IPSIA Monza al Raduno Nazionale Mobilità Elettrica Monza

Raduno Nazionale Mobilità Elettrica Monza

Monza; Partita l’era della mobilità elettrica in Italia

Il più grande raduno europeo di veicoli elettrici con la presenza di oltre 100 veicoli vecchi, nuovi e modelli innovativi non ancora in commercio

Monza;  si è  svolto presso il punto vendita Iper, La Grande I,  in via della Guerrina, il “Raduno Nazionale della  Mobilità Elettrica . Evento organizzato dai possessori privati dei veicoli elettrici, con il supporto organizzativo dall’associazione Class Onlus  all’interno del progetto “Green Land Mobility” – selezionato dall’Autorità per l’Energia e il Gas con deliberazione ARG/elt 96/11 – e sostenuto dal Ministero dell’Ambiente e dalla Regione Lombardia per incentivare la mobilità elettrica sul territorio nazionale. Tra gli obiettivi del progetto, al quale ha aderito entusiasticamente anche Iper, La grande I, decidendo di installare le stazioni di ricarica in tutti i suoi ipermercati, vi è quello di creare una rete di stazioni di ricarica veloce di stazioni di ricarica veloce a  supporto di una mobilità sempre più ecosostenibile.  Sono oltre un centinaio i veicoli elettrici  iscritti al Raduno, rappresentativi di tutte le marche e modelli presenti sul mercato; pertanto è possibile affermare, che l’evento del 21 settembre è il più grande Raduno autogestito mai organizzato in Europa. L’evento si è svolto nell’arco della giornata, con l’organizzazione di tappe di avvicinamento luogo del Raduno; corteo elettrico da Carvico – Osio Sotto, curato dell’Agenda21 Isola Dalmine e Zingonia, a Monza, il ritrovo di tutti i Birò e dei quadri cicli leggeri dalle 9.30 presso il Pala K di Cinisello. Nel percorso di avvicinamento dalle terre dell’est (Carvico-Osio) passaggio delle autovetture presso tre luoghi simbolici dell’Isola bergamasca: Convento di Baccanello, Castello Colleoni, Castello di Marne. Tante le novità: modelli d’epoca elettrici (a partire della Ford T 1929), veicoli degli anni 50 e 60 trasformati in elettrico e la presentazione di tutti i modelli in circolazione e di quelli che saranno messi in strada nei prossimi anni.

Con questa iniziativa  inaugurato il “Corridoio 5″ della mobilità elettrica. Finalmente si potrà percorrere il tragitto da Udine a Torino senza consumare nemmeno un litro di benzina. Dal 21 settembre partita l’era della mobilità elettrica in Italia.

 

EXPO,CAPPELLINI: BOTTICELLI A VILLA REALE DI MONZA

‘OPERE DI CARRACCI, CORREGGIO, RENI, DALI’ E ANTON VAN DYCH’
‘REGIONE METTE LOMBARDIA AL CENTRO DEL MONDO’

“Oggi posso annunciare
con soddisfazione che durante Expo ospiteremo opere di Sandro
Botticelli, Annibale Carracci, Guido Reni, Salvator Dalì,
Antonio Canova, Anton van Dych. Tutti questi autori e molti
altri ancora troveranno la loro collocazione ideale nella
splendida Villa Reale di Monza”. Lo afferma Cristina Cappellini
l’assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione
Lombardia, Cristina Cappellini, nel presentare la grande mostra
che Regione Lombardia, il Ministero per i Beni e le Attività
Culturali e Paesaggistici della Lombardia con la Soprintendenza
per i Beni Storici e Artistici di Milano, realizzeranno dal 22
aprile al 5 settembre presso la Villa Reale di Monza.

I CAPOLAVORI IN ESPOSIZIONE – “Regione Lombardia, con
l’indispensabile contributo del Ministero per i Beni e le
Attività Culturali – ha spiegato l’assessore alla Culture -
realizzerà una grande mostra con capolavori provenienti dalle
maggiori istituzioni museali italiane e internazionali. Nello
specifico avremo l’onore di ospitare: dagli Uffizi di Firenze
‘Pallade che doma il Centauro’ di Sandro Botticelli e ‘Porto con
Villa Medici’ di Claude Lorrain; dalla Galleria Borghese di Roma
‘Danae’ di Correggio; dalla collezione Esposito di Napoli
‘Vesuvius’ di Andy Warhol; dal Museo di Capodimonte ‘Ercole al
bivio’ di Annibale Carracci e ‘Atalanta e Ippomene’ di Guido
Reni; dalla Galleria Nazionale d’Arte di Modena ‘Blu’ di Yves
Klein; dalla National Portrait Gallery di Londra ‘Sir William
Hamilton ambasciatore a Napoli’ di Joshua Reynolds; dalla The
National Trust of Scotland di Edimburgo ‘Ritratto del colonnello
William Gordon’ di Pompeo Batoni; dal Salvator Dali di Figures
Fundacion Gala ‘Eco geologica – La pieta’ di Salvator Dali; da
The Hermitage di San Pietroburgo ‘Amore e Psiche stanti’ di
Antonio Canova e Autoritratto’ di Anton van Dych. E’ evidente -
dice -  che anche grazie a questa mostra la Regione mette la
Lombardia al centro del mondo”.

17 MLN PER IL RESTAURO “Regione Lombardia, – ha continuato
l’assessore – credendo nella straordinarietà della Villa Reale,
ha partecipato al finanziamento dei lavori di restauro e
riqualificazione con un contributo di ben 17 milioni di euro sui
22 complessivi”.

1,4 MLN DI EURO PER IL DUOMO DI MONZA “L’intervento di
valorizzazione della Villa Reale – ha spiegato ancora
l’assessore – può essere messo a sistema con altre iniziative di
recupero finanziate da Regione Lombardia. Tra queste sottolineo
il restauro della Cappella della Regina Teodolinda (Cappella
Zavattari) con 1 milione di euro. Nel mese di novembre si
svolgerà l’inaugurazione ufficiale per festeggiare con il
territorio questo importante traguardo”.  “Recentemente inoltre
- ha continuato l’assessore Cristina Cappellini – sempre
attraverso le misure del mio assessorato, si è reso possibile il
restauro della facciata del Duomo di Monza per un importo di
346.000 Euro”.

100.000 EURO PER ALTRI INTERVENTI CULTURALI  “Nel corso
dell’ultimo anno – ha detto ancora l’assessore – Regione
Lombardia ha sostenuto ulteriori interventi in ambito culturale
per 100.000 euro. Da ultimo un contributo di 14.000 euro alla
Provincia di Monza per la realizzazione dell’evento Ville Aperte
in Brianza “. (Ln)

GAL LISSONE ALLA GOLDEN LEAGUE

“la GAL Lissone si presenta alla Golden League con CARLOTTA FERLITO, ELISA MENEGHINI, SOPHIA CAMPANA (USA) e ALESSIA PRAZ”

GOLDEN LEAGUE” parola magica che conferma il motivo che da sempre domina il panorama ginnico Italiano “BRIXIA-GAL LISSONE” un binomio indissolubile che anima da sempre le competizioni nazionali.

Sabato al Palasavelli di Porto San Giorgio è andata in scena una gara ideata dalDT Enrico Casella per testare le migliori ginnaste italiane in vista dei Campionati Mondiali in Cina del prossimo ottobre.

Confermiamo subito che la formula proposta è stata azzeccatissima, ogni squadra formata da ginnaste proprie e una formata da tre prestiti, e a Lissone sono toccate ginnaste bravissime Giorgia Campana,Jessica Mattoni e Michela Redemagniche hanno dato man forte per il raggiungimento dell’importante risultato finale secondi dietro le bravissime rivali Bresciane.

La Gal lissone schiera la rientrante Carlotta Ferlito, esordio alla trave con risultato eccellente, la new entry Sophia Campana e le “piccole” Alessia Praz e Elisa “Mini” Meneghini, impegno altissimo con Elisa seconda (56,200) dietro l’inossidabile Vanessa Ferrari nel concorso individuale e come già anticipato secondo posto assoluto in classifica generale, la conferma della bontà della scuola Gal in trave, tre posti su otto conquistati nella finale per attrezzo, Praz-Ferlito-Mini (che conquisterà l’oro in finale- quarto posto per Ferlito).

Un fine settimana positivo con i tecnici Ferrè-Sassone soddisfatti del risultato, frutto del loro impegno e grande lavoro in palestra. Torniamo da Porto San Giorgio motivati e convinti della nostra forza, risultato di sacrificio e lavoro costante, adesso per Elisa appuntamento a Nanning per i mondiali e per tutti l’nizio della nuova serie di “Ginnaste Vite Parallele”, che ci farà rivivere ansie e gioie delle nostre ragazze nel difficile mondo della ginnastica.”

Roberto Meloni – Presidente Gal Lissone

Il Castello di Monguzzo mostra i suoi “Tesori “…

Domenica 14 settembre 2014,
 In una bella giornata di sole, che invita ad una escursione nelle verdeggiante Alta Brianza, precisamente a Monguzzo,vicino a Erba ,per visitare il suo Castello, costruito nel punto più elevato della collina morenica, tutt’ora in uso come Centro Studi Ordine Ospedaliero Fatebenefratelli, Ordine di San Giovanni di Dio.
Discreta la  partecipazione di pubblico, sopratutto molto interessato e curioso .
Per la visita ci accompagna la guida Sig. Patrizia,che si occupa di  tutto il patrimonio da diversi anni.
Ottima organizzazione, gestita dalla Pro Loco, ricostituitasi da 4 anni or sono, con il Presidente il Sig. Riccardo Fiorile, che si impegna nelle visite guidate gratuite al Castello di Monguzzo e  ai  momenti di ricreazione e aggregazione durante l’anno, Grande interesse e partecipazione di giovani musicisti, per la due giorni di musica di fine estate.
Costruito da Re Berengario nel 917, passa poi ai Canonici di Monza, che ne fanno una prigione di Stato.
Poi arrivano gli Sforza, che conquistano tutto il feudo.
Gli ultimi proprietari ad occupare il Castello, sono Il Cav. Ferruccio Benocci , un  imprenditore milanese , il quale venne ucciso in un agguato e la moglie decise di donarlo alle ACLI, infine ai Frati.
Il Castello di Monguzzo, totalmente agibile, si trova al centro di un parco di 60.000 mq.
All’interno una sala biblioteca con 10.000 libri compreso un erbario e di una sala Farmacia con ancora i vasi per contenere erbe medicamentali, appartenuti ad una famiglia di farmacisti vaticanensi.
Le stanze hanno decori, stemmi e quadri rappresentanti tutti colori che in qualche modo sono passati in quel Feudo.
Lo scalone in stile gotico del XII e XIV secolo, 48 camere per ospiti e la stanza del Consiglio tutt’ora operante.
Nel cortile interno un pozzo manufatto di pietra costruito con in un  pezzo unico .Cosi imponente , ne esiste solo un’altro in tutta Europa. 
 Foto e Testo di Marisa Mauri

La “Scozia ” sventola su Biassono

Domenica 14 Settembre 2014

Da ieri pomeriggio , chi passa sulla  provinciale Monza Besana , guarda incuriosito una strana bandiera che sventola sull’ingresso del Palazzo Comunale di Biassono…è  il vessillo scozzese.    La bandiera della Scozia viene rappresentata da  una croce di Sant’Andrea conosciuta come il ‘Saltire’. La bandiera è una delle più antiche al mondo, creata circa nel XII secolo.

“Si tratta di un piccolo gesto a sostegno della centenaria battaglia di libertà del Popolo Scozzese che ha un importante appuntamento con la storia il 18 settembre, giorno in cui si terrà il Referendum per l’indipendenza dal Regno Unito,” ci spiega il Borgomastro e sindaco di Biassono Angelo Malegori .

“L’Amministrazione comunale di Biassono ha sempre sostenuto e sosterrà sempre la battaglia democratica per l’autodeterminazione dei Popoli.  Il 18 settembre rappresenta un appuntamento storico per la Scozia, poi a novembre sarà la volta della Catalogna.

In Italia la sola approvazione di una legge della Regione Veneto che preveda il Referendum ha indotto il Governo all’impugnazione davanti alla Corte Costituzione.

L’auspicio è che il Veneto possa esprimere liberamente e democraticamente la propria voglia di libertà e indipendenza, seguito dalla Lombardia ma anche da altre regioni italiane.

Anticipo fin d’ora che dopo la bandiera scozzese sarà la volta di quella catalana “.

Lasciamo dunque che Biassono e tutti quelli che credono nell’autodeterminazione della libertà dei Popoli plaudano a questo gesto dimostrativo .