85° Formula 1 Gran Premio d’Italia Angelo Sticchi Damiani

85° Formula 1 Gran Premio d’Italia Antonio Rossi

Fuori GP 2014 intervista al Pres. Prov. Monza Brinza Dario Allevi

UP AND GO VESTE L’INGRESSO DELL’AUTODROMO NAZIONALE MONZA

A pochi giorni dal più atteso evento motoristico, il tempio della velocità monzese cambia faccia sin dal suo ingresso.

Villasanta, 04 settembre 2014. In occasione del Gran Premio di Formula 1 sportivi, appassionati e spettatori varcheranno la “nuova porta” dell’Autodromo monzese. Ad attenderli una scenografia dal forte impatto comunicativo che ben si contestualizza nel recente rinnovamento di gestione del polo motoristico più importante d’Italia. Si tratta di un’istallazione che ben evidenzia l’identità della struttura e che riconferma, sin dal suo ingresso, la valenza e il ruolo di primo ordine del circuito per le più importanti manifestazioni sportive. Una nuova cornice dunque per il viale alberato che conduce nel cuore dell’impianto che nel prossimo fine settimana sarà varcato da migliaia di ospiti. L’istallazione temporary richiama i colori storici del marchio monzese conosciuto nel mondo. A realizzare il progetto è stata la società Up and Go di Villasanta, leader nel settore degli allestimenti e partner di numerosi brand importanti, che con i suoi architetti e designer ha sviluppato l’idea proponendone l’innovativa soluzione e avvalendosi di materiali e tecnologie di ultima generazione. Stupire l’ospite sin dall’ingresso, far cogliere la maestosità di un luogo che ha visto passare i più grandi sportivi di tutto il mondo: questo l’obiettivo dell’operazione realizzata in tempi da record per arrivare puntuali all’appuntamento con la Formula Uno di questo fine settimana. “Abbiamo studiato e messo a punto un layout che esprimesse a pieno l’identità di Autodromo Nazionale Monza – spiega Andrea Rossetto, responsabile commerciale di Up and Go – per noi è un grande orgoglio aver creato un adeguato supporto scenico ad una struttura di questo calibro che merita di mostrarsi al mondo in tutto la sua importanza anche attraverso un’immagine chiara, giovane, dal grande impatto scenografico. Auspichiamo che questo moderno ingresso possa diventare simbolo di buon auspicio per un rinnovato successo del circuito più conosciuto al mondo: una nuova porta, per un nuovo Autodromo”.

COMPLETATO IL RESTAURO DELLA VILLA REALE DI MONZA

Cerimonia di fine lavori per questo primo caso in Italia di project financing al servizio di una realtà culturale pubblica

Attilio Maria Navarra, Nuova Villa Reale Monza Spa, “Orgogliosi di poter restituire, in tutta la sua originaria bellezza, alla comunità monzese e al Paese, nei tempi previsti e nel pieno rispetto del piano di investimenti, il capolavoro del Piermarini. Grazie alla piena collaborazione tra pubblico e privato, l’Italia torna a riappropriarsi non solo di un insigne monumento, carico di memoria storica e di qualità artistica, ma soprattutto di un luogo vivo e vitale pensato per promuovere attività ed eventi culturali e sociali”.

 La Villa Reale di Monza torna al suo antico splendore. Si sono conclusi nei giorni scorsi i lavori di restauro curati da Nuova Villa Reale Monza Spa, società controllata da Italiana Costruzioni Spa, e partecipata da Malegori Comm. Erminio Srl e Na.Gest. Global Service Srl.

Il bando di Infrastrutture Lombarde (Regione Lombardia) per la progettazione, restauro e gestione della villa rappresenta il primo caso di project financing di una realtà culturale pubblica. L’intervento è stato reso possibile grazie anche al contributo di Arcus Spa, società per lo sviluppo dell’arte, della cultura e dello spettacolo.

In poco più di due anni quasi un centinaio fra operai e restauratori hanno lavorato nel corpo centrale della reggia, una struttura di 10 mila mq per oltre 40 stanze, 3.500 mq di superficie, 2.000 mq di parquet, 800 mq di superfici lapidee e 1.200 metri di impianti.

Alla cerimonia di fine lavori di restauro hanno preso parte, fra gli altri, Caterina Bon Valsassina, direttore regionale per la Lombardia del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Roberto Maroni, presidente della Regione Lombardia, Roberto Scanagatti, sindaco di Monza e presidente del Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, Attilio Maria Navarra, amministratore delegato di Nuova Villa Reale Monza Spa e presidente di Italiana Costruzioni Spa.

I lavori, iniziati a marzo 2012, hanno interessato il piano terra (interventi sulle pareti e componenti lignee, consolidamento delle strutture), il primo piano nobile (consolidamento del cornicione del Salone delle Feste, restauro della Sala Bianca) e Il Belvedere (consolidamento e messa in sicurezza). I lavori più corposi hanno riguardato il secondo piano nobile. Sono stati realizzati interventi di consolidamento, pulitura, messa in sicurezza, integrazione pittorica e delle parti mancanti su volte, parquet e apparati lignei. Restaurati anche lo scalone d’onore e la facciata della reggia.

Entro fine agosto saranno conclusi i collaudi tecnici e a settembre il complesso architettonico del Piermarini sarà aperto al pubblico.

Per i prossimi 20 anni Nuova Villa Reale Monza Spa si occuperà della gestione degli spazi della reggia con il supporto di un comitato scientifico, composto da professionisti di spicco nel mondo dell’arte, della cultura e dell’informazione, e di un comitato di vigilanza e controllo che garantirà la qualità e l’efficienza della gestione. Nuova Villa Reale Monza Spa sarà affiancata da società di lunga esperienza nel ramo culturale-museale (Triennale di Milano), della ristorazione (F&Degroup di Marcello Forti) e degli eventi (Vision Plus).

E’ una grande soddisfazione – ha dichiarato il Sindaco di Monza e presidente del Consorzio Villa Reale e Parco di Monza - vedere come i lavori appena conclusi abbiano riportato al suo antico splendore uno dei gioielli più preziosi della nostra città e del suo territorio. Un bene che arricchisce il patrimonio dell’Italia, a pochi mesi da Expo, e che presto, da settembre, sarà a disposizione di tutti i cittadini. Intendo proporre, in accordo con il concessionario, un periodo di apertura straordinaria al pubblico della Villa Reale e una serie di iniziative per far arrivare il più lontano possibile il messaggio che un bene di eccezionale valore è tornato sulla scena del ricco panorama culturale italiano. E’ stato svolto un ottimo lavoro e di questo dobbiamo essere grati agli architetti, ai tecnici, agli operai e ai restauratori che si sono impegnati con passione e competenza. Desidero inoltre ringraziare tutti i membri del Consorzio per la proficua attività svolta in questi due anni: sempre in stretto e costruttivo rapporto con Nuova Villa Reale Monza, credo di poter dire che siamo riusciti a collaborare per promuovere e sostenere le migliori soluzioni per un uso pubblico e di gran qualità degli spazi appena restaurati. La scelta dei soggetti che in diversi modi avranno il compito di gestire gli spazi recuperati, testimonia della volontà di valorizzare la villa quale museo di se’ e come luogo che si candida a ospitare mostre ed eventi di livello internazionale, a partire dall’esposizione permanente sul design in collaborazione con Triennale Milano. Tutto ciò in vista di Expo 2015 e con l’ambizione dichiarata di voler mettere in moto un volano economico a vantaggio di tutto il territorio”.

Siamo molto soddisfatti – ha commentato Attilio Maria Navarra, amministratore delegato di Nuova Villa Reale Monza Spa e presidente di Italiana Costruzioni Spa – del lavoro svolto dai nostri professionisti nell’arco di questi due anni. La reggia di Monza è finalmente tornata a risplendere e fra qualche mese, dopo aver portato a termine i necessari collaudi, potremo restituirla ai monzesi e, più in generale, agli italiani. Siamo contenti di aver partecipato attivamente a questo primo caso di gestione mista del patrimonio culturale pubblico che preservi la fruizione da parte dei cittadini e lo mantenga nel tempo con una gestione imprenditoriale. Vorrei ringraziare in modo particolare le istituzioni locali e tutti gli attori coinvolti in quest’opera per la loro preziosa collaborazione. Anche se può sembrare scontato voglio ribadire con l’occasione che la villa è e resta dei brianzoli e sarà sempre a disposizione della comunità”.

 

BRIANZA ROCK FESTIVAL 27-29 Giugno


INGRESSO GRATUITO

Il Gran Premio della Musica si corre in Autodromo!

Torna Brianza Rock Festival in una location dal fascino e dalla fama internazionale, l’Autodromo Nazionale di Monza.
Quest’anno l’Associazione Monza Brianza Eventi ha scelto di sostenere il Progetto Slancio.

Per la 5° edizione si è puntato ad un cast con grandissimi ospiti, a rappresentare la volontà di Associazione MonzaBrianzaEventi di far compiere il salto di qualità alla manifestazione ed ai contenuti che promuove, va sottolineata la presenza nella nell’unica data italiana dei LACUNA COIL.

A scaldare i motori del #BRF2014, Venerdì 27 giugno, il concerto di un cittadino della bellissima Monza, come ama definirsiMORGAN, che è anche il testimonial del BRF2014, difatti l’istrionico artista monzese ha prestato voce e brano per lo spot che nei prossimi giorni andrà in onda su Virgin Radio.

Inoltre Morgan presenzierà alla conferenza stampa del 12 Giugno e al Vernissage di Rock’n Art la mostra pittorica che come ogni anno compone i tanti eventi collegati al Brianza Rock Festival.

Apriranno l’edizione 2014 del Brianza Rock Festival le band emergenti del territorio provinciali, con l’ormai rodato Rockin’the School il contest musicale del BRF.

Sabato 28 giugno sono attesi di passaggio in Europa dal trionfale tour mondiale i LACUNA COIL, band milanese portabandiera della musica Rock Italiana nel mondo. 
I The Elements giovane band emergente brianzola, e la band bresciana l’INVASIONE DEGLI OMINI VERDI, le band di spalla.
Nel pomeriggio è prevista la seconda giornata di selezione di Rockin’the School.

Anche quest’anno saranno presenti gli stand del mercatino degli hobbisti, a loro si uniranno, grazie al Patrocinio e l’organizzazione di Camera di Commercio di Monza e Brianza e di Unione Artigiani Monza e Brianza, i mercatini dei produttoriagroalimentari KmO e degli artigiani che ci faranno riscoprire i mestieri che hanno reso famoso il territorio monzese.

Domenica 29 nella giornata conclusiva la band PLAN DE FUGA aprirà il concerto dei Cunesi MARLENE KUNTZ storico gruppo alternative Rock del panorama musicale italiano
Fin dalla mattina sarà possibile visitare il mercatino degli Hobbisti e quello Organizzato dalla Camera di Commercio e da Unione Artigiani.
Nel pomeriggio ultimi concerti di Rockin’the School, dove saranno sanciti i vincitori del contest, che tra i premi previsti potranno esibirsi come gruppo si supporto ai Marlene Kuntz.

Inoltre dal 14 giugno al 30 sarà possibile visitare la Mostra pittorica Rock’n Art che si terrà a Villa San Pietro a Monza, sede del Progetto Slancio.

La pioggia non ha smorzato la vitalità del Festival dello Sport

Bisogna risalire a una dozzina d’anni fa per trovare una domenica del Festival disturbata dalla pioggia. Ma questo è solo un elemento della cronaca di un’edizione che è da ritenersi, in ogni caso, lusinghiera. Come tutte quelle che l’hanno preceduta – 38 – ha rappresentato una vetrina unica su un palcoscenico esclusivo per decine di società sportive e associazioni culturali e sociali che operano a Monza e in Brianza. Protagonista di assoluto rilievo, come ovvio, la pista sulla quale si sono avvicendate ruote di ogni diametro possibile: ciclismo, motociclismo, automobilismo e pattini a rotelle.

Sono infatti ormai parte inscindibile della manifestazione la gara ciclistica regionale elite under 23 promossa dal Pedale Monzese: 25 giri del circuito per la Medaglia d’oro Città di Monza e il Trofeo Angelo Schiatti. Così come la 19^ edizione della pattinata turistica che, organizzata da Rollercup, è il più grande evento dell’anno per gli appassionati dell’online.

foto feliciavideoreporter

Grazie ad un raduno organizzato da sei Ferrari Club lombardi abbiamo ammirato 110 splendide vetture di Maranello che sul rettilineo della tribuna centrale hanno espresso il loro affetto per Schumacher formando la scritta GO MICHAEL.(foto Ferrari Federico Vertemati ).  Altrettanta ammirazione per una quarantina di motociclette Motom; questa industria milanese rimase sulla scena solo 25 anni (1945-1970) ma è passata alla storia per cinque record mondiali di velocità stabiliti nell’aprile del 1958 proprio sulla pista di Monza. Appuntamenti ormai fissi, e sempre ben partecipati, anche altri raduni: “dei Longobardi”,promosso dalla  Federazione Motociclistica Italiana, delle auto e moto storiche grazie al MAMS e al Moto Club Monza. Fra i 54 momenti di ampio interesse che hanno caratterizzato questo Festival spiccano, grazie all’Astro Roller Skating, la gara internazionale “Rollercup Battle Run”

(sfide su pattini in linea), il torneo di calcio per atleti con disabilità intellettiva organizzato da Arcobaleno Down, il quadrangolare di calcio femminile della Fiammamonza, il torneo di scherma promosso da Brianzascherma (dove si è cimentato anche il presidente dell’ A.C. ChievoVerona Luca Campedelli), il minigolf e la tradizionale mostra di foto e dipinti allestita dal Cenacolo Poeti e Artisti di Monza. Tra le migliaia di visitatori il sindaco Roberto Scanagatti con il consigliere allo Sport del comune di Monza Silvano Appiani, il presidente regionale del Coni Pierluigi Marzorati e il mitico pilota aerostatico Piero Porati. Un’edizione dunque alquanto soddisfacente che il presidente dell’USSMB Pietro Mazzo e il suo consiglio direttivo hanno già passato alla Storia: da domani, con la preziosa collaborazione del delegato provinciale del Coni Enrico Radaelli, si pensa infatti già all’edizione del 2015, la quarantesima che vuole essere un successo.

Gianmaria Italia
Monza, 16 giugno 2014

Col progetto ‘La Nuova Agora’ ‘ Cesano vince il bando della Fondazione della Comunita’ Monza e Brianza

“La Nuova Agorá”: un progetto per coltivare sia il territorio che le relazioni di comunità - Sono la cooperativa sociale Solaris Lavoro Ambiente in veste di capofila, l’Amministrazione Comunale di Cesano in qualità di attore istituzionale e il Gruppo di Acquisto Solidale “ConSenso” in qualità di ente partner, i soggetti coinvolti nel progetto “La nuova Agorà” risultato vincitore del bando emblematico 2014 della Fondazione della Comunità Monza e Brianza.

Al loro fianco, per costituire la rete di sostegno alla gestione del progetto e di supporto alle singole azioni di intervento, le associazioni Sacra Famiglia, Noi per Cesano, Coltiviamo Cesano, il Nodo nell’Albero, la Cooperativa Le Stelle e infine la scuola Agraria L. Castiglioni di Limbiate.

La notizia della vincita del bando è arrivata con lettera dello scorso 17 aprile, con la quale la Fondazione della Comunità Monza e Brianza ha ufficializzato alla Cooperativa Solaris che “La Nuova Agorà” era risultato tra i progetti meritori del contributo previsto dal bando per un ammontare di € 100.000,00, pari al 100% della richiesta avanzata.

 

Gli obiettivi del progetto - L’obiettivo del progetto è quello di promuovere e favorire l’aggregazione sociale, la solidarietà tra gli individui, la cura dell’ambiente vissuto, lo scambio del sapere tra generazioni, il riavvicinamento alla terra ed alla cultura agricola.

Da qui il nome del progetto “La nuova Agorà”, ossia la nuova piazza, intesa quale punto nodale di ritrovo e di convergenza etica e sociale di un collettività, per lo scambio di conoscenze ed esperienze.

Il progetto fonda infatti le sue basi sulle esigenze sempre crescenti delle nostre comunità, dettati anche dalle attuali condizioni socio economiche, di riallacciare legami di solidarietà e ricomporre fratture sociali e intergenerazionali.

In altri termini, sulla necessità di trovare spazi comuni fruibili, per trasformare i “non luoghi urbani” in luoghi invece vivi, aperti e partecipati. Oltre che – in pari misura – sulla necessità di tutelare l’ambiente, di creare percorsi di sostenibilità e di porsi come soggetti attivi all’interno del proprio contesto verde di riferimento.

 

La sviluppo de “La Nuova Agorá” - Teatro ed emblema di questo progetto saranno alcune piazze verdi di Cesano Maderno: il parco Collodi innanzitutto, che già rappresenta ciò che può essere realizzato ed operato attraverso la partecipazione attiva dei cittadini nella cura del bene pubblico, e l’orto condiviso, sempre del quartiere Sacra Famiglia, dove sono in atto importanti interventi di riqualificazione atti a renderlo luogo di incontro e scambio.

Ma non solo: anche altre iniziative toccheranno aree verdi cittadine attualmente abbandonate, degradate o inutilizzate, così da riqualificarle e valorizzarle grazie alla collaborazione degli studenti delle scuole primarie, secondarie e superiori.

Il progetto spazierà poi per abbracciare altri luoghi urbani, le piazze di Cesano,  attraverso interventi volti a diffondere l’iniziativa in modo trasversale su tutto il territorio.

 

Per raggiungere queste finalità il progetto “La Nuova Agorá” si articola in una serie di azioni collegate tra loro, che saranno distribuite nell’arco temporale di un biennio così da trovare un’attuazione progressiva tale da consentirne la sedimentate nel tessuto sociale del territorio, per diventarne parte integrante.