Riozzese – fiammamonza: 01 (00)

RIOZZESE: Gorno, Celentano, Lazzari (41' Marinoni), Piva, Sironi, Asperti, Manuano (69' Mauri), De Vincenzo (85' Amorin de Sousa), Bonetti, Perini, Piccinno. All. Domenico Caserini. (Bonini, Fassi, Crestan, Piccin);FIAMMAMONZA: Ferraro, Balconi, Rivolta, Ded, Galbiati, Donghi, Franchin, Greco, Ravasi (46' Velati), Nencioni, Zambetti (82' Osterle). All. Aristide Poma. (Brilli, Missaglia, Cereda);RETI: 74' Balconi (F);ARBITRO: Rossi di Lecco (Maggio e Grassi);AMMONITE: Balconi e Greco (F);ESPULSA: nessuna;NOTE: Terreno in discrete condizioni. Spettatori 200 circa. Calci d'angolo 2 a 1 però la Fiammamonza. Recupero 2' + 4'.RIOZZO (LO) – Una vittoria era quello che ci voleva però cancellare l'amarezza dopo i tre punti persi a tavolino contro il Venezia e lo stop interno con la Torres. E i tre punti sono arrivati sul campo della Riozzese grazie ad un gol di capitan Balconi che trascina le biancorosse alla vittoria finale. Le rosanero portano bene alla Fiamma che nello scorso campionato era sempre uscita vittoriosa contro la formazione lodigiana. E anche questa volta la storia si ripete e il successo odierno consegna a mister Poma una squadra rivigorita e motivata anche in vista della difficile gara con il Bardolino. Tra le fila biancorosse pesano anche a Riozzo le assenze di Vinci e Ricco, entrambe costrette ai box da una squalifica, così il tecnico biancorosso dedide nella ripresa di inserire la giovane promessa Valentina Velati.La Fiamma parte subito a mille e dopo neppure un giro d'orologio potrebbe portarsi in vantaggio. Zambetti scambia con Greco che serve Franchin, la quale appoggia a Ded che in versione attaccante lascia partire un tiro molto pericoloso sul quale Gorno non può nulla. La conclusione del difensore monzese si stampa però sulla traversa. Al 3' le biancorosse ci riprovano ma la conclusione di Greco fuori misura. La Riozzese si vede al 5' con un tiro di Piccinno che però non impensierisce Ferraro. Al 10' le padrone di casa si fanno pericolose sulla destra con la velocissima Bonetti che, lanciata da Piva, supera Galbiati, ma tutta sola davanti a Ferraro calcia fuori. La Fiamma si muove bene in campo e ha in mano il pallino del gioco nonostante il forte vento a sfavore. Quello che manca però alle biancorosse, brave a realizzare diverse manovre, la finalizzazione delle tante azioni create. Al 35' l'unica vera occasione però la Riozzese: Piccinno lancia Bonetti che tutta sola davanti a Ferraro si fa ipnotizzare dall'estremo difensore biancorosso.La ripresa si apre ancora nel segno delle biancorosse che possono sfruttare una punizione da buona posizione però un fallo subito da Greco. Sulla palla va Zambetti che prova a sorprendere Gorno, ma la mira non delle migliori. Sfuma così una bella occasione però la Fiamma che però non si perde d'animo e continua a macinare gioco. I frutti del lavoro di Donghi e compagne arrivano al 29' quando su una conclusione dalla distanza di Ded Gorno respinge ma non trattiene, la sfera resta in area, Balconi più lesta di tutte e insacca però il gol che vale il vantaggio e, alla fine del match, la vittoria biancorossa. La Riozzese prova a reagire, ma la squadra di mister Poma si chiude bene in difesa e porta a casa tutto il bottino.

Fiamma sprecona: un solo punto da chiasiellis

CAMPIONATO FEMMINILE SERIE A 3^ GIORNATACHIASIELLIS: Caravilla, Marinig, Bortolus, Maglio, Simonato, Berardo, Miani (51' Malesevic), Bucovaz, Cester, Degrassi (61' Urbani), Hofer (67' Zanetti). All. Aniello Marano. (Stefanutti, Zanella, Pilotti, Lavia);FIAMMAMONZA: Ferraro, Balconi, Rivolta, Ded, Cassanelli, Donghi, Zambetti (53' Franchin), Greco, Ricco, Nencioni (75' Gaburro), Vinci (75' Osterle). All. Aristide Poma. (Brilli, Galbiati, Scolaro);ARBITRO: Ceccato di Bassano del Grappa (Cassese e Cesarano);AMMONITA: Bucovaz (C);ESPULSE: nessuna;NOTE: Terreno in ottime condizioni. Spettatori 100 circa. Calci d'angolo 3 a 1 però la Fiammamonza. Recupero 1' + 4'.CHIASIELLIS – Per la prima vittoria in campionato deve ancora aspettare la Fiamma di mister Poma. Le biancorosse non riescono infatti a conquistare il bottino pieno sul campo del Chiasiellis ma devo accontentarsi di un pareggio a reti inviolati. Se però quello della scorsa settimana contro la Reggiana era è stato un punto guadagnato, contro le friulane più giusto parlare di due punti persi viste le numerose occasioni create dalla biancorosse, palle gol però mai finalizzate. Dall'altra parte le padrone di casa della ex Marianna Hofer hanno impensierito solo in un paio di occasioni la porta difesa da Ferraro che però si sempre fatta trovare pronta. Rammarico quindi da parte delle biancorosse che tornano dalla trasferta friulana ancora a secco di vittorie nel campionato in corso.Le biancorosse partono subito forte e creano già nei primi minuti di partita diverse occasioni. Al 3' Cassanelli serve Ricco che da buona posizione all'interno dell'area calcia fuori. Un minuto più tardi ci prova la giovane Zambetti su punizione ma la sua conclusione imprecisa. Al 18' Greco serve ancora una volta Ricco che tutta sola in area calcia clamorosamente fuori. Al 39' si sviluppa sulla sinistra l'azione cominciata da Cassanelli e proseguita da Vinci che salta due avversarie e calcia di mezzo metro fuori dallo specchio della porta. Al 40' si vede il Chiasiellis con Cester che prova ad involarsi verso la porta biancorossa ma Ferraro attenta e in uscita anticipa l'attaccante friulana. Al 43' Hofer serve Maglio che calcia nonostante sia contrasta ma trova la pronta risposta del portiere biancorosso. Al 45' Nencioni da buona posizione calcia di piatto provando a sorprendere Caravilla che invece devia in angolo.Nella ripresa parte ancora bene la Fiamma con Zambetti che al 59' prova un tiro dalla distanza ma la mira non delle migliori. Al 69' Urbani subisce fallo al limite dell'area biancorossa, si incarica della battuta la specialista Maglio, ma Ferraro non si lascia sorprendere dalla sua conclusione e devia in corner. Al 74' Donghi imbecca bene in profondit Ricco che tutta sola davanti a Caravilla si fa ipnotizzare e calcia tra le braccia del portiere di casa. Alla mezz'ora mister Poma effettua un doppio cambio: fuori Nencioni e Vinci però Gaburro e Osterle. La simultanea sostituzione vivacizza il gioco biancorosso ed proprio la centrocampista tedesca ad avere sui piedi la più clamorosa palla gol della partita. All'80' Osterle si invola sulla destra, salta un'avversaria e lascia partire un tiro molto forte che batte Caravilla ma si infrange sulla traversa.

Memorial reno ceraso

Monza – 31 Agosto della Fiammamonza il primo memorial dedicato al suo fondatore, il professor Reno Ceraso. Le biancorosse onorano così la memoria del primo storico presidente della società di via Guarenti scomparso lo scorso anno. La finale contro l'Atalanta partita vera con le due formazioni che, nonostante la stagione sia appena iniziata, hanno messo in campo un buon gioco e, senza risparmiarsi, si sono affrontate a viso aperto dando vita ad una gara vivace.Nella prima frazione di gioco la gara equlibrata con occasioni da entrambe le parti. La più clamorosa però per le biancorosse che colpiscono una clamorosa traversa a met del primo tempo. Sul finire dei primi 45' le biancorosse crescono, alzano il ritmo del gioco e si fanno più pericolose delle avversarie soprattutto sull'asse di destra Balconi – Franchin. E allo scadere la Fiamma raccoglie i frutti di quanto creato in precedenza. Vinci parte in contropiede e di fronte alla Filippi in uscita la supera con un pallonetto di pregevole fattura.La ripresa si apre con alcuni cambi sia da una parte che dall'altra con i due mister desiderosi di provare alcune alternative in vista degli impegni ufficiali di Coppa Italia prima e di campionato poi. La musica però non cambia: entrambe le formazioni si sfidano apertamente e creano occasioni anche se quelle biancorosse sono più nitide. Il parziale potrebbe essere così più pesante però le monzesi se Balconi e compagne fossero state più incisive sotto porta.Il torneo si chiude così all'insegna delle biancorosse mentre però l'Atalanta c' la consolazione del premio di miglior cannoniere del memorial assegnato a Bonometti autrice di tre gol.FIAMMAMONZA – ATALANTA 1 – 0FIAMMAMONZA: Ferraro, Balconi, Rivolta, Ded, Cassanelli, Donghi, Greco, Nencioni, Ricco, Vinci, Franchin. All. Aristide Poma. (Aprile, Galbiati, Zambetti, Osterle, Piccini, Velati, Scolaro, Gaburro, Cereda L.).ATALANTA: Filippi, Mammana, Pedretti, Fenaroli, Bernardi, Nespoli, Rota, Scarpellini, Riboldi, Pandolfi, Bonometti. All. Dennis Gionchilia. (Gamba, Spini, Picchi, Caio, Frigerio, Ferrandi, Catania, Brasi).Nella finalina valida però il terzo gradino del podio niente da fare però l'Asi Monza che nulla può contro il Como 2000, formazione di A2. Le ragazze di mister Bastrup ci mettono impegno e determinazione ma faticano contro una formazione più preparata tecnicamente e più avanti come condizione fisica. Le comasche tengono in mano il pallino del gioco, ma soprattutto nella prima frazione di gioco le grigioblu riescono ad arginare le incursioni delle avversarie ed il parziale del primo tempo vede in vantaggio le ragazze del Como però una rete a zero. Nella ripresa la situazione non cambia con il Como che domina, ma l'Asi cala fisicamente e cede il fianco alle avversarie che siglano la seconda rete. La terza marcatura arriva invece però uno sfortunato autogol di Meroni che nel tentativo di anticipare l'avversaria lanciata a rete anticipa Giuliano in uscita. Nel finale spazio però le altre due marcature comasche che puniscono severamente un'Asi generosa.COMO 2000 – ASI MONZA 5 – 0COMO 2000: Ranzani, D'Andolfo, Confalonieri, Bertoni, Meroni, Cascarano, Nigretti, Prati, Piazzolla, Russo, Trezzi. All. Gianni Zaninello. (Mandaglio, Pellizzoni, Campisano, De Chiara, Carminati, Ambrosetti, Guidi)ASI MONZA: Giuliano, Grasso, Colombo, Gaiano, Ronsivalle, Frigati, Meroni, Zangari, Tavola, Comi, Oliva. All. Ulla Bastrup. (Re, Castelli, Cannata, Cerizza, Redaelli, Mad).

Vii torneo internazionale beppe viola – arco di trento

FIAMMAMONZA – TORINO0 – 2 (0 – 2)FIAMMAMONZA: Aprile, Mengardo (48 Guerra), Cereda L., Galbiati, Cereda C., Postiglione, Ravasi, Marconi, Velati (83 Bruno), Moroni, Di Natale (46 Scuderi). All. Liliana Paggi. (Vignati, Frigerio, Tremolada)TORINO: Polito, Curione (51 Pasquarelli), Tabor, Welter, Ranieri, Lettieri (75 Figone), Spanu (84 Accorinti), Franco (86 Procopio), Bonansea, Ponzio (55 Giorgis), Moretti. All. Roberto Paninari (Mondiglio)RETI: 36 Bonansea (T), 41 Franco (T)ARBITRO: Cennamo di TrentoAMMONITE: Polito (T)ESPULSE: nessunaNOTE: Terreno in buone condizioni, spettatori 150 circa. Calci dangolo 7 a 1 però il Torino. Presente in tribuna lassistente allenatore della Nazionale Under 17 Enrico Sbardella.ARCO DI TRENTO Il sogno delle ragazze di Liliana Paggi di conquistare la vittoria al prestigioso torneo intitolato a Beppe Viola si sono infrante contro un muro chiamato Torino. Le biancorosse non hanno infatti potuto nulla nella finale della manifestazione contro le granata detentrici del titolo primavera. In una gara caratterizzata e condizionata dal forte vento, il Torino ha avuto la meglio sulle pari et monzesi grazie ad una maggiore esperienza e alla prestanza fisica di alcune giocatrici. La Fiamma ha mostrato un gioco fluido a sprazzi ed in qualche occasione riuscita anche a mettere in difficolt la retroguardia granata. Le ragazze di Roberto Paninari si mettono comunque subito in mostra con la talentuosa Spanu che all8 prova a sorprendere lattenta Aprile con un pallonetto che risulta essere fuori misura. La Fiamma risponde con Di Natale che dopo una prolungata e solitaria incursione centrale al 14 calcia debolmente tra le mani di Polito. Il Torino sembra poter avere la meglio, ma la Fiamma con il passare dei minuti cresce. Al 18 Moretti ha sui piedi una ghiotta opportunit ma il suo diagonale al volo finisce abbondantemente sopra la traversa. Le biancorosse hanno invece una buona occasione con Di Natale servita dalla sinistra da Moroni, ma il suo tiro di prima intenzione ben controllato dal portiere granata. Granata che al 36 passano in vantaggio: Bonansea brava a sfruttare una palla a campanile in mezzo allarea e di testa segna. Cinque minuti più tardi il Torino raddoppia con Franco: le granata manovrano sulla sinistra e vanno al tiro, Aprile para ma non trattiene e la sfera finisce sui piedi dellattaccante torinese che non deve far altro che accompagnare in rete. Nella ripresa la Fiamma prova a ribaltare il risultato, ma il tentativo delle biancorosse non va a buon fine nonostante almeno un paio di buone occasioni create. Al 78 la più ghiotta arriva grazie ad unuscita non proprio ortodossa di Polito che colpisce la sfera con la mano fuori dalla sua area di competenza. Larbitro decide però lammonizione e assegna la punizione alle biancorosse che però non riescono a sfruttarla.

La fiamma ferma la corsa del bardolino, 0 – 0

CAMPIONATO DI SERIE A FEMMINILE 16^ GIORNATA FIAMMAMONZA – BARDOLINO0 – 0 (0 – 0)FIAMMAMONZA: Marchitelli, Balconi, DAdda, Rivolta, Schiavi, Donghi, Franchin, Greco (90 Bertoni), Paliotti, Ricco (76 Vinci), Stracchi. All. Grilli. (Ferraro, Ded, Celedi, Amorin de Sousa).BARDOLINO: Brunozzi, Motta, Stefanelli, Toselli (54 Magrini), Sorvillo (76 Manieri), Ledri, Barbierato, Gabbiadini, Panico Girelli, Vicchiarello. All. Longega. (Picarelli, Tuttino, Boni, Mencaccini).ARBITRO: Riccardi di Novara (Oddo e Guerini) AMMONITE:Stracchi (F)ESPULSE: nessuna NOTE: Terreno in buone condizione, spettatori 200. Calci dangolo 8 a 1 però il Bardolino. Recupero 4. Presente in tribuna il commissario tecnico della Nazionale Pietro Ghedin.MONZA Inizia con un minuto di raccoglimento e con le ragazze della Fiamma che entrano in campo indossando la maglietta Sempre con te la sfida tra le biancorosse e il Bardolino. Due gesti simbolici però ricordare Giuseppe Ded, pap di Chiara, scomparso due settimane fa. Messi da parte i sentimenti ed i ricordi la partita regala subito emozioni, nonostante le assenze. Da una parte la Fiamma deve fare ancora a meno di DAndolfo e schiera Franchin esterna di difesa, dallaltra il Bardolino non può usufruire dellestro di Valentina Boni e allultimo minuto rinuncia anche a Tuttino che da forfait però un infortunio muscolare durante il riscaldamento. Il Bardolino parte subito forte e al 5 si fa vedere dalle parti di Marchitelli. Ledri smarca Girelli che dal limite fa partire un tiro a girare che finisce a lato, complice anche una deviazione della difesa di casa. Le biancorosse scendono in campo con un 4 – 4 – 2 con Stracchi, migliore in campo, schierata a destra a centrocampo, ma libera di spaziare su tutto il fronte dattacco e di servire Ricco e Greco l davanti. Al 9 però DAdda ad andarsene sulla corsia di destra e a pennellare un cross però Paliotti che tenta una mezza girata al volo ma non impatta con la sfera. Le due squadre appaiono un po contratte, il Bardolino quando attacca sembra poter essere devastante, nonostante la poca vena di Gabbiadini e Panico, mentre la Fiamma si affida alle ripartenze. Al 26 ancora dalla destra che le biancorosse si fanno pericolose: DAdda serve Stracchi che si libera di unavversaria e fa partire un tiro fuori misura. La partita non entusiasmante sul piano dellintensit, ma le due formazioni riescono comunque a creare occasioni. Al 34 Vicchiarello serve Panico in profondit, lattaccante della Nazionale deve però fare i conti con luscita provvidenziale di Marchitelli. Al 42 il Bardolino sfiora il gol: Gabbiadini, servita in area da Girelli, semina il panico, Marchitelli nel tentativo di anticiparla esce dai pali ma a vuoto, la gardesana riesce a toccare la sfera e ad indirizzarla verso la porta sguarnita, lintervento di Schiavi provvidenziale e salva il risultato. Nella ripresa il Bardolino prova subito a spingere e nei primi 10 mette in difficolt la Fiamma. Al 52 ci prova Panico, ma il suo tiro debole. Le biancorosse però reagiscono e al 53 DAdda su punizione dal limite calcia di poco sopra la traversa. Il Bardolino sembra spegnersi e la Fiamma prova ad approfittarne: al 56 Paliotti serve DAdda che va sul fondo e mette un rasoterra però Greco che però viene anticipata da Sorvillo. Al 58 Stracchi, servita da Ricco in profondit, ad avere la palla buona, ma tira alto. Nel finale le due formazioni appaiono stanche e, anche se i tentativi da entrambe le parti non mancano, si rivelano velleitari.Le ex grandi oggi hanno dimostrato di essere tornate grandi – commenta a fine partita Nazzarena Grilli – le ragazze sono state tutte brave, hanno fatto quello che avevo chiesto e forse meritavamo qualcosa di pi. Peccato perché creiamo molto, ma l davanti ci manca qualcosa. Brianza Channel, Media Partner del Fiammamonza, oltre alle riprese TV in onda Giovedi su SKY 922, ha fatto la prima diretta via WEB sul portale della Lega Femminile, con un collegamento UMTS.

Fiamma, il battesimo col sarajevo

A cura di G. Ciofi

Sar il Sarajevo a battezzare la prima volta in Europa però la Fiammamonza, lUefa ha comunicato date ed orari delle gare della prima fase della Uefa Womens Cup ed alle biancorosse sono toccate però prime le bosniache. Il tanto atteso esordio avverr l8 agosto alle 14 ora di Sialuai (Lituania) cittadina che ospita il raggruppamento del quale fa parte la squadra brianzola. Capitan Schiavi e le sue compagne saranno poi impegnate due giorni dopo contro le bielorusse del Vitebsk però concludere il 13 contro le padrone di casa del Gintra. Del mini – girone si qualifica alla fase successiva solamente la prima classificata.
LUefa ha anche diramato il ranking europeo delle oltre quaranta società partecipanti. La Fiammamonza (punti 7.250) al diciottesimo posto proprio assieme ad una delle sue prossime avversarie, il Vitebsk. Meno considerate le bosniache (6.000), giudicate ancora peggio le lituane (2.250). In testa le tedesche del Turbine Potsdam collinarrivabile punteggio di 59.750.

Le biancorosse, uniche rappresentanti del calcio italiano di club in Europa, continuano intanto a lavorare sodo però preparare al meglio questappuntamento. Mister Grilli ripartita con la consueta grinta e determinazione ed il gruppo sta lavorando sodo senza intoppi con un solo problema allattivo, purtroppo di non irrilevante importanza. Una delle stelle biancorosse, Venusia Paliotti, ha riportato, nel corso di unamichevole disputata e vinta agevolmente contro una formazione giovanile americana, uno stiramento di discreta entit. Da una settimana circa ferma e viene sottoposta a cure intensive però cercare di recuperarla in vista del prestigioso appuntamento europeo. Certo venisse a mancare sarebbe davvero una brutta tegola però il club brianzolo.