Un nuovo affresco a osnago

Sabato 26 luglio (festa di S.Anna) alle 17 è stato inaugurato l'affresco in viaS.Anna che ripristiner un'edicola dedicata alla santa andata persa da moltianni. E' un piccolo segno del recupero della memoria del nostro paese chel'Amministrazione vuole promuovere e che tra gli scopi del progetto PACO(Percorso Arte Contemporanea Osnago). Dopo gli interventi realizzati in piazza della Pace, a questo primointervento sulla memoria del paese di una volta ne seguiranno altrinell'ottica di recuperare o ripristinare segni del passato di Osnago.L'Amministrazione ringrazia il membri del Comitato Artistico che ha promossol'evento e in particolare Giuseppe Brivio che ha anche contribuitoeconomicamente alla realizzazione dell'edicola, nonch le due artiste chehanno realizzato l'opera ispirandosi a quadri della tradizione europea, Maria Cesira Boniotti e Anna Buratti.

I segreti di villa monastero

Questa mattina, martedì 19 febbraio alle ore 11:00, sono stati presentati nella conferenza stampa tenutasi presso la sede dellAmministrazione Provinciale di Lecco, alla presenza del Presidente della Provincia Virginio Brivio e del Presidente dellIstituzione Villa Monastero, il CD interattivo relativo ai percorsi didattici di approfondimento sulla villa e il primo numero de I Quaderni di Villa Monastero dedicato alle attivit di ricerca ed ai restauri condotti sulle collezioni della Casa Museo, che ha recentemente ottenuto il riconoscimento da parte della Regione Lombardia, al quale hanno collaborato studiosi di chiara fama.Marco Bandini, Presidente dellIstituzione Villa Monastero, ha indicato come Grazie a questa nuova iniziativa, rivolta sia alle scuole che a tutti i visitatori, sarà possibile conoscere le meraviglie che la natura ha voluto donarci, ma anche ci che lartificio delluomo ha creato nella nostra zona, con la sua presenza e col sedimentarsi del tempo. Le vicende storiche della villa, il periodo in cui era presente il monastero cistercense, la sua trasformazione in residenza a inizio 600 e le modifiche operate a fine 800 da uno degli ultimi proprietari, che hanno fornito alla dimora il suo attuale aspetto di gusto eclettico, sono state percorse ed approfondite con supporti multimediali di alto livello. Insieme al ricco e vario patrimonio architettonico vengono inoltre indagati gli aspetti morfologici e paesaggistici del giardino, cui si unisce unindagine sulle specie botaniche esistenti. Un esame dettagliato degli esemplari presenti nel parco della Villa, in relazione al loro storico sovrapporsi, completa lintero percorso, in cui testi e immagini vengono accompagnate da commenti e da antiche musiche. Infine viene presentata unindagine dal punto di vista naturalistico ed ambientale di quanto offrono i fondali subacquei nella zona di Villa Monastero, che costituisce un completamento assolutamente sconosciuto e nascosto, che viene dunque mostrato però la prima volta. Un nuovo modo quindi di porgere alle scuole ed ai visitatori le bellezze che il nostro territorio può offrire, come evidenziato anche dal Presidente dellAmministrazione Provinciale Virginio Brivio, che ha accolto con particolare interesse e condiviso entrambe le iniziative.