I RAGAZZI DEL CO.DE.BRI. ON AIR SU CROSSRADIO RACCONTANO UN VIAGGIO INTORNO AL MONDO

Protagonisti i giovani del Servizio Formazione all’Autonomia

I ragazzi del Servizio Formazione all’Autonomia (S.F.A.) del Co.De.Bri. sono i protagonisti di un interessante progetto che, una volta al mese, li trasforma in speaker della web radio Crossradio.

Affiancati dagli operatori del Consorzio Desio-Brianza e da due esperte in tecniche del suono dell’Hub di Desio, i ragazzi registreranno ogni mese, fino all’inizio dell’estate, una puntata della trasmissione “Un viaggio condiviso”, che affronta curiosità storiche, geografiche, gastronomiche e culturali di stati di continenti diversi.

Tra microfoni, mixer e cuffie, vincendo timidezza e paure, i protagonisti di questo viaggio condiviso si mettono in gioco per regalare un volo con la fantasia che, oltre ad intrattenere piacevolmente gli ascoltatori, si prefigge lo scopo di trasformare il loro impegno in una risorsa e di far vedere con i loro occhi e grazie alla loro voce la realtà di paesi diversi dal nostro.

Questo progetto, in collaborazione con l’Hub di Desio, è inserito nel modulo delle attività educative del progetto S.F.A., con le quali ragazzi “speciali”  si mettono in gioco diventando risorse sul territorio visibili e apprezzate.

Per chiunque fosse interessato a viaggiare con i ragazzi del Co.De.Bri. è possibile ascoltare le puntate registrate sul sito di Crossradio:www.crossradio.it

 

UCID MB, Expo 2015 una straordinaria occasione di incontro, di solidarietà e di sviluppo

GAL: Ginnastica Artistica femminile – Seconda prova di Campionato Regionale di Categoria ALLIEVE

Domenica 30 Marzo 2014 al palazzetto dello sport di Arcore le ginnaste della GAL Lissone, accompagnate da Anna Sassone, Claudia Ferrè e Elisabetta Preziosa sono scese in campo gara per contendersi i titoli regionali della seconda prova del campionato di categoria Allieve.

Per la GAL Lissone si son presentate nella prima parte della giornata le più piccole, nella categoria L1, Gaia Villa, Sara Pagani e Valentina Roccia, facendo registrare  un costante miglioramento su tutti gli attrezzi.

La classifica generale ha dunque premiato con un ottimo 5° posto Valentina Roccia, 7° posto Gaia Villa e 12° posto a Sara Pagani, risultati molto soddisfacenti in virtù della giovanissima età, per tutte loro la soddisfazione anche per la conquista dell’accesso alla finale nazionale in programma il prossimo 11 Maggio a Biella.

 

Nella seconda parte della Domenica, si son presentate per la GAL LISSONE Simona Marinelli, Sofia Arosio e Chiara Rocca.

Simona Marinelli impegnata nella categoria L2 e nella difesa del titolo conquistato nella precedente gara ha però dovuto pagare eccessivamente una sbavatura al volteggio che nella classifica finale purtroppo la penalizza. In virtù dell’ottima esecuzione su tutti gli altri attrezzi, in particolare alle parallele e alla trave dove non ha rivali di pari livello, riesce comunque a recuperare e a salire sul secondo gradino del podio. Il 2° posto in classifica generale di Simona Marinelli lascia ben sperare per la finale nazionale.

Sofia Arosio e Chiara Rocca impegnate nella categoria L3/L4 hanno concluso la giornata regalando nuove emozioni e soddisfazioni.

Chiara, in linea con tutte le atlete GAL ha fatto registrare una crescita atletica costante e promettente mentre Sofia Arosio, forte della vittoria nella precedente prova, ha pagato il peso della responsabilità, così l’emozione ha giocato qualche piccolo scherzo portandola comunque sul terzo gradino del podio, conquistandosi dunque meritatamente la partecipazione alla finale nazionale.

SOFIA AROSIO ha comunque fatto registrare il miglior punteggio assoluto nelle due prove regionali conquistando dunque di diritto il TITOLO DI CAMPIONESSA REGIONALE 2014

 

Tutte le ginnaste della GAL Lissone hanno conquistato l’accesso alla finale nazionale di Biella del prossimo 11 Maggio 2014.

MOIOLIPRESS

Gal Lissone: gara sociale della GAL Lissone

Si è svolta Sabato 22 marzo presso la palestra San Mauro di Lissone la consueta gara sociale della GAL Lissone riservata alle molte ginnaste iscritte ai corsi di Ginnastica Ritmica di Monza presso il collegio Bianconi sia di Lissone presso la palestra di Santa Margherita.

La giornata ha registrato un record assoluto di presenze che è andato a pari passo con l’entusiasmo di amici, parenti e genitori delle piccole atlete in pedana.

Gli applausi raccolti dalle 70 ginnaste in gara hanno accompagnato ogni esercizio svolto per la prima volta davanti al grande pubblico.

 

 

 

 

 

 

 

Classifiche:

 

Classifica 1° Livello       materna 1 e 2 elementare

1^ Cabras Asia

2^ Chiapperini Vittoria

3^ Busnelli Sofia

 

Classifica 2° Livello     3 4 5 elementare

1^Florea Stefania

2^ Molteni Kimberly

3^ Gennaro Luisa

 

Classifica 3° Livello       medie

1^ Fumagalli Sofia

2^ Galassi Veronica

3^ Avola Sharon

Gal Lissone: ELISA MENEGHINI SUPERSTAR A JESOLO

Elisa Meneghini protagonista assoluta dietro solamente alle americane nel recente 7° Trofeo Città di Jesolo – Concorso a squadre ed individuale senior.

Visibilmente soddisfatto Roberto Meloni, presidente della GAL Lissone ha dichiarato:”

Le conferme ormai si sprecano, oggi dopo Vanessa Ferrari è Elisa Meneghini la ginnasta italiana al top delle classifiche, sabato a Jesolo l’ennesima prova di carattere che l’ha portata ad essere la prima delle italiane dietro alle “superstar” americane. Prova di orgoglio da parte di tutte le ginnaste nazionali, con Ferrari a riposo in vista della gara di Coppa del Mondo aTokio, e Ferlito ferma per un problema fisico, è toccato ad Erika Fasana e Elisa Meneghini pilotare le azzurre alla conquista di una piazza d’onore straordinaria, davanti a Giappone,Australia e Romania.

Domenica altra grande prova di Elisa che, nelle finali di specialità, con il punteggio di 14,200 conquista alla trave una medaglia d’argento e al corpo libero per soli 30 millesimi quella di bronzo, esercizi di alto spessore tecnico che gratificano il lavoro dei tecnici a Lissone, ancora una volta la trave ha dato il risultato più importante ribadendo la bontà di una scuola Ferrè ormai riconosciuta in tutta Italia e non.

La Gal Lissone non può che gioire delle grandi atlete che da tempo sono protagoniste della ginnastica italiana, ed oggi appare sempre più felice la scelta di tornare alle origini, nella nostra Lissone, nella palestra che, pur non essendo delle migliori come attrezzature, ha da sempre forgiato ginnaste di alto livello, il pollaio è in festa un’altra super”gallina” è nel firmamento della ginnastica!!”

Sabato 22 e domenica 23 marzo 2014, la XXII Giornata Fai di Primavera aprirà al pubblico 750 beni in tutta Italia.

. È il momento dell’anno in cui il FAI – Fondo Ambiente Italiano incontra gli italiani,
offrendo scenari meravigliosi e sorprendenti abitualmente non accessibili al pubblico.
Come accade da qualche anno è prevista l’apertura sia di beni con ingresso a contributo libero, per tutti coloro che, pur non essendo iscritti al FAI, desiderano scoprire la ricchezza del nostro patrimonio, sia di beni ad ingresso dedicato agli iscritti FAI. Per tutti, la possibilità di iscriversi al FAI presso i beni durante gli orari di apertura al pubblico.

La Delegazione FAI di Monza quest’anno aprirà al pubblico due beni suggestivi nel territorio di Monza:

Il Parco di Monza: Ville e Cascine
Il Percorso all’interno del Parco si snoda, parendo da Cascina Fontana, tra Villa Mirabello, Villa Mirabellino.
La proposta di mostrare al pubblico uno dei possibili percorsi all’interno del Parco di Monza nasce dall’idea di raccontare in sintesi la nascita del Parco così come voluto da Eugenio di Beauharnais e progettato dall’architetto Luigi Canonica.

Villa Torneamento – Monza
Villa Torneamento è un edificio del Settecento, al confine tra Monza e Muggiò, inserita in un ampio parco paesaggistico, cinto da mura merlate di gusto neomedievale, con quattro torrette cilindriche, di foggia castellana, tanto da essere soprannominata “Il castello” dai monzesi.

Anche quest’anno verranno coinvolti gli studenti di alcuni istituti cittadini. La scelta di coinvolgere istituti scolastici è dettata dalla volontà della Delegazione, in accordo con le direttive nazionali del FAI, di appassionare sempre di più le giovani generazioni alle tematiche di tutela dei beni storico-artistici e paesaggistici, cuore delle attività del FAI, organizzando anche attività di educazione al Patrimonio.

La Delegazione di Monza si avvarrà della collaborazione di gruppi studenti dell’istituto Leone Dehon e del Collegio Villoresi di Monza, nella veste di Apprendisti Ciceroni®: saranno gli stessi allievi delle scuole a guidare i visitatori attraverso percorsi che esaltano le caratteristiche storiche e artistiche degli edifici che quotidianamente li accolgono nelle attività di studio e formazione.

Il Parco di Monza tra Villa Mirabello e Villa Mirabellino
Viale Mirabellino- Monza
Sabato 22, ore 10.00 – 17.00; Domenica 23, ore 10.00 – 17.00
Ingresso a contributo libero
Corsie preferenziali per iscritti al FAI; possibilità di iscriversi in loco
Visite guidate
Apprendisti Ciceroni: Istituto Leone Dehon e Collegio Villoresi
Villa Torneamento
Via Della Taccona 16 – Monza
Sabato 22, ore 10.00 – 17.00; Domenica 23, ore 10.00 – 17.00
Ingresso a contributo libero
Corsie preferenziali per iscritti al FAI; possibilità di iscriversi in loco
Visite guidate
Con il Patrocinio della Regione Lombardia, della Provincia di Monza e Brianza, del Comune di Monza.

A SEREGNO L’ITALIA CHE CORRE

«La Cento Chilometri di Seregno – Trofeo Italsilva» assegnerà il titolo di campione italiano di 100km su strada. Gli atleti saranno impegnati sullo stesso percorso del campionato mondiale del 2012

L’Italia corre a Seregno. Cento chilometri in poco meno di sette ore per vincere il campionato italiano. È questo l’obiettivo degli iscritti de «La Cento Chilometri di Seregno Trofeo Italsilva» in programma domenica 30 marzo, sesta edizione «moderna» dopo quelle «storiche» del 1955 e del 1959 e quelle dal 1978 al 1989. Gli ultramaratoneti correranno sullo stesso percorso del mondiale 2012: un anello di 20 chilometri da percorrere cinque volte attraverso cinque paesi, Seregno, Cabiate, Giussano, Verano Brianza e Carate Brianza, con partenza e arrivo in via alla Porada, dove sarà allestito il villaggio dello sport. Partenza alle 8.00 e arrivo, dei primi, previsto tra le 14.00 e le 14.30 (tempo massimo 15 ore). «Il 30 marzo sulle strade della Brianza sarà assegnato il titolo nazionale di 100km su strada. E non è la prima volta che, nella sua breve storia, la “Cento” ospiterà i campionati italiani», dichiara il Sindaco di Seregno Giacinto Mariani. Nel 2010 vinsero i «super favoriti», il romano Giorgio Calcaterra in campo maschile, che fece il suo miglior personale, 6.28.49, e la brianzola Monica Casiraghi tra le donne con un tempo di 7.56.43. «Al via – prosegue Mariani – ci saranno gli atleti italiani più forti, ma i veri protagonisti saranno i podisti non professionisti, con la loro passione, la ricerca del limite estremo e la loro voglia di tagliare il traguardo. La “Cento” è un’esperienza straordinaria, capace di unire in un mix inedito sport e cultura: oltre alla dura prova di resistenza richiesta da una corsa così impegnativa, gli atleti potranno, infatti, conoscere da vicino le strade e i luoghi di una parte della Brianza in un percorso che si snoda tra il verde e i centri cittadini». Tra i «big» annunciati: Francesco Milella, vincitore della Cento 2013, Alberico Di Cecco, terzo al mondiale corso in Brianza, il brianzolo Pietro Colnaghi, secondo alla 100 Km. del Passatore del 2012, Lorenzo Armuzzi, vincitore della Cento del 2011. «Seregno e la fatica – ha dichiarato Antonio Rossi, assessore allo Sport e Politiche per i Giovani di Regione Lombardia – hanno un legame particolare, consolidato in una tradizione che dura da oltre mezzo secolo e che fa di questa cento chilometri un appuntamento di rilevanza internazionale. Se la maratona è per molti runner il traguardo massimo cui aspirare, la ‘Cento’ è un’esperienza riservata a pochissimi atleti, sia per lo straordinario impegno fisico richiesto, sia per l’approccio mentale, altrettanto fondamentale. Ai meritati complimenti per chi riesce da così tanto tempo a rinnovare la tradizione di questo evento e delle manifestazioni di contorno, dedicate a tutti quegli atleti che non hanno nelle gambe i 100km dell’ultramaratona, desidero aggiungere il ringraziamento alle centinaia di volontari che rendono possibile tutto ciò e, soprattutto, il doveroso incoraggiamento ai protagonisti principali di questo spettacolo, i fenomenali atleti che si sfideranno sulle strade della Brianza». Ad oggi sono circa 400 gli iscritti. Tutti gli atleti, all’arrivo, riceveranno una medaglia con l’incisione del proprio tempo. I volontari impegnati a controllare il percorso nella giornata di gara saranno, invece, circa 600, mentre i punti ristoro saranno dieci (uno ogni 5 chilometri). Con gli atleti della cento partiranno anche quelli della sessanta chilometri (tre giri – tempo massimo 9 ore), una gara che per molti servirà a preparare la 24 ore di Torino del 12/13 aprile, test per il prossimo Campionato Mondiale di 24 ore che si svolgerà nel 2015 nel capoluogo piemontese. Alle 9 partenza della «Maxi Sport Half Marathon», una mezza maratona di 21 chilometri, poco più di un giro (tempo massimo 2 ore e mezzo). Al via tanti podisti allenati, quelli che macinano chilometri ogni giorno ed hanno precise tabelle di marcia da rispettare. Ma non mancherà, come tradizione, qualche dilettante allo sbaraglio, che partirà senza troppe pretese Accanto alle tre gare competitive è prevista la «Straseregno», giunta alla quarta edizione, una gara non agonistica di 6 e 12 chilometri aperta a tutti attraverso il verde del Parco alla Porada. Partenza alle ore 9.45 e attesi più di 1.500 podisti, molte le famiglie con bambini. La corsa ha il patrocinio FIDAL (Federazione Italiana di Atletica Leggera), IUTA (Associazione Italiana Ultramaratona & Trail), CONI – Comitato Regionale Lombardia, Regione Lombardia e Provincia di Monza e Brianza. In prima linea nell’organizzazione il Comune di Seregno in collaborazione con i Runners Desio e con Manuela Berti, responsabile dell’evento.

USSMB: UN SUCCESSO DI ATTENZIONE PER “SPORT E LEGALITA’”

 

Il nostro invito proponeva tema e parterre di relatori di assoluto valore, il risultato è che la sera di sabato 15 marzo hanno richiamato circa 170 persone nella prestigiosa sala delle conferenze messa gentilmente a disposizione dall’Associazione Industriali di Monza. Un’affluenza davvero interessata e partecipe che ha arricchito ulteriormente il dibattito con numerose richieste di intervento: un premio a questa iniziativa dell’USSMB. Tra il pubblico, dove si confondevano esponenti di società sportive, dirigenti scolastici, amministratori pubblici, giornalisti e semplici cittadini, hanno voluto prendere posto l’arciprete di Monza Mons Silvano Provasi, l’Onorevole Paolo Grimoldi, il presidente della Provincia Dario Allevi, il viceprefetto aggiunto Diego Dalla Verde, il presidente regionale del Coni Pierluigi Marzorati, il direttore dell’Associazione Industriali Massimo Manelli e l’ex presidente dell’Autodromo Claudio Viganò. La serata si è aperta con il conferimento, da parte del presidente Pietro Mazzo, dell’insegna d’oro dell’USSMB a Gianni Maddaloni, questa la motivazione: “Ottimo allenatore, ha dimostrato come lo sport possa essere un valore vincente contro le più ardue avversità rappresentando un punto di riferimento ed un esempio civile”. Difficile distinguere quale, dei due, fosse più emozionato. Quella che avevamo presentato come una conferenza si è presto tradotta, grazie allo spirito dei vari relatori, in una gradevole quanto brillante conversazione ben coordinata dall’avvocato Angela Fortuna e arricchita dalle frequenti quanto significative “incursioni” di Gianni Maddaloni che ha narrato la sua esperienza di privilegiato: nato nel 1956 era il secondo di otto figli, me fu l’unico fra loro che poté praticare lo sport. Tutta la positività che ne ha tratto è stata la lezione che sta impartendo ai giovani. Di assoluto valore, oltre ai contenuti della missione che svolge quotidianamente, alcune sue affermazioni: “La persona che sbaglia deve avere una seconda chance. Occorre ridare la dignità personale. La legalità si costruisce insieme così che i nostri sogni diventino realtà”. Dopo avere espresso grande stima per Papa Francesco ha esortato: “Diamoci una mano per il futuro dei nostri figli e dei nostri nipoti”. Hanno destato particolare interesse le rispettive esperienze professionali narrate dai due magistrati di Monza, il dott Giuseppe Airò (presidente della sezione penale presso il Tribunale) e il dott Walter Mapelli (sostituto procuratore presso la Procura della Repubblica). Rivelando quel lato umano che la funzione spesso preclude allo sguardo dei più, Airò e Mapelli hanno saputo illustrare al meglio il loro quotidiano operare con la realtà. Dalle prime esperienze fino ad oggi hanno raccolto le innumerevoli problematiche umane, le diffidenze, i timori della gente verso cui invece si pongono come un riferimento di collaborazione; per questo da entrambi sono emersi due auspici “umanizzare il rapporto con i magistrati e dialogare” ed altrettanti inviti “Tutti devono fare di più di quello che è loro richiesto. Siamo generosi se no ci impoveriamo”. Interventi alquanto coinvolgenti che hanno certo lasciato un’impronta positiva. Don Alessio Albertini, riprendendo un pensiero di Maddaloni, ha confermato che Papa Francesco è uno sportivo; lo sappiamo tifoso della squadra di calcio del San Lorenzo, ma anche per avere sempre incoraggiato la pratica sportiva. In linea col tema della serata Don Albertini ha lanciato alcuni messaggi: “dal branco alla squadra per dare il meglio di sé al gruppo, lo spirito di squadra è essenziale per imparare a passare dall’esagerazione alle regole”. Poi un appello agli educatori: “nello sport come nella vita non va insegnata la vittoria ma la sconfitta” Gianni Maddaloni coltiva due sogni per dare ancora più forza alla missione nel suo territorio: “Poter disporre dell’ex caserma Boscariello, nel vicino quartiere di Miano, per trasformarla in una cittadella dello sport così che si abbiano maggiori possibilità di dare una speranza di crescita, un domani migliore ai ragazzi del quartiere attraverso i valori educativi dello sport; intanto, con i miei allenatori, lavoriamo per vincere qualche medaglia, per la mia gente”. L’indomani Maddaloni e il suo gruppo, accompagnati da Pietro Mazzo, Enrico Radaelli e Angela Fortuna, hanno visitato il Museo del Duomo e la Corona Ferrea.

Gianmaria Italia