Oggi Renzi a Milano si confronta con i partner europei sul tema del lavoro

I fratelli Vela e la committenza d’Adda ad Arcore

IPSIA Monza al Raduno Nazionale Mobilità Elettrica Monza

Raduno Nazionale Mobilità Elettrica Monza

Monza; Partita l’era della mobilità elettrica in Italia

Il più grande raduno europeo di veicoli elettrici con la presenza di oltre 100 veicoli vecchi, nuovi e modelli innovativi non ancora in commercio

Monza;  si è  svolto presso il punto vendita Iper, La Grande I,  in via della Guerrina, il “Raduno Nazionale della  Mobilità Elettrica . Evento organizzato dai possessori privati dei veicoli elettrici, con il supporto organizzativo dall’associazione Class Onlus  all’interno del progetto “Green Land Mobility” – selezionato dall’Autorità per l’Energia e il Gas con deliberazione ARG/elt 96/11 – e sostenuto dal Ministero dell’Ambiente e dalla Regione Lombardia per incentivare la mobilità elettrica sul territorio nazionale. Tra gli obiettivi del progetto, al quale ha aderito entusiasticamente anche Iper, La grande I, decidendo di installare le stazioni di ricarica in tutti i suoi ipermercati, vi è quello di creare una rete di stazioni di ricarica veloce di stazioni di ricarica veloce a  supporto di una mobilità sempre più ecosostenibile.  Sono oltre un centinaio i veicoli elettrici  iscritti al Raduno, rappresentativi di tutte le marche e modelli presenti sul mercato; pertanto è possibile affermare, che l’evento del 21 settembre è il più grande Raduno autogestito mai organizzato in Europa. L’evento si è svolto nell’arco della giornata, con l’organizzazione di tappe di avvicinamento luogo del Raduno; corteo elettrico da Carvico – Osio Sotto, curato dell’Agenda21 Isola Dalmine e Zingonia, a Monza, il ritrovo di tutti i Birò e dei quadri cicli leggeri dalle 9.30 presso il Pala K di Cinisello. Nel percorso di avvicinamento dalle terre dell’est (Carvico-Osio) passaggio delle autovetture presso tre luoghi simbolici dell’Isola bergamasca: Convento di Baccanello, Castello Colleoni, Castello di Marne. Tante le novità: modelli d’epoca elettrici (a partire della Ford T 1929), veicoli degli anni 50 e 60 trasformati in elettrico e la presentazione di tutti i modelli in circolazione e di quelli che saranno messi in strada nei prossimi anni.

Con questa iniziativa  inaugurato il “Corridoio 5″ della mobilità elettrica. Finalmente si potrà percorrere il tragitto da Udine a Torino senza consumare nemmeno un litro di benzina. Dal 21 settembre partita l’era della mobilità elettrica in Italia.