Brianza Business Meeting 1.Intervista al Dott.Gilberto Gelosa

TOURISM THINK TANK 30, 31, 2013 Lario Fiere

LA CAMERA DI COMMERCIO DI MONZA E BRIANZA PROMUOVE TOURISM THINK TANK

TTT: si terrà a Lariofiere il 30 e il 31 gennaio il primo btb dedicato al turismo e al marketing territoriale. Sono 24 gli operatori del settore turistico di Monza e Brianza che parteciperanno alla fiera.

3 Monza e Brianza, Como e Lecco insieme in occasione della prima edizione di TTT – Tourism Think Tank, la prima b2b dedicata al comparto turistico che si terrà a Lariofiere, Erba, il 30 e il 31 gennaio dalle 9.30 alle 18.00. Qualità e ospitalità i due fattori determinanti per il rilancio dell’economia del territorio. Sono 24 gli operatori del settore turistico di Monza e Brianza che parteciperanno alla “due giorni” dedicata al turismo e al marketing territoriale: Ani ani Goup srl (Communication room) Biassono, Area&20 srl (Communication room) Monza, Ferrari Illuminazioni sas di Ferrari Ginfranco e C. Lissone, Fossati Sas di Fossati Antonio e C.Verano Brianza, Francofiore srl Bellusco, Linea Zappa Contract srl Giussano, Mambretti Antonio & Figli snc Seregno, Mia srl Macherio, Ms Progetto Abitativo srl Monza, Pozzi snc poltrone e divani di Pozzi Felice e C. Meda, Pubblieditori srl Arcore, RG 2 snc di Riboldi e Giussani e C. Lissone, Solareco srl Usmate Velate, Studio Prisma Usmate Velate, Teco Service srl Cesano Maderno, Touchcontents srl Desio, Tpvision Italy srl Monza, Egirent srl / Alberto Terraneo Desio , Indoors Travel di Ideando Viaggi Srl Monza Brianza , Conseal Energia srl / Arch. Giuseppe Caramazza Monza Brianza, 2V Studio Tecnico/Cristiano Villa, Luca Valaguzza Monza Brianza, A+E Lab+ RGAStudio/Arch. Ersilia Anna Brambilla Monza Brianza, Meecarchitetti / Arch. Colzani Eros e Elli Massimiliano Seregno, Pasin Francesca Freelance Meda. Complessivamente in Lombardia sono attive 3.469 imprese nel settore dell’alloggio, con una variazione annuale che le vede crescere del 2,9%. Sopra la media lombarda, l’aumento delle imprese di Monza e Brianza (+11%), con 91 imprese attive. TTT è stato presentato oggi presso la sede della Camera di commercio di Monza e Brianza alla presenza di Gian Luca Brambilla consigliere della Camera di commercio di Monza e Brianza, Andrea Monti assessore allo Sport e al Turismo della Provincia di Monza e Brianza, Andrea Camesasca, ideatore del format TTT e membro di giunta della Camera di commercio di Como, Silvio Oldani direttore di Lariofiere.

visita A.I.D.O. MB alla Mostra di Degas a Torino

Sabato scorso un pulman di volontari della Sezione Provinciale A.I.D.O. di Monza e della Brianza ha effettuato una gita culturale a Torino, occasione per accrescere le proprie conoscenze della città piemontese e di socializzare fra volontari che operano nella diffusione della cultura della donazione di organi e tessuti al fine di trapianto. La partenza dall’Ospedale San Gerardo vecchio di Monza ha portato i volontari al parco del Valentino dove hanno potuto vedere l’omonimo castello, la mattinata si è conclusa poi con la visita guidata alla Mostra delle opere di Degas, provenienti dal Quai d’Orsai di Parigi ed esposte al Palazzo delle Esposizioni. Dopo pranzo, consumato in un ristorantino di studenti universitari nelle vicinanze di Piazza Castello, i volontari hanno effettuato una visita all’interessante Chiesa Reale di San Lorenzo che si trova di fronte al Palazzo Madama, con una guida che ha spiegato le varie caratteristiche artistiche e costruttive progettate dall’architetto Guarino. Interessante è stata anche l’illustrazione della presenza della Sacra Sindone che è stata colà portata dai Savoia da Chambery nel ‘500 e lì conservata per alcuni secoli prima di traslarla nella cappella del Duomo dove ora si trova conservata. Per finire, dopo un interessante giro di vetrine per le signore sotto i portici delle vie centrali, una bella cioccolata calda con panna in una delle eleganti cioccolaterie per cui la Torino elegante va molto famosa, un saluto agli amici dell’A.I.D.O. di Torino impegnati anche loro nell’attività divulgativa della nostra Associazione ed un arrivederci alla bella città che fu la prima capitale del Regno d’Italia.

Seregno: I CIECHI SCENDONO IN PIAZZA

«Giornata sulla prevenzione della cecità e la riabilitazione visiva» Domenica 16 dicembre in piazza Italia l’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti raccoglie fondi per progetti di integrazione sociale (WT – Seregno, 05 dic.) Chi perde la vista è spesso destinato a isolarsi, a vivere circondato solo dai familiari. L’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti (U.I.C.I.) da sempre lavora per l’integrazione sociale. Per riuscire a realizzare l’obiettivo occorrono fondi. Per questo, in occasione della prima «Giornata sulla prevenzione della cecità e la riabilitazione visiva», la sezione provinciale di Monza e Brianza dell’U.I.C.I. scende in piazza domenica 16 dicembre. Dalle 9 alle 16 i volontari dell’associazione saranno in piazza Italia con uno stand dove, al prezzo simbolico di 5 euro, sarà possibile acquistare un sacchetto da due chilogrammi di arance di Sicilia. «Con questa iniziativa – ha dichiarato il Sindaco Giacinto Mariani, che ha dato il patrocinio all’iniziativa – speriamo di raccogliere risorse necessarie a potenziare l’attività sul territorio dell’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti attraverso progetti di prevenzione della cecità e di riabilitazione visiva». Dell’importanza di una corretta informazione e della prevenzione parla anche l’assessore alle Politiche sociali e servizi alla famiglia Ilaria Anna Cerqua: «Sono le uniche armi che abbiamo per ridurre in maniera sostanziale il rischio di malattie oculari. Un rischio che per quasi 3.500 persone in Brianza è già una patologia». Sono, infatti, 3.496 le persone con menomazioni certificate del sistema visivo (N.d.r. dati dell’Anagrafe dinamica della disabilità dell’ASL MB). A Seregno sono 566, con l’incidenza maggiore (107) nella fascia d’età tra gli 85 e gli 89 anni. «L’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti – spiega Maria Rosaria Vanoni, presidente della sezione provinciale MB – da sempre lavora per la prevenzione con visite gratuite, incontri in luoghi pubblici e nelle scuole, e per la riabilitazione insegnando agli ipovedenti tecniche di visione alternativa e l’uso di strumenti specifici. Progetti che permettono una vita il più possibile autosufficiente agli ipovedenti e alle loro famiglie». Le altre piazze coinvolte in Brianza sono: piazza San Paolo a Monza, piazza Libertà a Lissone, piazza Marconi a Nova Milanese, piazza Conciliazione a Desio e piazza Esedra a Cesano Maderno. La «Giornata sulla prevenzione della cecità e la riabilitazione visiva» è organizzata dall’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti Onlus con il patrocinio della sezione italiana dell’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Onlus. Informazioni: Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti MB – tel. 039/23.26.644 – email: uicmon@uiciechi.it – web: www.uicimonza.it

Monza, Primo trofeo Massi Pelli

IL 28 OTTOBRE VITAL ITALY ORGANIZZA UNA CORSA PODISTICA NON COMPETITIVA PER I BAMBINI DI CALCUTTA IN MEMORIA DI MASSIMILIANO PELLI

 Il ricavato sarà interamente devoluto ai progetti benefici dell’associazione

Domenica 28 Ottobre si terrà alle ore 10.00, presso il Parco di Monza, il “Primo trofeo Massi  Pelli”, una corsa podistica non competitiva organizzata dall’associazione Vital Italy Onlus e patrocinata dal Comune di Monza.

 Con partenza all’ingresso principale del Parco (Viale dei Tigli), l’evento è aperto a tutti quanti desiderino trascorrere una piacevole mattinata nella natura e, al contempo, contribuire ad una nobile causa. Adulti, ragazzi (sotto i 14 anni è obbligatorio l’accompagnamento di un adulto) e anche disabili potranno scegliere tra i due percorsi disponibili di 5 o 10 Km.

La quota di iscrizione (donazione minima) è per entrambi i tracciati di 10 euro e comprende la t-shirt dell’evento, l’accesso all’area ristoro e l’assistenza medica. L’intero ricavato sarà devoluto ad uno specifico progetto dell’associazione: il mantenimento della casa-rifugio “Keertika” a Calcutta, in India. Qui sono ospitate 14 ragazze tra i 9 e i 15 anni, alle quali è stato offerto un rifugio dalle situazioni di estrema violenza e degrado da cui provenivano. In India, infatti, le bambine delle famiglie più povere vengono spesso abbandonate o vendute già dall’età di 3 o 4 anni come lavoratrici domestiche, espressione eufemistica per indicare delle piccole schiave, vittime di gravi abusi sessuali e psicologici. La casa-rifugio assicura loro la soddisfazione dei bisogni primari (vitto, alloggio, vestiti, etc.), un’istruzione, una formazione professionale e, soprattutto, assistenza psicologica continuativa e attività terapeutiche (corsi di yoga, di pittura, escursioni, etc.). L’obiettivo è quello di cercare di superare i terribili traumi vissuti e  fare in modo che queste ragazze possano poi reintegrarsi nella società in modo costruttivo ed indipendente.

Ha dichiarato Allegra Viganotti, socia fondatrice e presidente di Vital Italy Onlus: “Abbiamo sviluppato questo progetto sotto la supervisione di Hope Foundation, un importante ente internazionale di beneficenza che ne certifica la serietà. La speranza, con la manifestazione del 28 ottobre, è di riuscire a cogliere e condividere la grande energia sempre trasmessa da Massimiliano, amico, grandissimo sportivo e da tempo sostenitore delle nostre iniziative. Vogliamo, in sua memoria, appassionare un numero crescente di persone a “correre per fare del bene”.

Il trofeo è dedicato, infatti, a Massimiliano Pelli, monzese di 45 anni che ha perso la vita nel luglio 2012 durante un incidente sul lavoro ad Abbadia Lariana. Persona solare, positiva e sempre allegra, da tempo sosteneva Vital Italy Onlus con passione e spontaneità. Massimiliano era un uomo molto sportivo e amava in modo particolare la corsa; in tanti ricordano le sue frequenti partecipazioni a mezze maratone, gare in altura e persino alla faticosissima Monza-Montevecchia, competizioni in cui, oltre alle gambe, metteva sempre anche il cuore e la passione.

Proprio per questo motivo la moglie Chiara ha deciso di organizzare, insieme a Vital Italy, una gara podistica, per poterlo ricordare attraverso una sua grande passione, per vederlo nuovamente correre per una causa che gli stava particolarmente a cuore: i bambini di Calcutta.

Vital Italy Onlus ha come missione quella di migliorare le condizioni di vita dei bambini delle regioni più povere del mondo, attraverso l’educazione, l’assistenza sanitaria e il supporto all’intera comunità. Vital Italy è una delle poche onlus al mondo a garantire che il 100% delle donazioni ricevute vadano direttamente ai bambini. Tutti i costi amministrativi e operativi dell’organizzazione, infatti, vengono coperti dai soci in prima persona.

Per iscrizioni ed ulteriori informazioni è possibile visitare il sito www.vital-italy.org o scrivere un’e-mail a allegra@vital-italy.org

la 5° giornata nazionale SLA In più di 100 piazze italiane

In occasione della quinta Giornata nazionale dedicata alla Sclerosi Laterale Amiotrofica il 7 ottobre AISLA Onlus sarà presente in oltre 100 piazze italiane per raccogliere fondi a favore di un progetto di counselling per le famiglie di pazienti SLA.
Dal 30 settembre al 14 ottobre parte l’SMS solidale da fisso e cellulare al 45505.

Milano, 27 settembre 2012 - Il 7 ottobre si celebra in oltre 100 piazze italiane la Giornata Nazionale dedicata alla SLA, promossa da AISLA Onlus in ricordo del primo sit-in dei malati a Roma nel 2006 in cui vennero avanzate al Ministero della salute precise richieste per la difesa della cura e dell’assistenza ai malati di SLA.
AISLA Onlus sarà presente grazie a centinaia di volontari per promuovere la campagna di sensibilizzazione e di raccolta fondi “Quello buono” sostiene la ricerca a favore di un progetto di counselling rivolto alle famiglie di pazienti SLA.
Dal 30 settembre al 14 ottobre, inoltre, con un SMS solidale o con una chiamata del valore di 2 o 5 euro al 45505 sarà possibile dare un ulteriore contributo.
La giornata è alla sua quinta edizione e ha ricevuto l’alto patronato del Presidente della Repubblica e il patrocinio della Associazione Nazionale Comuni Italiani ed è in collaborazione con la Camera di Commercio di Asti, Provincia di Asti, Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, Consorzio Tutela Vini di Asti e del Monferrato e con il patrocinio del Comune di Milano.

In Lombardia Aisla Onlus sarà presente in 17 piazze:

·      Asola (MN), piazza XX settembre
·      Bedizzole (BS), Località al mulino
·      Bornato (BS), sagrato Chiesa (29 e 30 Settembre)
·      Borno (BS), località Dassa “Edilpartì” (29 e 30 Settembre)
·      Brescia, Incrocio Corso Palestro – Corso Zanardelli (29 e 30 Settembre)
·      Breno (BS), Piazza principale
·      Brignano Gera D’Adda (BG), Palazzo Visconti via Vittorio Emanuele/via Dell’Innominato
·      Chiari (BS), Piazza principale
·      Como, Via Boldoni (Sabato 6 Ottobre)
·      Cremona, Ospedale di Cremona – atrio principale
·      Gallarate (VA), Piazza Libertà
·      Gravedona (Como) – Piazza Ciceri – Lungolago
·      Milano, Via Mercanti ang. Via del Gallo
·      Monza, Via Italia (di fronte alla Rinascente)
·      Solaro Villaggio Brollo (MI), Via Della Repubblica (di fronte alla chiesa della Madonna del Carmine)
·      Sondrio, Piazza Campello ingresso galleria Campello
·      Varese, Piazza Carducci


LA CAMPAGNA
“Quello buono” sostiene la ricerca
 è il titolo della campagna di Aisla che vede impegnati centinaia di volontari in oltre 100 piazze italiane, il doppio rispetto alla prima edizione del 2008. In ognuna di esse i volontari AISLA distribuiranno una bottiglia di vino Barbera d’Asti DOCGcreata per l’occasione in edizione limitata a fronte di un contributo di 10 euro e saranno a disposizione per fornire informazioni sull’attività dell’Associazione.

IL PROGETTO
I finanziamenti raccolti sosterranno uno studio biennale il cui obiettivo è elaborare un modello di counselling clinico-genetico specifico per il paziente con grave malattia neurodegenerativa come la SLA, non escludendo ulteriori possibili applicazioni ad altre malattie neuromuscolari. Inoltre, lo studio permetterà di aumentare e migliorare i dati clinici e genetici raccolti in un database dedicato utile per la ricerca delle correlazioni tra modalità di espressione della malattia (modalità di esordio, aggressività, velocità di progressione, tipo di diffusione, etc.) e i risultati genetici ottenuti. Il coordinamento del progetto sarà affidato a Massimo Corbo direttore clinico del Centro Clinico NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) presso l’Ospedale Niguarda Ca’ Granda, centro dedicato allo studio e alla cura delle Malattie Neuromuscolari.

L’SMS SOLIDALE
Il contributo sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari TIM, Vodafone, Wind, 3, PosteMobile, CoopVoce, Tiscali e Nòverca e di 2 euro per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa TWT e di  2 o 5 euro per ciascuna chiamata fatta sempre al 45505 da rete fissa Telecom Italia, Infostrada, Fastweb e Tiscali.

Aggiornamenti su piazze e orari saranno disponibili dal 1 ottobre sul sito di AISLA  www.aisla.it

AISLA Onlus nasce nel 1983 con l’obiettivo di diventare il soggetto nazionale di riferimento per la tutela, l’assistenza e la cura dei malati di SLA, favorendo l’informazione, la ricerca e la formazione sulla malattia e stimolando le strutture competenti a una presa in carico adeguata e qualificata dei malati.
L’Associazione attualmente conta 60 rappresentanze territoriali in 19 regioni italiane e circa 1600 soci grazie al lavoro di oltre 100 volontari e di 7 collaboratori.

 

CAM: “Stress ossidativo e invecchiamento: dalla biologia alla clinica”

Monza, 18 settembre 2012 - Il CAM, Centro Analisi Monza, nell’ambito del progetto “Costruttori di salute” ha organizzato per mercoledì 26 settembre l’incontro “Stress ossidativo e invecchiamento: dalla biologia alla clinica”. Il convegno, che si terrà dalle ore 19.45 alle 21.00 presso il nuovo auditorium del CAM di Viale Elvezia, verterà su una tematica particolarmente attuale: le strategie per tenere in autosufficienza e in buona salute una popolazione che invecchia sempre più, a fronte di un Sistema Sanitario Nazionale concepito per curare adulti con malattie acute, non “ex-adulti” affetti da patologie connesse all’aging.

Proprio il 2012 è l’anno europeo dell’”invecchiamento attivo”, di cui si occupa la medicina antiaging, che si prefigge lo scopo di scoprire, prevenire, trattare e rallentare il declino dell’organismo umano. Le più recenti ricerche, condotte in ambiti medici differenti, concordano nell’individuarne la causa principale nello stress ossidativo e nel danno infiammatorio e funzionale. Per questo motivo il CAM ha deciso di organizzare un incontro dedicato a tale argomento, mettendo a confronto il Dr. Maurizio Biraghi, esperto di Medicina Integrata-Antiaging presso il CAM, il Dr. Ferruccio Cavanna, Responsabile Scientifico, Ricerca e Sviluppo presso il CAM, la Dr.ssa Maira Gironi, neurologa e consulente di ricerca presso il CAM e la Fondazione Don Gnocchi e il Dr. Alessandro Orlandini, specialista in Biochimica Clinica e Medicina Funzionale.

Ha dichiarato il Dr. Maurizio Biraghi: “Lo stress ossidativo è uno degli elementi fondamentali e più importanti dell’invecchiamento: passiamo la vita ossidandoci e, col tempo, il nostro composto cellulare si deteriora sempre più. Il nostro organismo produce delle tossine (i radicali liberi) che entro un certo limite riescono ad essere neutralizzate, oltre, invece, iniziano a diventare dannose. La loro produzione è legata non solo all’età, ma anche a fattori esterni quali lo stress, che può affrettare il processo di deterioramento generale. La medicina antiaging rivolge in modo particolare la sua attenzione alle sostanze antiossidanti, che possono essere di natura sia farmacologica, sia naturale, e studia le terapie con cui cercare di limitare lo stress ossidativo e, dunque, l’invecchiamento“.

Ha dichiarato la Dr.ssa Maira Gironi: “Il cervello è uno degli organi maggiormente soggetto allo stress ossidativo, a causa dell’alto consumo di ossigeno e delle scarse risorse antiossidanti. Questo determina una maggiore facilità del danneggiamento delle cellule e, col tempo, dei circuiti neuronali, un danno biologico che è spesso concausa di molte malattie neurodegenerative tipiche degli anziani (demenza vascolare, Parkinson, SLA,…). Altrettanto importante nella genesi di queste malattie è il ruolo svolto dall’infiammazione. Spesso la reazione infiammatoria (locale o sistemica) è la reazione al danno indotto dallo stress ossidativo, in molte situazioni, però, è un potenziale amplificatore dello stesso. Questo spiega perché spesso una terapia antiossidante divenga anche una terapia immunomodulante e, viceversa, perché una terapia antinfiammatoria possa spesso incrementare indirettamente il potenziale antiossidante. Indagare il fenomeno dello stress ossidativo correlato all’invecchiamento è dunque oggi fondamentale, soprattutto nell’ottica di uno studio di terapie che possa portare a potenziare le difese ossidanti nelle fasi precedenti al manifestarsi dei sintomi clinici“.

programma convegno 26 settembre 2012