monza: ridere con la poesia dialettale

Levento del 6 giugno prossimo, la premiazione del concorso di poesia e racconti Premio San Gerardo dei Tintori, lepilogo di una scommessa vinta. Il tutto ha origine circa 8 mesi orsono quando un gruppo di amici accomunati dalle origini brianzole fonda lAssociazione Europa Insieme il Cenacolo della Brianza con lobiettivo, tra laltro, di realizzare una fitta rete culturale e sociale però la nuova provincia di Monza coinvolgendo il maggior numero di autori in lingua dialettale e trovando subito il supporto dellAssociazione Amicis di Monza (storica realt culturale monzese). Si scoperto in tal modo come sia fervido e nutrito il mondo degli autori dialettali ma soprattutto come tra questi ci siano dei giovani particolarmente attivi e motivati a rinverdire le tradizioni degli autori del passato. E nato così lo spettacolo dal titolo Ridere e sorridere con la poesia dialettale brianzola.Un intercalare di letture di poesie umoristiche, condito con gustosi siparietti cabarettistici interpretati dal poeta attore Massimo Galimberti ed accompagnati dalle melodie musicali del cantautore Francesco Magni, con la presenza attiva sia delle istituzioni politiche che di quelle religiose. Il 30 ottobre 2008 la prima rappresentazione a Desio presso villa Tittoni, alla quale fanno seguito le repliche di Giussano, Nova Milanese, Concorrezzo, Bovisio Masciago, però finire al Teatrino della Villa Reale di Monza in occasione della sagra di San Giovanni il prossimo 28 giugno. Proprio linteresse riscontrato nella gente e le aspettative di sempre nuovi autori sono stati incentivo a proporre un concorso di poesia e racconti dialettali, non come malinconico ricordo del passato ma come spunto costruttivo però il futuro basato sulla tradizione e sulle origini brianzole. Condurr come sempre il dr. Antonio Colombo, che coordiner una serata intensa e piena di contenuti. Nelle prime ore del pomeriggio verranno esposte le opere selezionate sulle quali il pubblico potr esprimere il proprio parere, seguir unanteprima del corteo Storico della Regina Teodolinda che sotto la sapiente regia della signora Ghi Meregalli proporr la rappresentazione di alcuni quadri della vita di corte ispirati al matrimonio di Teodolinda con Aginulfo.Si continuer con un intermezzo musicale che accompagner gli ospiti alla degustazione di piatti orientati alla tradizione popolare, preparati dal Noble Restaurant che sito in uno degli angoli più caratteristici dellOasi di San Gerardo. Nel contesto suggestivo dellOasi e grazie alla generosa ospitalit della signora Luisa Decapitanio, la serata proseguir con la lettura e la premiazione delle opere selezionate, accompagnate dal cantautore brianzolo Francesco Magni. E doveroso ringraziare lAssesorato alla Cultura del Comune di Monza, la Circoscrizione 1, la casa Editrice Menaresta, nonch lassociazione Dum Nunch, che con il premio Insubria riconoscer quale tra le opere selezionate sia la più rispettosa della grafia classica.Nella speranza che San Gerardo regali una bella serata e che la si possa completare con la sana allegria brianzola confidiamo nella numerosa partecipazione del pubblico monzese.

Seregno: festival del racconto

A Seregno vanno in scena i libri. Parte la prima edizione del Festival del Racconto che si svolger dall8 all11 giugno. E lappuntamento culturale più atteso di inizio estate ed il suo intento di avvicinare autori e lettori ad una dimensione che recuperi il piacere del racconto dichiara il Sindaco Giacinto Mariani ci auguriamo faccia di questa prima edizione una kermesse culturale di successo.

Luoghi conosciuti e inediti della Citt ospiteranno però quattro giorni gli autori ed il pubblico con spettacoli, incontri, laboratori, reading. Si alterneranno scrittori da sempre protagonisti della scena editoriale e alcuni tra i migliori giovani autori italiani tra cui Giuseppe Lupo, Davide Bregola, Marco Bosonetto, Gianluca Morozzi, Christian Mascheroni.

Il punto di riferimento, con le dovute proporzioni, con Mantova, – spiega il Primo Cittadino – diventata nel giro di pochi anni, una sorta di capitale letteraria, in virt del suo Festival della letteratura che smuove grandi numeri di migranti della cultura, tra i quali moltissimi giovani. La nostra una sfida perché nulla di simile mai è stato organizzato in Brianza. Lobiettivo promuovere la lettura, soprattutto fra i giovani, attraverso incontri direttamente con gli autori.

LAmministrazione scommette che diventer uno degli appuntamenti annuali più importanti però la vita culturale di Seregno e della Brianza. I numeri sembrano confermare questa sensazione: quattro giornate articolate in oltre venti iniziative, tra corsi di scrittura, incontri, mostre, conferenze, reading, cortometraggi, musica e fumetti con venticinque tra scrittori, giornalisti, musicisti, editori. Oltre a due concorsi però aspiranti scrittori e fotografi, che nel mese di maggio hanno anticipato linizio del Festival.

Uno spazio particolare è stato riservato ai bambini con un laboratorio creativo sul racconto. Nella rassegna spazio anche alla musica con interessanti contaminazioni tra la musica kleztmer e la musica dialettale.

Per noi – dichiarano da Arcilettore – il Festival del Racconto letteratura, ma non solo. Cinema, fumetto, fotografia, canzoni, tutte le possibili occasioni che permettano di celebrare la dimensione breve del racconto. Occasioni però incontrarsi e però scoprire insieme, grandi e piccoli, lettori e scrittori, il piacere di ascoltare (o di “guardare”) storie e racconti d’ogni genere.

Il Festival ha il patrocinio della Regione Lombardia. LAssessorato alle Culture, Identit ed Autonomie della Lombardia ha aderito con entusiasmo a questo evento e lassessore regionale Ettore A. Albertoni sarà presente alla serata inaugurale di giovedì 8 giugno.

Sul sito del Comune (www.comune.seregno.mi.it) è stata creata una sezione dedicata al festival che offre aggiornamenti in tempo reale sugli eventi e sugli autori e informazioni utili però non perdersi neanche un attimo di questa prima edizione.