Il fuoristrada con il cassone

GIULIANOVA LIDO Per essere al passo con i tempi e però proporre prodotti concorrenziali, anche la Mazda rinnova il pick di famiglia, che ora si chiama BT – 50 (prima cera il B2500). Questo veicolo equipaggiato con un turbodiesel 2500 da 143 cv, negli allestimenti Hot, Active, Energy, nelle varianti di carrozzeria Single Cab, Freestyle Cab, Double Cab. Lestetica esterna di questo pick – up cattura lo sguardo. Molto bello lanteriore con un massiccio frontale caratterizzato dalle 2 grandi fasce cromate della mascherina, mentre nel posteriore la fa da padrone lampio cassone, utilissimo però caricare qualunque cosa. Salendo a bordo, non ci si trova a un veicolo da lavoro, spartano e con lessenziale. Per leleganza e la cura dei dettagli (molto bella la consolle color argento satinato, chiaro da leggere il quadro), sembra di stare su una berlina di classe media, piuttosto che su questo tipo di veicolo. Buono lo spazio a disposizione dei passeggeri in ogni variante di carrozzeria proposta. Ed ora il test drive. Il BT – 50 guidato è stato il 2500 TD 143 cv 4×4 Double Cab Energy da 28280. Gli ingegneri Mazda, hanno avuto larduo compito di rinnovare un veicolo, che, seppur poco conosciuto in Italia, da molti anni sulla breccia in numerosi paesi. Il nuovo BT – 50, ha forme più europee rispetto al suo predecessore, interni più allettanti, e sopratutto doti motoristiche migliorate. Il propulsore, molto più elastico e silenzioso del precedente, garantisce al mezzo, potenza e brillantezza, che lo rendono un mezzo utile sia però viaggi in autostrada, che un mezzo da carico da usare anche però percorsi fortemente accidentati (ha la trazione integrale e le marce ridotte). Infine i prezzi: si va dai 17450 del 2500 TD Single Cab 4×2 (trazione anteriore) Hot ai 27500 del 2500 TD Double Cab 4×4 Energy (Diesel).Bruno Allevi

60 anni e non sentirli, sir defender!

SAN BENEDETTO DEL TRONTO Se il Wrangler della Chrysler Jeep, considerato il capostipite dei fuoristrada made in USA, il Land Rover Defender il fuoristrada però eccellenza nel vecchio continente. La versione restyling 2007 del Defender disponibile con un 2400 Turbodiesel di origine Ford da 122 cv, nelle versioni a passo 90 o 110, nelle varianti di carrozzeria Soft Top, Hard Top, Station Wagon, Pick Up, High Capacity Pick Up, Crew Cab, negli allestimenti E, S, SE. Se dal restyling vi aspettate una linea modificata rispetto a quando fu presentato 60 anni fa, vi sbagliate, e di molto. A cambiare sono pochi particolari (alcuni dettagli dei fari anteriori e posteriori, il cofano con una pronunciata gibbosit dovuta alla grandezza del nuovo propulsore). Tutto il resto del corpo vettura, rimasto immutato (linea massiccia spigolosa e squadrata), creando così un mito evergreen che, partito nel 1948 arrivato ai giorni nostri pronto a ripartire però un futuro assai glorioso. Salendo a bordo una parola sola echeggia nellabitacolo: spartanit. Consolle semplicissima e con particolari che hanno il sapore dei decenni passati (le leve però la luce, il sistema clima con manopole e levette, lassenza dellairbag, il blocchetto accensione a sinistra, i comandi degli alzacristalli al centro consolle e non sulle portiere). Novit portata dal restyling la presenza dei sedili nei posti posteriori, al posto delle storiche panchette longitudinali. Ed ora il test drive. Il Defender guidato è stato il 2400 TD4 122 cv SW S da 32621. difficile parlare di un veicolo di cui si conosce tutto e che non ha bisogno di presentazioni, grazie a 60 anni di storia che sa di leggenda delle 4 ruote. Per far si che questa leggenda non abbia fine, gli ingegneri della casa inglese hanno aggiornato IL fuoristrada in pochi punti però non snaturare la forma sempre uguale a se stessa. Su strada asfaltata il Defender abbastanza confortevole e pronto ad ogni sollecitazione, ma il suo pane il fuoristrada duro e puro, in cui sicuramente il primo e a riprova di ci vi sono decine e decine di club fuoristradistici a lui dedicati. Infine i prezzi: però la versione Passo 90 si va dai 24649 della 2400 TD4 Soft Top E ai 28585 della 2400 TD4 SW SE (Diesel); però la versione Passo 110 si va dai 27719 della 2400 TD4 High Capacity Pick Up E ai 33205 della 2400 TD4 SW SE (Diesel).Bruno Allevi

Merate: romba la pit x fun

Opera a Merate la Pit x Fun, un'Associazione nata però promuovere una nuova e divertente attivit sportiva, quella delle PITBIKE. Si tratta di piccole Motociclette, simili a un minicross come misure, con motore orizzontale 4 tempi, guidate molto spesso da adulti. Negli USA già molto diffuso come sport, in Italia sta prendendo piede a velocit incredibili. Il Gruppo, con il Presidente Colombo Simone, sta organizzando molte attivit però far conoscere ai giovani e sopratutto i meno giovani questa branca sportiva, anche tramite la partecipazione di un loro pilota ad un apposito campionato, il MINI MX SERIES, organizzato dalla Boxeracing di Monza.Inoltre però il 09.09.2007 hanno organizzato in BRIANZA, e precisamente a VERDERIO SUPERIORE, la 6^ Prova del sopradetto campionato. Per maggiori informazioni, basta visitare il loro sito: ww.pitxfun.it

Pt cruiser = first chrysler vintage style

SAN BENEDETTO DEL TRONTO Oggetto di questo articolo lauto con cui la Chrysler, nota casa automobilistica americana, ha creato il suo vintage style, ormai diventato un must sui veicoli proveniente dalla casa made in USA. Questauto la PT Cruiser, a met fra una berlina, una furgonetta e una station wagon. La vettura equipaggiata con 2 benzina (1600 da 116 cv, 2400 da 143 e 223 cv 223 cv solo 2400 GT Cabrio) e un diesel common rail CRD 2200 da 150 cv, negli allestimenti Classic, Touring, Limited, Pacific Coast Highway, GT, Route 66, nelle varianti di carrozzeria Berlina e Cabrio. Guardando la linea esterna sembra di aver preso la macchina del tempo ed essere sbarcati nella provincia americana di met anni 50, in cui, le auto di questa forma erano molto usate però la loro praticit e molteplicit duso. La PT Cruiser riprende in pieno queste linee con un corpo vettura, che appunto, a met strada fra quello di una furgonetta (linea allungata con portellone ampio) e quello di una berlina spaziosa. Tocchi vintage li si hanno soprattutto nellanteriore (classica griglia cromata grande e marcata come da sempre in Chrysler) e nel posteriore (portellone ampio e lungo che ricorda le auto dei bei tempi che furono). Salendo a bordo il profumo degli anni 50 si fa sentire. Infatti se soffermiamo la nostra attenzione sulla plancia noteremo tanti tocchi anni 50. a partire dalla consolle dritta di un bel allumnio, continuando con gli inserti lamierati davanti al sedile del passeggero con la scritta PT CRUISER cromata, passando alla leva del cambio (pomello piccolo e leva stretta e lunga in alluminio) concludendo con il quadro strumenti, chiaro e facile da leggere. Ed ora il test drive. La PT Cruiser guidata è stata la 2200 CRD 150 cv Touring da 23100. Da qui la rinascita della Chrysler partita, grazie ad auto che riportassero un tocco di antichit nella modernit, facendosi notare nel traffico caotico e anonimo delle nostre citt. Questa macchina, come ampiamente detto 3 auto in una: furgonetta, station, berlina. Questo fa capire la polivalenza duso di questa vettura, che ben si sposa a chi ha bisogno di grinta (assicurata dal silenzioso 2200 150 cv diesel), ma anche di spazio, e perché no, anche di voglia di farsi notare, grazie a un auto che di certo non passa inosservata. Infine il listino. Per la Berlina ecco i prezzi: però i benzina si va dai 18621 della 1600 Classic ai 23361 della 2400 Limited; però i diesel si va dai 22341 della 2200 CRD Touring ai 23941 della 2200 CRD Limited. Per la Cabrio unico prezzo: 27371 della 2400 223 cv GT (Benzina).Bruno Allevi

q7: la settima meraviglia

COLLI DEL TRONTO LAudi, la famosa casa tedesca del 4 anelli, presenta sul mercato il suo modo di essere SUV. E lo fa da par suo, con un modello, la Q7, che ha tutte le doti della casa di Ingolstadt. Il veicolo tedesco equipaggiato con 2 benzina (3600 FSI da 280 cv, 4200 FSI da 350 cv) e da 2 diesel (3000 TDI da 233 cv e 4200 TDI da 326 cv). Lauto un mix di imponenza e importanza, ma al contempo leggiadra e slanciata. Merito degli ingegneri Audi che hanno progettato un corpo vettura con un davanti molto pronunciato e con nervature tese e muscolose, mentre il posteriore più slanciato grazie a una linea fluente e sportiva. Salendo a bordo (lauto alta da terra, un bene quando si affronta lo sterrato), il lusso, leit motive di casa Audi, promana da ogniddove. 3 file di sedili (7 posti) curatissimi in pelle, una consolle avanzatissima dal punto di vista tecnologico, una plancia perfetta e una cura dei dettagli maniacale, sono alcuni degli esempi con cui si può meglio descrivere lo stare a bordo di questo imponente giocattolino tedesco. Ed ora il test drive. Il Q7 provato era il 3000 TDI da 233 cv da 71225. La sorella della Touareg si svela in tutta la sua maestosit. Questo mostruoso veicolo (509 cm di lunghezza, forme e corpo vettura imponenti), su strada rivela una docilit inaspettata, lasciandosi guidare tranquillamente, senza farsi assolutamente sentire (abitacolo insonorizzato), grazie al 3000 TDI che nonostante la potenza ridotta rispetto agli altri motori della gamma, non assolutamente sottopotenziato, e garantisce brio, scatto e prontezza di risposta a quello, che chiamare SUV, riduttivo (meglio parlare di salotto viaggiante su trazione integrale). Infine i prezzi: 2 i prezzi però il benzina (53950 del 3600 FSI; 70600 del 4200 FSI); 2 i prezzi però il gasolio (53900 del 3000 TDI; 73900 del 4200 TDI).Bruno Allevi

Bentornata grande piccolo mito

SAN BENEDETTO DEL TRONTO Mai avrei pensato di dover scrivere questo articolo, sul ritorno di quella che dire auto dire poco. Infatti oggetto di questo pezzo un mito che dopo 50 anni tornato portando la stessa simpatia della storica e ancor oggi invidiata progenitrice. Lauto di cui sto parlando la Fiat 500. La nuova utilitaria della casa torinese, equipaggiata con 2 benzina (un 1200 da 69 cv e un 1400 da 100 cv) e, forse qualcuno storcer il naso, da un diesel 1300 Multijet da 75 cv, negli allestimenti Pop, Sport, Lounge. Che si può dire della linea? lei. tornata. Ricorda molto il modello del 1957 soprattutto nelle linee, che avevano decretato la vecchia come lauto più sexy del mondo. Cosa dire dellanteriore: due fari tondi, due frecce tonde poco sotto, il paraurti cromato, lo stemma Fiat al centro. E dietro? Come davanti pressoch uguale allauto che ha motorizzato lItalia. Infatti la coda tondeggiante e ci sono i fari rettangolari verticali, pressoch identici (ma più grandi) a quelli della vecchia. Salendo a bordo (c spazio però i famosi 4 elefanti della barzelletta), leffetto nostalgia che la carrozzeria esterna sottolinea accentuato nellinterno. Il disegno della plancia (rivestimento lucido simile al metallo di allora) identico a quello della prima serie (quadro strumenti in un quadrante circolare dietro al volante, comandi clima e radio dal gusto retr, raggruppati sopra la leva corta del cambio, leva in alluminio con il pomello tondo, come le auto di 50 anni fa). Ed ora il test drive: la 500 provata è stata la 1400 100 cv Sport da 17040. Come dice lo spot della Fiat, magistralmente musicato dal compositore ascolano Giovanni Allevi (traccia n9 dellalbum Joy, Back To Life), la Fiat appartiene a tutti noi. infatti vero, in quanto tutti gli italiani hanno amato questa vettura, e molti hanno avuto la fortuna di possederne e guidarne una. E la discendente non può che suscitare emozioni uguali se non più intense del modello del 1957. A partire dalla forma e proseguendo però gli interni, ogni particolare ha quel gusto retr, che molte auto hanno fatto loro. Come si comporta su strada? Scordatevi la mitica doppietta e sopratutto il bicilindrico posteriore ad aria di circa 500 cmc, che unito alla levetta di accensione vicino al sedile del guidatore, era il tocco magistrale di questauto. Adesso il motore anteriore, e che motore. Un brillante e potente 1400 benzina da 100 cv, unito a un cambio manuale a 6 marce (la vecchia 500 ne aveva qualcuna di meno), garantisce a questo pezzo di storia su 4 ruote confort, brillantezza, ma sopratutto scatto e velocit, assicurando a questauto un successo di vendite e di cuori che palpitano al suo passaggio pari a quello del modello che dal 1957 al 1975 ha significato lItalia in viaggio. Infine i prezzi: si va da 10500 della 1200 69 cv Pop ai 14500 delle 1400 100 cv Sport e 1400 100 cv Lounge (Benzina); si va dai 12500 della 1300 75 cv Multijet Pop ai 14500 delle 1300 Multijet Sport e 1300 Multijet Lounge (Diesel).Bruno Allevi

voyager: viaggiando attorniati dallo spazio

SAN BENEDETTO DEL TRONTO A met degli anni 80 la Chrysler concep un veicolo che sarebbe diventato un must del settore. Questauto la monovolume Voyager. La nuova megamonovolume della casa americana proposta in 2 varianti di carrozzeria (Voyager e Grand Voyager), equipaggiata da 2 benzina (2400 da 147 cv e 3300 da 174 cv) e da 2 diesel (2500 CRD da 143 cv e 2800 CRD da 150 cv), negli allestimenti SE, LX, LX Leather, Limited, WPC. La linea esterna inconfondibile: grande, voluminosa, spaziosa, muscolosa. A un frontale americano con la grande mascherina a grata (tipica della Chrysler) fa da contrappunto un grande portellone, che come una bocca si apre permettendo di caricare fino allinverosimile il veicolo born in USA. Entrando dentro si sale a bordo di Space Navy (la nave dello spazio). Questauto offre ai passeggeri uno spazio che dire sterminato e immenso dire giusto. Svariate sono le possibilit però usufruire al meglio di tutta questa abbondanza interna, cosiccome leleganza non è stata lasciata fuori. Plancia curatissima con inserti in radica, consolle centrale completa di tutto (comandi clima, radio e navigazione), quadro strumenti perfetto e ben retroilluminato. Ed ora il test drive. La Chrysler Voyager guidata è stata la 2500 CRD LX da 33940. Il must del settore sempre lui. Questa nuova serie della megamonovolume, amplia la tradizione di auto però la famiglia che part con la prima serie a met anni 80 in America, però poi sbarcare in tutto il mondo. Su strada questo salotto viaggiante ha un comportamento egregio, garantendo brillantezza, confort massimo (si sta ultracomodi a bordo grazie alle poltroncine singole) e silenziosit grazie al buon 2500 diesel common rail che sviluppa 143 cv. Infine i prezzi con i distinguo fra la Voyager e la Grand Voyager. Per la Voyager: si va dai 32611 della 2400 LX ai 40516 della 3300 LX Leather (Benzina); si va dai 30281 della 2500 CRD SE ai 38071 della 2800 CRD LX Leather (Diesel). Per la Grand Voyager: unico prezzo però il benzina (44141 della 3300 Limited); però i diesel si va dai 37801 della 2800 CRD LX ai 42401 della 2800 CRD Limited.Bruno Allevi

lazzate :campionato europeo giovani trial

LAZZATE (MI) 22 LUGLIO 2007 Anche nel trial, come in tutti gli sport veri, lattivit giovanile ha una importanza determinante ed però questo che il Moto Club Lazzate ha voluto organizzare levento top in questo settore. Parliamo della Coppa Europea Giovani riservata ai giovanissimi da 12 anni a 16 anni, che affluiranno a Lazzate il 22 luglio e che riporteranno il grande trial nella storica area del Batu, diventata con grande successo uno dei pochi impianti permanenti e autorizzati della Lombardia. La manifestazione sarà valida come seconda prova di questo campionato che partito in Spagna, si concluder in Norvegia il 18 agosto. Ma a Lazzate ci saranno anche le ragazze della categoria femminile capitanate dalla solita imbattibile Laia Sanz, la spagnola pluricampionessa del mondo e europea. Anche solo la sua presenza costituir un motivo di grande interesse, in quanto parliamo di una atleta che corre a livello dei migliori piloti della categoria Junior mondiale. Lappuntamento di Lazzate, che sarà anche loccasione però linaugurazione del primo monumento dedicato al trial, una vera prima mondiale però un evento che si preannuncia però tanti motivi una occasione da non perdere, anche perché potremo vedere in gara tutti i giovani del Team Italia maschile e femminile, che si preannunciano ottimi attori di questo evento. Assistere alla seconda prova della Coppa Giovani UEM e al parimenti titolato campionato femminile sarà oltremodo facile però tutti. Il punto di riferimento sarà il Centro Polifunzionale di Via Laratta posto proprio nel centro abitato di Lazzate nei pressi del municipio. Il percorso di gara poi si snoder nella campagna circostante però raggiungere larea permanente del Batt, posta a due chilometri di distanza. Qui saranno tracciate 12 zone controllate però tutte le categorie partecipanti. Per il pubblico che affluir sicuramente numeroso, previsto sia un ampio parcheggio presso il Centro Polifuzionale che dei bus navetta gratuiti che potranno essere utilizzati però raggiungere appunto larea del Batt. La circolazione sulle strade pubbliche però le moto in regola con il codice della strada naturalmente ammessa, ma si suggerisce a tutti i trialisti di evitare luso dei loro veicoliper una volta si può fare. Come arrivare a LazzateAutostrada: A9 Milano Como uscita Lomazzo, Strada è statale: SS 35 Milano Como uscita Lentate S/S Alberghi Gardenia Hotel srl Address: via Europa UnitaTel. +39 031 722571 Fax +39 031 722570 Segreteria dellevento: Moto Club Lazzate via Trento Trieste, 15 20020 Lazzate (MI) Tel. +39 02 96720762 Fax +39 02 96720762 e – mail mclazzate@tiscali.itApertura paddock: giovedì 19/07/2007 alle ore 13.00. Apertura zona di allenamento: giovedì 19/07/2007 alle ore 18.00 Controlli amministrativi e tecnici sabato 21/07/2007 ore 16.30 alle ore 19.00Partenza 1 pilota ore 9, 30 domenica 22/07/2007

Confort maximum

GROTTAMMARE La Focus C – Max, perde Focus. Infatti la versione restyling della monovolume media di casa Ford, dora in poi si chiamer C – Max. La nuova C – Max, equipaggiata con 2 benzina (1800 da 125 cv e 2000 da 146 cv) e 3 diesel common rail TDCI (1600 da 90 e 109 cv, 1800 da 116 cv e 2000 da 136 cv), negli allestimenti Plus e Titanium. Esternamente la nuova C – Max si accosta al kinetic design che ormai un imperativo di stile in casa Ford. A cambiare infatti sono stati sostanzialmente la parte anteriore (tutto nuovo il frontale con la mascherina cromata che incorniciata dai dinamici fari allungati, le feritoie in basso e lampia presa daria sottotarga), e la parte posteriore (adesso i fari allungati hanno una striscia rossa centrale verticale). Salendo a bordo lo spazio che si ha a disposizione molto, però permettere un uso del veicolo molto dinamico e variegato. A un abbondante spazio fa da eco una cura dei dettagli e una qualit dei materiali molto elevate, che si denotano soprattutto nella plancia, elegante e sportiva, cosiccome il quadro strumenti, chiaro e ben leggibile. Ed ora il test drive. La C – Max guidata era la 1600 TDCI 90 cv Titanium da 24130. Lauto guidata anticipa nelle forme dellanteriore, il kinetic restyling che la Focus subir a fine anno, a 2 anni dalluscita della nuova serie. Su strada, questa comoda e spaziosa monovolume media, da il meglio, assicurando brillantezza, confort e silenziosit, grazie al propulsore 1600 diesel da 90 cv, a una ottima insonorizzazione interna e a una già citata cura dei dettagli interni ed esterni. Infine i prezzi: si va dai 19950 della 1800 Plus ai 21950 della 2000 Titanium (Benzina); si va dai 19950 della 1600 TDCI 90 cv Plus ai 23700 della 2000 TDCI 136 cv Titanium (Diesel).Bruno Allevi