22° Concorso Pianistico Internazionale ‘Rina Sala Gallo’

Monza 18 settembre 2012 – Sono 132 i giovani talenti del pianoforte iscritti alla 22esima edizione del Concorso Pianistico Internazionale “Rina Sala Gallo” in programma a Monza dal 28 settembre al  7 ottobre 2012 nella cornice del teatro Manzoni. L’evento di lunga e consolidata tradizione, è uno dei quattro concorsi pianistici italiani riconosciuti dalla Federazione Mondiale dei Concorsi Internazionali di Musica (FMCIM) di Ginevra, ed è ormai autorevolmente entrato fra le manifestazioni culturali di prestigio che il territorio di Monza e Brianza sa offrire.

Il concorso è organizzato dal “Comitato Concorso Pianistico Internazionale Rina Sala Gallo” composto, oltre che dagli enti promotori (Associazione Musicale “Rina Sala Gallo” e  Comune di Monza) anche dall’Associazione Amici dei Musei di Monza, dall’Associazione Promonza – IAT, dal Cenacolo dei Poeti di Monza e Brianza, da Confindustria Monza e Brianza, dalla Fondazione della Comunità di Monza e Brianza onlus, dai Rotary Club di Monza, Monza Est, Monza Ovest e dall’Università Popolare di Monza.

Per la prima volta quest’anno il Concorso ha ottenuto l’adesione del Presidente della Repubblica. Un riconoscimento ulteriore ad una manifestazione che è ormai parte della storia musicale del nostro Paese.

Entrando nel merito, i concorrenti hanno tutti un’età inferiore ai 31 anni (classe 1981), come da regolamento e arrivano da 34 Paesi del Mondo: da Stati dalla grande tradizione musicale come Italia, Germania, Francia e Russia a Paesi emergenti come Cina e Sud Corea. Il più giovane partecipante, classe 1995 ha 18 anni e proviene dalla Lettonia.

I candidati in gara si misureranno con quattro prove. Alla seconda saranno ammessi non più di dodici partecipanti, alla terza concorreranno non più di sei concorrenti, che accederanno alla possibilità di ricevere un rimborso dal Comitato promotore. I sei partecipanti non ammessi alla terza prova, riceveranno un rimborso di 250 euro, mentre i 3 non ammessi alla prova finale avranno un rimborso di 500 euro.

Novità assoluta di quest’anno sarà la partecipazione alla prova finale (quarta prova) dell’orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi. Il 6 ottobre saranno tre i pianisti a sfidarsi. Il montepremi totale in palio è di euro 32.500. Al vincitore sarà consegnato il premio “Città di Monza” di 15 mila euro offerto dal Comune, al secondo sarà assegnato il premio “Credito Artigiano” di 7.500 euro e al terzo il premio “Rotary Club Monza Est e Rotary Club Monza Ovest” di 5 mila euro. Fra i riconoscimenti ci sono anche una borsa di studio consegnata dall’Associazione Musicale “Rina Sala Gallo” abbinata al Premio Speciale del Pubblico e due premi speciali del valore totale di 3 mila euro, intitolati a Sirtori Bonetti e a D’Andria D’Eredità.

La qualità del Concorso Pianistico Internazionale “Rina Sala Gallo” è garantita dalla giuria che sarà presieduta dal Maestro Bruno Canino, concertista e docente di fama internazionale, e composta da valenti esponenti del pianismo e concertismo internazionale, i maestri: Rolf-Dieter Arens (Germania), Marcel Baudet (Olanda), Christian Debrus (Francia), Stefano Fiuzzi (Italia), John O’Conor (Irlanda) e Piercarlo Orizio (Italia).

 La direzione artistica è affidata dal 2008 al maestro Valerio Premuroso, concertista e docente del conservatorio di Milano. «Da sempre il concorso mira alla crescita dei talenti del pianismo internazionale e questo per loro è un palcoscenico importante, che permetterà di arricchirli sia professionalmente sia come esperienza di vita». Molti dei concorrenti sono infatti ospitati nelle case delle famiglie monzesi che si sono rese disponibili a far parte di questo progetto fatto di musica e scambi culturali.

Le iscrizioni si sono chiuse a fine maggio e ora si attende il via del concorso per la fine di settembre: il 27 di questo mese alle ore 17.30 presso Il Teatro Manzoni  ci sarà  il sorteggioche decreterà l’ordine di esibizione. Il 28 settembre, sempre al teatro Manzoni l’inizio con l’esecuzione della prima prova.

Come sempre il pubblico e i monzesi giocheranno un ruolo fondamentale per rendere grande l’evento in città. Il pubblico è invitato a seguire tutte le prove, il cui accesso è gratuito, e potrà assegnare una borsa di studio tramite votazione al finalista preferito. «Bisogna creare opportunità per presentare al pubblico la musica classica, ecco perché teniamo molto al concerto dei vincitori che si terrà domenica 7 ottobre alle ore 21», conclude il maestro Valerio Premuroso.

Un concorso che quest’anno si rinnova anche dal punto di vista della comunicazione con un nuovo logo e con la presenza nei social network più noti, Facebook e Twitter. Non solo, il 6 di ottobre la prova finale con orchestra sarà godibile in diretta anche online grazie allo streaming.  La serata di domenica 7 ottobre, quella del concerto con i vincitori, avrà una presentatrice d’eccezione: Lia Capizzi, conduttrice di Sky Sport 24.

Un modo nuovo, giovane, di dialogare a livello internazionale senza barriere.

 

Il ministro dell’industria uruguayano Kreimerman incontra le aziende italiane

UNIONE ARTIGIANI DELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA
Monza, 14 settembre 2012 - Un incontro internazionale di altissimo livello che l’Unione artigiani delle Province di Milano e di Monza e Brianza si onorano di ospitare.
 Venerdì prossimo, 21 settembre, il ministro dell’Industria, energia e del settore minerario dell’Uruguay, Roberto Kreimerman sarà a Milano per una presentazione del proprio Paese agli interlocutori economici del nostro territorio. Con lui, saranno presenti l’Ambasciatore dell’Uruguay in Italia, Gustavo Alvarez Goyoaga, e il project manager di Uruguay XXI (l’istituto per la promozione degli investimenti e delle esportazioni di beni e servizi) Juan Ramon Sanchez. Il ministro incontrerà gli esponenti dell’economia locale e nazionale, e delle istituzioni, nella sede direzionale dell’Unione artigiani (via Doberdò 16 – Milano) dove sarà anche possibile prendere contatto con i rappresentanti di alcune grandi aziende uruguayane in delegazione. L’obiettivo della visita in Italia, dunque, è quello di presentare le opportunità di investimento e di collaborazione con questo piccolo Paese sudamericano che negli ultimi anni ha visto una grande crescita economica, delle esportazioni e delle importazioni. I prodotti italiani, infatti, si posizionano nella fascia medio-alta del mercato uruguayano, grazie all’ottimo rapporto qualità/prezzo. Quello dei beni della meccanica strumentale, in particolare, è un settore in crescita: le imprese uruguayane (che per il 98% sono pmi) devono ancora dotarsi di moderne tecnologie per la trasformazione dei prodotti, in particolare nel settore agro-industriale.

Un successo tutto di cartone…

Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma. Prendiamo a prestito l’enunciato di Lavoiser per etichettare l’abilità di un pensionato monzese, il sig. Emilio Stanga, che realmente trasforma  materiali riciclati in splendide creazioni artistiche.


Milanese di nascita e monzese di adozione, il signor Emilio è un personaggio eclettico, giovanile  e pieno di spirito, quasi un urban-cowboy con il suo inseparabile cappello di provenienza  statunitense, collezionista di bustine di zucchero, coltelli e armi bianche, capsule delle gabbiette dei  tappi di spumante e soprattutto abilissimo nel lavorare carta, cartone e cartoncino, legno e filo di
ferro.


Un casuale incontro con un responsabile dell’associazione MIX & ART ha permesso in brevissimo tempo di organizzare un mostra delle sue creazioni. Così, il 7, 8 e 9 settembre, presso lo spazio artistico-multifunzione MILESILAB di Monza è andata in scena CARTONAUTO.
Quale occasione migliore di mostrare al pubblico i suoi modelli di Formula 1, durante gli stessi  giorni in cui a breve distanza dallo spazio espositivo i veri bolidi rombavano sul tracciato più  famoso del mondo?


Oltre 100 pezzi tra auto di corsa e berline di diverse dimensioni, navi, aerei, moto, quadri in rilievo  e diorami, principalmente, ma non esclusivamente di tema motoristico, e qualche oggetto più  comune quali segnalibri e portapenne.
Decine di persone hanno osservato con interesse gli esemplari. “Effettivamente la risposta del pubblico è stata ottima e il bilancio più che positivo, superiore alle attese” confermano gli  organizzatori, aggiungendo che “Emilio è simpaticissimo, oltre che un bravo artista, molto  modesto”.
In effetti riesce difficile pensare che questi pezzi realmente unici siano frutto di arte e manualità che impiegano, oltre a citati cartoni e cartoncini, solo colla vinilica, forbici, taglierino e colori per le finiture.
Interesse anche da parte della stampa locale e di qualche riviste nazionali, hanno gratificato  l’impegno dell’artista, anche se lui si diverte e non trova assolutamente pesante questo “lavoro”.


L’obiettivo degli organizzatori è quello di portare queste creazioni in altre zone della Brianza. E  magari anche fuori dai confini provinciali, per diffondere la cultura della manualità e del riciclo dei  materiali.
Paolo Mariani

Al via FuoriGP e BrianzaGP District 2012

 il Gran Premio della Provincia di MB

Monza, 31 agosto 2012. FuoriGP & BrianzaGP District è il più grande evento organizzato in Brianza in occasione del Gran Premio d’Italia di Formula 1: una festa, un enorme contenitore di attività, spettacoli, musica, tradizione e arte, un importante volano di visibilità anche internazionale del territorio.

Nei giorni 6,7,8 e 9 settembre ben 50 eventi, 8 concorsi, 11 mostre e 28 concerti animeranno i centri cittadini dei 5 Comuni limitrofi agli ingressi dell’Autodromo di Monza.

Quattro giorni senza sosta di emozioni pure, con tantissime esposizioni, mostre, concorsi, attività ludiche, concerti, parate di auto storiche e sportive, music show, dj set in collaborazione con i locali della zona, eventi e attività sportive, sfilate di moda, notte bianca e tanta solidarietà.

Due Memorial faranno da splendida cornice ai Comuni di Biassono e Vedano al Lambro: il primo dedicato all’Autodromo di Monza nel novantesimo anniversario della sua nascita, con l’esposizione della “Ferrari 500 F2” di Ascari, in collaborazione con il Museo Ferrari di Maranello, il secondo invece interamente dedicato alla Ferrari avrà il pregio di ospitare la spettacolare “Ferrari Indy (CART) tipo 637”, l’unica vettura progettata e costruita per correre nel campionato Cart 1985, oltre ad esposizioni di foto, modellini e proiezioni video.

Un’apposita sezione sarà invece dedicata al grande pilota canadese, Gilles Villeneuve, noto e apprezzato per il suo stile di guida combattivo e spettacolare, simbolo, ancora oggi, della storia della Formula 1.

Non mancheranno esibizioni di Camion Truck e gare di Kart cittadino, live painting, punti ristoro con prodotti tipici del territorio, mostre di modellini giocattolo, corse con automobiline a pedali e trucca bimbi per i più piccoli, concorsi moda, beauty, cucina e tuning con premiazioni e tante altre sorprese. Nei Comuni interessati, FuoriGP proseguirà di notte con le Power Night nelle quali il pubblico potrà trovare negozi ed esercizi aperti fino alle 24.00. La sonora e colorata presenza della band ufficiale del FuoriGP farà da corollario al rombo dei motori.

 FuoriGp darà risalto non solo ai motori, ma anche alla terra di Brianza, alla sua storia, al suo paesaggio e scenario naturalistico senza pari: ”Forti delle diecimila presenze registrate nella prima edizione, arriva anche quest’anno l’atteso appuntamento con il FUORI GP – spiega il Presidente Dario Allevi -  Una kermesse coinvolgente che colora e anima le giornate del GranPremio d’Italia. Se in base ad alcuni recenti sondaggi la nostra Brianza risulta una delle mete più cliccate sul web da parte di turisti e viaggiatori di tutto il mondo, mi  auguro che questa manifestazione si riveli, ancora una volta, un biglietto da visita importante per presentarci al grande pubblico, stimolando la curiosità di scoprire quanto c’è di bello e di affascinante nel nostro territorio solo spingendosi poco più in là, oltre il Parco e l’Autodromo”.

FuoriGp diventa così il Gran Premio ottenuto dalla Provincia di MB, un Gran Premio a misura di cittadino. Certo le difficoltà, in un periodo come l’attuale, non sono mancate, ma alla fine la scommessa si è rivelata, anche quest’anno, vincente, come sottolinea l’Assessore allo Sport, Turismo e Autodromo, Andrea Monti: “Crederci, sempre e comunque, l’imperativo che ci ha accompagnati in questo 2012 in cui le difficoltà non sono mancate. Tagliare il nastro di una nuova edizione del “FuoriGP” è stata una scommessa vinta da tutti quelli che ci hanno creduto sempre, fin dall’inizio. A loro va il mio grazie. Vedere nascere, crescere e diventare grande una manifestazione che abbiamo prima sognato, poi ideato e con tenacia, infine realizzato, è per noi motivo di grande orgoglio. Adesso tocca a voi, gettatevi nella mischia, respirate l’atmosfera carica di passione e adrenalina del Gran Premio di Formula 1, oltre le mura dell’Autodromo Nazionale di Monza, che oggi compie 90 anni, abbiamo preparato per voi strade e piazze pronte a regalarvi quattro giorni di gioia, divertimento e allegria; questo e tanto altro, nella seconda edizione di FUORI GP – BRIANZA GP DISTRICT. Dopo l’edizione-zero dello scorso anno, che ha raccolto un grande successo di partecipazione e di pubblico, FUORI GP 2012 – BRIANZA GP DISTRICT si presenta con un programma ancora più ricco ed avvincente, allargandosi ai Comuni di Arcore e Macherio, che si aggiungono a Biassono, Vedano al Lambro e Villasanta. Siamo certi che sapranno coinvolgere non solo i tanti turisti e gli appassionati del motorsport ma anche e soprattutto i nostri concittadini che saranno i primi protagonisti di eventi e manifestazioni a tutto campo, pensati e rivolti a persone di tutte le età”.

 La manifestazione FuoriGP & BrianzaGP District, all’insegna di sport, arte, cultura, spettacolo e musica, è promossa dalla Provincia di Monza e della Brianza – Turismo, Sport e Autodromo, in collaborazione con Camera di Commercio Monza e Brianza, Confcommercio Monza, Distretto Corona del Parco e i Comuni di Biassono, Vedano al Lambro, Villasanta, Arcore e Macherio.

 Quest’anno FuoriGP, alla sua seconda edizione, è anche una gara di solidarietà che vedrà presenti personaggi del mondo dei motori, dello spettacolo e dello sport in due importanti momenti: la cena di Gala a favore della Fondazione Tavecchio presso il Ristorante Saint Georges Premier di Monza prevista per il 5 settembre alle 20.30 e la partita di calcio benefica “Marco c’è, c’è per tutti….” promossa dal Milan Club Gennaro Gattuso di Muggiò in favore della Fondazione Marco Simoncelli, che devolverà il ricavato in favore delle popolazioni terremotate dell’Emilia Romagna (Rappresentanti dei Commercianti vs Ospiti della Fondazione Simoncelli). L’appuntamento è per giovedì 6 settembre 2012 presso il campo di calcio del Comune di Macherio, ore 21.00, con tanti campioni dello sport e della solidarietà.

Dopo l’enorme successo ottenuto nella prima edizione quest’anno le sinergie si sono moltiplicate: tantissimi  i volontari, gli sponsor e i partner impegnati in questa entusiasmante seconda “sfida” del FuoriGP, come Confartigianato Motori, Brianzacque, Camera di Commercio Monza e Brianza, Confcommercio Monza, Distretto Corona del Parco, Giornale di Monza, Fondazione Alessio Tavecchio, Incubatore Imprese Innovative Politecnico di Torino, Associazione Amici dell’Autodromo e numerose Associazioni territoriali, imprese, gruppi giovani, Pro Loco e commercianti.

FUORI GP 2012 ha davvero tutte le premesse per confermarsi uno degli eventi più importanti dell’anno per la Provincia di Monza e della Brianza, un mix sapientemente dosato di motori, tradizioni, storia, cultura, spettacolo, arte e intrattenimento, degno completamento di un appuntamento internazionale di assoluto prestigio come il Gran Premio di Monza di Formula 1.

Il sito www.fuorigp.it e la pagina facebook FuoriGP saranno costantemente aggiornati con tutte le informazioni inerenti eventi, concerti, attività e spettacoli.

Milano :Gigante dell’Aria tra i Giganti di cemento .

 Sono silenziosi,enormi e placidi come gli elefanti  che oltre alle  dimensioni inconsuete ,esprimono il lento, tranquillo movimento di chi non ha  fretta anzi , ha la  capacità di muovere pesi enormi senza l’ansia di trovare parcheggio.

Sono i dirigibili: dopo le nuvole e le mongolfiere ,sono i silenziosi  abitanti dell’aria, e più dimenticati , anche se sono stati  i primi ad aprire le vie del cielo, con romantica  fantasia e coraggiosa tecnica , dai tempi mitologici di Icaro, alle prime intuizioni  leonardesche . . Può  sembrare strano, ma oggi, sono tornati .

Per intanto  sabato 4 e domenica 5 Agosto  un aeromobile ha  sorvolato il centro di Milano , dirigendosi   sopra il vecchio Pirellone e il nuovo Palazzo della Regione, quasi che il gigante dell’Aria  volesse vedere i nuovi grattacieli della città  in pieno sviluppo per l’Expo 2015 .

Abbiamo chiesto  Piero Porati , Comandante del Primo Gruppo Aerostatico d’Italia , brianzolo DOC di Carate  Brianza, il motivo di questo evento .

“ Abbiamo organizzato il volo del ns dirigibile  , su invito del Presidente  della Regione , Roberto Formigoni , che voleva ricordare ai suoi concittadini che mancano 1000  giorni  all’ inizio dell’EXPO .  Pertanto abbiamo preparato il  dirigibile di 2.500 metri cubi  di aria calda , nell’Arena , dove ha decollato e sorvolato la città.  Poi  il maltempo ci ha costretti a trovare un ‘atterraggio alternativo , perché il vento era troppo forte “

-Perché questa voglia di ritornare al volo aerostatico ??

Adesso ci  rendiamo conto di esserci spinti troppo nel consumo di energie inquinanti e di aver riempito il nostro habitat di caos,  nelle città tram e biciclette fanno concorrenza all’automobile, e per gli spostamenti di più lunga distanza il treno torna comodo  e compete con l’aereo per tratte sotto i mille chilometri,  e si torna contemplare  il paesaggio come esperienza culturale da godere durante il viaggio, anche il dirigibile torna a essere realtà possibile.

Porati è stato il Pioniere assoluto in Italia e Decano tra i Piloti Europei degli Aeromobili e ormai è una Leggenda  , un Simbolo che la Brianza  deve essere orgogliosa da annoverare tra i suoi personaggi .

Nella coscienza sociale il mito del dirigibile  è  sepolto tra i ricordi delle eroiche spedizioni  polari effettuate  da Umberto Nobile negli  anni Venti (coi dirigibiliNorge,  primo assoluto  a sorvolare il Polo Nord, e Italia, che si schiantò sulla banchisa), e del disastroso incidente dell’Hindenburg, gigante di 245 metri , in grado  di trasportare  di 19 tonnellate,  vero transatlantico dell’aria, dotato di cabine, saloni, ristorante, che per mesi svolse  la rotta tra Francoforte e Lakehurst ( New Jersey) fino al  maggio del ’37 , quando  prese fuoco all’atterraggio e morirono  34 dei suoi 98 passeggeri.

Da allora  l’uso del dirigibile per i grandi viaggi, ebbe uno fermo . Ma per alcune utilizzi il dirigibile è rimasto (applicazioni militari, ricerca scientifica, sorvoli pubblicitari e da qualche anno anche per il turismo),.. La concorrenza diretta del dirigibile, più che l’aereo, è l’elicottero: il dirigibile può stare fermo in aria per un tempo indefinito senza consumare energia. Può sollevare carichi anche molto grandi senza consumare energia. Può spostarsi, a velocità ridotte (sui 150 km/h) date le sue dimensioni, consumando  pochissima energia. Non ha bisogno di un aeroporto per decollare  o per atterrare; può posarsi anche sull’acqua. Se i motori cessano di funzionare, non cade, ma resta in volo e può facilmente scendere al suolo .

 “Col dirigibile , continua il Comandante Porati ,  si può riscoprire il rapporto tra viaggio e ambiente  che l’aereo e i treni veloci hanno ormai cancellato.  “Mancano ancora le infrastrutture necessarie, Hangar  di ricovero, il personale specializzato. Ma man mano  si potranno costituire, e i dirigibili potranno diventare, con la bicicletta e la barca a vela, i mezzi per un trasporto gentile, non inquinante , amico dell’essere umano e dell’ambiente , e realizzare il sogno  romantico del volo più leggero dell’Aria .

Auguriamo al mitico Porati  che le sue previsioni si avverino e ogni tanto …guardiamo in Cielo , a caccia dei Giganti ..

La Redazione .

Link utili BrianzaChannel

http://www.youtube.com/user/MedicHanneltv

http://www.youtube.com/user/brianzachanneltv

http://www.youtube.com/blogs/id/sDM7RkqV6z8

http://www.youtube.com/user/BrianzaTvHistory

http://www.youtube.com/user/InsubriaChannel

 

 

 

La Fusione si ENERCALOR in ACSM-AGAM

EnerCalor, società del gruppo Acsm Agam, propone il servizio energia per la conversione a metano (e la gestione mediante telecontrollo) degli impianti di riscaldamento dei condomini.
Cos’è la gestione calore? Le vecchie caldaie a gasolio o nafta infliggono pesanti
costi di manutenzione e di gestione. EnerCalor incentiva le conversioni a gas degli
impianti, negli edifici industriali e civili, a beneficio del risparmio energetico, della
tutela del territorio. Una soluzione chiavi in mano, estremamente conveniente, cui
hanno già fatto ricorso centinaia di condomini e strutture pubbliche.
La trasformazione degli impianti (da gasolio a metano) prospetta benefici e
risparmio sia per le famiglie sia per l’ambiente.
Detenuta al 100 per cento della capogruppo, EnerCalor ora vi confluisce, con la
propria massa critica di attività e con lo staff (dunque senza alcun decremento di
organico, composto da sette persone)
Si è sciolto invece il consiglio di amministrazione, formato da 3 persone e
presieduto da Dino Ferella; con il venire meno degli altri organismi il risparmio
complessivo è di circa 70 mila euro l’anno.
“L’iniziativa fa parte dell’articolato piano di razionalizzazione impostato dal gruppo Acsm Agam che aveva per esempio fatto confluire in un’unica azienda, Enerxenia,
le quattro precedenti società di vendita” ha commentato il presidente di Acsm Agam, Roberto Colombo.
“Il tutto nella logica della riorganizzazione funzionale delle attività del gruppo, della razionalizzazione della spesa, della rinnovata efficienza e funzionalità delle prestazioni” ha concluso Colombo.