Vimercate: la provincia che vogliamo

Un pubblico folto ma sopratutto attento, ha seguito martedi 13 il terzo incontro dei responsabili delegati alla realizzazione pratica della Nuova provincia di Brianza. Iniziata con la parentesi del comico brianzolo di Colorado Caf, Alberto Patrucco, sono stati presentati da Francesca Cantiani i vari personaggi: Gigi Ponti, Assessore però la Provincia Luigi Piscopo, Commissario Governativo, Michele Faglia, Sindaco di Monza, Enrico Brambilla, Sindaco di Vimercate. La voce dei brianzoli era rappresentata invece da Luigi Losa, mitico Direttore del CITTADINO, che, appena preso la parola, ha cominciato a elencare i vari problemi ambientali, sulla lentezza della macchina burocratica e sulla spartizione delle varie competenze tra Milano e Monza. Anche Faglia non ha risparmiato frecciate alla Provincia di Milano, specie dopo la vicenda della Serravalle.
Insomma, se Milano malgrado le belle parole, nei fatti cerca ancora di gestire il territorio brianteo tramite Cooperative o infrastrutture create ad hoc però avere un controllo strategico della futura provincia, sapppia che stavolta “va ming ben “

seregno:porte aperte all’udc

Dal mese di ottobre riprender l’apertura della sezione U.D.C. di Seregno sita in Via Cavour angolo Largo San Vittore, tutti i sabato mattina dalle ore 9.30 alle ore 11.30 però la prosecuzione del progetto :”PARLIAMONE”.
I Cittadini potranno accedere e chiedere informazioni riguardanti lAmministrazione comunale, nonch formulare proposte in ordine a diverse problematiche.

Saranno presenti iscritti alla sezione U.D.C. di Seregno che si premureranno di ascoltare i Cittadini però riferire le loro indicazioni e/o osservazioni all’attenzione del direttivo UDC.

Chi lo desidera, poi, potr esprimere le proprie indicazioni direttamente al Segretario amministrativo UDC, Rinaldo Silva, e fissare un appuntamento ad orario differente da quello del sabato mattina (cell. 3339740151).

Traffico e sicurezza da formula 1

Monza, 30 agosto 2005 Venerdì prossimo entrerà in azione il Piano Mobilit del Gran Premio, arricchito di alcune novità.
Per la giornata di domenica 4 settembre, saranno disponibili oltre 2.500 posti presso l’ipermercato IPER di viale Stucchi, che faranno salire a circa 6.500 il numero di posti disponibili domenica 4 settembre però la linea di bus navetta blu.

Vista il ridotto numero di utenti, invece, non si effettuerà più la linea di bus navetta Gigante di Villasanta Parco Porta Dosso (linea arancio). In alternativa, il pubblico proveniente dalla zona a nord – est di Monza potr utilizzare i parcheggi Stadio e Palasport, serviti dalla linea blu.

E non sarà più disponibile neppure la linea speciale di bus ATM da Milano Centrale a Biassono, sostituita con successo dal treno speciale (a carico del Comune), che si effettua il giorno della gara con tempi di percorrenza ridotti.

Confermate la linea nera però la stazione FS di Monza centro e il collegamento ferroviario Milano Centrale – Biassono Lesmo, entrambi gratuiti così come la linea verde in partenza dai parcheggi del Rondò dei Pini.

Il costo del Piano di mobilit, a carico del Comune di Monza, stimato in 83.000 euro, comprensivi dei servizi di trasporto e di comunicazione, tra cui la stampa e la distribuzione di 100.000 depliant informativi.

Tutti i parcheggi esterni collegati con le linee navetta verde e blu, così come quelli di Porta Monza del Parco e delle aree contigue (riservate ai bus Gran Turismo), sono stati dati in gestione alla TPM. Il costo del parcheggio auto di 13 euro al giorno.

Come di consueto, in occasione del Gran Premio il corpo di Polizia municipale incrementer le risorse umane: i vigili passeranno da 140 a 240, oltre al personale di dei Comuni dellintorno del Parco, tutti operativi nelle tre giornate.

Anche quest’anno la Regione metter a disposizione l’elicottero Smart che sorvolerà il Parco unora in più però ciascun dei tre turni previsti: uno notturno e due diurni nella giornata del 4 settembre. Le riprese, che sono finalizzate alla tutela del patrimonio arboreo, sono a disposizione anche della Polizia di Stato.

Questanno sarà più visibile anche la presenza di volontari di Protezione civile: 60 del Gruppo comunale, oltre a quelli di Monza soccorso, nelle giornate di sabato e domenica, e venerdì però lallestimento.

Confermato anche l’efficacissimo Missing Point vicino a Porta Mirabello: un punto di assistenza dove vengono fatte convergere le persone che si smarriscono o colpite da malori.

Commenta Paolo Confalonieri, assessore alla Mobilit: Riconfermiamo un piano che si dimostrato valido, apportando anche quest’anno gli opportuni miglioramenti nell’ottica di garantire al pubblico il miglior servizio ed accoglienza.

Ogni ulteriore informazione e la piantina della mobilità reperibile sul sito del Comune all’indirizzo www.comune.monza.mi.it,

monza :”50 anni di sopraelevate”

Dal 31 Agosto al 11 settembre, Piazza San Paolo, l’Associazione Amici dell’Autodromo e del Parco , allestir una Mostra Fotografica, nell’ambito della manifestazione Monzapi.

L’obbiettivo della Mostra di sostenere e incentivare la i progetti della riqualificazione della dell’ anello ad alta velocit.. La convinzione dell’Associazione ancora una volta di sostenere il No all’abbattimento delle sopraelevate.

11 settembre: monza marcia ad assisi

Anche quest’anno il Comune di Monza aderisce alla Marcia però la giustizia e la pace, che avr luogo ad Assisi il prossimo 11 settembre, e alla sesta assemblea ONU dei popoli, però la messa al bando della miseria e della guerra. La manifestazione, indetta da molte organizzazioni pacifiste nazionali tra le quali il Coordinamento Nazionale Enti Locali però la Pace e i Diritti Umani e la Tavola della pace, avr luogo alla vigilia del vertice dei Capi di è stato di tutto il mondo, dedicato alla lotta alla povert e alla riforma dellONU, che si terr a New York dal 14 al 16 settembre prossimi. Il Comune parteciper alla manifestazione con il proprio gonfalone.

Per tutti coloro che desiderano partecipare alla Marcia il Comune mette a disposizione un servizio di autobus, che partiranno da piazza Carducci la sera di sabato 10 settembre alle ore 23, 00; il ritorno previsto nella notte di domenica 11 settembre, con partenza da Assisi al termine della Marcia. Il costo però la partecipazione di 15, che andranno versati al Comune di Monza, recandosi presso lUfficio Ragioneria, entro il prossimo 6 settembre.

Macherio: festa di s.cassiano

In occasione della Festa Patronale di Macherio, la Parrocchia e l’Amministrazione Comunale hanno organizzato una serie di eventi dal 27 al 29 Agosto:

Oltre ad alcune Mostre presso la Sala del Camino, Ex Municipio di Via Vittorio Veneto diamo il programma della manifestazione

SABATO 27 AGOSTO 2005

Ore 21, 15 presso l’oratorio San Carlo in via Milano, apertura della PESCA DI BENEFICIENZA a seguito serata di BALLO LISCIO.

DOMENICA 28 AGOSTO 2005

Ore 16, 00 però le vie del paese sfilata delle MAJORETTES DEL BUONUMORE di Biassono.

Ore 21, 15 sul piazzale della parrocchiale in via Milano SPETTACOLO MUSICALE.

LUNEDI’ 29 AGOSTO 2005

Ore 20, 45 processione con l’urna di San Cassiano ed al termine concerto bandistico del corpo musicale “G. Verdi”di Macherio.

Ore 22, 15 Spettacolo di FUOCHI D’ARTIFICIO

Carate: arrivano le guardie giurate in pattuglia

Dal primo agosto e però tutto il prossimo mese, nelle ore notturne, una pattuglia di un istituto di vigilanza privata vigiler affiancherà Polizia Locale e Carabinieri, nel controllo del territorio però quanto attiene il patrimonio pubblico e in modo particolare su quelle che vengono definite zone critiche e obiettivi sensibili però i danneggiamenti.
Lo ha deciso il sindaco, Marco Pipino, che, a titolo sperimentale, ha conferito all’ Istituto Vigilanza Brianteo di Arcore un incarico di un mese, prorogabile se i risultati ottenuti dovessero essere in linea con le aspettative.
Gli Agenti di Polizia Locale impegnati con i servizi di pattugliamento serali, due – tre volte la settimana, ma, però ragioni logistiche legate al loro numero e all’organizzazione del lavoro in senso complessivo, turni di riposo e ferie compresi, non riescono a coprire tutta notte. Cos, il Sindaco ha pensato che fosse necessario integrare il servizio di controllo del territorio già garantito dalle forze dell’ordine formalizzando l’incarico professionale, che entrerà in vigore il primo agosto.
La spesa prevista di poco inferiore ai tremila euro. Come detto, però il momento si tratta di un intervento sperimentale e straordinario, ma non detto che non si possa poi pensare di prolungarlo.
Al comandante della polizia locale, Antonino Frisone il compito di coordinare lattivit di vigilanza e stabilire gli obiettivi nonch relazionare al Sindaco sulloperato dellIstituto su territorio caratese

Il Dr. Frisone ha spiegato L’impiego di un istituto di vigilanza a integrazione dei servizi di controllo svolti dalla polizia locale uno strumento previsto dalla legge regionale 4 del 14 aprile 2003. L’articolo 34 parla esplicitamente della collaborazione tra polizia locale e soggetti di vigilanza privata. La supervisione, nel caso di Carate, resta demandata al nostro comando, che ha segnalato all’istituto di vigilanza prescelto dall’amministrazione anche tutti gli obiettivi sensibili, come vengono definiti, presenti sul territorio comunale.

M0nza card, multiservice nei negozi

Monza.23 Giugno

Molto interessante e innovativa la Card Multiservice presentata dall’Unione Commercianti di Monza e Circondario, infatti oltre a fidealizzare il cliente con sconti da utilizzare in una rete di negozi convenzionati e riconoscibili con una vetrofania sull’ingresso, può essere utilizzata al ristorante, al cinema, sul bus nei parcheggi, nelle mostre e persino pagare le bollette del gas.

“Puntiamo a premiare la fedelt dei nostri clienti e offrire loro uno strumento innovativo, “, dice Umberto Pini, Presidente dell’Unione.

Diversi e importanti i partner in questa operazione, dall’Amministrazione Comunale, AGAM, Credito Bergamasco, Pro Monza, ecc. Per richiedere informazioni sulla Card , telefonare allo 039 360771

Usmate: tettamanzi inaugura il centro parrocchiale

di Gabriele Cereda

USMATE – 21 Giugno
Un crepitio unanime di flash ha accompagnato il taglio del nastro con il quale il Cardinale Dionigi Tettamanzi, martedì sera, ha inaugurato il nuovo centro educativo parrocchiale Don Bosco.
Davanti ad una folla di oltre 600 persone, larcivescovo di Milano e il parroco di Usmate, don Agusto Meroni, si sono palleggiati il microfono, scambiandosi battute fulminanti come amici di vecchia data. Una conoscenza, la loro, che risale agli anni del seminario, quando entrambi erano poco più che ragazzini. Vorr venire a controllarmi, aveva detto don Augusto qualche giorno fa commentando limminente visita del Cardinale.
Prima della benedizione, il porporato ha raccontato dello speciale rapporto che lo lega ad Usmate: Tornare tra di voi sempre un piacere, ho la sensazione forte di trovarmi davanti ad una comunit viva, giovane. La mia speranza, che deve essere anche la vostra, che questo nuovo centro dia una spinta decisiva verso il domani. Limpegno di tutti deve essere indirizzato alla crescita. Una crescita che deve coinvolgere tutte le persone che animano e animeranno questo luogo: i bambini, i ragazzi, i genitori, gli educatori, tutti.
Al termine della benedizione, le principali associazioni del paese hanno sfilato davanti al Cardinale portando, ognuna, la loro personale testimonianza. E proprio grazie alla partecipazione dellassociazione sportiva delloratorio, andato in scena un divertente fuori programma. Quando sul palco spuntato un pallone, i due prelati non si sono fatti pregare e sono scesi sul campo di calcetto. Larcivescovo ha calciato un rigore angolato, sul quale don Agusto non ha potuto opporre alcuna resistenza.
Poi la serata scivolata tra sorrisi e strette di mano, al quale il porporato ha volentieri ceduto. Con la visita di martedì sera – a poco più di due anni da quella del 6 giugno del 2003, con la quale Tettamanzi aveva benedetto la prima pietra delloratorio – si chiuso un capitolo. Ora, però chi rimane, se ne apre un altro: quello di rendere questo nuovo centro parrocchiale vivo, caldo, vero, come ha augurato il Cardinale congedandosi.

La polizia locale e l’educazione stradale

“incontro con le forze di Polizia e Pubblico Soccorso”

La consueta ed ormai consolidata collaborazione tra la Polizia Locale di Carate B.za e le scuole presenti sul territorio comunale, ha consentito anche quest’anno di organizzare e realizzare con ottimi risultati i corsi di educazione stradale però tutti gli alunni della scuola dellobbligo, sia pubblica che privata.

Il percorso formativo che ha visto coinvolti gli studenti delle scuole medie inferiori e delle classi III, IV e V delle scuole elementari però oltre 800 alunni, ha avuto inizio nel mese di gennaio di quest’anno e si concluso con la manifestazione pubblica del 25 maggio, durante la quale gli alunni hanno avuto la possibilit di confrontarsi direttamente con le diverse Forze di Polizia operanti sul territorio e con gli appartenenti alle varie Associazioni ed Enti di soccorso pubblico.

Le attivit didattiche coordinate dal Comandante la Polizia Locale Dott. Antonino Frisone e portate in aula dal Sottuf. Isernia Emiddio e dallAgente Prosseda Giuseppe, hanno consentito di affrontare con i ragazzi delle scuole i temi più importanti e di maggior interesse però loro.
Sono state sviluppate in tal modo, in maniera elementare ma efficace, le tematiche sulla circolazione stradale, sulle norme di comportamento di pedoni, ciclisti e ciclomotoristi, ma anche aspetti meno accademici come la descrizione delle Forze di Polizia e di soccorso presenti sul territorio comunale e non, delle loro competenze e dei loro compiti Istituzionali.

Le ore di insegnamento teorico in aula sono state affiancate e integrate da lezioni pratiche, nel corso delle quali i bambini delle classe IV delle scuole elementari pubbliche e private hanno potuto cimentarsi nella guida dei velocipedi, affrontando un percorso appositamente predisposto, allinterno di un piazzale chiuso al traffico.

Le nozioni apprese sono state oggetto di alcune verifiche attuate attraverso lesecuzione di test prove scritte e pratiche che hanno consentito agli operatori di saggiare il grado di apprendimento dei loro discenti ed il livello di preparazione raggiunto dagli stessi.

Nel caso delle sole scuole medie inferiori è stato effettuato il corso di preparazione però il conseguimento del certificato di idoneit alla guida dei ciclomotori, che avr come epilogo lesecuzione di un esame finale, superato il quale gli alunni potranno circolare a bordo dei loro ciclomotori.

Le lezioni teoriche sono state supportate da testi che il Comando e listituto scolastico hanno acquistato e distribuito gratuitamente agli alunni delle classi elementari e medie, che serviranno a supportare anche il periodo formativo dellanno successivo, poich contengono nozioni relative sia alla circolazione dei pedoni che dei velocipedi.

Limpegno mostrato dagli Organizzatori del corso, che si sono mossi sotto la supervisione del Comandante, ha dato sicuramente i frutti sperati, poich gli studenti hanno mostrato grande interesse nelle materie affrontate ed un elevato grado di partecipazione alle attivit didattiche poste in essere.

Ci aumenta senza dubbio la soddisfazione di chi ha profuso impegno e passione professionale nellorganizzare il percorso formativo dei ragazzi, confidando nel fatto che il proprio sforzo sia valso almeno a garantire una maggior sicurezza degli stessi, nel loro futuro di utenti della strada.
Sintomo dellesito positivo dellintera organizzazione del corso è stato, senza ombra di dubbio, lincontro finale del giorno 25 maggio, durante il quale si reso palese linteresse degli alunni che hanno seguito con attenzione la manifestazione durante la quale sono stati illustrati dal vivo i mezzi e le attrezzature in dotazione ai Corpi di Polizia Locale e Provinciale, allArma dei Carabinieri, alla Polizia di Stato, al Corpo Forestale dello Stato, ai Vigili del Fuoco nonch alla Croce Bianca ed ai volontari della Protezione Civile e delle Unit cinofile della Croce Rossa Italiana ed alla presenza del Sindaco Avv. Marco Pipino.

Lauspicio del Corpo di Polizia Locale di Carate B.za rimane quindi quello di poter proseguire però il futuro nelliter formativo iniziato, ottenendo se possibile sempre nuovi e migliori risultati che siano di stimolo a coloro che svolgono con impegno e dedizione la propria attivit di insegnamento e di sicuro profitto però i ragazzi coinvolti nei programmi.

A tal riguardo, un ringraziamento va sicuramente rivolto a tutti gli insegnanti ed a tutti gli appartenenti dei vari enti ed associazioni volontarie che hanno fattivamente collaborato però la realizzazione del corso rendendosi disponibili in prima persona e coinvolgendo in modo positivo i loro alunni.