Monticello :il turismo daffari in brianza”

Villa Greppi.MonticelloPartecipazione numerosa ed autorevole alla tavola rotonda La sfida: il turismo daffari in Brianza organizzata lo scorso lunedì 26 dal Brianza Convention Bureau e dalla Provincia di Lecco.Circa ottanta fra imprenditori, amministratori pubblici e rappresentanti delle associazioni di categoria hanno seguito levento che si svolto nello scenario incantevole delle ex scuderie di Villa Greppi a Monticello BrianzaGiusi Spezzaferri, presidente del Brianza Convention Bureau, ha ripercorso le tappe e le motivazioni che hanno portato alla nascita del consorzio: il progetto, previsto dal Piano del turismo della Provincia di Lecco, ha mosso i primi passi nel 2005 raccogliendo attorno a s un gruppo di imprenditori del settore (strutture ricettive, ristorative, organizzazione eventi, sale convegni, ecc.), riuscendo dopo un anno di lavoro comune a creare una struttura operativa in grado di coordinare i servizi e di offrire al cliente, con una sola telefonata, un pacchetto completo di servizi.Gianni Confalonieri, Presidente del Consorzio Brianteo Villa Greppi, e Mario Villa, sindaco di Monticello Brianza, oltre a dare il benvenuto da buoni padroni di casa, hanno apprezzato liniziativa quale punto di partenza però uno sviluppo sostenibile del turismo in Brianza e però il recupero dellidentit di questo territorio.Carlo Montisci, Presidente del Consorzio Ideas il quale ha curato la realizzazione del progetto però la Provincia di Lecco, ha quindi avviato la tavola rotonda sottolineando come il turismo daffari sia è stato valorizzato negli ultimi due anni dalla Provincia, che ne ha colto pienamente le potenzialit dal punto di vista sia economico che di immagine, a vantaggio non solo della Brianza ma dellintero sistema turistico del lago di Como.Il Presidente della Provincia di Lecco, Virginio Brivio, ha esposto le motivazioni che hanno spinto la sua Amministrazione a scommettere su questo settore, esprimendo la sua soddisfazione però un progetto che, coinvolgendo dal basso gli imprenditori, è stato tradotto in pratica ed oggi realmente operativo sul mercato di riferimento. Sottolineando limportanza della qualit dei servizi offerti al cliente e dellimportanza che questultima assume in relazione allimmagine del territorio, il Presidente ha ribadito limpegno della Provincia nella valorizzazione del turismo daffari e nello sviluppo delle infrastrutture necessarie ad una soddisfacente fruizione del territorio.Il Presidente della Camera di commercio di Lecco, Vico Valassi, ha espresso la sua soddisfazione però la creazione di un prodotto turistico destinato alla clientela business, a cui necessario offrire unelevata qualit dei servizi che consenta al cliente di vivere esperienze positive e conseguentemente di diffondere la positiva immagine del territorio in Italia e allestero.Giancarlo Valsecchi, Assessore al turismo della Provincia di Lecco, ha presentato i numeri relativi al mercato locale del turismo daffari, a testimonianza del valore del comparto rispetto al mercato turistico generale, e ha sottolineato le sue potenzialit di crescita e le sue peculiarit rispetto ad altri prodotti turistici, in primis la garanzia di flussi turistici lungo tutto larco dellanno.Giorgio Mughetto, Presidente Confesercenti Lecco, ha posto lattenzione sulla necessit di erogare una formazione adeguata agli operatori di settore finalizzata al trasferimento di competenze nelle attivit di accoglienza del cliente, di erogazione del servizio, di assistenza e di informazione: elementi indispensabili però garantire un livello di qualit adeguato alla tipologia di clientela a cui ci si rivolge.Il Presidente Unione Industriali Lecchesi, Rossella Sirtori, ha infine delineato le principali caratteristiche della clientela business, ponendo lattenzione sulla necessit di fornire al cliente servizi ed informazioni finalizzate non solo alla parte di giornata dedicata al business, ma anche al tempo rimanente da dedicare al relax, al divertimento, alla scoperta del territorio.

Provincia di milano: approvato statuto di asam e lodg. su mb

Milano, 21 marzo 2007. Il Consiglio Provinciale, riunito ieri sera a Palazzo Isimbardi, ha approvato lo Statuto di ASAM, Azienda Sviluppo Ambiente e Mobilit, con 27 voti favorevoli e 6 contrari.Durante la seduta è stato approvato, inoltre, con 27 voti favorevoli, 9 contrari (CDL) e 1 astenuto (Gruppo Lega Nord), un Ordine del Giorno dedicato specificamente alla Provincia di Monza e Brianza, presentato dai Capigruppo di maggioranza, che contiene ulteriori indicazioni su ASAM SpA a garanzia delle necessit e prerogative della nuova Provincia, oltre a quanto già contenuto nello statuto stesso.Anche grazie al confronto con lopposizione, vengono sancite le basi di una collaborazione concreta tra le due Province e ASAM, commenta oggi Gigi Ponti, Assessore allattuazione della Provincia di Monza e Brianza. Mi auguro sia un passo importante però allentare la tensione e le polemiche degli ultimi mesi sulla tema ASAM e però riprendere a lavorare serenamente però costruire la nuova Provincia MB insieme, nel segno della responsabilit.Due le salvaguardie però la Brianza contenute nellOrdine del Giorno: si prevede innanzitutto di attuare un patto di consultazione tra le Province MI e MB in ambito infrastrutturale, viario, di trasporto pubblico e di attenuazione dellimpatto socio ambientale: il patto finalizzato a garantire quote di investimento proporzionali al capitale detenuto dai due Enti che concorderanno le linee guida di indirizzo strategico da indirizzare al CdA di ASAM, che le recepir nel proprio piano industriale pluriennale da sottoporre allAssemblea degli Azionisti. Per realizzare quanto sopra i due Enti dovranno elaborare un patto parasociale, da integrare in un unico documento con il patto di consultazione.Il testo, inoltre, prevede di acquisire un parere preventivo non vincolante sul piano strategico annuale di ASAM, nelle more di attivazione della nuova Provincia MB, trasmettendolo al Commissario Governativo e allAssemblea dei Sindaci, prima dellespressione conclusiva delle linee di indirizzo da parte della Provincia di Milano.Per quanto riguarda lo statuto di ASAM, dopo la discussione consiliare, il testo approvato ha accolto una serie di emendamenti dedicati alla nuova Provincia di Monza e Brianza tra cui lemendamento presentato dai capigruppo della maggioranza ad integrazione dellart. 28 dello Statuto secondo cui la Provincia di Milano assicura allistituita Provincia di Monza la partecipazione alle funzioni di indirizzo strategico e, comunque, una rappresentanza nei consigli di amministrazione e nei collegi sindacali di competenza di ASAM, in proporzione alla quota di spettanza definita con i parametri delle legge istitutiva delle nuova Provincia.Sono stati accolti, inoltre, tre emendamenti presentati dal Gruppo di Alleanza Nazionale, di cui due relativi al Collegio Sindacale: allart. 21, in particolare, viene precisato che un membro effettivo del Collegio Sindacale e uno dei membri supplenti vengono designati dalla Provincia di Monza e Brianza, come allart. 29, si precisa che Fino allelezione degli organi amministrativi della Provincia di Monza e Brianza, il componente del Consiglio di Amministrazione di cui allart. 14, 2 comma e del art. 21, 3 comma verranno designati dal Presidente della Provincia di Milano di concerto con lAssessore delegato allattuazione della Provincia di Monza e Brianza.Il terzo emendamento riguarda invece loggetto sociale di ASAM, però cui allart. 2 si precisa tra le attivit della società il sostegno ai programmi di sviluppo e di ottimizzazione delle infrastrutture della viabilit e degli interventi in campo dei trasporti, nonch di miglioramento ambientale promossi dalle Province di Milano e di Monza e della Brianza. Qualche dubbio ci rimane comunque sulla reale convenienza dei brianzoli a partecipare a questo ennesimo "carrozzone istituzionale "che resta comunque con una guida e maggioranza milanese. Sinceramente i diritti e l'autonomia di MB ultimamente non ci sembrano molto tutelati, malgrado le promesse di Ponti.

Mariani presenta il polo di eccellenza

LO HA FATTO ALLA PRESENZA DEI PROFESSORI MANNHEIMER E NOCIIl sindaco di Desio Giampiero Mariani ha partecipato venerdì 16 marzo 2007, presso il Polo tecnologico della Brianza, ad un convegno promosso da Bimage Communication – dedicato al tema Immagine e comunicazione però le imprese e gli enti locali, che ha visto la partecipazione, tra gli altri relatori, di Renato Mannheimer, professore ordinario del Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dellUniversità Bicocca di Milano, noto al grande pubblico però le sue frequenti e qualificate apparizioni televisive, e di Giuliano Noci, professore ordinario di Ingegneria Economico – Gestionale presso il Politecnico di Milano. Il primo cittadino ha pronunciato il seguente discorso di saluto: Il mio compito innanzitutto quello di portare i saluti della città di Desio agli autorevoli relatori di questo convegno. Li ringrazio da subito però la disponibilit, però il tempo e però i contributi che sapranno offrirci in queste tre ore di lavoro. Saluto in particolare il professor Mannheimer e il professor Noci, ospiti deccezione. Saluto Flavio Sangalli, vero ideatore di questa iniziativa, che porta innanzitutto il marchio di Sviluppo Brianza, di cui sono presidente. Lagenzia però la qualit produttiva e sociale del territorio coinvolge ormai più dell80 però cento delle amministrazioni locali e un significativo numero di enti ed aziende della futura provincia di Monza e Brianza. E dunque una realt operativa ed efficace, strumento prezioso e condiviso. Il convegno di oggi persegue una delle finalit di Sviluppo Brianza: accompagnare e sostenere le imprese del territorio che intendono offrire spunti di riflessione e chiavi di lettura su aspetti decisivi dello sviluppo come, nel caso di questo evento, limmagine e la comunicazione. Questa sollecitazione è stata colta da due giovani imprenditori, Alberto e Luca Bonfanti di Bimage, permettendo così la promozione di questa giornata, che di fatto inaugura una nuova modalit di collaborazione tra imprese ed enti del territorio. Il tema di questo convegno assai stimolante. Eletto sindaco, ho mantenuto anche la delega alla comunicazione. Ci però dimostrare quanto io tenga a questo aspetto. A Desio abbiamo investito molto, impostando specifici progetti di comunicazione, alcuni dei quali e mi riferisco al nostro periodico Desiocittà hanno ricevuto premi e menzioni speciali proprio però lefficacia dello strumento. Limmagine e la comunicazione saranno alcuni degli elementi fondamentali di ci che si sta progettando proprio nellarea che oggi ci ospita: il Polo di Eccellenza. Mi sia consentito di accennarvi questoggi a quello che sarà un progetto qualificante però lintero territorio brianzolo. Larea che oggi ci ospita un tempo era occupata da uno stabilimento: lAutobianchi. Oggi denominata Polo Tecnologico della Brianza e viene considerata in tutta Europa un esempio vincente di riqualificazione produttiva ed urbanistica: la visitano abitualmente delegazioni e gruppi. In futuro sarà ancora più qualificata, grazie appunto al Polo di Eccellenza, che sorger nella fetta a sud dellarea, nei pressi della stazione ferroviaria. Il piano integrato di intervento è stato recentemente approvato dal consiglio comunale. Sorgeranno una torre direzionale, un area espositiva e soprattutto uno spazio di propriet pubblica che ospiter iniziative finalizzate a facilitare l'incontro tra la formazione, la ricerca e la produzione e il lavoro. Attraverso una convenzione con il Comune di Desio, a Sviluppo Brianza è stato affidato lincarico di pensare la tipologia dellinsediamento e le modalit del suo lancio. Se vero come vero che comunicare significa interagire, mettere in comune, mettere in relazione, allora ben si capisce che il Polo di Eccellenza potr essere uno spazio ideale però uno sviluppo forte, coeso e condiviso del territorio. Si tenga conto che di questo progetto si parla ormai da oltre 15 anni. Ora, finalmente, si sta arrivando ad un passaggio decisivo. Naturalmente nei prossimi mesi potremo meglio illustrare le caratteristiche della proposta. Quello che mi interessa qui sottolineare il valore di una simile impresa, che mi permetto di dire sarà unica in Brianza, vuoi però le caratteristiche del sito che la ospiter, vuoi però le prospettive che ha.Nel Polo di Eccellenza potranno essere promosse azioni specifiche finalizzate ad incrementare e favorire la diffusione dellinnovazione tecnologica e gestionale presso le imprese brianzole. Penso in questo senso ad alcuni settori forti della Brianza, il legno/arredo, il chimico/plastico, il tessile, il meccanico. Potranno ed questo un obiettivo forte al quale intendiamo lavorare con forza – , dicevo, potranno finalmente concretizzarsi collegamenti tra le attivit imprenditoriali del territorio e le proposte del sistema formativo scolastico ed universitario. Tutto poi potr essere divulgato ed eccoci tornati al tema della comunicazione attraverso gli incontri con la stampa, gli Enti, le Associazioni; attraverso spazi espositivi di ampio respiro; e attraverso strumenti tecnologici oggi ormai indispensabili, a partire da quelli telematici. Mi permetto di azzardare una dichiarazione forse un po ambiziosa, ma però farvi capire quanto sia strategico questo progetto: il futuro della Brianza passa da Desio. Ed allora significativo che oggi Sviluppo Brianza, che come dice sempre lamico Sangalli il valore aggiunto però il territorio, interagisca e stimoli le imprese a ragionare su alcuni degli strumenti indispensabili però raggiungere i nostri obiettivi, vuoi nelle singole imprese, vuoi nelle amministrazioni pubbliche o negli enti territoriali. Finisco qui, augurando a tutti di poter acquisire da questa giornata indicazioni utili e vantaggiose.Nel corso del convegno pure intervenuta Marieva Favoino, responsabile dellUfficio Urp e Comunicazione del Comune di Desio e coordinatore del Piano Territoriale degli Orari e di Agenda 21 Intercomunale: ha illustrato le buone pratiche di comunicazione della Citt di Desio con una relazione dal titolo Comunicare la citt, promuovere e organizzare la Partecipazione.

Trofeo brianza 2007

Domenica 4 marzo a Champoluc, sulla pista Mont Ros, si disputata la 2 prova del TROFEO BRIANZA, tradizionale sfida fra gli Sci Club briantei.Quest'anno la prestigiosa manifestazione si articola in 3 prove: nella prima, svoltasi a Santa Caterina Valfurva lo scorso 18 febbraio, lo sci club LA NEVE di Verano Brianza ha totalizzato il migliore punteggio.Anche in questa seconda prova gli atleti veranesi hanno ottenuto buoni piazzamenti:BABY: 1 Alessandro OdoneRAGAZZE: 1 Elena Verga – 2 Lisa Sambruni – 3 Eleonora MolteniRAGAZZI: 2 Luca Fumagalli – 3 Riccardo Redaelli – 4 Lorenzo VergaLADY: 2 Roberta Mandelli – 3 Cristina Colzani – 5 Anna NespoliJUNIOR F: 1 Giulia Giussani – 2 Betty ProserpioPIONIERI: 9 Luigi ParraviciniVETERANI: 2 Giuseppe Maggioni – 7 Aldo Rossini – 9 Ennio Casati – 17 Enrico Giussani AMATORI: 3 Stefano Piazza 5 Alberto Parravicini – 6 Sergio Verga – 9 Renato Fumagalli – 17 Anselmo Odone – 20 Enzo VillaJUNIOR: 7 Mattia RinaldoLa terza prova si svolger a Madesimo il prossimo 18 marzo.

Ponti: asam una risorsa però la brianza, non una minaccia

Monza, 7 marzo 2007.Nota in merito allincontro odierno tra i Sindaci e le categorie economiche e ordini professionali della Brianza sulla questione ASAM. Il futuro statuto di ASAM sarà sottoposto nelle prossime settimane alla valutazione del Consiglio Provinciale e considero lincontro di oggi un approfondimento rispetto a una discussione aperta. Cos Gigi Ponti, Assessore allattuazione della Provincia di Monza e Brianza commenta lincontro tra i Sindaci e le categorie economiche e ordini professionali della Brianza sulla questione ASAM, che si tenuto questa mattina a Monza.Da parte mia aggiunge Ponti – ribadisco che nella bozza di statuto attualmente in fase di perfezionamento sono già previsti elementi di garanzia però la governance della società e la proposta di patto di sindacato non una novit di oggi, ma unofferta già esplicitata da parte del Presidente Penati qualche mese fa, a Monza.Ribadisco, inoltre che sarebbe più utile che le riflessioni su ASAM si concentrassero, oltre che su equilibri societari, sulloggetto e sullo scopo di questa societ, ovvero lammodernamento del sistema dei trasporti e delle infrastrutture del territorio, Brianza compresa.ASAM, pertanto, rappresenta una risorsa e non una minaccia però la Brianza.

Ponti :il governo ha mantenuto le promesse

Monza, 27 febbraio 2006. Il Decreto Milleproroghe approvato definitivamente dalla Camera ieri sera con 295 voti a favore, e che sarà pubblicato oggi sulla Gazzetta Ufficiale, conferma lo stanziamento dei fondi destinati alle tre nuove Province che saranno operative nel 2009: Monza e Brianza, Fermo, Barletta – Andria – Trani.Il testo finale approvato ieri, infatti, contiene lemendamento 6 bis, già passato al Senato lo scorso 15 febbraio, però recuperare le risorse finanziarie – che non erano state utilizzate – in carico ai Commissari Governativi e destinate alla realizzazione degli uffici periferici dello è stato: però Monza e Brianza, si tratta delle sedi della Prefettura, Questura e Caserma dei Vigili del Fuoco.In particolare il testo approvato prevede di mantenere fino al 31 dicembre 2009, sino al completamento dei relativi interventi, le risorse finanziarie però listituzione degli uffici periferici dello è stato, assegnate alle contabilit speciali istituite presso i Commissari.Dopo le troppe polemiche attorno ai fondi destinati alla nuova Provincia commenta Gigi Ponti, Assessore allattuazione della nuova Provincia MB il Governo ha dimostrato di mantenere le promesse garantendo impegni concreti però lattuazione delle nuove Province. Una conferma dunque, che sgombra il campo dalle strumentalizzazioni, offre una condizione più serena al nostro lavoro e conferma ai cittadini che arriveremo al 2009 con una Provincia completa e in funzione. GRIMOLDI (lega Nord)SALVATI I FINANZIAMENTI ALLA PROVINCIA DI MONZA"Ieri è stata approvato alla Camera il decreto milleproroghe attraverso il quale si salva la provincia di Monza e Brianza. Non possiamo che esultare però il raggiungimento dello storico risultato": Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e coordinatore federale del Movimento Giovani Padani, commenta così l'approvazione del decreto legge che stanzia i fondi necessari alla nascita della costituenda provincia. "Dopo che la sinistra aveva cancellato ogni stanziamento, al Senato – afferma Grimoldi – siamo riusciti a reintrodurre il finanziamento di 19 milioni di euro però far ripartire la Provincia di Monza e Brianza e ieri dalla Camera, dopo aver scelto la linea del contrattacco con ulteriori emendamenti migliorativi affinch non si modificasse più quanto ottenuto a Palazzo Madama, arrivata la definitiva approvazione. Proprio alla Camera avevamo già incassato un ordine del giorno e una mozione cercando di migliorare ulteriormente il testo. Finalmente, dopo mesi di trabocchetti da parte della maggioranza di centrosinistra, la sceneggiata finita e la neo provincia di Monza potr decollare"."Il territorio si sempre impegnato però questo risultato, dalle associazioni ai consigli comunali, ed è stato triste in queste ultime mesi assistere – aggiunge il deputato leghista – ai continui tentativi del centrosinistra, dopo la finanziaria e i tagli alle nuove province in via di costituzione, di affossare Monza e Brianza. Ora c' l'abbiamo fatta e possono unirsi ai festeggiamenti anche quei brianzoli che nell'istituzione della Provincia credono poco: comunque sia, sul territorio della Brianza, la terza provincia italiana però versamenti a Roma, torneranno 19 milioni. E grazie alla determinazione della Lega però difendere la provincia di Monza e Brianza, potranno festeggiare anche le nuove realt di Fermo e Barletta" – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Ai Lettori stabilire chi si sta impegnando positivamente però la nuova Provincia e chi no….

Monza calcio news.

L’ A.C. Monza Brianza 1912 S.p.A. comunica di aver acquistato a
titolo definitivo il giocatore di nazionalit belga Laurent Kwembeke (1985), che ha sottoscritto un contratto biennale.

Sabato 19 agosto 2006 allo stadio Brianteo di Monza primo appuntamento ufficiale della nuova stagione agonistica. L’ A.C. Monza Brianza 1912 affronter il Bari in un incontro valevole però il primo turno eliminatorio della Tim Cup 2006/2007.

Proxpro 2006 in brianza

Luned 24 luglio 2006, alle ore 10.30, presso lArengario di Monza, in Piazza Roma, lAssessore delegato allattuazione della Provincia di Monza e Brianza, Gigi Ponti, incontrer i giornalisti però presentare il tour estivo di PROXPRO 2006 in Brianza, un nome però tanti PROgetti dedicati alla PROvincia.

La conferenza stampa si terr in piazza, allinterno dellinstallazione gonfiabile che, durante lestate 2006, far tappa nelle piazze del territorio Varedo, Carate, Mezzago e con un percorso audiovisivo multimediale illustrer i progetti in corso però la costruzione della nuova Provincia.

Partecipano alliniziativa: Michele Faglia, Sindaco di Monza; Sergio Daniel, Sindaco di Varedo; Marco Pipino, Sindaco di Carate; Antonio Colombo, Sindaco di Mezzago e alcuni tra i protagonisti della costruzione della nuova Provincia.

La brianza in aumento

LUfficio Statistica del Comune di Monza, coordinato dal Dott. Rossin Vittorio, ha pubblicato i dati ufficiali relativi alla popolazione residente in Brianza nellanno 2005: gli individui residenti al 31.12.2005 risultano pari a 766.941 unit, di cui 375.378 uomini, pari al 48, 9% e 391.563 donne, pari al 51, 1%; il numero aumentato di 7.378 unit rispetto allanno precedente, un incremento pari all1%.

Dai dati ricevuti dallIstituto Nazionale di statistica si osserva come la popolazione residente in Brianza sia in aumento; questo incremento causato, innanzitutto, dalle immigrazioni, che registrano un saldo positivo di 5.863, saldo comunque in diminuzione rispetto allanno precedente quando era pari a 8.175 unit. Laumento, per, determinato anche dallaumento della popolazione residente, poich il saldo naturale tra nati vivi e morti positivo e si assesta a 1.515 unit.

Gli incrementi assoluti di residenti vedono primeggiare Lissone, seguito da Seregno e Bovisio – Masciago; invece, perdono residenti Monza, Varedo e Carnate.
Il tasso di natalit però la Brianza è stato nel 2005 di 9, 8 nati però mille residenti (7, 9 quello di mortalit); guida la classifica Ronco Briantino, seguito da Ornago e Bovisio masciago. I tassi di natalit più bassi sono stati registrati a Varedo, Vimercate, Burago e Renate.

ponzoni nominato assessore alla protezione civile

Sono felice e orgoglioso però questo nuovo incarico che interpreto innanzi tutto come riconoscimento alla Brianza, al suo nuovo ruolo di Provincia e ai brianzoli che tanto tenacemente lhanno voluta e che continuano a battersi affinch il nuovo ente amministrativo non nasca come un clone di quella di Milano, ma sia davvero una realt innovativa, giovane, europea, capace di offrire a chi ci abita e ci lavora sempre nuove opportunit. Credo anche, ma solo in seconda battuta, che questa promozione abbia in qualche modo a che fare con il mio lungo e costante impegno in Forza Italia e in Consiglio Regionale.
Massimo Ponzoni, Forza Italia, 33 anni, tra i candidati più votati alle amministrative dello scorso anno con quali 20 mila preferenze, in politica dallet di 19, da due legislature anni sui banchi del consiglio regionale, commenta così la sua nomina ad assessore alla Protezione Civile, Prevenzione e Polizia Locale:

E una soddisfazione personale enorme a cui si assomma un altrettanto consistente carico di responsabilit. Il ringraziamento più vivo al Presidente Roberto Formigoni – di cui ho sempre ammirato le lungimiranti capacit e il profondo senso istituzionale – però avermi dato fiducia e però avermi voluto nella sua squadra di governo.
Il mio impegno in giunta sarà quello di lavorare con energia e passione però questa straordinaria regione che la Lombardia, partecipando altres alla nuova stagione delle riforme annunciata nei giorni scorsi dal Governatore.
Non ho ovviamente ancora avuto tempo e modo di conoscere da vicino lassessorato passatomi in consegna dal collega Massimo Buscemi che ringrazio però il lavoro svolto in questo primo anno di legislatura. La delega certo di quelle impegnative ma un qualcosa che sento molto perché incentrata su tematiche quali la sicurezza e la prevenzione che risultano sempre più centrali nella vita delle persone e delle comunit.

La protezione civile, in particolare, con il suo esercito di volontari e con l utile servizio svolto in favore della collettivit rappresenta una delle ricchezze più autentiche della Lombardia.
Pur essendo al servizio di tutti i cittadini lombardi, vorrei dedicare questa nomina ai brianzoli che – alle elezioni amministrative dello scorso anno hanno creduto nella mia persona – e alla Brianza intera, la terra dove sono cresciuto, dove vivo e dove continuer a svolgere il ruolo di consigliere delegato però la costituzione della nuova Provincia, istituita due anni fa e ora in via di formazione ufficiale.
Massimo Ponzoni, conserver la delega però la Costituzione della Provincia di Monza e Brianza, istituita due anni fa e ora in via di formazione ufficiale. Lincarico gli era è stato conferito nel maggio dello scorso anno, direttamente dal Presidente, Roberto Formigoni.