Grande successo per la 52° Monza – Resegone

Si è tenuta sabato 23 giugno 2012 l’attesissima Monza-Resegone, la storica manifestazione podistica a squadre giunta ormai alla 52° edizione.

Come ogni anno, i runners hanno dovuto affrontare di notte i 42 chilometri (comprensivi di oltre 1000 metri di dislivello) che separano Monza dalla “Capanna Monza” sul Monte Resegone.

Si è registrato per questa edizione un record di iscrizioni, con 266 squadre partecipanti formate ognuna da 3 atleti, per un totale di circa 800 persone. Questo incremento è stato possibile grazie agli sforzi organizzativi messi in atto dalla Società Alpinisti Monzesi, promotrice dell’iniziativa, che ha deciso per l’edizione 2012 di eliminare il tetto massimo di atleti ammessi alla competizione.

Le condizioni estreme del percorso, unite all’afa e al caldo di sabato sera, hanno spinto diverse squadre al ritiro e al traguardo sono giunti 199 dei 266 team iscritti. In un tempo di percorrenza compreso tra le tre ore (i vincitori) e le 5 ore e 54 (gli ultimi ad arrivare alla capanna Monza), tutti i partecipanti hanno fatto rivivere una gara storica e dal sapore quasi epico, che ha saputo mantenere negli anni la stessa anima delle prime edizioni: non solo, ovviamente, la competizione, ma anche un sano spirito di amicizia e un profondo amore per i luoghi attraversati, Monza e il monte Resegone, che sono stati “vissuti” dagli atleti in un’ottica inconsueta.

USSMB: Grande successo per il 37° Festival

Oltre ogni aspettativa la 37^ edizione del Festival dello Sport
INAUGURATA CON SUCCESSO LA LINEA DELL’AUSTERITA’

Se sono i particolari a fare la differenza potremmo affermare che questaedizione del Festival dello Sport è alquanto diversa dalle altre. Non ha infatti ricorso a slogan, simboli o richiami particolari per attirare migliaia di visitatori in autodromo, ha “solo” dichiarato che avrebbe atteso tutti per due giorni all’insegna del divertimento sportivo, e così ha fatto.
Le è stato complice il bel tempo, certo, ma la varietà delle discipline,
l’interesse e il gradimento del pubblico sono stati davvero alti, prova ne sia il numero dei visitatori che molti osservatori hanno stimato tra le 35 e le 40mila unità.
Sono stati affollati sia il paddock che i box, la pista e il grande prato dietro le tribune; i visitatori alla mostra delle auto storiche come della American drive (auto americane di ogni epoca e tipo) hanno dimostrato grande interesse.
Quest’anno il raduno dei motociclisti non ha stabilito un nuovo record di
partecipazione, ma la sua organizzazione è stata particolarmente apprezzata.
L’alto il numero di partecipanti alla gara ciclistica organizzata dal Pedale
monzese (sabato 16), così come la “pattinata” (domenica 17) ha vivacizzato la pista dell’autodromo.
Dal pattinaggio al modellismo, come arti marziali e minimoto, calcetto piuttosto che triathlon, scherma, rugby o tiro con l’arco hanno avvicinato migliaia di praticanti.
Un successo anche le iniziative collaterali come il Disegna lo sport (Panathlon Club), Indovina il pilota (Associaz. Amici dell’Autodromo) e i simulatori di guida di F1 messi a disposizione dalla Beta: hanno fatto
registrare, da sole, quasi duemila partecipanti.
Davvero un successo che ha premiato la coerenza dell’Unione Società Sportive di Monza e Brianza alla sua linea di promozione dello sport quale espressione di una larga fascia della società. Prova ne sono la visita del presidente della Provincia Dario Allevi e del sindaco Roberto Scanagatti che si sono trattenuti per ore partecipando anche ad alcune premiazioni.
Un preciso segnale di riconoscenza verso l’autodromo che ha ancora una volta ospitato l’evento e verso il suo presidente Paolo Guaitamacchi che vede valorizzato il “suo” circuito anche oltre le competizioni motoristiche.


Si vede riconfermata quella realtà più volte affermata dal presidente Pietro
Mazzo: l’USSMB ha come unica fede lo Sport e come unico interesse che sia
un collante sociale.

52° edizione della Monza Resegone

23 giugno 2012 l‘attesissima Monza-Resegone, la storica manifestazione podistica a squadre giunta ormai alla 52° edizione.

Come ogni anno, i runners dovranno affrontare di notte i 42 chilometri (comprensivi di oltre 1000 metri di dislivello) che separano Monza dalla “Capanna Monza” sul Monte Resegone. Si è registrato per questa edizione un record di iscrizioni, con 266 squadre partecipanti formate ognuna da 3 atleti, per un totale di circa 800 persone. Questo incremento è stato possibile grazie agli sforzi organizzativi messi in atto dalla Società Alpinisti Monzesi, promotrice dell’iniziativa, che ha deciso per l’edizione 2012 di eliminare il tetto massimo di atleti ammessi alla competizione.

Una gara storica e dal sapore quasi epico, che ha saputo mantenere negli anni la stessa anima delle prime edizioni: non solo, ovviamente, la competizione, ma anche un sano spirito di amicizia e un profondo amore per i luoghi attraversati, Monza e il monte Resegone, che verranno visti e “vissuti” dagli atleti in un’ottica inconsueta. Divisi tra il fascino della natura di notte, la curiosità per un percorso immerso nei boschi di uno dei monti più pittoreschi della Brianza, e fatica e sudore, i 798 atleti con entusiasmo e dedizione faranno rivivere anche quest’anno la tradizione.

Siamo rimasti piacevolmente sorpresi dal numero di iscritti - ha dichiarato Enrico Dell’Orto, Presidente Società Alpinisti Monzesi – ci fa piacere constatare due trend in crescita: il costante aumento della partecipazione femminile e di neofiti, che si sono lasciati trascinare dal fascino della manifestazione verso questa vera e propria impresa. La Monza-Resegone promette grandi emozioni e mantiene sempre le aspettative, offrendo spettacolo, sentimento e un ambiente mozzafiato in una cornice indimenticabile“.

“Sono oramai cinquantadue le edizioni che hanno reso la Monza – Resegone un evento sportivo così affascinante e atteso – spiega il Presidente Dario Allevi –  Gli atleti ci dimostrano ogni volta che i traguardi più grandi si tagliano solo con l’impegno, la fatica e senza scorciatoie di alcun tipo. Per questo sono molto orgoglioso, ancora una volta, di salutare i coraggiosi partecipanti alla partenza dall’Arengario ed augurare invece a tutti coloro che assisteranno alla gara, siano essi volontari o semplici tifosi, buon divertimento”.

 

 “Dagli istanti della partenza sotto i portici dell’Arengario fino all’arrivo alla Capanna Alpinisti Monzesi a quota 1.200 metri, la Monza – Resegone è la più splendida e sentita affermazione del rapporto che storicamente unisce Monza alla montagna – ha dichiarato l’Assessore allo Sport della Provincia di Monza e della Brianza Andrea MontiUn legame intimo, profondo, indelebile, che la città di Monza, e con lei la Brianza tutta, esprime con quella che possiamo pensare come un’unica interminabile catena umana, formata da centinaia e centinaia di atleti, che durante una notte prossima al solstizio d’estate unisce fisicamente il cuore della città alle cime del “suo” Resegone”.

 

“È per me un onore salutare per la prima volta da Sindaco la partenza della 52esima edizione della Monza – Resegone, la storica gara podistica che appassiona tanti monzesi e non solo. Alla manifestazione partecipa ogni anno, e fin dal lontano 1924, un gran numero di persone che amano correre, forte o piano non importa perché per molti l’importante è partecipare – ha dichiarato durante la conferenza stampa di presentazione il Sindaco della Città di Monza Roberto Scanagatti”.

UN MUSICAL DI CLASSE E VALORI

L’Astro Skating ha ancora una volta messo in scena un musical di alto spessore, sia
artistico che educativo.
Mentre erano ancora vivi i successi delle ultime edizioni (Il Piccolo Principe e Il
Mago di Oz); l’anno scorso I Promessi Sposi rispecchiava fedelmente il romanzo
manzoniano mentre quest’anno Luisa e Paola Biella, rispettivamente presidente e
coreografa, l’hanno rielaborato facendo risaltare il senso del lieto fine e il valore
della famiglia con un quadretto finale rappresentato da Renzo (Roberto Riva) e Lucia
(Valeria Pirola), con mamma Agnese (Francesca Di Giorgio), attorniati dai loro figli.
La risposta coreografica è stata straordinaria con esibizioni e copertura della scena
veramente vive dove si è notata la grande capacità interpretativa di tutti: dall’andatura
e dall’atteggiamento di Don Abbondio (Arianna Pirola) fino alla commuovente scena
con cui una mamma (Laura Longoni) depone il corpicino senza vita della sua piccola
Cecilia sul carretto degli appestati.

Sono solo alcuni aspetti di un musical dove, dal pluricampione del mondo Roberto
Riva (un esempio da emulare) alla più giovane delle pattinatrici, era tangibile la
scrupolosa attenzione ai dettati di Paola Biella che firma così un altro successo.
Tutte le scene sono state introdotte da Gianmaria Italia che, ancora una volta, ha
dimostrato di gradire il duplice ruolo di voce narrante e presentatore esprimendosi
con grande professionalità.
Al termine Luisa Biella ha premiato con una targa quattro fedelissime che da
vent’anni fanno parte dell’Astro Skating: Francesca Di Giorgio, Cinzia Frigerio,
Valentina Mariani e Arianna Pirola.
L’Astro Skating ha voluto essere vicina ai terremotati dell’Emilia disponendo una
raccolta di aiuti che verranno inviati ad una società modenese di pattinaggio, la Pico
Mirandola.