Pres. Consiglio regionale premia EA7 Pallacanestro Olimpia Milano

Presidente del Consiglio regionale premia EA7 Pallacanestro Olimpia Milano
per il 26° titolo di Campione d’Italia

L’Aula del Consiglio regionale è un po’ come il vostro parquet di gioco: noi qui esprimiamo il valore della democrazia e della rappresentanza, un po’ come voi che con blocchi, pick and roll, rimbalzi e passaggi andate dritti a canestro”. Lo ha affermato, nel corso del suo discorso, il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Raffaele Cattaneo, in occasione della cerimonia di premiazione della EA7- Pallacanestro Olimpia Milano per il 26° titolo di Campione d’Italia, conseguito nella stagione 2013-2014. A prendere parte all’evento il Presidente della società sportiva, Flavio Portaluppi, accompagnato dalla squadra e dalla dirigenza, e il Presidente di Regione Lombardia, Roberto Maroni.

L’Olimpia non è ‘solo’ una squadra di pallacanestro – ha aggiunto il Presidente Raffaele Cattaneo – ma un patrimonio comune, il valore di una storia e una tradizione preziosa che, tra alti e bassi, non si è mai interrotta. Valore sportivo, naturalmente, nel gesto atletico, nella prestazione, nel risultato, nella capacità di lavorare in squadra. Valore sociale, nell’aggregare le persone, gli appassionati, noi innamorati di questo sport, e nell’essere punto di riferimento per tanti giovani praticanti, anche attraverso l’Armani junior”.

Da ultimo Cattaneo, citando una frase del campione Bill Russell - “Il basket è l’unico sport che tende al cielo. Per questo è una rivoluzione per chi è abituato a guardare sempre a terra” - ha sottolineato come il basket, e lo sport in generale, insegnano questo a tutti, anche a chi è seduto e lavora in questo luogo: ad alzare lo sguardo,  con lo sguardo attento al mondo, e a puntare dritti a canestro”.

Prof. Giorgio Grasso Critico d’Arte in visita alla Mostra di Paolo Polli

EXPO BRIANZA, SALA: FARE RETE È FATTORE DI SUCCESSO

EXPO BRIANZA, SALA: FARE RETE È FATTORE DI SUCCESSO
L’intervento del sottosegretario all’Expo e all’Internazionalizzazione delle imprese di Regione Lombardia Fabrizio Sala all’inaugurazione, oggi, di ‘Expo Brianza’.27-SET-2014 18:20

“Expo è la più grande
esposizione planetaria che abbiamo e che per i prossimi 20 anni
non solo non avremo in Italia ma nemmeno in Europa”
Lo ha detto il Sottosegretario alla Presidenza di Regione
Lombardia con delega all’Expo e all’internazionalizzazione delle
imprese Fabrizio Sala intervenendo alla cerimonia di apertura
della 34esima edizione di Expo Brianza.

I NUMERI DI EXPO BRIANZA – L’esposizione, che da quest’anno
accoglie i visitatori sotto una tensostruttura, ospita su una
superficie di 6.000 metri quadri 170 espositori, metà dei quali
provengono dai quattro comuni brianzoli che patrocinano la
manifestazione: Bovisio Masciago, Cesano Maderno, Limbiate e
Varedo.

I PROMOTORI – Expo Brianza è sostenuto da tre associazioni di
categoria e da quattro Comuni: ALA Limbiate – CNA Milano Monza
Brianza, Confcommercio Seveso, Unione Artigiani Bovisio
Masciago e Monza e Brianza, e i Comuni di Bovisio Masciago,
Cesano Maderno, Limbiate e Varedo. Dallo scorso anno altri 9
Comuni (Barlassina, Ceriano Laghetto, Cogliate, Lazzate, Lentate
sul Seveso, Meda, Misinto, Seveso, Solaro)hanno iniziato a
collaborare insieme in previsione di un futuro allargamento sul
territorio di Expo Brianza.

FARE RETE AUMENTA COMPETITIVITÀ – “Questi mesi di lavoro in
preparazione di Expo – ha proseguito il Sottosegretario Sala -
ci hanno insegnato che per vincere la sfida economica mondiale
dobbiamo impegnarci a collaborare, a fare rete, perché, al di là
dei singoli protagonisti di storie di successo, quando a vincere
è l’Italia si genera un positivo effetto di trascinamento di cui
tutti noi beneficiamo”.

A MONZA VERTICE CON RESPONSABILI PADIGLIONI EXPO – “Mercoledì
prossimo in Villa Reale a Monza – ha anticipato Sala – è stato
organizzato un meeting di lavoro con i commissari di padiglione
di Expo che rappresentano diversi Paesi, ciascuno dei quali
investirà dai 5 ai 60 milioni di euro sul sito, fino ad arrivare
al totale stimato di circa un miliardo di euro”.

LAVORARE PER IL DOPO EXPO – “Il tema di Expo – ha spiegato Sala
-  è avvincente: l’alimentazione, la sostenibilità, la
vivibilità, l’acqua, l’energia, sono temi in cima alle agende
dei principali Paesi del mondo. Quando si aprirà l’Esposizione,
noi dobbiamo essere in grado di offrire ma anche di ricevere:
far conoscere le nostre eccellenze sarà il nostro biglietto da
visita virtuale che ci consentirà di lavorare nel mondo anche
dopo Expo”.

LE SFIDE DA VINCERE – “Noi abbiamo due sfide” ha detto con forza
Sala. “La prima è – ha chiarito – organizzare la visita di tutte
le scuole all’interno del sito Expo, ci lavoreremo nei prossimi
giorni”. “La seconda, la più importante – ha proseguito Sala – è
quella di portare le eccellenze dei territori  della Lombardia
all’interno dello spazio che la Regione avrà in Expo, 160 metri
quadri collocati in posizione felicissima perché al centro tra
cardo e decumano, quindi un luogo da cui passeranno tutti i
visitatori”.

SUPERARE LA CRISI – Tornando alla manifestazione inaugurata oggi
il Sottosegretario Sala ha sottolineato che “Expo Brianza
dimostra che anche in un momento di grave crisi c’è la voglia e
l’impegno di artigiani e imprenditori per stare insieme, fare
rete, senza lasciarsi condizionare dai numeri negativi
dell’economia con la forza per cambiarli, volgendoli in
positivo. Questa è la grande opportunità che Expo Brianza
offre”.

TRADIZIONE FATTORE DI SUCCESSO – “La ricchezza della Lombardia,
in particolare della Brianza – ha concluso Sala – è la
tradizione. E questo vale anche per il commercio: bisogna che
l’impegno delle istituzioni si concentri su azioni volte a
favorire lo sviluppo di quell’humus che è tipicamente nostro,
fatto di negozi nei centri storici dei paesi, di rapporti umani
e di presenze commerciali che animano e valorizzano luoghi in
cui si respira spesso anche arte e cultura”. (Ln)

CICLISMO, MARONI E ROSSI PRESENTANO ‘TRITTICO’

ASSESSORE: NAZIONALE PER MONDIALI NASCERÀ SU TRAGUARDO VARESE

MARONI: LIETI DI SOSTENERE IL TRITTICO LOMBARDO

(Ln – Milano, 10 set) “Chiedo alla Rai di ripensare il proprio
palinsesto e mostrare ai tanti appassionati di ciclismo non solo
la ’94ª Tre Valli Varesine’, ma anche la ’68ª Coppa Ugo
Agostoni’ e la ’96ª Coppa Bernocchi’”. Così l’assessore allo
Sport e Politiche per i giovani Antonio Rossi alla presentazione
del ‘Trittico Regione Lombardia’ al Belvedere di Palazzo
Lombardia.

NAZIONALE PER I MONDIALI CONVOCATA A FINE TRITTICO – “Il
‘Trittico’ – ha sottolineato l’assessore Rossi – è una
manifestazione importante, con tre tracciati impegnativi che
tornano a essere gare premondiali”. “Al termine della ‘Tre Valli
Varesine’ che arriverà giovedì 18 a Varese – ha aggiunto – il
commissario tecnico del Ciclismo su strada Davide Cassani
diramerà l’elenco dei convocati per i mondiali di Ponferrada, in
Spagna, proprio come amava fare il compianto Alfredo Martini”.
La ‘Bernocchi’, invece, aprirà il ‘Trittico’ martedì 16 con il
traguardo a Legnano mentre, mercoledì 17, sarà Lissone a vivere
l’atto finale della ‘Agostoni’.

NOSTRA TERRA HA TANTI APPASSIONATI – “Il ciclismo – ha detto
l’assessore Rossi – è uno sport con tanti appassionati e tutta
la settimana abbiamo pensionati che girano per la nostra bella
Lombardia in bicicletta”. “A loro, sabato e domenica – ha
continuato – si aggiungono tanti appassionati, ragazzi e anche
molte donne, che lavorano ma che, appena possibile, prendono la
loro bicicletta e si tengono in allenamento”.

CICLISMO SPORT VIVO – “Regione Lombardia – ha concluso
l’assessore Rossi – è al fianco del ‘Trittico’ e delle società
che organizzano le tre competizioni che sono un ulteriore segno
del fatto che il ciclismo è vivo e, per me che sono di Lecco, ha
una sua grande casa al Ghisallo con il museo dedicato a questo
sport di fatica e passione”. (Ln)