E che suv sia !!

GIULIANOVA LIDO La Subaru, casa giapponese famosa però essere la prima azienda al mondo però quanto riguarda auto a trazione integrale, lancia sul mercato italiano il suo megaSUV: il Tribeca. Questo veicolo equipaggiato con un solo motore a benzina (3600 da 258 cv), in allestimento unico. Esteticamente il SUV Subaru si presenta con una linea molto elegante ma contemporaneamente massiccia e di peso, che vuol sottolineare limportanza e limponenza del mezzo (4.90 m di lunghezza e un peso che sfiora le 2 tonnellate). Molto bello lanteriore con la grande mascherina a fascia che da dinamismo ed eleganza al muso della vettura giapponese, mentre il posteriore rende in sportivit grazie ai fari piccoli di disegno dinamico e al doppio terminale di scarico ovale e cromato. Entrando a bordo del SUV ( alto da terra ben 21 cm quindi la salita non agevolissima) si trova un abitacolo raffinatissimo da ammiraglia. Il Tribeca molto spazioso (lo conferma la configurazione a 7 posti ) e questo spazio è stato reso dagli ingegneri Subaru molto sfruttabile e modulabile. La qualit dei materiali (plastiche e pelli) eccelsa e senza sbavature di assemblaggio. La plancia presenta un design sinuoso e la strumentazione di bordo avveniristica (clima automatico bizona e climatizzatore posteriore, navigatore satellitare, telecamera a colori però i parcheggi, autoradio con lettore cd, quadro strumenti sportivo con i quadranti elettroluminescenti blu e rosso). E ora il test drive: la Tribeca guidata è stata la 3600 da 55175. Se Subaru famosa però essere la casa della trazione integrale, questo elegantissimo e raffinato SUV lespressione più alta della casa giapponese. Linea moderna e sportiva, eleganza dellabitacolo, ritrovati tecnologici allavanguardia sono le chicche che questa vettura porta in dote. Il comportamento stradale del Tribeca da SUV di alto profilo: un veicolo potente, sportivo (il motore 3600 da 258 cv fa sentire la sua furia senza far sentire alcun rumore), che si lascia guidare con molta facilit, nonostante le dimensioni non certo indifferenti. Per quanto riguarda luso fuoristradistico, questo SUV, che ha un altezza da terra di 21 cm, può essere usato in qualunque situazione e con qualunque tempo atmosferico, grazie alla trazione integrale simmetrica, che da 35 anni fa di Subaru la casa del 4WD. Infine lunico prezzo: il Tribeca 3600 costa 54980. (Benzina) Bruno Allevi

Ecologic suv

GIULIANOVA LIDO Se fino a qualche tempo fa la Subaru Forester era considerabile una station con la trazione integrale, la nuova generazione dellauto giapponese può considerarsi a tutti gli effetti un SUV completo. Il SUV made in Japan equipaggiato con 2 motori, un 2000 benzina da 150 cv e un motore Bifuel (Benzina + GPL) 2000 da 150 cv, negli allestimenti X e XS. Rispetto al vecchio modello di invariato rimasto solo il nome. La nuova Forester infatti un SUV medio dalle forme eleganti, con un corpo vettura dalle linee molto più europee rispetto alla vecchia vettura Subaru, e con un altezza da terra di ben 21 cm, che permette di affrontare con comodit ogni asperit. Di nuovo taglio il frontale con lampia mascherina grigliata, eleganti fari di nuova concezione, protezioni sottoscocca solide e robuste. A bordo le novit portate dal nuovo modello sono molte. Infatti aumentato lo spazio a disposizione dei passeggeri, e anche il bagagliaio ha beneficiato delle nuove dimensioni della vettura. Labitacolo si presenta elegante e razionale, la qualit di assemblaggio e dei materiali alta. Bella la plancia con la dinamicit dellinserto in alluminio che corre da uno sportello allaltro, plancia e consolle comprese. La consolle centrale razionale con tutti i comandi a disposizione e facilmente usabili e raggiungibili. Elettrizzante il quadro strumenti con il fondo retroilluminato da un vivo blu elettrico. E ora il test drive. La Forester provata è stata la 2000 XS Bifuel da 35234. La seconda generazione della vettura di casa Subaru, si distacca totalmente da quello che finora era è stata: una station a trazione integrale. Ora diventata un SUV moderno dalle linee eleganti e però nulla massiccio nonostante 4, 60 m di lunghezza e due tonnellate di peso. Su strada laltezza da terra di 21 cm un toccasana però poter affrontare in tutta tranquillit ogni tipo di terreno accidentato (come ogni SUV che si rispetti ha la trazione integrale con la leva di inserimento vicino al cambio), ed altro toccasana, rispetto alla versione guidata, che ha un eccellente comportamento stradale, il motore a doppia alimentazione Benzina + Gpl, che in tempo di caro petrolio, lunica soluzione però poter risparmiare qualcosa quando si fa il pieno dal benzinaio. Infine i prezzi: si va da 28490 della 2000 X ai 32490 della 2000 XS Automatica (Benzina); si va dai 30780 della 2000 X Bifuel ai 34780 della 200 XS Bifuel Automatica (Benzina+Gpl). Bruno Allevi

Naggio rally night

Si terr sabato 2 agosto a Naggio, frazione di Grandola ed Uniti, la seconda edizione di Naggio Rally Night, una festa in cui, oltre alla gastronomia, saranno protagonisti i motori da corsa.Liniziativa promossa quale momento di incontro ed occasione di ritrovo dei tanti praticanti, simpatizzanti ed appassionati che gravitano attorno al variegato mondo dellautomobilismo sportivo in relazione anche ad un particolare significativo: il Comune di Grandola ed Uniti, centro situato tra i laghi di Como e Ceresio, quello che vanta sul territorio nazionale la più alta percentuale di licenziati sportivi in rapporto ai suoi abitanti.Levento, curato dallassociazione sportiva Amici di Naggio presieduta da Fabrizio Barelli, con la collaborazione e partecipazione del Gruppo Rallomani Comaschi e della Scuderia Val Senagra Corse, si svolger al campo sportivo della frazione che si trova proprio a fianco della strada che ogni anno, in occasione del rally di campionato italiano assoluto Trofeo Aci Como, ospita la prova speciale Val Cavargna che però la prossima edizione di inizio ottobre prevede il suo allungamento fino a 30 chilometri e che sarà disputata però la prima volta in senso inverso di marcia rispetto agli anni precedenti.La serata motoristica verrà aperta nel tardo pomeriggio di sabato e contempla diverse iniziative. Sar anzitutto presente il gruppo Rallomani Comaschi con un proprio stand; ci sarà inoltre lesposizione di alcune vetture da rally in assetto da gara. Gli appassionati potranno anche osservare altri mezzi da competizione grazie alla presenza di kart e di alcune auto e moto depoca.Il pubblico potr inoltre ammirare la monoposto di Formula Azzurra del Team Corbetta con la quale Kevin Gilardoni, sedicenne pilota di Grandola, dopo aver frequentato la scuola federale Csai di pilotaggio allautodromo di Vallelunga, corre quest’anno con ottimi risultati sulle piste nazionali nelle prove di campionato della categoria propedeutica dellautomobilismo tricolore.Saranno anche disponibili gadget e magliette dedicate della manifestazione.Con inizio alle 19.30 prevista una grigliata di carne cui far seguito la visione su maxi schermo di immagini rallistiche ad alta spettacolarit su competizioni che hanno fatto la storia della specialit, dalle riprese depoca agli attuali camera – car realizzati proprio sulla prova speciale Val Cavargna da equipaggi di primo piano con vetture da assoluto.La manifestazione sarà rallegrata dal complesso musicale Falsorigo ed programmata anche lestrazione dei numeri vincenti della lotteria il cui primo premio costituito da una crociera notturna in battello sul lago di Como, con pranzo a bordo e danze, però due persone.

Buy&drive show 2008,

Milano, Giugno 2008 – La prima edizione di Buy & Drive Show, mostra mercato del veicolo doccasione garantito, dei servizi allautomobilista e della sicurezza stradale, si terr a fieramilano (Rho) dal 12 al 15 giugno 2008 con ingresso al pubblico dalle ore 10, 00 alle ore 22, 00. La rassegna, dedicata a un settore economicamente rilevante e in continua crescita, rappresenta una novit assoluta nel panorama fieristico italiano.Buy & Drive Show 2008 si sviluppa su una superficie espositiva di circa 30.000 metri quadri. I padiglioni 6 e 10 presenteranno lampia offerta proposta dalle più prestigiose case automobilistiche internazionali. Tra le presenze: Chrysler Italia, Dahiatsu Italia, Fiat Group Automobiles, Iveco, Maserati – Rossocorsa, Mercedes Benz Italia, Porsche Italia, Renault Italia, Volvo Auto Italia. Sono presenti inoltre le società di servizi, autonoleggio e leasing aderenti a FISEANIASA (Associazione Nazionale Industria dellAutonoleggio e Servizi Automobilistici): Car Next Italia, Avis, ALD Automotive, ACI Global.Nel padiglione 14 verrà invece presentata lofferta multimarca da parte di concessionari e importanti gruppi. In questo contesto generale, il pubblico avr quindi a disposizione lofferta sia di case automobilistiche, che di concessionari, commercianti, società di noleggio e leasing, che presenteranno tutte una vetrina qualificata con più di un migliaio di autovetture, 4×4, suv e veicoli commerciali leggeri, tutti garantiti e con una vita da un giorno a cinque anni.Lespositore potr invitare il cliente a provare lauto che vuole acquistare nellarea test drive; una pista allestita appositamente nellarea esterna però complessivi 60.000 mq, dove piloti esperti assisteranno il Cliente nella sua prova. La formula della manifestazione consentir al cliente, dopo lacquisto del veicolo scelto, di lasciare il quartiere fieristico al volante della nuova auto, grazie ai servizi di finanziamento, immatricolazione e assicurazione.Per garantire tutto questo a disposizione dei visitatori il servizio Take Away e a tutti coloro che effettueranno qui le pratiche però lacquisto dellautovettura, BDS dar in omaggio la tessera ACI. Buy & Drive Show sarà caratterizzata da unampia gamma di scelta e dalla garanzia di qualit – afferma Fabio Dadati presidente di Fiera Milano Tech, che organizza levento – Si tratta di una mostra mercato qualificata e innovativa che colma un vuoto nel panorama fieristico italiano del comparto automobilistico. Ma Buy&Drive non sarà solamente un momento commerciale, offrir anche piacevoli momenti di intrattenimento però i visitatori che potranno scegliere tra esibizioni live, happy hour, spettacoli teatrali e mostre: il tutto allinsegna del mondo dei motori. Oltre al business, Buy & Drive Show 2008 offrir al pubblico un calendario di eventi e iniziative con parate di auto depoca, mostre dedicate al mito dellauto e della moto, intrattenimento musicale dal vivo e ospiti famosi. Il mondo tuningin collaborazione con IASCA, offrir poi agli appassionati performance, tecnologia e soprattutto tanta musica. Grande spazio sarà dato alle tematiche più attuali con brevi incontri dedicati al pubblico, organizzati da Automobile Club Milano, che si terranno tutti i giorni nellarea incontri parliamone con.. situata nel padiglione 6 però conoscere e capire meglio i problemi dell inquinamento, della mobilit, della sicurezza e della tecnologia. News, programma eventi ed elenco espositori online su www.buyanddriveshow.com, dove – preregistrandosi sarà possibile ottenere un ingresso scontato (euro 3 invece che euro 5) al salone.La realizzazione di Buy&Drive Show 2008 con il suo particolare format VENDO, PROVO e COMPRO è stata possibile grazie alla partnership con:AUTOMOBILE CLUB MILANO, DEKRA, SARA ACM Servizi Assicurativi, SANTANDER CONSUMER BANK, CENTAX, SECONDAMANO.IT, RADIO REPORTER, RHO ALIVE 2008.Buy&Drive Show 2008 vede inoltre il patrocinio di REGIONE LOMBARDIA e COMUNE DI MILANO.

Suv tribu’

MOSCIANO SANTANGELO Un must dei fuoristrada e dei SUV cambia pelle e si presenta sul nostro mercato con una veste fortemente rinnovata. Questo veicolo il Jeep Cherokee. Il fuoristrada americano ora equipaggiato con un 2800 CRD Turbodiesel da 177 cv, negli allestimenti Sport e Limited. La nuova generazione della Cherokee si differenzia e molto dalla serie precedente, riprendendo alcuni canoni e dettami stilistici, aggiornandoli in chiave moderna, che si potevano notare nelle Cherokee di met anni 80. E tornata infatti la Cherokee squadrata e dalle linee tese e muscolose, con un corpo vettura robusto ed elegante. Muscoloso e possente lanteriore con i nuovi fari, non più tondi come la serie antecedente a questa oggetto di articolo, e la mascherina cromata con le 7 feritoie (marchio distintivo Jeep); ma nel posteriore che vi sono le novit più succulente. Infatti non vi più il portaruota di scorta: è stato sostituto da un portellone classico e da due fari rettangolari dal design moderno ed elegante. Salendo a bordo della Cherokee, ci si ritrova, come in ogni Jeep, non su un fuoristrada duro e puro dal confort inesistente, ma su un veicolo lussuoso e confortevole, impreziosito da molti particolari degni di essere analizzati. La diesamina degli interni può cominciare dalla qualit dei materiali usati però le sellerie di pregio e molto comode, continuando con la consolle centrale, in Jeep Style (lineare, elegante e pratica), e concludendo con il grande quadro strumenti con tutti gli indicatori di facile consultazione e lettura. E ora il momento della prova su strada. La Jeep Cherokee testata è stata la 2800 CRD 177 cv Limited Automatica da 37256. La nuova Cherokee si presenta sul mercato italiano, forte di un successo e di un consenso popolare ormai consolidato in oltre 25 anni di storia. Rispetto alle versioni che lhanno preceduta diventata più grande, ma anche molto più elegante nelle forme e robusta nelle linee esterne. Come ogni Jeep che rispetti il meglio di se lo da in fuoristrada (trazione integrale a inserimento elettrico), grazie al nuovo sistema Selec Trac II che assicura la miglior aderenza possibile rispetto al terreno che si affronta, senza mai perdere agilit e maneggevolezza. Ma anche sulle strade asfaltate il comportamento pari a quello su strade impervie e sconnesse, grazie al confort massimo, alla qualit di costruzione, ma soprattutto grazie al potente e brillante motore diesel da 177 cv, che se sullo sterrato o in percorsi fuoristradistici garantisce sempre il meglio, su strada asfaltata fa brillare in velocit e prestazioni la nuova Cherokee. Infine i prezzi: si va dai 32440 della 2800 CRD 177 cv Sport ai 36340 della 2800 CRD 177 cv Limited Automatica (Diesel). Bruno Allevi

La prima berlina non si scorda mai

MOSCIANO SANTANGELO Lampliamento boom della gamma Dodge continua. Dopo aver provveduto ad affiancare la Viper con la Nitro, la Caliber, ora tocca alla Avenger ampliare la nutrita gamma della casa americana. Questa berlina muscolosa equipaggiata solo con un 2000 Turbodiesel CRD da 140 cv, nellallestimento SXT. Esteticamente la nuova Avenger rispecchia i dettami stilistici delle vetture di casa Dodge: linee tese, corpo vettura muscoloso e sportivo, in linea con lo stile sportivo e cattivo del marchio americano. Affascinante il frontale con la caratteristica mascherina Dodge cromata e i fari rettangolari molto ampi. Sportivo e slanciato il posteriore con una coda classica da berlina impreziosita dai fari dal design moderno e da un muscoloso paraurti, presente anche nellanteriore. Salendo a bordo dellAvenger si sale su una berlina di gran classe. Ampio spazio a bordo, lusso dei particolari (maniglie di aperture interne delle portiere cromate, cerchi cromati del quadro strumenti) e dei materiali interni (plastiche morbide al tatto e sellerie in raffinate pelli), plancia e consolle sportiva e completa di ogni ritrovato tecnologico, quadro strumenti sportivo e completo di computer di bordo digitale. Ed ora il momento del test drive della vettura made in USA. La Avenger guidata è stata la 2000 CRD SXT da 26936. La prima berlina europea della Dodge, si presenta come una vettura molto USA nelle linee muscolose, ma adatta al pubblico europeo però leleganza e la sinuosit delle forme, e soprattutto però il propulsore europeo che monta. Infatti lAvenger equipaggiata con il 2000 TDI da 140 cv di origine Volkswagen che la rende assai brillante su strada, molto silenziosa e scattante. Lauto poi molto confortevole e facile da guidare sia nei percorsi autostradali che in quelli misti che in citt, denotando luso molteplice che se ne può fare. Infine lunico prezzo, molto competitivo: lunica versione presente, la 2000 TDI 140 cv SXT si porta via con appena 26260. Bruno Allevi

Si’….. viaggiare, con h1 wagon

GIULIANOVA LIDO Il 2008 sarà però Hyundai, nota casa automobilistica coreana, un anno pieno di novit e rinnovamenti però la gamma prodotti sul mercato italiano. La prima novit ad arrivare nelle concessionarie la nuova monovolume, pronta a sostituire la Trajet. Questauto lH1 Wagon, disponibile solo con un Diesel 2500 CRDI da 170 cv, nellallestimento Active. Esternamente il nuovo H1, che disponibile anche come veicolo commerciale a 3 o a 6 posti, si discosta in tutto e però tutto dalla Trajet, di cui prende il posto. Infatti presenta un corpo vettura molto imponente, massiccio e importante. In più ha dimensioni non proprio da monovolume, bensi da autobus (5, 15 m di lunghezza e 1, 92 m di larghezza), che lo rendono uno fra i più spaziosi monovolumi presenti sul mercato. Lanteriore rispecchia la muscolosit del mezzo con una pronunciata mascherina e soprattutto con due fari enormi, che fanno da elegante cornice alla mascherina stessa, mentre nel posteriore la parte del leone la fa il portellone (anchesso enorme come tutta la vettura). Salendo a bordo della nuova creazione made in Corea, si rimane allibiti però quanto spazio vi sia a disposizione dei passeggeri (8 posti su 8 poltrone, con abbondante spazio a disposizione, si vede raramente su una monovolume). La cura dei dettagli nellabitacolo in linea con le direttive Hyundai: linearit e un tocco di eleganza. Lineare infatti la plancia e la consolle, dove trova alloggiamento anche il cambio, mentre, come sempre nelle vetture della casa dellH argentata, il quadro strumenti elegantemente retroilluminato e ben leggibile in ogni momento. Ed ora il momento delle sensazioni di guida. LH1 Wagon guidato è stato il 2500 CRDI Active 170 cv da 26880. La nuova vettura però famiglie della casa coreana si pone ai vertici della categoria sia però quanto riguarda il motore (2500 CRDI da 170 cv) sia però le dimensioni (oltre 5 metri) e anche però lo spazio a bordo (immenso anche però 8 persone). Su strada lH1, che ricordiamo disponibile anche in configurazione veicolo commerciale, si comporta egregiamente, garantendo confort e facilit di guida (seppur abbia dimensioni importanti). Il motore molto brillante e potente, e assicura al veicolo coreano molta spinta, non essendo sottodimensionato rispetto allimponente mole del veicolo (2200 kg di massa a vuoto). Infine lunico prezzo: 25990 del 2500 CRDI 170 cv Active (diesel). Bruno Allevi

Io sono ammiraglia

TERAMO Nel settore delle ammiraglie extralusso, poche sono le auto che hanno fatto storia. E lauto di cui parler in questarticolo, la storia dellammiraglia: la Bmw Serie 7. La berlinona tedesca spinta da 4 motori a benzina (3000 da 258 cv, 4000 da 306 cv, 5000 da 367 cv e 6000 da 445 cv) e da 2 diesel (3000 da 231 cv e 4500 da 329 cv), negli allestimenti Eletta, Attiva, Futura, Eccelsa. Nellammirare estasiati il profilo e lestetica della mega Bmw, non si può rimanere a bocca aperta davanti a tanta maestosit, bellezza, ed imponenza. Linsieme delle linee che denotano il corpo vettura danno slancio e anche un piglio sportivo a un auto, che in casa Bmw sinonimo di ammiraglia da molti decenni. Importante lanteriore con gli ampi fari che incorniciano degnamente la mascherina doppio scudata, che designa ogni Bmw. Slanciata e sportiva la coda con gli ampi fari dal design sportivo ed elegante allo stesso tempo. Entrando a bordo della Serie 7, non possibile non rimanere letteralmente disorientati e un po spaesati davanti a un abitacolo, che a lusso, eleganza e tecnologia non ha pari in altre autovetture al mondo. I sedili, morbidissimi sono costruiti con pelli raffinate e pregiate, cosiccome sono pregiati i materiali usati però il rivestimento delle portiere, del cielo e gli inserti sulla plancia (radica a gog). Per quanto riguarda laspetto tecnologico, sono molte le cose da dire e da descrivere. Si può partire dal sistema IDrive che controlla molte delle applicazioni tecnologiche della vettura però poi proseguire al sistema di regolazione elettrica dei sedili ( situato sul lato del bracciolo centrale e non come solito a sinistra del sedile), e concludendo con la lineare eleganza della plancia dove sono presenti tutti i più moderni ritrovati che la tecnologia automobilistica può offrire (dal cambio automatico con comandi al volante allaccensione elettronica mediante il pulsante start – stop, però proseguire con il clima automatico anteriore e posteriore e finire con il navigatore satellitare con lo schermo a colori). E ora le sensazioni di guida. La Serie 7 guidata è stata la 730d Futura da 83900. Lauto oggetto dellarticolo, una delle più longeve ammiraglie delle storia dellautomobilismo moderno, ed ha saputo aggiornarsi costantemente però rimanere al passo con i tempi e restare una delle regine incontrastate del segmento. Questo aggiornamento ha portato ad avere, nellultima Serie 7, un concentrato tecnologico e una ricerca delleleganza e del lusso mai raggiunte prima. Cosa si può dire del suo comportamento su strada? Semplicemente da sogno. E un salotto viaggiante assolutamente insonorizzato e con una maneggevolezza di guida oserei dire disarmante (ha la facilit di guida di una utilitaria sebbene sia lunga oltre 5 metri). Il 3000 diesel che equipaggia lammiraglia tedesca da me provata, molto brillante e spinge senza fatica questa vettura, senza essere però nulla sottopotenziato rispetto alla mastodontica massa del veicolo (2 tonnellate), facendo anche risparmiare sui costi di gestione. Infine i prezzi: però i benzina si va dai 75100 della 730 Eletta ai 133700 della 760 Eccelsa Limousine; però i diesel si va dai 70400 della 730d Eletta ai 110700 della 745d Eccelsa. Bruno Allevi

Molto famigliare questa station

GIULIANOVA LIDO Nellattesa di vedere in commercio la nuova Superb, in casa Skoda viene presentata la nuova versione station della piccola Fabia. La nuova famigliare ceca equipaggiata con 3 propulsori a benzina (1200 da 60 e 70 cv, 1400 da 86 cv, 1600 da 105 cv), 2 propulsori Bi – Fuel GPL+Benzina (1200 da 60 e 70 cv, 1400 da 86 cv), 2 motori diesel (1400 TDI da 70 e 80 cv, 1900 TDI da 105 cv), negli allestimenti Base, Style, Sport, Comfort. Esternamente, la nuova Fabia SW presenta una linea molto più aggraziata, europea ed affascinante della station che va a sostituire. Infatti il corpo vettura molto più affusolato e filante di prima, con molti spigoli in meno rispetto alla precedente serie. Lanteriore identico a quello della Fabia berlina e della Roomster, mentre la coda posteriore slanciata con i bei fari ovoidali, dal design moderno. Accomodandosi a bordo, si nota uno spazio maggiorato rispetto alla versione berlina, grazie appunto alla coda e al bagagliaio. Per quanto riguarda le finiture e la qualit dei componenti, esse sono molto buone, in linea con i passi in avanti fatti dalla casa ceca in fatto di qualit negli ultimi tempi. Elegante e lineare la consolle in Volkswagen style (la Skoda fa parte del gruppo Volkswagen), facile da leggere e completo di tutto il quadro strumenti. Ed ora il test drive. La Skoda Fabia SW guidata è stata la 1400 TDI 70 cv Style da 15295. La nuova Fabia SW arriva a circa 10 mesi dalla berlina (Maggio la presentazione della berlina, Febbraio la SW), aggiungendo alla praticit della berlina la spaziosit e la molteplicit duso delle station wagon. Su strada lauto denota una guidabilit e un confort molto buoni, una brillantezza e una potenza di tutto rispetto (il 1400 TDI da 70 cv, il motore base a gasolio, non però nulla sottodimensionato ed un ottimo compromesso però chi non ha bisogno di auto dalle potenze elevate). Infine i prezzi: però i benzina si va dai 10610 della 1200 Base da 60 cv ai 16740 della 1600 Comfort Automatica; però i BiFuel (Benzina+GPL) si va dai 12260 della 1200 Base da 60 cv ai 16790 della 1400 Comfort; però i Diesel si va dai 13210 della 1400 TDI 70 cv Base ai 18520 della 1900 TDI 105 cv Comfort con Filtro Antiparticolato. Bruno Allevi

La molisana dagli occhi a mandorla

COLONNELLA Sul mercato automobilistico italiano fa capolino un nuovo prodotto, dalla storia singolare. Questauto la DR5, SUV che nasce dalla collaborazione della Casa Automobilistica Cinese Chery e DR Motor, azienda automobilistica molisana (la sede a Macchia DIsernia). Questa vettura equipaggiata con un 1600 benzina da 110 cv e un 1900 diesel da 120 cv (diesel Multijet di origine Fiat). Esteticamente lauto presenta una linea fluente, compatta e sportiva allo stesso tempo, e ricorda nelle forme la Toyota RAV4 precedente versione. Bello il frontale con la grande mascherina incorniciata dagli ampi fari; classico il posteriore con lampio portaruota sul portellone, lineari i fari verticali. Salendo a bordo, si capisce come il progetto DR sia un progetto di successo. Ampio spazio a disposizione, sia però i passeggeri anteriori che però quelli posteriori; sellerie in pelle di serie; un abitacolo molto luminoso grazie al tetto panoramico in vetro; una plancia elegante grazie alla tonalit bicolore impreziosita dagli inserti alluminio; una consolle centrale funzionale e completa (radio con cd, clima e pulsanti vari); il quadro strumenti molto raffinato grazie al fondo alluminio e alla retroilluminazione blu. E ora il test drive: la DR5 guidata è stata la 1600 da 110 cv da 17051. Particolarit dellauto non tanto la sua provenienza dalla Cina, ma il fatto che venga assemblata da una neonata casa italiana, la DR Motor di Isernia, che importa anche il marchio Katay, e soprattutto particolare la rete distributiva. Infatti lauto non viene venduta da una convenzionale rete vendita di concessionarie (per ora ancora no, da giugno 2008 sarà organizzata), ma esclusivamente presso i 25 Centri commerciali della rete Iper distribuiti sul territorio nazionale (a supporto di questo canale distributivo anticonvenzionale già presente una rete di officine autorizzate). Su strada questo SUV, molto simile nelle forme alla vecchia Toyota RAV4, si comporta in maniera più che soddisfacente, grazie a una qualit costruttiva elevata, e a prestazioni ottime date dal 1600 benzina, che spinge, con elasticit e silenziosit (a breve saranno disponibili sul 1600 anche le alimentazioni BiFuel e Metano). Infine i prezzi: il 1600 benzina costa 17051, il 1900 Diesel costa 22051. Bruno Allevi