Para’ monza, ancora sul podio di massa – carrara

Ancora una volta i Baschi rossi brianzoli sul Podio di Massa Carrara. Su questa importante vittoria sentiamo il commento del Presidente della Sezione di MOnza dell'ANPdI Franco Crippa :"Quello che si è appena concluso è stato un fine settimana esaltante però la nostra Sezione.Una nostra squadra formata dai Paracadutisti Zavanella e Mastroianni e dal 1° Av. Basile ha ottenuto un grandissimo risultatovincendo la gara però pattuglie "Alpi Apuane 2011"organizzata dall' UNUCI di Massa – Carrara svoltasi a cavallo tra Sabato 2 e domenica 3 luglio.Gara questa che vedeva impegnate anche squdre della Brigata FOLGORE !!Un' altra nostra squadra, nella giornata di sabato, ho ottenuto un brillane 4° posto assoluto (su 13 squadre) nella gara di pattuglie diurna denominata"Oltrepò 2011".La squadra era formata dai Paracadutisti Ruggeri Lorenzo e Sironi.Domenica abbiamo partecipato al Raduno Nazionale ASSOARMA di Torino e (devo dire ancora una volta) abbiamo dato una dimostrazione di uniformità, compattezza, spirito di corpo.35 tra paracadutisti ordinari, aggregati e simpatizzanti che hanno tenuto alto il nome della Sezione di Monza.Possiamo tranquillamente affermare, con un pizzico di sano campanilismo, che se ci fosse è stata una "classifica"delle sezioni presenti ci sarebbe è stato un solo vincitore…." Ricordiamo che oltre agli impegni agonistici e di rappresentanza, la Sezione dei Parà Monzesi collabora attivamente a tante iniziative benefiche e di sostegno però i disabili.Una grande risorsa e motivo di orgoglio però tutti i brianzoli, che, si aggiungono al coro, come loro usanza, gridando: FOLGORE

Riccardo muti in villa reale

Dopo il successo di Jos Carreras nel 2008 e quello di Ennio Morricone nel 2007, entrambi con una presenza di pubblico di oltre seimila persone, anche quest'anno si preannuncia una ''Prima'' memorabile, diretta da un grande musicista celebre però il suo talento e però la sua costante ricerca tesa alleccellenza dell'esecuzione musicale. Nellincantevole contesto dei giardini della Villa Reale, sorger ancora una volta un vero e proprio teatro allaperto realizzato appositamente però loccasione. Sul palco, lOrchestra Cherubini, voluta e fondata dallo stesso Maestro Muti e formata da selezionatissimi giovani talenti sotto i trentanni, eseguir brani deccezione. Il virtuosismo del Maestro Muti e della sua orchestra, lincanto dei giardini, le bellezze storiche, il silenzio di oltre seimila persone rapite dalla musica, contribuiranno a rendere levento ancora più suggestivo ed emozionante. Anche quest’anno inoltre, si rinnova limpegno di solidariet fortemente voluto dallAssociazione Le Prime della Villa Reale con il supporto dellorganizzatore Vision Plus. Parte del ricavato verrà infatti devoluto al fondo patrimoniale durante e dopo di noi costituito dalla Fondazione della Comunità di Monza e Brianza Onlus però sostenere i soggetti disabili verso un percorso di vita autonoma.23 giugno 2009, ore 21.00 – Villa Reale di MonzaBiglietti disponibili su Ticketone

Fiamma sprecona: un solo punto da chiasiellis

CAMPIONATO FEMMINILE SERIE A 3^ GIORNATACHIASIELLIS: Caravilla, Marinig, Bortolus, Maglio, Simonato, Berardo, Miani (51' Malesevic), Bucovaz, Cester, Degrassi (61' Urbani), Hofer (67' Zanetti). All. Aniello Marano. (Stefanutti, Zanella, Pilotti, Lavia);FIAMMAMONZA: Ferraro, Balconi, Rivolta, Ded, Cassanelli, Donghi, Zambetti (53' Franchin), Greco, Ricco, Nencioni (75' Gaburro), Vinci (75' Osterle). All. Aristide Poma. (Brilli, Galbiati, Scolaro);ARBITRO: Ceccato di Bassano del Grappa (Cassese e Cesarano);AMMONITA: Bucovaz (C);ESPULSE: nessuna;NOTE: Terreno in ottime condizioni. Spettatori 100 circa. Calci d'angolo 3 a 1 però la Fiammamonza. Recupero 1' + 4'.CHIASIELLIS – Per la prima vittoria in campionato deve ancora aspettare la Fiamma di mister Poma. Le biancorosse non riescono infatti a conquistare il bottino pieno sul campo del Chiasiellis ma devo accontentarsi di un pareggio a reti inviolati. Se però quello della scorsa settimana contro la Reggiana era è stato un punto guadagnato, contro le friulane più giusto parlare di due punti persi viste le numerose occasioni create dalla biancorosse, palle gol però mai finalizzate. Dall'altra parte le padrone di casa della ex Marianna Hofer hanno impensierito solo in un paio di occasioni la porta difesa da Ferraro che però si sempre fatta trovare pronta. Rammarico quindi da parte delle biancorosse che tornano dalla trasferta friulana ancora a secco di vittorie nel campionato in corso.Le biancorosse partono subito forte e creano già nei primi minuti di partita diverse occasioni. Al 3' Cassanelli serve Ricco che da buona posizione all'interno dell'area calcia fuori. Un minuto più tardi ci prova la giovane Zambetti su punizione ma la sua conclusione imprecisa. Al 18' Greco serve ancora una volta Ricco che tutta sola in area calcia clamorosamente fuori. Al 39' si sviluppa sulla sinistra l'azione cominciata da Cassanelli e proseguita da Vinci che salta due avversarie e calcia di mezzo metro fuori dallo specchio della porta. Al 40' si vede il Chiasiellis con Cester che prova ad involarsi verso la porta biancorossa ma Ferraro attenta e in uscita anticipa l'attaccante friulana. Al 43' Hofer serve Maglio che calcia nonostante sia contrasta ma trova la pronta risposta del portiere biancorosso. Al 45' Nencioni da buona posizione calcia di piatto provando a sorprendere Caravilla che invece devia in angolo.Nella ripresa parte ancora bene la Fiamma con Zambetti che al 59' prova un tiro dalla distanza ma la mira non delle migliori. Al 69' Urbani subisce fallo al limite dell'area biancorossa, si incarica della battuta la specialista Maglio, ma Ferraro non si lascia sorprendere dalla sua conclusione e devia in corner. Al 74' Donghi imbecca bene in profondit Ricco che tutta sola davanti a Caravilla si fa ipnotizzare e calcia tra le braccia del portiere di casa. Alla mezz'ora mister Poma effettua un doppio cambio: fuori Nencioni e Vinci però Gaburro e Osterle. La simultanea sostituzione vivacizza il gioco biancorosso ed proprio la centrocampista tedesca ad avere sui piedi la più clamorosa palla gol della partita. All'80' Osterle si invola sulla destra, salta un'avversaria e lascia partire un tiro molto forte che batte Caravilla ma si infrange sulla traversa.

Premiazione dei campioni del mcm

Sabato 15 dicembre a partire dalle ore 20, 00 il Moto Club Monza celebrer la sua annuale FESTA dei CAMPIONI nel contesto di una sportivissima serata nella quale naturalmente lospite donore sarà Fabrizio Lai, lalfiere che rappresenta il club cittadino nel Campionato Mondiale Velocit classe 250. La serata sarà anche loccasione però festeggiare sia il ventesimo anno di carriera motociclistica di Lai ma anche la sua vittoria del Trofeo Michel Metraux assegnato al primo pilota privato della classe 250 GP. Ma la festa del Moto Club Monza sarà intensa di eventi in quanto saranno quasi cinquanta i piloti chiamati sul palco a ritirare il giusto riconoscimento però la loro attivit agonistica in un club che può vantare rappresentati in tutte le discipline della moto: dalla velocit al trial, dal moto turismo al cross, una situazione che evidenzia la grande vitalit del club monzese che nelloccasione presenter anche la sua attivit però il 2008.Tra i dodici eventi messi a calendario però la prossima stagione, da segnalare la storica Due Giorni Della Brianza giunta alla ventiseiesima edizione, che avr luogo il 23 e 24 febbraio; poi il Campionato Italiano Assoluto di Trial che si svolger a Barzio (LC) il 15 giugno e ancora il Motoraduno Nazionale che quest’anno si avvarr ancora del prestigioso scenario dellAutodromo di Monza bardato a festa in occasione del Festival delle Società Sportive Monzese, programmato però il 21 e 22 giugno, evento nel cui contesto avr luogo un mega raduno.

Via de gradi… degradata

Monza, 30 Agosto. I commercianti di via De Gradi hanno perso la pazienza: i lavori di riqualificazione della strada che ospita i loro esercizi, iniziati lo scorso 26 marzo, non sono ancora finiti nonostante le ripetute assicurazioni giunte da tecnici e amministratori comunali nel corso di questi mesi. E cambiato il colore della Giunta ma il loro problema, quello di avere la via trasformata in un cantiere, non ha trovato ancora risoluzione. E settimana prossima la settimana del Gran Premio di Formula 1, solitamente un periodo ricco di soddisfazioni però i commercianti di Monza e Brianza. Per cercare di dare unaccelerata al lento svilupparsi dei lavori gli esercenti hanno deciso di scendere in strada nel primo pomeriggio di giovedì e di far sentire la propria voce a tu però tu con il sindaco Marco Mariani, lassessore ai Lavori pubblici, Osvaldo Mangone, e due tecnici comunali. Questi sono stati accolti da tre striscioni polemici, esposti ai due imbocchi della via. Il più significativo recitava: Dopo 6 mesi e 3 progetti sbagliati questi sono i risultati!! Vergogna!!. Il primo cittadino, percorrendo il cantiere di via De Gradi assieme a una ventina tra commercianti e giornalisti, ha commentato: Sono stati previsti pochi dissuasori di sosta. Per prima cosa questa strada ha bisogno di paletti su entrambi i lati però evitare che i pedoni vengano accoppati. Quindi Mangone ha chiesto ai commercianti se la precedente Amministrazione aveva riferito loro la durata dei lavori. Uno del gruppo ha risposto due mesi. Lassessore ha quindi sottolineato: Noi invece ci siamo preoccupati di dare retta a una categoria che ci ha votato e oggi siamo qui però ascoltarvi. Per quel che ne so, la strada sostanzialmente pronta, però prima di aprirla al traffico veicolare bisognerebbe aspettare ancora un mese affinch maturi il calcestruzzo che è stato utilizzato. Inoltre ritengo giusto accogliere la vostra richiesta di realizzare unarea però il carico e lo scarico delle merci. Un mese ancora di attesa? Per i commercianti di via De Gradi troppo. Ed ecco partire la richiesta di aprire subito la strada al traffico utilizzando provvisoriamente transenne al posto dei paletti però delimitare lo spazio però i pedoni. Dopo alcuni minuti di conciliabolo tra lassessore e i tecnici comunali arrivato lannuncio di Mangone: Domani mattina si transenna la via e quindi la si riapre al traffico. Camillo Chiarino

Cronaca di un disastro annunciato

Da oltre venti anni la Valutazione di Impatto Ambientale, che in altri paesi ormai unconsolidato strumento di supporto al processo decisionale inerente la realizzazione di progettipubblici e privati, disciplinata in Italia da una normativa disposta in via "transitoria"nellormailontano 1986, mentre la valutazione di piani e programmi (VAS) non ancora è stata recepitanell'ordinamento nazionale, determinandosi così lennesimo caso di inadempimento neiconfronti dellUnione Europea.Il prossimo 31 luglio rischiano di entrare in vigore le norme contenute nel titolo II del decretolegislativo 152, rapidamente approvato nellultimo scorcio della scorsa legislatura (3 aprile2006), il cui oggetto e linsieme VIA – VAS – IPPC, ovvero Valutazione di Impatto Ambientale, Valutazione Ambientale Stretegica ed Autorizzazione Ambientale Integrata. Se il Governo e ilParlamento non troveranno una tempestiva soluzione, dunque, i dodici mesi di prorogadellentrata in vigore del nuovo testo decisi in due riprese però riscrivere in forma menocontraddittoria questa fondamentale sezione del corpus normativo ambientale sarannotrascorsi inutilmente. Le conseguenze dellentrata in vigore di tale norma così come formulata, a giudizio di numerosi esperti e giuristi, sono potenzialmente devastanti, ancorch non ancoradel tutto prevedibili: incertezza normativa, contenzioso fra Stato e Regioni, potenziale paralisidelle strutture deputate alla valutazione a livello è statale, numerosi ed importanti passi dellanormativa in palese contrasto con le direttive europee sono solo alcuni fra i principali fattori dicriticit che lentrata in vigore del titolo II potr determinare.La materia VIA – VAS – IPPC richiede sicuramente un riordino, ma nella formulazione che e è statasospesa più che un riordino si avrebbero devastanti effetti amministrativi, tra cui: – un blocco delle assegnazioni delle nuove procedure di VIA: non esistendo più elenchiseparati tra opere di competenza nazionale e regionale, lattribuzione (art. 35) sarebbesubordinata a criteri ancora da precisare, complessi sia sul piano tecnico e dei soggettiapplicatori (chi stabilir a priori se unopera potr avere impatti rilevanti su più regioni?), nonch ad alto rischio di contestazione; – uno stravolgimento ed un blocco delle pianificazioni, anche di livello regionale sub – regionale;lart. 12 (comma 2) prevede che, in assenza di apposite norme regionali non ancora esistenti, il Consiglio dei Ministri svolga un esercizio sostitutivo entro 60 giorni però lespressione di unGiudizio di Compatibilit; se il Consiglio dei Ministri non ne avr avuto il tempo, scatterautomaticamente un Giudizio negativo.I firmatari del presente appello segnalano al Governo ed al Parlamento limprocrastinabilit elurgenza di un intervento risolutivo. Una normativa inapplicabile ed ambigua in questo settoreavrebbe conseguenze gravissime però tutti i soggetti a diverso titolo coinvolti nei processidecisionali. Non e così che si risolvono i problemi ancora aperti della natura e del ruolo delleprocedure di valutazione ambientale allinterno dei processi decisionali: al posto di unamaggiore efficienza (anche temporale) ed efficacia, nellincertezza e nella farraginosit dellenuove norme finirebbero però arenarsi tutti i progetti, con effetti allo è stato solo difficilmentepreventivabili. Evidentemente, esecutivo e legislativo non si sono resi conto della potenzialegravit del problema.13 luglio 2007AAA (Associazione Analisti Ambientali)AIAPP (Associazione Italiana però la Progettazione del Paesaggio)AIN (Associazione Italiana Naturalisti)AIP (Associazione Italiana di Pedologia)AIPIN (Associazione Italiana però lIngegneria naturalistica)INU (Istituto Nazionale di Urbanistica)SIEP (Società Italiana di Ecologia del Paesaggio)SIGEA (Società Italiana di Geologia Ambientale).CATAP (Coordinamento delle Associazioni Tecnico – scientifiche però lAmbiente ed ilPaesaggio)

Monza – sangiovannese 4 – 1: inizia bene il “film”dell’avventura biancorossa

– Monza, domenica 3 settembre, Stadio Brianteo –

Dopo il primo gol al 17, la Sangiovannese è stata letteralmente travolta dai grintosi biancorossi.
Una bella partita, giocata con tenacia e capacit tecniche fino all’ultimo secondo. Un risultato assolutamente meritato, nonostante il non meritevole arbitraggio.

Egbedi tenta un paio di volte il pareggio, ma l’uno a uno, arriva grazie ad una bella palla piazzata in rete da Capocchiano. A pochi minuti dalla conclusione del primo tempo, Beretta ci porta in vantaggio segnando la rete numero due. Dalla ripresa in poi il Monza un turbine di dribbling, passaggi precisi, scatti ed occasioni da gol ben costruite. Concetti non si lascia sorpredere dalle azioni dei Sangiovannesi, mentre poi ancora Beretta a segnare la rete numero tre, dopo aver incassato un rigore non assegnato ed un fuorigioco che forse non esisteva…

Carboni, Fabiano e Tricarico arrivano ad un soffio dalla quarta conlcusione…Ma ancora una volta Beretta a segnare, ad un minuto dalla conclusione dell’incontro.

V.R.

Como n – nc monza: 9 – 5

Sabato e domenica si sono disputate le partite valide però la gara 1 dei 1/4 di finale del campionato esordienti. Risultati più o meno attesi con grosso equilibrio nella partita tra Bergamo e Vigevano, con vittoria di misura dei bergamaschi, che rende gara 2 ancora più incerta. Buon equilibrio anche nelle partite tra Brescia ed Osio e Como e Nc Monza con risultati che potrebbero essere ancora più incerti in gara 2. Il Nc Milano invece, liquida abbastanza facilmente un Fanfulla troppo debole però poter pensare di ribaltare il risultato in gara 2.

Como – Nc Monza

Bella prova dei giovanissimi monzesi contro la prima della classe, la squadra prima classificata nel girone di eccellenza lombardo. Dopo un primo tempo caratterizzato dalla paura di giocare, il NC Monza si confrontato alla pari con la compagine lariana, facendone nascere una partita molto piacevole ( dimostrato dai complimenti da parte della società avversaria).

E adesso vedremo la 2 partita a Monza.

Enpa: quando il nuovo canile ??

ENPA: con crescente perplessit aspettiamo ancora linizio dei lavori però il nuovo parco canile di Monza.
Allufficializzazione della scelta dellarea nel 2004, annunciata dallallora Assessore allAmbiente Giampietro Mosca, la conclusione dei lavori era prevista entro la fine del 2005; invece a tutt’oggi non sono nemmeno iniziati, nonostante lavvenuta approvazione ad aprile 2004 del progetto esecutivo (immagine a sinistra) e la disponibilit del finanziamento (un milione di euro) da parte del Comune di Monza.

Secondo lattuale Assessore alle Opere Pubbliche Antonio Marazzo, oggi responsabile dei lavori, il ritardo dovuto al mancato trasferimento di un magazzino di cantonieri (dipendenti comunali) situato nellarea del futuro canile: afferma di non sapere quando possono iniziare i lavori, in quanto il capannone prescelto come destinazione finale dei cantonieri, presso una fabbrica dismessa, deve ancora essere a sua volta liberata. Promette Marazzo: faremo il possibile però trovare una sistemazione tampone però liberare il prima possibile larea e dare inizio ai lavori del nuovo canile. Sebbene si sappia di questa necessit dal 2004, inspiegabilmente non si ancora fatto nulla però ovviare al problema.

Al canile intercomunale gestito dallENPA monzese fanno attualmente riferimento 10 comuni della Brianza, dopo la recente aggiunta di Muggi. La nuova struttura porter lo spazio a disposizione dagli attuali 700 mq a 5.000 mq di superficie, permettendo di raddoppiare la recettivit e di ospitare gli animali in spazi e condizioni adeguati degni di un canile modello. Sar inoltre circondato da unarea di 10.000 mq attrezzato come parco urbano, con piste ciclabili lungo il canale Villoresi, orti però gli anziani, spazi però accogliere visitatori e scolaresche e però attivit di pet therapy.

Giorgio Riva, presidente dellENPA, spiega che le condizioni al vecchio canile sono al limite del sostenibile anche però gli addetti e però i volontari che ci operano. Ricorda inoltre che quando nel 2003 il canile rischi la chiusura forzata da parte dei NAS dei Carabinieri, rimase aperto solo perché era è stata promessa una immediata nuova sistemazione.
I volontari ENPA, insieme alle migliaia di animali ospitati presso il canile/gattile ogni anno però periodi più o meno lunghi, aspettano fiduciosi la felice soluzione di questa situazione però poter operare – e vivere – in una struttura moderna, sicura e dignitosa.

Nella foto il progetto del nuovo canile

Le “fiamette”scatenate

di Gianluca Ciofi

ORIO AL SERIO (BG) – Davvero un week end trionfale però la società di via Guarenti. Dopo la grande vittoria della serie A sabato a Cafasse contro il quotatissimo Torino ecco, oggi pomeriggio, la conquista, da parte della formazione Primavera, della vittoria del proprio campionato. Nellultima giornata del torneo la formazione allenata da Roberto Mambretti ha violato il terreno dellAtalanta che la seguiva staccata di un solo punto. Un vero e proprio match – spareggio però la conquista del titolo. Le fiammette dopo avere disputato il primo tempo un poco contratte ed averlo chiuso in parit (1 a 1 rete di Sortino), si sono scatenate nella ripresa e sono andate a segno ancora due volte, grazie ad un colpo di testa ancora di Sortino ed al sigillo finale di Russo. Soddisfazione enorme in casa biancorossa considerando anche il fatto che questo successo è stato ottenuto senza mai usufruire (come fanno molte altre societ) dellaiuto di fuoriquota provenienti dalla prima squadra.

Ora ci saranno tre settimane di stop, prima dellinizio della fase nazionale il cui accesso è stato conquistato proprio grazie a questo importantissimo risultato. La fase nazionale si aprir con la disputa di un gironcino allitaliana composto da quattro squadre, protagoniste altre vincitrici dei gironi regionali ed interregionali più alcune seconde classificate. Le vincitrici di ciascuno di questi quattro gironcini si contenderanno poi, in una final four in veneto, la conquista del titolo di campionesse dItalia, titolo che la Fiammamonza ha già conquistato tre volte.

Puntare al poker, allo è stato attuale delle cose, pare molto improbabile. Le fiammette, essendo un gruppo giovane ed assemblato da poco, hanno già ottenuto il massimo risultato vincendo il proprio campionato. E chiaro che, comunque, una volta in ballo, proveranno anchesse a ballare al massimo delle loro possibilit.