10 Febbraio ,Como Ricorda…..

Como , 9 Febbraio .
In tutta Italia  domani si Commemora la Giornata del Ricordo , dedicata all’esodo istriano, fiumano  , dalmata e anche agli eventi atroci  che sono stati commessi in quelle terre…
In questa ricorrenza a Como ,, venerdì 10 febbraio p.v. alle ore 11,00, la Prefettura insieme all ’Amministrazione Comunale , ha organizzato una cerimonia celebrativa che si terrà presso la Biblioteca Comunale del Capoluogo.
Alla manifestazione interverrà il Prefetto di Como Bruno Corda, il Sindaco
del Comune  Mario Lucini, il Consigliere Eleonora Galli in rappresentanza
della Provincia ed il Presidente del Comitato di Como dell’Associazione Nazionale
Venezia Giulia e Dalmazia Luigi Perini.
Durante la cerimonia la Signora Fiore Filippaz, dell’Unione degli Istriani di
Trieste, farà un breve intervento.
La manifestazione verrà ulteriormente arricchita dalle testimonianze degli
studenti dell’Istituto Professionale Pessina che nell’anno 2016 hanno organizzato una
visita alle Foibe di Basovizza e di Monrupino, alla Risiera di San Sabba e al
Magazzino 18.
Nell’occasione saranno presenti anche alcuni studenti delle Scuole Superiori
della provincia, che parteciperanno attivamente all’iniziativa, quale indispensabile
testimonianza dell’affermazione dei valori del ricordo del martirio delle foibe e del
dramma dell’esodo giuliano – dalmata – istriano.

Brunate : 5° Premio Internazionale ” Alda Merini ”

    • Indetta la quinta edizione del Premio Internazionale di
      Letteratura “Alda Merini – Brunate 2016”
      Il “Premio Internazionale di Letteratura “Alda Merini -Brunate” è nato nel 2011
      su iniziativa della Biblioteca Comunale di Brunate, per ricordare Alda Merini
      “poetessa dei Navigli” che aveva sue radici a Brunate (Como) poiché nel paese, denominato “Balcone sulle Alpi” abitavano i nonni paterni.
      Il premio persegue l’obiettivo di ricercare e valorizzare la poesia e le sezioni del
      premio si ispirano all’attenzione che Alda Merini aveva per la poesia altrui e ai
      valori che ha testimoniato con la sua vita e la sua opera.
      Tutte le opere partecipanti alla Quinta Edizione del Premio “Alda Merini-
      Brunate dovranno essere inviate entro e non oltre il 31 maggio 2016.
      Queste le sezioni a concorso per l’edizione 2016:
      Sezione “A” – Inediti di Poesia
      Ciascun concorrente partecipa con massimo tre componimenti di massimo 30
      versi ciascuno.
      Le poesie possono essere scritte in lingua italiana, in dialetto o in lingua
      straniera. A quelle in dialetto, o in altre lingue, deve essere allegata la
      traduzione in lingua italiana. (1° classificato 1000 €)
      Sezione “B” – Volume edito di Poesia
      Ciascun concorrente partecipa con un’opera pubblicata dopo il 1° gennaio
      2013. (1° classificato 1000 €)
      Sezione “C” – Racconti del Territorio
      Ciascun concorrente partecipa con un racconto inedito dal tema “Il territorio
      del lago di Como ed i suoi dintorni”, di massimo 5 cartelle di 1.800 battute
      ciascuna. (1° classificato 500€)
      Sezione “D” – Tesi di laurea e saggi sull’opera di Alda Merini e sulla poesia
      contemporanea
      Ciascun concorrente partecipa con una tesi di laurea o un saggio che tratta
      l’opera di Alda Merini non solo in via esclusiva ma anche inserita nel più ampio
      contesto della poesia e della società contemporanea. L’eventuale pubblicazione
      non deve essere antecedente il 1° novembre 2009. (1° classificato 500€)
      Sezione “E” – La Poesia al tempo dei social network
      Ciascun concorrente partecipa con massimo tre video (realizzati e/o montati
    • con qualsiasi tecnica) che riportano una propria poesia edita o inedita.
      Il video verrà postato dall’organizzazione sulla pagina facebook del Premio. I
      “mi piace” ricevuti sulla pagina determineranno il vincitore del pubblico. (1°
      pubblico 250€ ;1° giuria 250€)
      Sezione “F” – Inediti di Poesia o Aforismi Giovani (Under 18)
      A questa sezione possono partecipare coloro che risultano minorenni al 31
      maggio 2016. Ciascun concorrente partecipa con massimo tre componimenti di massimo 30 versi ciascuno. Le poesie possono essere scritte in lingua italiana, in dialetto o in lingua straniera. A quelle in dialetto o in altre lingue deve essere allegata la traduzione in lingua italiana. (1° classificato 300€ ;2°
      classificato 200€; 3° classificato 100€)
      Premio Speciale – 150 anni di Penčo Slavejkov per inediti di Poesia
      Riservato a partecipanti di madrelingua bulgara. Il Premio prevede una sezione
      Inediti di Poesia e una sezione Inediti di Poesia per giovani (under 18) che
      risultano minorenni al 31 maggio 2016.
      Ciascun concorrente partecipa con massimo tre componimenti, di massimo 30 versi ciascuno.
      Le poesie possono essere scritte in lingua italiana o in lingua bulgara. A quelle
      in lingua bulgara deve essere allegata la traduzione in lingua italiana. (Premio
      speciale – 150 anni di Penčo Slavejkov 1° classificato 500€; Premio speciale
      - 150 anni di Penčo Slavejkov Giovani 1° classificato 300€; 2° classificato
      200€; 3° classificato 100€.)
      Ogni partecipante può partecipare a più sezioni. Le opere inedite (sezioni A, C,
      D, F, 150 anni di Penčo Slavejkov) potranno essere inviate in “formato
      elettronico” (due file, uno anonimo e uno con nome e indirizzo) alla mail
      info@premioaldamerini.org oppure in formato cartaceo (due copie, una
      anonima e una con nome e indirizzo) a: Premio Internazionale Alda Merini
      presso Comune di Brunate – via alla Chiesa, 2 – 22034 Brunate (CO). Le opere
      edite (sezione B e D) potranno essere inviate in “formato elettronico” alla email
      info@premioaldamerini.org oppure in formato cartaceo (cinque copie, di cui
      una firmata) a: Premio Internazionale Alda Merini presso Comune di Brunate -
      via alla Chiesa, 2 – 22034 Brunate (CO). Il video (sezione E) può essere inviato
      via email a social@premioaldamerini.org (con WeTransfer se supera i 2 MB)
      oppure può essere caricato su YouTube, inviando il relativo link allo stesso
      indirizzo email. Il video verrà postato dall’organizzazione sulla pagina Facebook
      del Premio.
      Il bando integrale e la scheda di partecipazione possono essere scaricati dal
      sito del Premio: http://www.premioaldamerini.org/2016edition.html

Il Castello di Monguzzo mostra i suoi “Tesori “…

Domenica 14 settembre 2014,
 In una bella giornata di sole, che invita ad una escursione nelle verdeggiante Alta Brianza, precisamente a Monguzzo,vicino a Erba ,per visitare il suo Castello, costruito nel punto più elevato della collina morenica, tutt’ora in uso come Centro Studi Ordine Ospedaliero Fatebenefratelli, Ordine di San Giovanni di Dio.
Discreta la  partecipazione di pubblico, sopratutto molto interessato e curioso .
Per la visita ci accompagna la guida Sig. Patrizia,che si occupa di  tutto il patrimonio da diversi anni.
Ottima organizzazione, gestita dalla Pro Loco, ricostituitasi da 4 anni or sono, con il Presidente il Sig. Riccardo Fiorile, che si impegna nelle visite guidate gratuite al Castello di Monguzzo e  ai  momenti di ricreazione e aggregazione durante l’anno, Grande interesse e partecipazione di giovani musicisti, per la due giorni di musica di fine estate.
Costruito da Re Berengario nel 917, passa poi ai Canonici di Monza, che ne fanno una prigione di Stato.
Poi arrivano gli Sforza, che conquistano tutto il feudo.
Gli ultimi proprietari ad occupare il Castello, sono Il Cav. Ferruccio Benocci , un  imprenditore milanese , il quale venne ucciso in un agguato e la moglie decise di donarlo alle ACLI, infine ai Frati.
Il Castello di Monguzzo, totalmente agibile, si trova al centro di un parco di 60.000 mq.
All’interno una sala biblioteca con 10.000 libri compreso un erbario e di una sala Farmacia con ancora i vasi per contenere erbe medicamentali, appartenuti ad una famiglia di farmacisti vaticanensi.
Le stanze hanno decori, stemmi e quadri rappresentanti tutti colori che in qualche modo sono passati in quel Feudo.
Lo scalone in stile gotico del XII e XIV secolo, 48 camere per ospiti e la stanza del Consiglio tutt’ora operante.
Nel cortile interno un pozzo manufatto di pietra costruito con in un  pezzo unico .Cosi imponente , ne esiste solo un’altro in tutta Europa. 
 Foto e Testo di Marisa Mauri

CICLISMO, MARONI E ROSSI PRESENTANO ‘TRITTICO’

ASSESSORE: NAZIONALE PER MONDIALI NASCERÀ SU TRAGUARDO VARESE

MARONI: LIETI DI SOSTENERE IL TRITTICO LOMBARDO

(Ln – Milano, 10 set) “Chiedo alla Rai di ripensare il proprio
palinsesto e mostrare ai tanti appassionati di ciclismo non solo
la ’94ª Tre Valli Varesine’, ma anche la ’68ª Coppa Ugo
Agostoni’ e la ’96ª Coppa Bernocchi’”. Così l’assessore allo
Sport e Politiche per i giovani Antonio Rossi alla presentazione
del ‘Trittico Regione Lombardia’ al Belvedere di Palazzo
Lombardia.

NAZIONALE PER I MONDIALI CONVOCATA A FINE TRITTICO – “Il
‘Trittico’ – ha sottolineato l’assessore Rossi – è una
manifestazione importante, con tre tracciati impegnativi che
tornano a essere gare premondiali”. “Al termine della ‘Tre Valli
Varesine’ che arriverà giovedì 18 a Varese – ha aggiunto – il
commissario tecnico del Ciclismo su strada Davide Cassani
diramerà l’elenco dei convocati per i mondiali di Ponferrada, in
Spagna, proprio come amava fare il compianto Alfredo Martini”.
La ‘Bernocchi’, invece, aprirà il ‘Trittico’ martedì 16 con il
traguardo a Legnano mentre, mercoledì 17, sarà Lissone a vivere
l’atto finale della ‘Agostoni’.

NOSTRA TERRA HA TANTI APPASSIONATI – “Il ciclismo – ha detto
l’assessore Rossi – è uno sport con tanti appassionati e tutta
la settimana abbiamo pensionati che girano per la nostra bella
Lombardia in bicicletta”. “A loro, sabato e domenica – ha
continuato – si aggiungono tanti appassionati, ragazzi e anche
molte donne, che lavorano ma che, appena possibile, prendono la
loro bicicletta e si tengono in allenamento”.

CICLISMO SPORT VIVO – “Regione Lombardia – ha concluso
l’assessore Rossi – è al fianco del ‘Trittico’ e delle società
che organizzano le tre competizioni che sono un ulteriore segno
del fatto che il ciclismo è vivo e, per me che sono di Lecco, ha
una sua grande casa al Ghisallo con il museo dedicato a questo
sport di fatica e passione”. (Ln)

Dopo GP: 144 mila spettatori in Autodromo, più di 40 iniziative in città

Bilancio positivo. Sindaco Scanagatti: “Bene sicurezza, viabilità e tutela del Parco. Spettacolo sotto il podio miglior spot per circuito di Monza”

Sono stati 144 mila gli spettatori che hanno assistito all’85esimo Gran Premio d’Italia che si è svolto dal 5 al 7 settembre nell’Autodromo nazionale di Monza, 80 mila nella sola domenica del GP. L’anno scorso furono complessivamente circa 160 mila. Il dato è stato riferito oggi nel corso di una conferenza stampa in Comune da Ivan Capelli, presidente di Aci Milano, alla presenza del sindaco Roberto Scanagatti, del prefetto di Monza,Giovanna Vilasi, dei responsabili delle forze dell’ordine e degli assessori al Turismo, Carlo Abbà e alla mobilità, Paolo Confalonieri. “E’ andato tutto bene – dichiara il sindaco Scanagatti -, sia dal punto di vista della sicurezza sia da quello della tutela ambientale del parco recintato più grande d’Europa. Il dato sugli spettatori del GP è positivo, nonostante la lieve flessione. Il grande afflusso, dichiarazioni di amore di numerosi campioni attuali e del passato e la grande festa che si è svolta sotto il podio nonostante la prestazione deludente delle Ferrari, dimostrano quanto Monza sia importante, e indispensabile, nel circus mondiale della Formula 1. Voglio ringraziare Sias e Aci Milano per l’ottima organizzazione e soprattutto le forze dell’ordine e i tanti volontari che hanno garantito che tutto si svolgesse in totale serenità per il numeroso pubblico”.

 Viabilità e trasporto pubblico

Alle ore 17.30 di domenica, cioè poco dopo la conclusione del GP, il deflusso dall’autodromo si è concluso e la viabilità intorno all’impianto è tornata alla normalità. La stragrande maggioranza degli spettatori si è recata all’interno del perimetro utilizzando il mezzo pubblico (treni, compreso il diretto Milano Monza – Autodromo, attivo la domenica, e le navette di collegamento tra i 3 maxiparcheggi posti a corona della città e il circuito): in totale sono state più di 82mila le persone trasportate. 64 i punti presidiati dalla Polizia locale con 250 agenti in servizio sia sabato che domenica (di cui 100 quelli di Monza, il resto dei comuni limitrofi).

Tutela del Parco

All’interno del parco oltre ai volontari della Protezione civile erano attive 17 squadre di Guardie ecologiche volontarie del Comune che hanno operato in collaborazione con quelle provinciali: le sanzioni comminate sono state la metà di quelle elevate nel 2013, cioè 47 rispetto a 110.

Nei pressi dell’Autodromo alle 10 di questa mattina sono state raccolte 90 tonnellate di rifiuti; altrettanti – stima il servizio ambiente del Comune – saranno raccolti all’interno dell’autodromo , tra cui: 18 tonnellate di cartone, 13 tonnellate di legno e 5 di alluminio (per lo più lattine).

MonzaGP

Durante la settimana del gran premio il Comune ha promosso MonzaGP, il contenitore di eventi per intrattenere cittadini e tifosi, in collaborazione con numerosi sponsor tra cui Enerxenia – gruppo Acsm Agam, Farmacom, Colombo Group di Merate. 40 le iniziative promosse in 25 location cittadine. Piazza Trento e Trieste è stata trasformata in un grande giardino, con 1200 metri quadri di verde, decine di alberi di medio fusto, 2700 girasoli e più di 200 pneumatici colorati – messi a disposizione dall’Autodromo – utilizzati come sedute. Decine di altalene, laboratori per bambini e, sempre per i più piccoli, una pista con macchinine con nozioni di sicurezza stradale a cura delle Scuderie Ferrari Club e Polizia locale. Non potevano mancare la gara di cambio gomme presso la postazione Ferrari e le gare simulate di F1. Particolare attenzione durante la manifestazione è stata data ai temi di Expo 2015, con il truck di AnciperExpo in piazza Roma, e all’apertura della Villa Reale. E poi visite guidate al patrimonio storico cittadino, nuovo Museo Civico Casa degli Umiliati aperto anche di sera e polo del gusto in piazza Carrobiolo, con la partecipazione anche degli studenti dell’istituto professionale Olivetti in piazza Carrobiolo. Il bilancio più nel dettaglio dell’iniziativa su www.comune.monza.it e  www.monzagp.org

85° Formula 1 Gran Premio d’Italia Ivan Capelli Pres ACI Milano

85° Formula 1 Gran Premio d’Italia Angelo Sticchi Damiani

GRAN PREMIO DI ITALIA 2014: TORNA LA FORMULA UNO A MONZA

Gran Premio d’Italia, un brand che vale 3,8 miliardi di euro. Per la settimana dell’evento l’indotto diretto è di circa 28,5 milioni di Euro, di cui 14,5 milioni per la Brianza, oltre 8,6 milioni per Milano e 3 milioni per Como.

Torna la Formula Uno a Monza, l’evento sportivo che porterà benefici economici per le attività del territorio. L’edizione 2014 del Gran Premio d’Italia genera, in una sola settimana, un indotto turistico “diretto” di 28,5 milioni di Euro. Il sistema della ricettività alberghiera ed extralberghiera beneficerà di 9,3 milioni di Euro. I turisti sportivi faranno shopping per 9,2 milioni di Euro mentre sono in arrivo con il GP per il settore della ristorazione 7,6 milioni di Euro. Per il comparto della mobilità, fra trasporti e parcheggi, l’indotto è di circa 2,1 milioni di Euro. E il GP è un affare non solo per Monza e Brianza, ma anche per tutto il territorio limitrofo: l’edizione 2014 porta più di 14,5 milioni di Euro nelle casse di albergatori, ristoratori e commercianti brianzoli, ma genera indotto turistico anche nell’area milanese per oltre 8,6 milioni di Euro, nelle località lacustri e di villeggiatura di Como e di Lecco con un indotto turistico rispettivamente di 3 milioni di Euro e di circa 900mila Euro. E’quanto emerge da una stima dell’Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza su dati Registro Imprese, Istat, Censis, Isnart, Autodromo Nazionale Monza. Il brand “Gran Premio d’Italia” è stato stimato dall’Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza in 3,8 miliardi di Euro, sulla base di un insieme di parametri: conoscenza e attrattività della manifestazione a livello nazionale ed internazionale, flussi turistici generali e legati all’evento, competitività economica del territorio (imprese, indice di apertura commerciale, PIL), a partire da “Anholt Brand Index”, dati Autodromo Nazionale Monza, Registro Imprese, Istituto Tagliacarne.

CON LA BREBEMI, SOSTENUTA DALLE CAMERE DI COMMERCIO, 1000 NUOVI POSTI DI LAVORO E 400 MILIONI DI EURO IN UN ANNO

L’infrastruttura, completamente autofinanziata e che porterà benefici economici alle imprese e al territorio, è sostenuta da Camera di commercio di Brescia, Camera di commercio di Bergamo, Camera di commercio di Milano, Camera di commercio di Cremona. Tra gli altri interventi economici del sistema camerale (Camera di commercio di Macerata, Camera di commercio di Perugia e Camera di commercio di Ancona) a sostegno delle infrastrutture c’è il “Quadrilatero Marche Umbria”, con un incremento di PIL di 200 milioni di Euro in un anno

Sindaco Monza su elezioni Aci Milano: “Vittoria netta, si apre fase nuova”

 ”La vittoria della lista Sport e Rinnovamento è netta e apre una fase nuova nella quale i vertici di Aci Milano, che controllano Sias e quindi l’Autodromo nazionale, dovranno dimostrare di sapere cogliere le importanti sfide che li attendono, a cominciare dal rinnovo del contratto per continuare lo svolgimento del Gp d’Italia a Monza, anche dopo il 2016. Sono sicuro che la nuova compagine, sotto la guida di Ivan Capelli e, per quel che riguarda Sias, del presidente Andrea dell’Orto, sarà capace di raggiungere l’obiettivo senza cedere a ricatti di sorta, che in passato si sono potuti manifestare anche per una oggettiva debolezza legata a vicende che nulla avevano a che fare con la lunga tradizione sportiva dell’impianto. Ora si può guardare al futuro con fiducia, sapendo che è condivisa la visione secondo cui l’Autodromo è una grande risorsa di cui va valorizzata non solo la vocazione sportiva ma anche la capacità di essere un volano economico per Monza e la Brianza. Voglio ringraziare Carlo Valli per il suo lavoro, svolto in un periodo molto difficile ma sempre nell’interesse del territorio”.

Lo dichiara il Sindaco di Monza, Roberto Scanagatti, commentando l’esito delle elezioni che hanno stabilito i nuovi vertici di Aci Milano.