroserrature di sicurezza a perno da 12 millimetri, una per lato, così da impedirne in ogni modo lo sgancio non autorizzato. È stato inoltrefacilitato il sistema di azionamento della pedalata assistita, ora più semplice ed immediato; sono, infine, state compiute modifiche al sistema di controllo di ricarica della batteria al litio da 10 ah, in grado di segnalare con precisione l’autonomia residua di ogni mezzo.

«Il nostro obiettivo è far utilizzare il servizio anche nei mesi prossimi: con l’arrivo della brutta stagione e del freddo c’è il rischio che l’abitudine a muoversi in bicicletta vada scemando - ha affermato Marcello Tedesco, responsabile del progetto Mobility Management del Distretto Green and High Tech MB - Inoltre, questo è il primo inverno in cui Bike Sharing è in funzione: tutto è ancora da testare. Ma siamo ottimisti, perché la richiesta di abbonamento al nostro servizio è in costante crescita: la nostra sfida è raggiungere i 100 tesserati entro la fine dell’anno. I problemi relativi all’inquinamento e alla congestione del traffico restano e, anzi, purtroppo aumentano: è auspicabile un sempre più largo utilizzo del Bike Sharing, in grado di offrire numerosi benefici a livello ambientale, economico e fisico».

Il Bike Sharing, sostenuto dal Distretto Green and High Tech Monza e Brianza in collaborazione con la Provincia MB e il comune di Vimercate, è stato inaugurato a Vimercate il 25 settembre 2011. Il valore complessivo è di 320 mila euro. Questo è un progetto pilota, unico nel suo genere, perché coniuga l’energia elettrica alla mobilità sostenibile. È realizzato da GCI Group, il primo Mobility System Integrator  in grado di offrire un prodotto finale ad “impatto zero”. Le biciclette a pedalata assistita sono infattitotalmente alimentate ad energia solare, grazie alla presenza di pannelli fotovoltaici montati su ognuna delle tre pensiline dislocate nei punti strategici della città (piazzale Marconi, nuovo ospedale, centro commerciale-direzionale Torri Bianche).

Nel nome di una mobilità che tende sempre più all’ “impatto zero”, l’amministrazione comunale vimercatese continua a sostenere anche la realizzazione di nuove piste ciclabili. «La nostra volontà di investire nella mobilità sostenibile non viene meno in questi anni di crisi - dichiara l’assessore ai Lavori Pubblici Guido Fumagalli - Lo testimoniano i 250 mila euro spesi per realizzare la pista ciclabile di via Martiri di Boves. Lo testimonia il bilancio recentemente approvato in Consiglio Comunale, che alla voce “piste ciclabili” prevede 150.000 euro nel 2013 e 250.000 euro nel 2014, destinati alla pista ciclabile di via Fermi/via Cremagnani e al completamento della pista ciclabile di via Lodovica in direzione di Arcore». Unica incognita il patto di stabilità: «Nella speranza che le strettoie del patto non ci impediscano di spendere i soldi messi a bilancio, intendiamo portare avanti, come da programma di mandato, il progetto di Vimercate città ciclabile», chiosa l’assessore.

Panathlon MB: Paolo Semeraro dal rally alla mountain bike

Può legittimamente esserne fiera la presidente Franca Casati: con un ospite ufficiale ha
portato alla conviviale di ottobre tre importanti personaggi sportivi monzesi.
Con Paolo Semeraro, ormai simbolo vincente del rally, ecco il suo fidato (e affidabile)
navigatore Dario Colombo e Mario Cossa, esploratore del Caucaso in mountain bike.


Semeraro e Colombo tornavano ad una conviviale del Panathlon dopo due anni e mezzo, il tempo necessario di aggiungere altri prestigiosi successi alla loro carriera già straboccante di lusinghieri risultati: primo posto nella classe N2 al Rally Mondiale Catalunya in Spagna, identico podio, ma per la classe R3D, al XIX Rally Internazionale del Ciocchetto (Lucca), Coppa Italia Rally classe R3 diesel, Challenge Piemonte classe R3 diesel, primo posto di classe 8 e 3° assoluto della categoria 2 ruote motrici al 57° Rally Acropoli Grecia.


Recentissima la vittoria di classe 9 al Rally dell’Algarve, in Portogallo.
Innumerevoli poi, sempre in questo “intervallo”, altre vittorie nazionali.
Con la simpatia e la modestia che li contraddistingue, Semeraro e Colombo hanno risposto alle numerose domande poste loro dai panathleti illustrando le varie caratteristiche dei percorsi, le condizioni ambientali e il significato dei termini e delle sigle che il navigatore comunica, con particolare tempestività e precisione, al suo pilota.
Negli ultimi tempi Semeraro si sta sempre più affezionando alla mountain bike che ritiene
un prezioso mezzo d’allenamento.

Non siamo però sicuri che la sua rombante autovettura

possa percorrere le stesse strade che hanno visto impegnato l’anno scorso Mario Cossa
sul medesimo tipo di bicicletta. Stiamo parlando dei 350 km che, con una decina di bikers,
ha percorso nella regione dello Svaneti, per le valli del Caucaso Georgiano. Le strade?
Le abbiamo conosciute, insieme a dei suggestivi paesaggi, un bel filmato proiettato da
Cossa.

La nazionale è solo sterrata, costellata di pietre e con profondi solchi; chissà se
nostra immaginazione può permetterci di visualizzare come può essere sotto la pioggia o
una nevicata… Un’esperienza che, pur avendo messo a dura prova il fisico, ha apportato
un mare di emozioni ed esperienze umane per quelle settimane vissute tra gente semplice capace di farti dono di un’anguria per poter pedalare un poco su una mountain bike.
Alimentazione? La stessa delle popolazioni: carne di manzo, maiale, tanta verdura e
abbondanti bevute per “conformarsi” interamente al territorio.


Mario Cossa, ciclista convinto con all’attivo innumerevoli km sui più prestigiosi itinerari di
mountain bike in buona parte d’Europa, una volta terminata la straordinaria performance
georgiana ha lasciato in dono a quella gente le biciclette del lungo viaggio.
Ecco, questi sono i personaggi, che senza voler essere tali, esalta, entusiasma e rende
onore allo Sport.
In apertura di serata la Presidente aveva associato al club Andrea Piccolo presentato da
Luigi Pozzi; originario di Torino è un apprezzato istruttore della Federazione Italiana Sport
Equestri e vanta un pregevole curriculum in questo sport.

(testo  di Gianmaria Italia)

Dopo sei anni alla Marathon Bike della Brianza risuona l’inno russo

Dopo sei anni un russo vince la MARATHON BIKE della Brianza, dopo Andrei Mukhin quest’anno è stato Alexey Medvedev a gelare di avversari.  Prima vittoria nella marathon di Casatenovo anche per Elena Gaddoni.
 
Gli occhi erano tutti puntati verso il cielo, il pericolo di pioggia si era allontanato, ma qualche apprensione era rimasta e poteva rovinare un’attesa 21ª edizione della MARATHON BIKE della Brianza, che ha invece iniziato alla grande il terzo decennio dell’amata manifestazione di Casatenovo.   Più di 1.500 partecipanti hanno affollato le griglie di partenza per dare vita ad una gara velocissima, nonostante il terreno inzuppato dalle pioggie degli ultimi giorni presentasse ancora il conto ai bikers.  La gara si annunciava dura, impegnativa, per nulla scontata, visto il nutrito e qualificato ranking di partenti, quello che sulla carta poteva essere il primo a scrivere nell’albo d’oro il proprio nome per tre volte, Johnny Cattaneo, vincitore delle ultime due edizioni appariva tranquillo, ma per il corridore della Full Dynamix quest’anno erano in diversi gli avversari da mettere d’accordo, c’erano un Alexey Medvedev che voleva tornare alla vittoria dopo alcune gare sfortunate, Tony Longo, forte delle sue tre vittorie in questa stagione, i colombiani di KTM-Stihl Torrevilla MTB che abitano lungo il percorso della MARATHON BIKE della Brianza e lo percorrono spesso in allenamento, ma non è passata inosservata la maglia tricolore di Juri Ragnoli o la presenza di una vecchia conoscenza della marathon brianzola, Marzio Deho che in tante edizioni passate ha fatto faville e con loro tanti nomi della mountain bike nazionale.
 
Allo start dato da un campione del passato, Fiorenzo Magni, quelli di oggi hanno iniziato a fare sul serio, sul veloce tratto d’asfalto che saliva verso l’abitato di Casatenovo tutti dietro Tony Longo, ma quando il gruppo ha affrontato la prima ascesa di giornata, la salita del Cancello, ritornata nella MARATHON BIKE della Brianza dopo 15 anni, i piùforti hanno scoperto le carte.  In località Cappelletta di Crippa la selezione fatta sulla salita da Alexey Medvedev aveva il suo effetto, insieme al russo il colombiano Chia Yesid Amaya Jaime, Tony Longo e Johnny Cattaneo formavano un poker d’assi che al termine dalla salita del Calzolaio annunciava quello che sarebbe stato  il futuro podio.
 
A metà salita del San Genesio, usciva di scena Johnny Cattaneo, un problema meccanico lo escludeva dalla corsa togliendogli ogni possibilità per il tris.  Dopo Giovenzana arrivava l’atteso strappo di Medvedev che scollinava per primo al GPM e guadagnava ulteriore terreno nell’impegnativa discesa verso Campsirago. Dopo Monte il russo della Elettroveneta-Corratec, chiudeva praticamente la corsa andando a vincere in 2 ore 44’ 49”, con 2’ 10” sul trentino della TX-Active Bianchi, Tony Longo.  Il colombiano Chia Yesid, completava il podio, contenendo il recupero del Campione Italiano Marathon, Juri Ragnoli (Scott Racing Team), autore di un finale in crescendo.
Quinto posto per Mirko Celestino (Avion-Axevo MTB Pro Team), poi era la volta di due stranieri, il colombiano Leonardo Paez (TX-Active Bianchi) e lo spagnoloIvan Alvarez Gutierrez (Elettroveneta Corratec), ottavo Pierluigi Bettelli (Scott Racing Team) che precedeva di misura Johannes Schweiggl (Team Silmax Cannondale Racing), Luca Ronchi (Avion-Axevo MTB Pro Team) completava una top ten di assoluto valore da cui rimaneva fuori per pochi metri il primo amatore,Oscar Lazzaroni (WR Compositi Racing), preceduto di misura da Marzio Deho (GS Cicli Olympia).
 

La vittoria di Alexey Medvedev è la quarta di stagione, nei mesi di marzo e aprile il 29enne russo, Campione Europeo Marathon 2011, aveva vinto tre point to point in Liguria e in Veneto, ma anche della MARATHON BIKE della Brianza Alexey aveva buoni ricordi, fù terzo nel 2009 e secondo nel 2010:  “Sono molto contento della mia gara oggi, unico piccolo problema all’inizio con la forcella e qualche difficoltà nei tratti scivolosi da fare a piedi.  Conosco molto bene questo percorso, l’ho fatto tante volte quando correvo per il Torrevilla MTB abitavo in Birianza.  Ho aspettato il momento giusto per attaccare Chia Yesid, è una vittoria che mi ripaga della sfortuna che ho avuto quest’anno nelle gare più importanti”

 
Senza sorprese, almeno per la vittoria, la gara femminile, la favorita Elena Gaddoni (FRM Factory Racing Team) ha fatto gara solitaria sin dai primi chilometri, il suo distacco di oltre 8’ sulla seconda racconta da solo tutta la gara.  Colpo di scena per la seconda posizione finita a Sandra Klomp (KTM-Stihl Torrevilla MTB), la biker di origini olandesi che vive da molti anni in Liguria, ha soffiato negli ultimi quattro chilometri alla russa Vera Andreeva il secondo gradino del podio dopo essere stata al suo inseguimento per tutta gara.   Per il quarto anno consecutivo Sandra Klomp non ha mancato il podio della MARATHON BIKE della Brianza consentendo alla squadra di casa, KTM-Stihl Torrevilla MTB di Monticello Brianza, un bilancio straordinario con due atleti sul prestigioso podio delle classifiche maschile e femminile.
“Mi è piaciuto moltissimo il percorso quest’oggi – ha detto la vincitrice che abita a Lugo - veramente bello e divertente, anche se devo dire non proprio adatto alle mie caratteristiche.  Non posso che essere felice per questa vittoria e nel modo in cui l’ho ottenuta, ora guardo agli ultimi appuntamenti di stagione”
 
Ordine d’arrivo MARATHON BIKE della Brianza 2012 Maschile
1. Medvedev Alexey (Elettroveneta-Corratec) in 2 ore 44’ 49”
2. Longo Tony  (TX-Active Bianchi) a 2’ 10”
3. Chia Amaya Jaime Yesid (KTM-Stihl Torrevilla MTB) a 3’ 31”
4. Ragnoli Juri (Scott Racing Team) a 3’ 38”
5. Celestino Mirko (Avion-Axevo MTB Pro Team) a 3’ 54”
6. Paez Leonardo (TX-Active Bianchi) a 4’ 58”
7. Gutierrez Ivan Alvarez (Elettroveneta-Corratec) a 6’ 09”
8. Bettelli Pierluigi (Scott Racing Team) a 6’ 33”
9. Schweiggl Johannes (Team Silmax Cannondale) a 6’ 34”
10. Ronchi Luca (Avion-Axevo MTB Pro Team ) a 10’ 00”
Ordine d’arrivo MARATHON BIKE della Brianza 2012 Femminile
1. Gaddoni Elena (FRM Factory Racing Team) in 3 ore 30’ 41”
2. Klomp Sandra (KTM-Stihl Torrevilla MTB) a 8’ 34”
3. Andreeva Vera (Team Protek) a 10’ 46”
4. Mazzucotelli Simona (GS Massì Supermercati-Brivio) a 13’ 55”
5. Mandelli Chiara (Valcavallina Superbike Lovato Electric) a 13’ 59”
Ordine d’arrivo MARATHON BIKE della Brianza 2012 Percorso Avventura
1. Vecchio Davide (TRT Testa Racing Team), 2. Valsecchi Simone (Team Spreafico Velo Plus), 3. Valtolina Mauro, 4. Morganti Ugo (Pavan Free Bike), 5. Tosi Nicolò (Ass. Scuola Nazionale MTB Oasi Zegna)