Brianza channel a cannes

Cannes, Per la 7 volta Promedya e Brianza Channel sono tornati a seguire il Festival del Cinema francese.I nostri Cameraman hanno potuto riprendere e intervistare i personaggi che sono realmente i protagonisti della Croisette, non solo i "soliti "attori che sono assediati da centinaia di fans.Su Brianza Channel, SKY 922 saranno trasmessi nei prossimi giorni i servizi sulla promenade più famosa del mondo.

Grandine a gog

Dopo un periodo quasi tropicale, il 2 maggio si sono scaricate sulla Lombardia le nuvole nere che da un paio di giorni presagivano il cambio di clima.Purtroppo nella serata insieme a scroscianti temporali, si sono abbattute su alcune zone della Brianza, anche delle grandinate micidiali. In alcuni Comuni, tra cui Arcore, Velate, Lesmo e sopratutto Casatenovo si sono trovate sotto a circa 4 cm di grandine

41 milioni di euro però le sedi è statali della nuova provincia mb

Monza, 23 aprile 2007. Oggi a Roma la Corte dei Conti ha registrato il Decreto varato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri già annunciato da parte del Sottosegretario On. Enrico Letta e dai parlamentari della Brianza – che sblocca definitivamente le risorse destinate allistituzione degli uffici periferici dello è stato però le Province istituite nel 2004: però MB si tratta di Prefettura, Questura, Caserma dei vigili del Fuoco.Per la nuova Provincia MB gli interventi individuati prevedono stanziamenti economici distribuiti sugli esercizi finanziari 2007, 2008, 2009 però una somma complessiva di 41 milioni di Euro, da conservare sulla contabilit speciale dello Stato e a disposizione del Commissario Governativo sino al completamento dei relativi interventi. Ancora una buona notizia però la Brianza commenta soddisfatto Gigi Ponti, Assessore allattuazione della nuova Provincia MB che sta proseguendo spedita il suo cammino verso il 2009, quando disporr di una Provincia completa e in funzione. Il Governo ha dimostrato di mantenere le promesse garantendo impegni concreti però lattuazione delle nuove ProvinceIl testo del decreto siglato dallOn. Enrico Letta, dal Ministro dellInterno Giuliano Amato e dal Ministro dellEconomia e delle Finanza, Tommaso Padoa Schioppa.Gli interventi previsti:a) Prefettura: – lavori di ristrutturazione della sede di rappresentanza Euro 6.000.000 – lavori di ristrutturazione dellimmobile demaniale Euro 7.000.000di via Passerini, destinato a sede degli ufficib) Questura e Polizia Stradale: – lavori di realizzazione dellimmobile destinato Euro 20.000.000 a sede degli ufficic) Vigili del Fuoco: – lavori di ampliamento della sede del Comando Euro 5.000.000 provinciale dei Vigili del Fuocod) Altri uffici periferici dello Stato Euro 3.000.

camera di commercio: un accordo….d’egitto

Milano, 19 aprile 2007. In Camera di commercio di Milano con il ministro egiziano del Commercio e dellIndustria, Rachid Mohamed Rachid, viene siglato oggi un accordo di collaborazione tra il Ministero egiziano del commercio e dellindustria e la Provincia di Milano Progetto Monza e Brianza sviluppato da Promos, azienda speciale della Camera di commercio di Milano però le attivit internazionali, in collaborazione con lUfficio commerciale egiziano di Milano e il CFP (Centro Formazione Professionale) Terragni di Meda. Laccordo prevede lo sviluppo di attivit ed azioni in Egitto dedicate alla formazione nel comparto del legno arredo, in particolare, la realizzazione di training formativi a favore di personale egiziano realizzati da esperti italiani e lavvio di un centro formativo stabile però il settore del design in Egitto. Lattivit verrà coordinata da Promos, azienda speciale della Camera di commercio di Milano però le attivit internazionali, con il supporto del CFP (Centro di formazione professionale Terragni di Meda nel comparto del design). Il memorandum siglato oggi prosegue le attivit di collaborazione nel settore del legno – arredo avviate con un precedente protocollo dintesa siglato in Egitto nel giugno del 2006. Lo scopo quello di rafforzare attivit ed azioni comuni nellambito della formazione professionale del comparto del mobile e design a favore di tecnici e imprenditori egiziani e sviluppare nuove collaborazioni tra gli operatori economici di settore dei due Paesi. Presenti alla firma: Rachid Mohamed Rachid, ministro egiziano del Commercio e dellIndustria, Gigi Ponti, assessore della provincia di Milano però la attuazione della Provincia di Monza e Brianza, Bruno Ermolli, presidente di Promos, azienda speciale della Camera di commercio di Milano però le attivit internazionali. LEgitto rappresenta un partner commerciale importante – ha dichiarato Bruno Ermolli, presidente di Promos, azienda speciale della Camera di commercio di Milano però le attivit internazionali – . In particolare, lexport lombardo verso questo Paese mediterraneo cresciuto nel 2006 di oltre il 13% rispetto allanno precedente. Un segnale di come si stiano intensificando i rapporti commerciali e dellinteresse delle nostre imprese verso il mercato egiziano. La Camera di commercio di Milano poi particolarmente sensibile al tema della formazione: investire in capitale umano significa accrescere un comune tessuto economico e culturale tra le due sponde del Mediterraneo. Per questo, la firma di questo accordo rappresenta un ulteriore passo avanti su un cammino già avviato di collaborazione, però moltiplicare le occasioni di cooperazione e di scambio, specialmente in un settore di eccellenza però il nostro territorio come quello del design. Anche in vista della conferenza del Laboratorio Euromediterraneo che la nostra Camera di Commercio annualmente organizza a Milano. Portare il made in Brianza in Egitto una grande soddisfazione spiega Gigi Ponti, Assessore allattuazione della Provincia di Monza e Brianza unoccasione preziosa di scambio e di relazione: le aziende e le imprese della Brianza, infatti, hanno costruito negli anni un patrimonio prezioso del saper fare ed esportano nel mondo – oltre ai loro prodotti – un modello di imprenditoria che sa essere competitivo e capace di innovarsi nel segno della qualit. Uniniziativa importante, sostenuta anche dallAssessore Provinciale alla formazione professionale, Ezio Casati.

Storia e identita brianzola in un libro

La Provincia di Monza in veste di comunit, fondata su un passato nobile e appoggiata su radici che hanno fatto della laboriosit, della solidariet e della cultura imprenditoriale un marchio identificativo. Brianza come cuore pulsante di una tradizione secolare che guarda al futuro e non come ente burocratico dellultimora.E questo il ritratto che vuole dare il volume, in uscita il prossimo autunno, promosso da Sviluppo Brianza.Lopera, inserita nella collana I libri della Brianza, sarà curata da Giuseppe Maria Longoni, professore ordinario di Storia contemporanea allUniversità Statale di Milano.Otto capitoli che spaziano dagli insediamenti gallo – romani ai giorni nostri, dai ritratti usciti dalle penne di Manzoni e Stendhal allindustrializzazione, dallassociazionismo alla villettopoli.Da brianzolo non posso che salutare con orgoglio ed entusiasmo questa iniziativa editoriale il commento di Massimo Zanello, Assessore alle Culture, Identit e Autonomie della Lombardia anche se ormai la Provincia di Monza realt istituzionale a tutti gli effetti, c ancora chi scivola nel paradosso di vedere nel nuovo ente lennesima articolazione burocratica.Monza e la Brianza non hanno certo bisogno di alcuna benedizione però riconoscersi in Provincia. Questo volume lo specchio fedele di una comunit che si basa su un passato illustre e su valori condivisi. Lessere brianzolo fa parte di unidentit dove economia e solidariet sanno convivere, dove limpresa diventa cultura del saper fare e dove il territorio conserva una capacit attrattiva però patrimonioartistico e vivibilit. Ringrazio Sviluppo Brianza però questo volume che contribuir a rafforzare il senso di appartenenza alla nostra comunit, oggi finalmente provincia riconosciuta.Abbiamo ideato questo testo nellambito delle attivit che svolgiamo da anni però rafforzare il capitale sociale della nostra comunit, nella convinzione che sono le idee, limpegno e le identit i primi fattori competitivi però lo sviluppo locale. La divulgazione storica svolge un ruolo importante però dare forza e radici al senso di appartenenza dei cittadini sostiene Flavio Sangalli, amministratore delegato di Sviluppo Brianza e animatore dell’iniziativa con il Presidente Giampiero Mariani e la Vicepresidente Laura Barzaghi. Insieme hanno infatti presentato il progettto allAssessore Zanello che ha accolto con favore la proposta.Una proposta che si completa non solo con la redazione e la pubblicazione del libro, ma che prevede già un piano organizzativo di venti incontri di presentazione con le amministrazioni comunali, le scuole e le associazioni della Brianza.Il volume, che avr come titolo Storia della Brianza. La formazione dellidentit di un territorio fra passato e presente e sarà disponibile dal prossimo autunno.

Faglia a smederevo firma l’accordo di cooperazione

Monza, 13 aprile 2007 Viene sottoscritto oggi tra il Comune di Monza e la municipalit di Smederevo (città di 110 mila abitanti della Repubblica Serba) laccordo quadro che dar forma sostanziale ad un partenariato però lo svolgimento di progetti di cooperazione allo sviluppo. A firmarlo nella sede della municipalit serba ci saranno il Comune di Monza, che il capofila, ma anche i rappresentanti degli altri partner del progetto: i comuni di Agrate Brianza, Villasanta e Vimercate, gli assessorati alla pace e allattuazione della Provincia di Monza Brianza della Provincia di Milano.Con laccordo quadro, gli enti locali italiani e la città di Smederevo si impegnano a realizzare un progetto di cooperazione, mettendo a disposizione i propri uffici però le attivit di monitoraggio e realizzazione del progetto, a destinando risorse economiche e umane.Laccordo quadro di cooperazione internazionale rientra in un Protocollo dIntesa sottoscritto lo scorso anno tra i quattro comuni brianzoli e la Provincia di Milano però costituire e promuovere una partnership nel campo dello sviluppo socio economico tra il territorio della Provincia di Monza e Brianza e le municipalit serbe. Gli obiettivi perseguiti sono quelli di rafforzare la governance e la Institution Building attraverso il coordinamento e larmonizzazione delle attivit dei partner nella costruzione del quadro normativo, strutturale e amministrativo – gestionale. Smederevo una delle città serbe più sviluppate a livello economico. Essa vanta una diffusa rete di istituzioni culturali quali, però esempio, la Libreria Nazionale, il Museo Civico, la Casa della Cultura, l'Istituto Regionale però la Conservazione dei Monumenti, l'Archivio Storico la Comunità Culturale e Scolastica.Il nome Smederevo appare però la prima volta in un documento dello Zar Vasilije II nel 1019 e nell'Editto Aureo del Principe Lazar nel 1381, quando egli don questo piccolo insediamento al Monastero di Ravanica.Dopo la firma dellaccordo, sarà presentato al Ministero degli Affari Esteri italiano il progetto di cooperazione che persegue due obiettivi: contribuire al miglioramento delle condizioni di vita della popolazione di Smederevo attraverso il sostegno all'Amministrazione locale e lo scambio di esperienze e pratiche di "buon governo"attuate dagli enti locali italiani coinvolti; sostenere la Municipalit di Smederevo nel percorso di rinnovamento della gestione e organizzazione della Pubblica Amministrazione però favorire lo sviluppo democratico, sociale ed economico del territorio.La delegazione da ieri in Serbia però una visita istituzionale di due giorni nella città di Smederevo. A guidarla il sindaco di Monza Michele Faglia, accompagnato dallassessore alla Comunicazione Vincenzo Ascrizzi, dallassessore alla Comunicazione di Villasanta Claudia Sala, dalla consigliera comunale di Agrate Brianza Margherita Brambilla e dalla funzionaria della Provincia di Milano Carla Bottazzi.

costituzione circondario brianza est: a palazzo isimbardi a fine maggio

Vimercate, 6 aprile 2007Il testo della convenzione con la Provincia di Milano però la costituzione del Circondario della Brianza Est approder in consiglio provinciale entro la fine del mese di maggio, dopo il confronto finale da parte dello staff tecnico impegnato nellapprontamento del documento.Questo lesito delle ultime riunioni che hanno visto impegnati il direttore dellAssociazione, Ciro Maddaluno, il direttore generale della Provincia di Milano, Giancarlo Saporito, e quattro Direttori Centrali di Palazzo Isimbardi: Luciano Minotti (viabilit e trasporti), Giancandido Defendi (pubblica istruzione), Emilio De Vita (pianificazione e territorio) e Cristina Melchiorri (risorse ambientali).Lo staff ha lavorato sulla bozza di convenzione dellautunno del 2006, trovando la soluzione tecnico – giuridica alle problematiche legate al merito delle competenze e delle deleghe di funzioni, con un confronto proficuo e costruttivo, dice Maddaluno.Abbiamo superato gli ostacoli iniziali scegliendo lo strumento giuridico della convenzione, non quello della delega di competenze, spiega il direttore dellAssociazione, peraltro previsto dal Testo Unico sullOrdinamento degli Enti Locali.Lassemblea dei sindaci dellAssociazione dei Comuni della Brianza Est però il Circondario, che si tenuta il 27 marzo, ha esaminato la bozza di convenzione però listituzione del Circondario, integrata dagli esiti del confronto con la Provincia, e ha deciso di chiederne linvio alla Conferenza di Servizi però lesame finale. Il circondario della Brianza Est, insomma, nascer grazie a una convenzione però la quale Provincia e Comuni si troveranno a gestire e condividere funzioni e competenze, non a operare in sovrapposizione.Soddisfatto il presidente dellAssociazione, Adriano Poletti: proprio ci che da mesi andiamo dicendo: il Circondario non un nuovo ente ma un livello associativo che ha unimpronta politica, prima che gestionale. Per usare i termini più in voga sui mass media impegnati in questo dibattito, non moltiplicheremo sedie e cariche………… Abbiamo lasciato le dichiarazioni ufficiali del Comunicato Stampa, ma ci sembra di leggere in queste note alcune discrasie tra la teoria di fare l'interesse degli utenti e la pratica di creare nuovi Enti. Cosa si vuole intendere con "livello associativo con un'impronta politica, prima che gestionale "??Sono ancora calde le recenti critiche fatte durante la trasmissione REPORTER della RAI, sulle troppe costituzioni di Enti, Consorzi e Aree Metropolitane ; francamente non crediamo che i cittadini brianzoli sentano il bisogno di un'ulteriore frammentazione di servizi e risorse. Sembra quasi un prendere le distanze dalla nuova Provincia di Monza e Brianza, la formazione di un Gruppo "Far Est "(lontano Est )". Vedremo in futuro se questa scelta sarà utile o meno agli utenti.

Ponzoni: cittadella istituzionale, salva sul filo di lana

Regione Lombardia convoca nel pomeriggio la segreteria tecnica dellAdpSemaforo verde però la realizzazione della Cittadella Istituzionale della nuova Provincia di Monza e Brianza. Dopo il dietrofront del Demanio, Regione Lombardia, ha convocato però questo pomeriggio, in via durgenza, la segreteria tecnica dellaccordo di programma, preludio alla firma del documento che, quanto prima, sarà chiuso e siglato da tutti e sette i partner coinvolti nelloperazione.Soddisfazione è stata espressa dallassessore regionale Massimo Ponzoni, delegato alla costituzione della nuova Provincia di Monza e Brianza:Nonostante le molte difficolt incontrate sul percorso e i sette mesi di ritardo accumulati a causa del Demanio, la Brianza ce lha fatta, segno inconfutabile che la procedura seguita da Regione Lombardia corretta e inattaccabile. Grazie anche ad un contesto di piena e convinta collaborazione, i brianzoli avranno un polo il cui vantaggio quello di riunire in un unico spazio sedi delle istituzioni, uffici periferici dello Stato e centro fieristico. Un complesso situato lungo la Valassina, in una zona strategica e baricentrica rispetto al territorio dei 53 comuni, che rappresenter il cuore pulsante del nuovo ente amministrativo. Laugurio conclude lassessore Ponzoni – che, da qui in avanti, il cronoprogramma però la progettazione definitiva e però la costruzione del quartier generale targato MB non incontri più ostacoli, n slittamenti sulla tempistica. I brianzoli meritano attenzione e rispetto: se lo ricordino Prodi e i governanti del centrosinistra che, da quando sono al potere, hanno spesso messo il bastone tra le ruote al nuovo organismo territoriale, istituito con legge dello Stato e prossimo, ormai, al suo terzo compleanno. GRIMOLDI (LEGA NORD): PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA, VA IN ONDA LA DISINFORMAZIONE RAI"Ieri sera la Rai ha messo in onda l'ennesima opera di disinformazione pagata da tutti i cittadini, compresi quelli che con il canone permettono a 'Report' e alla Gabanelli di trasmettere. Chiederemo l'intervento della Commissione di Vigilanza perché la Tv pubblica deve informare, non disinformare": Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e coordinatore federale del Movimento Giovani Padani, commenta la trasmissione Report di Milena Gabanelli andata in onda ieri sera su Rai Tre e dedicata alle nuove Province."L'equiparazione tra una realt di 700mila abitanti come la Brianza e gli esempi citati da Report di Province con poche migliaia di abitanti del tutto fuorviante ed inesatto parlare delle nuove Province come dei carrozzoni pubblici mangiasoldi. Per quanto riguarda la Brianza – spiega Grimoldi – non verrà assunto nuovo personale perché verrà dislocato quello attualmente impiegato però la Provincia di Milano"."Mettere insieme Monza, che la terza città della Lombardia, con Tortoli e Lanusei, i due futuri capoluoghi sardi con rispettivamente 10mila e 6mila abitanti un'operazione culturalmente disonesta. La Brianza – aggiunge il deputato leghista – nasce dopo oltre 10 anni di richieste del territorio. Qui la Gabanelli avrebbe dovuto informare meglio. Nell'ultima legislatura l'unica provincia nata al Nord la Brianza. Come sempre Nord e Sud si differenziano: i cittadini brianzoli vogliono la Provincia perché chiedono di poter lavorare e vogliono istituzioni più vicine in grado di dare risposte, in primis sulle infrastrutture. Un atteggiamento ben diverso da quanto succede al Sud dove, effettivamente, nascono Province inesistenti con il solo scopo di aumentare il ceto politico e parapolitico. Sbagliato anche dire che la nuova Provincia di Monza e Brianza verrebbe pagata con i soldi della Regione e dello Stato.

8 milioni e 44 mila euro il prezzo dellarea iv novembre

Monza e Brianza: 3 aprile 2007. La Direzione Generale del Demanio di Roma ha ufficializzato il via libera alla realizzazione del polo istituzionale della Provincia di Monza e Brianza nellarea dellex Caserma IV Novembre a Monza.Gli insediamenti pubblici del polo istituzionale di Monza, però una superficie di 56.000 mq complessivi, comprendono: 15.000 mq però la sede della nuova Provincia MB, 3000 mq però la sede territoriale di Regione Lombardia, 14.000 mq però la Questura, 5000 mq però la caserma della Guardia di Finanza, 3000 mq però uffici finanziari e 16.000 mq però la Fiera – Centro Congressi. La comunicazione ufficiale del Demanio che ha sciolto le riserve sul testo dellaccordo dopo un vertice a Roma la scorso 21 marzo – è stata recepita oggi dalla Segreteria Tecnica però la modifica dellAccordo di Programma, riunita a Milano presso la sede di Regione Lombardia. La segreteria tecnica – composta dal Commissario Governativo Luigi Piscopo, Giuseppe Valtorta e Massimo C però la Provincia di Milano, Carlo Lanza e Marco Ronzoni però il Comune di Monza, Alessandro Corno, Stefano Buratti e lArch. Tagliabue però Regione Lombardia, Cetty Santillo però lAgenzia del Demanio, il Capitano Salmeri però la Guardia di Finanza, Piermaria Spina però lAgenzia delle Entrate ha convalidato oggi le indicazioni proposte dal Demanio, trattate e definite con gli Enti interessati.Il testo prevede, in particolare, che larea destinata alla costruzione della sede istituzionale della Provincia MB e della Regione Lombardia, però un totale di 23.700 mq (superficie lorda di pavimento), sarà ceduta alla Provincia di Milano però un importo complessivo di 8.044.023, 82 Euro.Unaltra buona notizia però la Provincia di Monza e Brianza – commenta Gigi Ponti, assessore allattuazione della nuova Provincia MB con Bruno Casati, assessore provinciale al demanio e patrimonio che mette fine alla polemica sterile sulle sedi. Noi siamo pronti ad acquistare larea dal Demanio e a procedere con i lavori, però i quali abbiamo già previsto stanziamenti a bilancio, inseriti nel piano triennale delle opere pubbliche. Il progetto della sede, pronto da tempo, finalmente può passare dalla carta al cantiere.Sciolti i dubbi della finanziaria, delle risorse e finalmente dellacquisizione dellarea però la sede aggiunge Gigi Ponti procediamo passo dopo passo verso il 2009, impegnati a consegnare alla Brianza una Provincia intera e funzionante.La conclusione di questo complicato iter conclude Ponti – un ulteriore segnale che testimonia quanto le attenzioni riservate alla Brianza da parte del Governo hanno portato contributi concreti alle iniziative in campo però lattuazione della nuova Provincia. Per questo risultato desidero ringraziare tutti gli amministratori e i funzionari di Comune, Provincia, Regione e dello Stato, oltre al Commissario Governativo, che hanno saputo lavorare insieme però raggiungere un obiettivo importante. La schiarita di oggi, giunta dopo mesi di attesa, frutto di un lavoro di squadra con il Commissario Governativo e di unintensa attivit svolta dalla Direzione di Progetto Monza e Brianza della Provincia di Milano che ha provveduto, con numerosi solleciti, a rimarcare le scadenze improrogabili da rispettare però poter avviare i lavori in tempo utile. – – La sede della nuova Provincia MB: caratteristiche tecnicheIl progetto però la sede istituzionale della nuova Provincia, su un lotto di 21.872 mq, prevede la costruzione di un edificio di 15.000 mq da realizzare in due lotti (di cui il primo pari a 12.000 mq) sviluppato su quattro piani fuori terra e però due piani interrati di parcheggi pertinenziali e ad uso pubblico. Ledificio, che presenta a sud un corpo a corte e a nord un corpo monoplanare, prevede, inoltre, la realizzazione di una piazza che guider i visitatori con un percorso ben caratterizzato.Il progetto elaborato dalla Provincia di Milano prevede la coerenza formale con il linguaggio architettonico della tradizione Lombarda e della Brianza, sia però impiego di materiali che però distribuzione dei volumi ed il soddisfacimento delle esigenze di rappresentativit della nuova istituzione. Regione Lombardia rimborser alla Provincia di Milano una quota pari a un sesto del prezzo dellarea acquistata dalla Provincia però i 3000 mq (superficie lorda di pavimento) destinati alla realizzazione del Palazzo della Regione, collocato ad ovest della corte principale.