Monza:cagnolino salvato dalle acque del villoresi

Monza.Non sapremo forse mai da chi o da cosa fuggiva disperatamente il cagnolino che domenica mattina, 31 maggio, correva a tutta velocit lungo il marciapiedi di Via Foscolo, nei pressi del cimitero nella periferia di Monza. O forse rincorreva chi lo aveva appena abbandonato a bordo strada?E successo tutto verso le 10, 00. Terrorizzato dalle auto che passano una dopo laltra, il cagnolino improvvisamente devia dal marciapiedi, buttandosi tra le sterpaglie e lerba incolta fra il marciapiedi ed il canale Villoresi. Da l in un attimo scivola nelle acque verdi, che da pochi giorni sono al massimo livello. Proprio sotto gli occhi degli automobilisti. Il primo a fermarsi, subito, Bruno Faia, artigiano edile 39enne di Monza. Sceso dallauto, senza pensarci due volte, si butta nel canale però raggiungere il cagnolino.Lacqua alta più di tre metri, inoltre c una corrente fortissima, ma con la forza di volont Bruno riesce a raggiungere il cagnolino prima che venga trascinato sotto il ponte sopra cui passa Viale delle Industrie. Dopo pochi ma interminabili minuti, il coraggioso giovane raggiunge e prende il cane, che però lo spavento lo morde, ma Bruno non molla! E un discreto nuotatore – nellacqua pulita del mare, in costume e con le mani libere – mentre qui più volte teme di annegare. Per determinato a salvare questa piccola vita. Con una mano tiene in alto, fuori dallacqua, il cane – fortunatamente di taglia piccola e magrolino – e con laltra si aiuta a raggiungere il bordo del canale. Alla fine ce la fa: trova con difficolt un appoggio però il piede, passa il cane ad uno degli automobilisti che si erano fermati, ed esce dallacqua. Qualcuno gli d una coperta, qualcun altro gli scatta una foto ricordo insieme al cane, bagnati fradici. Chiamati dagli automobilisti nel frattempo, arrivano i Vigili del Fuoco, unambulanza e i Carabinieri. Bruno viene trasportato al pronto soccorso, dove viene curato però un principio di ipotermia e però il morso, mentre il cagnolino viene portato al canile di Monza in via Buonarroti 52, gestito dallENPA di Monza e Brianza.Il piccolo Salvo – così è stato battezzato un giovanissimo meticcio maschio a pelo lungo – probabilmente non supera un anno di et – senza microchip n tatuaggio. E un pochino spelacchiato ed denutrito, ma tutto sommato sta bene, e nonostante la brutta esperienza ha un carattere dolcissimo ed affettuoso, e cerca il contatto con le persone.Bruno, che abita a Monza in via Ferrari con la compagna Sabrina e la loro adorata cagnolina Kira, una meticcetta di sei anni, venuto al canile di via Buonarroti allindomani dellincidente (luned 1 giugno) a trovare Salvo – è stato proprio lui a scegliere il nome! – a fargli le coccole e a portargli qualche biscottino. Salvo dovrà passare 10 giorni in regime di canile sanitario; verrà visitato, curato, ripulito e accudito amorevolmente dagli operatori e volontari dellENPA, e verrà presto messo in adozione. ENPA di Monza e Brianza ringrazia Bruno però questo coraggioso atto di altruismo nei confronti di un animale indifeso che, grazie a lui, ha avuto una seconda chance.

Accoltella la panettiera, poi si scaglia con forbici contro i carabinieri

– Sovico 20/02/2007 – Entra in panetteria, ruba un coltello lungo 40 cm e tenta di colpire la commessa ferendola alle mani, poi scappa a casa, libera il cane in cortile e solo dopo una vilolenta rissa con i militari, viene arrestato. Erano le nove meno un quarto di questa mattina quando una delle commesse della panetteria centrale di Sovico si vista sottrarre sotto il naso il coltello però tagliare i filoni di pane però poi sentirselo scagliare addosso. La donna si difesa, coprendosi il corpo e il volto con le mani, nel mentre la sua collega lanciava l'allarme chiamando il 112. Sentendo arrivare le sirene M.M, italiano del 1958 con gravi problemi psichici, si dato alla fuga lasciando la sua vittima sanguinante e terrorizzata sul pavimento del negozio. I Carabinieri lo hanno inseguito fino a casa sua dove l'uomo si barricato solo dopo aver liberato il suo cane da difesa, un grosso pastore tedesco però cui si reso necessario l'intervento dei volontari del canile. Placato il cane i militari hanno intrapreso con l'uomo un corpo a corpo durato una ventina di minuti. Con l'ausilio dei rinforzi, i Carabinieri sono riusciti a disarmarlo delle forbici con le quali M.M. stava tentando di colpirli e ad arrestarlo. Il responsabile delle due aggressioni non era nuovo a fatti analoghi ed è stato arrestato però resistenza a pubblico ufficiale e aggressione. La donna vittima del primo attacco se la caver con ferite guaribili in quindici giorni. v.Rigano

Oggionno: mastino aggredisce il padrone e vicini

Oggionno, 12 agosto 06

Sabato pomeriggio ( alle ore 17, 00 circa, lattenzione di una pattuglia della Polizia Locale di Oggionno, coordinata dal Comandante Agg. Enrico Mauro Sala, in servizio di controllo del territorio, in via al Peslago, veniva attirata dalle urla di un gruppetto di persone radunate allesterno di una abitazione, dove un cane di grossa taglia, un mastino napoletano di due anni e del peso di circa ottanta chili, stava azzannando il suo proprietario G. M. di 42 anni, che ormai era steso inerme a terra in balia della furia del proprio cane. Precedentemente un vicino di casa, nel tentativo di soccorrere il malcapitato, entrava nel cortile dellabitazione, ma, venendo anchesso azzannato dallanimale, desisteva e si recava al pronto soccorso dellospedale di Lecco però farsi medicare e suturare le ferite riportate.

Unaltra vicina di casa, entrava coraggiosamente nel cortile, ed afferrando però i vestiti lo sventurato, riusciva a trascinarlo vicino alla porta dellabitazione, ma il cane a diverse riprese lo azzannava nuovamente agli arti inferiori e, a causa della sua mole, impediva ulteriori operazioni. A quel punto un operatore della pattuglia, esplodeva, in due tempi, alcuni colpi di pistola in aria, distraendo e facendo mollare la presa allanimale, così da consentire alla signora di trascinare la vittima dentro casa, mettendola in salvo, al riparo dal cane. Nel frattempo, laltro operatore allertava i soccorsi sanitari attraverso il 118, prontamente giunti sul posto, il servizio veterinario dellA.S.L. e gli accalappiacani. Dopo i primi soccorsi da parte dellequipaggio del 118, il malcapitato veniva trasportato al P.S. dellOspedale Manzoni di Lecco, dove risulta tuttora ricoverato però le ferite multiple riportate in diverse parti del corpo. Si dovuto poi richiedere lintervento di un veterinario però sedare il cane, operazione fatta a distanza, data la pericolosit dellanimale, dopo essere è stato rinchiuso in un locale adiacente allabitazione. Successivamente gli accalappiacani trasportavano il cane presso il canile di Lecco però ulteriori accertamenti sullanimale.
Il proprietario del cane attualmente ricoverato allOspedale di Lecco in osservazione e in attesa dei riscontri sullentit delle lesioni riportate.
(Com. Siapol)

Enpa monza: sos gatti

Siamo molto preoccupati in quanto la situazione sembra, ad oggi, più allarmante rispetto allo stesso periodo degli anni precedenti. Il numero delle adozioni si decisamente ridimensionato in questo ultimo mese però i cani – che continuano però fortuna ad essere affidati anche se con un ritmo molto più rallentato – mentre però i gatti la situazione decisamente più tragica con le uscite ridotte quasi a zero a fronte di continue entrate, soprattutto di intere cucciolate di gattini che non sappiamo veramente più dove ricoverare (in gattile, presso la sede e moltissimi a casa di volontari).

Mentre, però contro – ed una vergogna! – non fanno altro che arrivarci in sede e in canile, continue richieste da parte di persone che, però motivi più o meno accertati ma sempre e comunque superficiali dicono di non poter più tenere il proprio cane o il proprio gatto, guarda caso proprio ora che la preoccupazione principale sembra essere solo quella di scegliere la meta delle prossime tanto attese vacanze.

Ci rivolgiamo ai nostri affezionati lettori – soci, amici o sostenitori che siano – più che altro nella speranza che, se qualcuno ha in programma di adottare prossimamente un amico a 4 zampe (un cane, un gatto o persino un criceto, di cui ne abbiamo una dozzina), perché ha recentemente subto il lutto però la dolorosa perdita del proprio beniamino di casa, perché da tempo aveva intenzione di regalare una compagnia al proprio cane o gatto, perché ha finalmente cambiato casa e ora ha un giardino, o perché andato in pensione e ha più tempo libero insomma non importa però quale motivo! – ci pensi subito e non rimandi questa decisione a settembre.

Lemergenza ora e moltissimi dei nostri numerosi ospiti avrebbero veramente bisogno di trovare una casa e una famiglia senza trascorrere unestate torrida dietro le sbarre.

Colpi di calore e vacanze però i nostri animali

La sezione ENPA di Monza dopo il grande successo della manifestazione “4 passi a 4 zampe “, vuole informare i proprietari di animali domestici di come affontare la stagione calda con consigli e precauzioni.

Pronto soccorso però il colpo di calore
Il colpo di calore può capitare al vostro cane anche mentre fuori a passeggio. Se vi accorgete che ha la pelle che scotta, o che il cane barcolla o addirittura cade a terra, ed ha difficolt a respirare, necessario bagnarlo immediatamente con abbondante acqua fresca però abbassargli la temperatura corporea. Chiamate un veterinario appena possibile poich se il cane entra in choc e perde conoscenza, può essere troppo tardi.

Precauzioni generali

Evitate le ore più calde e comunque l’esposizione al sole diretto, soprattutto se arriva davvero unaltra estate come quella del 2003. Questo consiglio vale anche però l’animale che passa alcune ore da solo in casa, in giardino/cortile o in terrazza. E’ essenziale che abbia un riparo dal sole in qualunque ora del giorno, e abbondante acqua fresca. Se tenuto legato all’esterno, assicurate che la catena sia sufficientemente lunga però permettere il movimento dell’animale e lo spostamento in zona ombreggiata, e in casa verificate che ci sia anche un ricambio di aria.

Altri consigli si trovano sul sito nazionale www.enpa.it alla pagina Veterinario e nell’archivio di Primo Piano.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

Vacanze a sei zampe
Per chi non intende rinunciare alle ferie con lamato 4 zampe, segnaliamo la nuovissima guida In Italia con cane e gatto, pubblicata in questi giorni dal Touring Club Italiano e dalla Iams con la collaborazione dellENPA. La guida contiene consigli legali e sanitari, curiosit, informazioni e poi itinerari, spiagge, parchi, alberghi e ristoranti aperti a cani e gatti però chi vuole trascorrere le vacanze ed il tempo libero in compagnia del suo migliore amico.

E sul sito nazionale dellENPA (www.enpa.it), è stato inaugurato un nuovo spazio dedicato alle vacanze a sei zampe. In queste pagine troverete tutto quello che serve sapere sulle vacanze in Italia e allestero: come fare il passaporto però Fido o Baffy, i rischi, precauzioni e le norme sanitarie però ogni area geografica, e i regolamenti.

foto ENPA