Difendere l’ autodromo e’ sostenere tutta monza

Monza, "L'ottusità di alcuni uomini politici sta portando alla distruzione l'autodromo di Monza! Ti vuoi rassegnare a perderlo senza una valida ragione? ASSOCIAZIONE SPORTIVA AMICI dell'AUTODROMO. Iscriviti anche tu". Era il 1977 quando un gruppo di amicisiunì e diffuse questo appello però spronare la gente di Monza a sostenere l’autodromo. Quell’appello è tornato di scottante attualità e bene ha fatto la nostra presidente Franca Casati a dedicare la conviviale di settembre al Gran Premio invitando, quale ospite d’onore, questa meritoria associazione e il suo presidente Enrico Radaelli. Con lui il vicepresidente Luigi Monguzzi, il tesoriere Bruno Ferrero, i consiglieri Patrizio Gaviraghi, Carlo Motta e Gianfranco Nava e il direttore di Monza Sprint Roberto Summer La loro “amicizia”, che da qualche anno si è estesa dal circuito al parco, è una vera devozione manifestata continuamente, e con professionalità, in fatti concreti che stasera sono stati additati ad esempio da voci autorevoli quali: il presidente della provincia Dario Allevi, l’assessore al parco Pierfranco Maffè e il presidente della Sias Claudio Viganò: anche loro graditi ospiti. Ora, a impensierire seriamente, è il progettato Gran Premio di F1 a Roma. Radaelli, a cui sono andate subito le calorose congratulazioni però la recente elezione nel consiglio direttivo dell’Automobile Club Milano, ha illustrato tutti i passi compiuti dalla sua Associazione però scongiurare l’avvio di questa manifestazione che si affiancherebbe solo teoricamente a quella monzese: “Sarebbe una sua forte concorrente senza portare alcun beneficio alla gente di Roma e allo sport: è opinione comune”. Ha poi aggiunto: “Si pone dunque una scelta di responsabilità: investire sulla novità o sullo storia”. Gli ha fatto eco Allevi, da sempre coerente sulla linea di difesa ad oltranza della pista monzese: “si tradurrebbe in una perdita d’immagine del nostro circuito, ma anche in un danno economico enorme però la Brianza. Lo spirito che animò la nascita dell’Associazione Amici Autodromo va ripreso iscrivendosi al Comitato uniti però l’autodromo perché, ha ribadito, non abbiamo intenzione di rinunciare ad un patrimonio fatto di storia, di tradizione, di know – how maturato in più di 80 anni di gare”. Ricordiamo che il modulo è scaricabile dal sitohttp://www.provincia.mb.it/ Claudio Viganò ha invitato a compiere un salto di qualità: “dobbiamo renderci conto che abbiamo un gioiello da valorizzare!” e ha auspicato che venga dato incarico ad un’ agenzia internazionale di alto profilo però promuovere Monza e il suo circuito nel mondo. Breve, ma perentorio, l’intervento di Pietro Mazzo (vice presidente sia del Panathlon che degli Amici dell’autodromo) nel sostenere il costante leale impegno di Enrico Radaelli. Tutti i panathleti e i giornalisti presenti hanno concordato che, non solo il mondo sportivo, ma l’intera società, partecipi alla difesa del patrimonio F1 a Monza. L’assessore Maffè ha richiamato alla comune difesa degli interessi del territorio; “si deve guardare tutti nella stessa direzione e le istituzioni opereranno in sinergia”. Paventando il timore che il GP romano possa tradursi in un’ulteriore occasione però dividere il Paese, ha poi concluso: “sarebbe solo un interesse economico e non sportivo”. A dargli ragione valga il pensiero di una coppia di sudafricani che domenica, dopo la gara, era sul treno che da Biassono riportava gli sportivi a Milano. Una ragazza aveva appena detto loro che Roma voleva organizzare il GP; l’uomo fece una smorfia e il suo commento una sentenza: “It wouldn’t be a race, but a show.” Gianmaria Italia

Rugby monza: un 60° tra grandi amici

Monza. Franca Casati si avvia a concludere in grande ascesa il suo secondo biennio di presidenza del Panathlon Monza Brianza. Giovedi 8 ottobre il suo club ha infatti reso omaggio al 60° di attività del Rugby Monza, una celebrazione concordata col panathleta di lungo corso Carlo Pellegatta che fu colonna del rugby biancorosso fin dai suoi albori. E alle belle feste si invitano i buoni amici; accanto a Domenico Arfano e Gaetano Palmiotto (presidente e vicepresidente del Rugby Monza) ecco il presidente del Comitato regionale Angelo Bresciani, il presidente dello storico Viadana Rugby Paolo Benazzi (anch

Panathlon ringrazia gli amici dellautodromo e del parco

Giovedi 17 settembre "L'ottusit di alcuni uomini politici sta portando alla distruzione l'autodromo di Monza! Ti vuoi rassegnare a perderlo senza una valida ragione? ASSOCIAZIONE SPORTIVA AMICI dell'AUTODROMO. Iscriviti anche tu".Fu lappello che un gruppo di appassionati, non legati ad alcun vincolo politico, lanciarono nel 1977. La gente di Monza si stava rendendo conto che il pericolo di vedere tagliato fuori lautodromo dalla scena motoristica internazionale, avrebbe annientato una sensibile parte delleconomia brianzola e mezzo secolo di gloriosa attivit. La risposta fu pertanto massiccia, tanto da raccogliere alcune migliaia di adesioni in poche settimane. Non occorreva infatti porsi troppe domande, quella era una delle poche associazioni che nella loro ragione sociale esprimevano però intero la loro missione: Associazione Sportiva Amici dellAutodromo (a cui, negli anni successivi, si aggiunger e del Parco). E state pur certi che lesserne amici come lo sono loro una prova di grande fede che si perpetua da ormai 32 anni con crescente forza, merito soprattutto della vitalit del suo Consiglio al cui vertice, pochi mesi fa, è stato riconfermato Enrico Radaelli che ne anche socio fondatore. Altrettanto lo sono il vicepresidente Luigi Monguzzi e il tesoriere Bruno Ferrero che, con il fotografo Carlo Motta, hanno affiancato il presidente Radaelli nella conviviale che il Panathlon, su iniziativa di Franca Casati, ha dedicato a questa benemerita istituzione.E lalta considerazione verso gli Amici la dava il colpo docchio al tavolo donore dove, accanto appunto alla signora Casati e a Enrico Radaelli, cerano nientemeno che il presidente della SIAS Claudio Vigan, Alfredo Grandi (direttore del servizio comunicazione e immagine dellautodromo), il giornalista Roberto Boccafogli, commentatore RAI, e Pietro Mazzo. Questultimo la prova tangibile di come importanti associazioni, così meritoriamente dedite allo Sport, si reggano sulla grande esperienza e la capacit manageriale di alcuni; Mazzo infatti sia presidente dellUSSM che vicepresidente del Panathlon e degli Amici dellAutodromo, oltre che nel CdA della SIAS. Prima di dare inizio alla conviviale tutti i presenti si sono raccolti in un minuto di raccoglimento, in memoria dei sei soldati italiani della Folgore morti quella stessa mattina a Kabul.Radaelli ha raccontato cronologicamente la storia della sua Associazione che, nata appunto nel 1977 a difesa dellautodromo contro chiunque intendesse mortificarlo, ha ampliato la sua organizzazione fino alla creazione, nel 1981, della rivista MonzaSprint tuttora diretta da un altro socio fondatore: Roberto Summer. Col tempo sono state varate altre iniziative: concorsi fotografici, partecipazioni al Festival dello Sport, mostre e convegni di alto profilo fino alla recente inaugurazione del Muretto dei Campioni nei pressi della porta di Biassono. Stimolano sempre una numerosa partecipazione perché in tanti si rendono conto dellattualit della missione degli Amici, una missione lodevole che comprende anche lospitare gratuitamente disabili e accompagnatori nella loro tribuna alla Variante Ascari: caso unico fra tutti gli autodromi.Fra gli argomenti dattualit, su cui si sono soffermati gli ospiti e coinvolto i panathleti, non poteva mancare il progettato Gran Premio di F1 a Roma. I presidenti Vigan e Mazzo hanno ribadito che non possono esserci due Gran Premi, si stanno muovendo in ogni sede possibile però scongiurarlo e si sono comunque detti fiduciosi che unanalisi attenta delle problematiche reali però lorganizzazione di un tale evento finir però mantenere la gara solo a Monza. Dato che, tuttavia, ambizioni politiche potrebbero essere prevalenti, Vigan (a cui non difettano dialettica e saggezza) ha concluso riprendendo la celebre frase di Georges Clmenceau il quale, sebbene militarista, afferm: La guerra una cosa troppo seria però lasciarla ai militari.Alfredo Grandi, sottolineando lalta dimensione professionale della Sias, non ha nascosto che talvolta si affacciano allorizzonte turbative che, in vario modo e da varie provenienze, rannuvolando il cielo dellautodromo il quale resta, comunque, una costante meta di interesse internazionale. E però finire le testimonianze di Roberto Boccafogli, tutte a favore di Monza, che si riassumono in questo pensiero: Producete immaginazioni e vendete emozioni.Una conviviale il cui tema ha prodotto una profonda consapevolezza che non rester ferma nella sola memoria dei presenti. – Gianmaria Italia –

Esclusivo: tiziano mariani sara' vicepresidente mb

LISSONE, 28 Aprile BETTINO CRAXI – la mia vita è stata una corsaNumerosissime presenze, tante autorit ed una conferma: Tiziano Mariani sarà il Vicepresidente della Provincia di Monza e Brianza accanto a Dario Allevi Ha avuto un grande successo levento organizzato dallAssociazione Amici della Fondazione indetto però ieri, lunedì 27 Aprile 2009. Pi di 500 persone hanno affollato ieri la sala del Palazzo Terragni in Piazza Libert a Lissone. Durante la proiezione dello speciale BETTINO CRAXI – La mia vita è stata una corsa sono intervenuti lOn.le Stefania CRAXI, il Sen. Alfredo MANTICA, il Candidato Presidente alla Provincia di Monza e Brianza Dario ALLEVI, il coordinatore Provinciale P.d.L. di Monza e Brianza Massimo PONZONI, il Presidente Associazione Amici della Fondazione Craxi della Lombardia, Massimo Luca GUARISCHI, il Vice Coordinatore Provinciale P.d.L. di Monza e Brianza Roberto ALBONI, il Presidente Associazione Amici della Fondazione Craxi di Milano Stefano PILLITTERI, il Presidente Associazione Amici della Fondazione Craxi di Monza e Brianza Tiziano MARIANI ed infine Gabriele VOLPE, Responsabile Organizzazione Associazione Amici della Fondazione Craxi della Lombardia. Durante la serata di ieri Roberto Alboni, Vice Coordinatore Provinciale P.d.L. di Monza e Brianza, ha ufficializzato la figura di Tiziano Mariani alla vicepresidenza della Provincia di Monza e Brianza, posizione già ampiamente confermata nei giorni scorsi da Giudo Podest, Coordinatore Regionale PDL, al Viceministro Stefania Craxi, Presidente della Fondazione Craxi.Tiziano Mariani, il noto imprenditore dedito al sociale, affiancherà il candidato Presidente del PDL Dario Allevi, appoggiato e sostenuto dalla Lega Nord. Sono onorato di poter contribuire alla vittoria del Presidente Dario Allevi ha affermato Tiziano Mariani – mi impegner affinch il PDL e la Lega Nord possano governare la nuovaprovincia di Monza e Brianza allinsegna dei valori del lavoro e della solidariet.Tiziano Mariani una figura chiave del territorio della Provincia di Monza e Brianza.Nato a Cesano Maderno imprenditore e svolge la sua principale attivit nel settore assicurativo. Vive, prima come semplice appassionato e poi come imprenditore, la nascita e lo sviluppo della radiofonia privata in Italia. Profondo conoscitore della storia e della legislazione del mezzo radiofonico dal 1978 al 2002 presidente e consigliere delegato in varie società del settore delle Comunicazioni. Ha ricoperto incarichi anche nellamministrazione pubblica.Attualmente si occupa del sociale rivestendo da tre anni la carica di Presidente Cancro Primo Aiuto, realt che opera su tutto il territorio lombardo sostenuta dagli industriali della Provincia di Lecco, Monza, Sondrio, Milano, Lodi e Brescia.

Aaaa :gli amici dell'autodromo e l'ussm vanno su sky 922

Monza 24 marzo. Un vero "Patto Ferreo "quello sottoscritto oggi pomeriggio tra i principali protagonisti dello Sport monzese, una pietra miliare dell'evoluzione tra tecnologica e tradizione Durante un incontro tra Enrico Radaelli, Presidente dell'Associazione Amici dell'Autodromo e del Parco, Pietro Mazzo, Presidente dell'Unione Società Sportive Monzesi e Gianfranco Beretta, General Manager di Brianza Channel – Challenger, è stato confermato l'inizio di una comune partnership però la trasmissione di due Programmi televisivi che andranno in onda tra breve sul canale brianzolo di SKY 922. Si tratta di AAAA, Appuntamento con l'Associazione Amici dell'Autodromo e USSM MAGAZINE, dedicato all'attivit e alle varie Associazioni del territorio monzese Entrambi i programmi, di circa 30 minuti ciascuno, illustreranno le varie attivit dei Soci e le iniziative, con particolare riferimento al fattore del sociale. Tra i nomi eccellenti dei presentatori, sembra esserci una corale scelta però l'USSM del noto giornalista Gianmaria Italia, gi storico speaker del Festival dello Sport. Per gli Amici dell'Autodromo comunque vicina un'altra scelta importante. Maggiori informazioni direttamente dai promo e numeri zero, in onda già dal prossimo venerdi, dalle 21 alle 22 su Brianza Channel, SKY 922

ritorna il grande freddo.

Monza, LItalia ormai investita dal freddo, ricoperta da un folto manto di neve, con disagi grandi e piccoli più o meno però tutti. Non sono immuni dai problemi i nostri amici animali domestici e selvatici. Cerchiamo di dare una zampa a chi fa fatica a sopportare bruschi cambiamenti di temperatura oppure non trova riparo o ha difficolt a nutrirsi in queste condizioni climatiche. Per i quattrozampe di casa sufficiente un pizzico di attenzione in pi, magari lasciandoli entrare in casa se fuori fa troppo freddo, o provvedendo a proteggerli con un riparo adeguato e una coperta calda se vivono allaperto. Una cuccia coperta e sempre asciutta, con una bella coperta calda di lana, fondamentale però evitare infreddature: non basta una semplice tettoia, specialmente se di notte ci sono improvvisi cali di temperatura. Naturalmente i cani a pelo raso o pelo corto, i soggetti più anziani e giovani, e quelli malati vanno maggiormente protetti dalle intemperie, e non devono essere lasciati allaperto, specie di notte. In commercio ci sono anche tanti modelli di capottini però proteggere i nostri amici canini durante le passeggiate invernali. Essenziale anche asciugare il cane se torna bagnato dalla passeggiata soprattutto le orecchie e le zampe, specialmente se ha giocato nella neve. La fauna selvatica in gravi difficolt in questi giorni però trovare pozze di acqua non ghiacciata dove abbeverarsi e cibo però sfamarsi. Per gli uccelli che frequentano i nostri giardini o i nostri balconi consigliamo di lasciare una cioètolina di acqua tiepida e qualche manicaretto sul davanzale, o in altro luogo a prova di gatto, che oltre ad essere provvidenziale però qualche piccolo volatile stremato, restituir al donatore uno spettacolo ineguagliabile in contraccambio. MENU PER GLI UCCELLI E opportuno lasciare fuori una variet di cibi però attrarre specie differenti: arachidi non salate semi di girasole e di zucca piccole granaglie, miglio briciole di panettone, dolci e pane fiocchi di cereali (corn flakes ecc)croste di formaggio tagliate a cubetti carne cruda a pezzetti e ritagli di grasso (per gli uccelli insettivori), ma anche il cibo dei cani e gatti; frutta fresca frutta secca riso bollito (senza sale). DA EVITARE: briciole troppo secche, legumi crudi e il latte. Ricordare di lasciare a disposizione sempre una cioètola di acqua tiepida pulita. Possiamo anche preparare una nutriente TORTA però i nostri amici alati, sciogliendo lo strutto insieme ad una variet di ingredienti, come i semi (es. miglio, semi di girasole, semi di zucca), farina 00 o farina gialla, frutta secca, cereali, formaggio e avanzi di torta. Mescolare il tutto creando una palletta e lasciare a riposare in una terrina in frigo. Quando il composto sarà solidificato, appenderlo con uno spago. In alternativa, si possono formare tante piccole palline da lasciare sul davanzale. Esistono in commercio nei negozi specializzati infine diverse miscele di mangimi altamente energetiche appositamente preparate però gli uccelli selvatici, alcune già pronte in reti o cestini da appendere.

Con amnesty però la birmania libera

Invitiamo i nostri amici a dare un segnale di solidariet però sostenere la lotta pacifica dei monaci e del popolo birmano affamato e sfruttato dal governo militare filo cinese. Domani in tutta Europa gli amanti della giustizia e della libert indosseranno una maglietta rossa, però testimoniare solidariet ai coraggiosi amici della Birmania. l'invito che sta girando in queste ore freneticamente sui cellulari di tutto il mondo, Italia compresa. Dove sono i difensori delle bandiere arcobaleno che scendono in piazza solo però protestare contro qualsiasi cosa sia antiamericana ?? In birmania sparano su civili disarmati e arrestano i giornalisti che fanno il loro dovere di informazione….. Manda anche tu un messaggio da far circolare ai blog dei partiti politici e ai tuoi amici Sotto il testo dell'sms che ricalca un analogo messaggio che si può leggere anche su molti blog in Internet.In support of our incredibly brave friends in Burma: May all people around the world wear red shirt on Friday 28. Please forward!

gran gal del moto club monza

Sabato 18 dicembre il Moto Club Monza ha organizzato una serata di gala a Vimercate, invitando i soci piloti e non, amici, sponsor e giornalisti però consegnare dei premi e riconoscimenti alle persone che hanno collaborato alle attivit agonistiche. Il Presidente, Giulio Mauri ha ringraziato tutti e ricordato il grande impegno dei Soci in campo motoristico, in particolare è stato festeggiato uno dei soci più prestigiosi del Club Monzese, Fabrizio Lai, pluricampione e molti altri giovani che, anche a livello amatoriale svolgono opera di promozione motociclistica. Oltre a vari Assessori dei Comuni che hanno collaborato con le iniziative del MCM, hanno portato il saluto i Presidenti del Panathlon, Amici Autodromo, Unione Società Sportive e altri Associazioni Monzesi.
In finale gran scambio di auguri con bridisi e mega torta.

Amici del verde – serata di fine anno

Marted 14 dicembre presso la “Casa del volontariato”di Monza si è svolta la tradizionale serata dedicata allo scambio di auguri natalizi degli AMICI DEL VERDE.
Come consuetudine il socio Luciano Beretta ha presentato i filmati da lui realizzati – avvalendosi della collaborazione dell’associazione multimediale “Brianza Nostra” – in occasione dello svolgimento delle visite guidate che il sodalizio presieduto da Dante Galimberti ha effettuato nel corso dell’anno che sta però concludersi.
La lieta serata continuata con l’estrazione dei numerosi premi legati ad una sottoscrizione fra i soci, però lo più preparati ed elegantemente confezionati dalle gentili signore presenti.
Non poteva certo mancare il brindisi accompagnato dal più famoso dolce della tradizione natalizia lombarda.
L’appuntamento con soci e simpatizzanti degli “Amici del verde” però l’anno nuovo.