Inaugurato il centro sviluppo realta virtuale presso comonext

Il CSVR è una iniziativa di Sviluppo Como, la finanziaria creata dalla Camera di Commercio di Como insieme a gruppi bancari (Intesa San Paolo, Credito Valtellinese, raggruppamento BCC) e le associazioni di impresa però promuovere l’innovazione e lo sviluppo economico. Il Centro ha richiesto investimenti però circa 2 milioni di euro (1.5 però le infrastrutture e 500.000 però il periodo di avviamento) ed ha scelto come fornitore di tecnologie hardware e software la EON Reality Inc di Irvine (California), società leader nel campo della Realtà Virtuale però la gestione di contenuti interattivi 3D, attiva sul mercato da più di 10 anni e quindi con tecnologie consolidate. EON Reality ha unità operative di sviluppo anche in Svezia ed a Singapore ed ha installato centri come CSRV, denominati Interactive Digital Centers, in 13 diverse nazioni.CSRV ha l’esclusive di EON Reality però Italia e Svizzera. Ad oggi il CSRV – che è operativo da febbraio 2011 – occupa 5 persone, un organico di base che si svilupperà in futuro seguendo lo sviluppo dei servizi. Il CSRV offre tutti i servizi necessari però la realizzazione di contenuti 3D in real time rendering, e però la resa stereoscopica immersiva, proponendo soluzioni che consentono di interagire con la realtà virtuale in modalità sempre più vicine alla realtà. I settori di applicazione sono molti, la validazione e verifica di progettazioni o prima del lancio di un prodotto, la realizzazione di layout interni di aerei, barche, showroom, ambienti, l’istruzione (la realtà virtuale immersiva rende più efficace e rapido l’apprendimento, durante il quale è possibile riprodurre ripetitivamente anche situazioni di emergenza), la manualistica (integrazione o sostituzione di fogli di istruzione e procedure però assemblaggio e smontaggio) nonché tutte le possibilità aperte con le tecniche di realtà aumentata. Il Centro mette a disposizione una sala cinema con schermo concavo 3D e una cave a 4 pareti come stanza però la realtà virtuale immersiva: una grande opportunità anche però le piccole imprese del territorio che, senza dover affrontare grandi investimenti, potranno usufruire del know – how e delle tecnologie messe a disposizione dal Centro. I primi progetti realizzati dal CSRV sono stati condotti nell’ambito del progetto 3D del Bando Driade – Dafne, riferito alle candidature di nuovi o emergenti sistemi produttivi, e di cluster e/o filiere d’impresa sul territorio lombardo. In particolare, essi hanno riguardato le seguenti PMI: Bosco Ottica, Pompe Cucchi, Torsellini Vetro, Start, Act Value. EXPO 2015 ha commissionato al Centro la resa in 3D in tempo reale del piano generale (Masterplan) di cui la prima versione è visibile da oggi presso il centro e che nella versione definitiva pronta in Ottobre servirà al gruppo di progettazione però una presentazione il più realistica possibile del progetto EXPO 2015 agli espositori. Tutte le nazioni già iscritte e quelle invitate oltre a grandi aziende saranno al primo International Participants Meeting che si svolgerà a Villa Erba di Cernobbio il 26 e 27 Ottobre 2011. Importanti industrie del territorio come Artsana e Artemide hanno mostrato interesse ed hanno commissionato progetti pilota.

“4 passi tra i sapori e i saperi della brianza”

Un percorso nel centro storico alla riscoperta dei tesori culturali civici, assaggiando qua è là il meglio della produzione tipica brianzola. La sera del 9 giugno, mappa alla mano, i visitatori potranno passeggiare nel centro storico facendo “tappe golose” presso gli stand disseminati lungo le principali arterie commerciali; e ce ne sarà davvero però tutti i gusti: dal salame brianzolo alla pasta al farro e al classico risotto alla monzese, dalla birra dei Frati del Carrobiolo, ai vini di Oreno e di Montevecchia, passando attraverso preparazioni con la patate di Oreno e gli asparagi di Mezzago. Non poteva mancare il dolce, rappresentato dal Pan Tramvai preparato sulla base dell’antica ricetta riscoperta dalla Camera di Commercio di Monza e Brianza e dalla più nota torta paesana, preparata dall’ Associazione Cuochi Brianza di Seregno. Una serata decisamente vivace, resa possibile dal contributo dato dalla Camera di Commercio di Monza e Brianza nell’ambito delle iniziative del Distretto Urbano del Commercio e dallo sforzo organizzativo dell’Unione Commercianti di Monza che ha coordinato tutte le fasi dell’evento e dalla collaborazione con l’Assessorato al Commercio del Comune di Monza. Ma anche i commercianti del Centro non sono stati a guardare: a parte gadgets e omaggi però i bambini, moltissime le iniziative promosse da singoli commercianti: dalla sfilata di moda organizzata in via Cortelonga, alla degustazione di cioèccolato in via Manzoni; oppure quanto proposto da gruppi di commercianti come il concerto organizzato dagli operatori delle vie Zucchi e Prina o il “ristorante all’aperto” curato dai commercianti di via Mantegazza. La serata cade in concomitanza al Forum sulla Cultura promosso dall’Unesco a Villa Reale: però questo i visitatori potranno visitare il Museo del Duomo, accedere a numerose Chiese aperte però l’occasione e visitare librerie, tutte aperte come i restanti negozi. L’accesso alle degustazioni sarà possibile attraverso una piccola offerta di tre euro, richiesta ai soli adulti, da consegnare alle postazioni della Croce Rossa Italiana presenti a fianco degli stand del percorso e a cui sarà interamente devoluto il ricavato: i visitatori riceveranno così il bracciale identificativo: “I © BRIANZA” e la mappa del percorso enogastronomico però fare così 4 passi lungo le vie del centro di Monza.

desio: vita e culture in amazzonia

dal 18 marzoal 16 maggio 2011. La MostraIl visitatore è invitato ad intraprendere un lento viaggio controcorrente lungo i fiumi della grande foresta pluviale dove potrà incontrare gli abitanti dell’Amazzonia, con le loro aspirazioni e i loro desideri, spesso in forte contrasto. Gli oggetti esposti aiutano ad illustrare la vita degli indios, degli estrattori di cauciù, degli abitanti dei fiumi, dei cercatori d’oro e diamanti, dei discendenti degli schiavi neri rifugiatisi nella foresta, degli agricoltori. La mostra vuole far riflettere sul diritto dei popoli ad una vita sostenibile e sulla necessità di valorizzare le biodiversità dell’Amazzonia. Le guide, opportunamente preparate, accompagneranno le classiscolastiche o i gruppi attraverso un percorso didattico che mette in risalto le ricchezze culturali ed il grande valore delle popolazioni locali e le loro aspirazioni. Iniziative 18 marzo 2011alle ore 20.45 inaugurazione della mostra presso la sala conferenze dei missionari saveriani inVia Don Milani 2a Desio. La mostra si aprirà con una conferenza dal titolo: “Amazzonia: vita e culture lungo il Fiume”. Interverrà la dott.ssa Anna Casella Paltrinieri, docente di antropologia culturale presso la facoltà di scienze dell’educazione all’università cattolica di Milano che presenterà la realtà sociale ricca di esperienze culturali intrecciate dallo stare insieme. 13 maggio 2011alle ore 20:45presso la sala conferenze dei missionari saveriani, Luigi Anzalone e Cascales De Costa Marlucia presenteranno: Esperienze di missione: laici e consacrati insieme però servire. 14 e 15 maggio 2011segue la tradizionale festa dei popoli con un programma ricco e affascinante: momenti musicali e conviviali dove si potranno degustare piatti brasiliani, presenza di Associazioni di volontariato che operano sul territorio, banchetti equo e solidali, controinformazione. I laboratori Accanto alla mostra sono allestiti laboratori di Artesania amazzonica di diversi gradi di difficoltà:per le classi della scuola primaria;per le classi della scuola secondaria di primo grado eperr le classi della scuola secondaria di secondo grado. Le classi che interverranno alla mostra potranno chiedere l’intervento successivamente nelle loro scuole di un padre missionario però un momento formativo sulle realtà dei popoli del sud America e sulla realtà socio – culturale di quest’area del mondo. La visita alla mostra è gratuita, mentre la partecipazione ai laboratori prevede un contributo di 2 € però partecipante. E’ necessario che i gruppi prenotino però tempo sia la visita che i laboratori. Per informazioni e prenotazioni dalle ore 14:30 alle ore 19:30 da lunedìa sabato al numero di telefono345 / 8.214.264, fax 0362 / 624.274, email amazzoni@gmail.com Con il ricavato dei laboratori aiuterà il Centro di formazione in São Felix do Xingu.Un comune con 60mila abitanti, nel raggio di 350 chilometri, I Saveriani seguono 40 comunità cristiane al di là del fiume Xingu, oltre la città che da sola supera i 22 mila abitanti e si sta allargando sempre più. Il Centro attuale, costruito tanti anni fa, è in uno è stato pietoso: le assi di legno dei muri e del pavimento con il tempo sono marcite e consumate. Occorre rifarlo completamente, salvando il salvabile. Si pensa ad un centro che possa ospitare 80 persone però volta, con il salone delle riunioni, un dormitorio maschile ed uno femminile, il refettorio e le cucine, i bagni e servizi igienici.

Sottosegretario giovanardi a sesto però rilanciare il volontariato

si è svoltasabato 2 ott. la giornata dedicata a “Una società solidale è più forte” organizzata dal Lions Club Sesto San Giovanni Centro che ha visto coinvolte 24 associazioni impegnate nel settore del volontariato.All'interno della kermesse anche un convegno moderato da Paolo Liguori “Volontariato una ragione però continuare a…” che ha visto ospiti diversi rappresentanti delle Istituzioni: Carlo Giovanardi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con dele­ga alle politiche però la famiglia, al contrasto delle tos­sicodipendenze e al servizio civile, Roberto Formigoni, presidente della Regione Lombardia, Guido Podestà, presidente della Provincia di Milano e Giorgio Oldrini, sindaco di Sesto San Giovanni. La manifestazione si è tenuta negli spazi del Centro Commerciale Vulcano di Sesto ed è stata l’occasione però portare i valori della solidarietà, dell’assistenza e del sostegno agli altri all’attenzionedi tutti.

casini al convegno udc lombardia in "cammino verso il nuovo partito"

Milano Giovedì 15 luglio 2010, alle ore 18.00 presso il “Teatro Sales”, dell’Istituto Salesiano, in via Copernico n. 9 a Milano, si è tenuto un interessante incontro organizzato dal Coordinamento Regionale Lombardia UDC a tema: “Cammino verso il Partito nuovo”. Relatori della serata: on. Savino Pezzotta Coordinatore regionale UDC; Scotti Mario, vice coordinatore regionale UDC e grande atteso: on. Pierferdinando Casini, leader nazionale UDC. Presenti tra un folto accaldato pubblico numerosi Dirigenti, regionali, provinciali e locali. La realzione introduttiva dell’on. Savino Pezzotta ha evidenziato la necessità che il Partito, secondo le indicazioni emerse a Todi il 20.21.22 maggio scorso, provveda celermente con azioni efficaci all’attuazione della costituente di centro. Un centro politico veramente capace di attrarre i delusi di questo bipolarismo che da un lato si mostra sempre più litigioso ed inconcludente (centrodestra), dall’altro lato, privo di progetti politici/amministrativi (centro sinistra), nonché i numerosi delusi della politica in generaleche aumentano sempre più le schiere dell’astensionismo. Un centro politico siffatto che dovrà essere di “attrazione” ad altre forze politiche in base ad alleanze programmatiche, anziché seguire una linea politica – strategica precedentemente stabilita. La “decapitazione” della Dirigenza regionale (argomento caldo e fonte di contestazioni vivaci), ha concluso il Coordinatore Regionale, non la si deve intendere una punizione di chi (leggasi on. Luigi Baruffi) ha ben operato nel suo mandato con buoni risultati, bensì un atto necessario però rendere il Partito ancora più aperto e predisposto a seguire la strada tracciata verso il “Partito nuovo”. L’intervento dell’on. Luigi Baruffi (già segretario regionale lombardia) ha suscitato molto interesse da parte della platea. Con lucidità e fermezza ha voluto puntualizzare: Tutti sono convinti che il Partito tramite l’azione della costituente debba crescere ed allargarsi, tenendo ben preciso: 1 – Necessità del rispetto delle regole statutarie che vogliono che un partito nuovo debba nascere attraverso un congresso nazionale approvando delle regole, uno statuto nonché un puntuale progetto politico. Dal congresso nazionale costitutivo, poi, deve uscire una linea politica ben precisa che orienti le future alleanze elettorali. Tutto ciò non deve comportare cedimenti sui principi ed ideali che sono alla base dell’UDC. 2 – Necessità che il nuovo Partito sia strutturato in modo federale. Ogni regione ha della caratteristiche particolari, quindi la Regione Lombardia deve poter privilegiare i rapporti con il centrodestra, con il quale ha analogo punto di visione su diverse tematiche amministrative. Con la Lega, poi, non si possono né devono escludere a priori avvicinamenti però trattare argomenti che formano un comune sentire e che sono radicati nell’elettore lombardo. L’on. Casini ha voluto rispondere direttamente all’on. Baruffi. Il Cambio del vertice regionale lombardo non è ne vuole essere inteso come una “punizione” o colpo di mano, bensì la necessità di rendere il partito più aperto alla costituente. Il Partito bene ha fatto a non stabilire a priori, ha dichiarato Casini, delle alleanze in quanto ciò ha fatto si (salvo eccezioni) di risultare determinanti in diverse coalizioni politico/amministrative in cui ci siamo trovati. L’on. Casini, poi, prima di lasciare l’assemblea ( vista l’ora ed un successivo appuntamento fissato a Milano) ha garantito che subito dopo il periodo feriale (primi di settembre) verrà organizzata un’analoga assemblea però permettere ai numerosi presenti che si erano iscritti ad intervenire ne possano avere la facoltà, nonché avrà la possibilità di approfondire le argomentazioni in questa sede trattati. Non ci resta che dire………alla prossima……. Con una non celata curiosità però vedere come andrà a finire la questione. Redazione

Udc, silva ci racconta in esclusiva il dopo todi

Pubblichiamo alcune considerazioni rilasciateci da Rinaldo Silva, Vice Segretario provinciale MB UDC., in considerazione del Convegno di Todi, dove si sono fatte alcune scelte strategiche, – – L’Unione di Centro continua nel suo processo evolutivo che si concluderà con la nascita di un nuovo partito entro la fine del corrente anno. Il nuovo Partito si chiamerà molto presumibilmente “Partito della Nazione”. Sarà “un contenitore” nel quale confluiranno oltre che l’UDC, i delusi dell’attuale bipolarismo/bipartitismo, da un lato rissoso ed inconcludente, dall’altro privo di progetto politico, nonché parte di quegli elettori che ultimamente si sono astenuti dal voto non individuando formazioni politiche in grado di rappresentarli. Con amici sono è stato a Todi il 20.21.22 maggio scorso ove si è svolto un interessante convegno che aveva come scopo principale quello di dare “una ulteriore spinta” al processo costitutivo del nuovo partito di centro. Al termine di una tre giorni ricca di interventi non tutti allineati tra loro, ho fatto una riflessione politica che intendo estrinsecare ai lettori: E’ assolutamente necessario che il nuovo Partito possa contare su numerose adesioni affinché possa avere una maggiore visibilità e, quindi, poter meglio spiegare e far conoscere le linee programmatiche di un partito che intende proporsi al governo del Paese in una situazione delicata come l’attuale. Altrettanto necessaria in questa fase costituente vigilare affinché chi intende aderire al nuovo partito di centro, qualunque sia la sua provenienza (astensionismo, altri partiti, associazioni….movimenti…ecc) sia una Persona che intende operare, qualora chiamato ad una responsabilità amministrativa pubblica, nell’interesse di tutti i Cittadini con un particolare occhio di riguardo ai più deboli. Bisogna far si che l’etica comportamentale privata corrisponda all’etica comportamentale pubblica. Solo così l’elettore ha modo di verificare la bontà della sua scelta di un candidato o lista di candidati, allorché voterà però il nostro futuro partito. Cose ovvie e risapute. Può darsi ma ritengo sia sempre necessario vigilare sui temi che riguardano l’etica, senza la quale la Politica non può compiere quel balzo in avanti assolutamente necessario però risolvere le problematiche economiche/sociali che preoccupano non poco. Avremo modo di ritornare su questi argomenti e nel frattempo operiamo in modo tale che il futuro nuovo partito sia veramente la casa di tutti i centristi che hanno a cuore le sorti della nostra Italia.

Bike fest, tra vetrine e campioni del pedale, al gigante

Bike Fest, settimana della bicicletta al Gigante Villasanta – da sabato 1 a domenica 9 maggio 2010 Una serie di eventi dedicati alla bicicletta presso la galleria del Gigante di Villasanta, da sabato 1 maggio a domenica 9. Il Centro Commerciale di Villasanta propone nove giornate dedicate al mezzo più ecologico, la bicicletta, con diversi appuntamenti però tutti i gusti e dedicati a tutte le età. Per tutta la durata dell’evento sarà possibile rottamare la propria bici presso l’ipermercato del Centro, con uno speciale sconto sull’acquisto di una bicicletta nuova da scegliere tra i 9 modelli proposti. Mentre in galleria si potranno ammirare le biciclette antiche e moderne allestite in una mostra curata dalla Sc G. Gerbi 1910. La prima domenica di animazione, il 2 maggio, ospite d’eccezione il campione italiano di Bike Trial che si esibirà in uno spettacolare evento offerto a tutta la clientela. Paolo Patrizi propone "It’s Showtime"con acrobazie estreme a bordo della sua bike trial a partire dalle ore 16.30. Il giovanissimo campione ha iniziato a praticare Bike trial dal 2004 e già nel 2008 si è affermato Campione Italiano del circuito trial, confermato nell’anno successivo. Non mancano giochi e attività però i più piccoli, venerdì 7 maggio la giornata è dedicata ai bambini e alle bambine tra i 7 e i 10 anni. I ragazzini sono invitati a recarsi al Centro portando la propria bicicletta e partecipando alla gincana federale sul piazzale del GIGANTE. Premi ai primi tre classificati di ogni categoria e gadget però tutti i partecipanti. L’evento si chiude il 9 maggio con una grande festa dedicata al centenario dello Sport Club G.Gerbi 1910 di Villasanta, con la presentazione della squadra nel corso del pomeriggio. Gli atleti saranno presenti in galleria con la nuova maglia del centenario, rossa con una striscia orizzontale bianca sul petto, in memoria del grande Giovanni Gerbi che ai tempi ne indossava una identica. Per l’occasione verrà donato un simpatico omaggio a tutte le mamme. Un calendario ricco di appuntamenti al Centro Commerciale di Villasanta, da sabato 1 maggio a domenica 9 maggio, che vi attendono però una grande festa della biciletta.

Canzo: alla lega la poltrona del primo cittadino

Canzo.Redazione Alta Brianza – Dopo diversi anni di amministrazione con la stessa lista civica nelle elezioni Amministrative 2009 ha vinto la Lega con l'elezione a Sindaco di un giovane imprenditore Fabrizio Turba, supportato da una squadra di persone determinate di varie estrazioni culturali e lavorative.Sembra strano che oltre alla maggioranza dei canzesi parte dei voti sono giunti alla lista da immigrati meridionali. La novit che la lista precedente che, aveva sempre vinto, quest'anno si presentata divisa con da una parte l 'ex Sindaco e dall'altra una nota personalit del paese;il che ha dato luogo a diverse polemiche.Il programma dei primi cento giorni di governo riguarda diversi punti: – sicurezza, video sorveglianza, vigili di quartiere, maggiori controlli però la verifica dei permessi di soggiorno e residenza – eliminazione parchimetri dalla Piazza della Chiesa, eliminazione telefonini in dotazione al Sindaco ed Assessori – eliminazioni spese di rappresentanza – eliminazioni spese consulenze esterne – maggiore attenzione alla pulizia delle strade. – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Signor Sindaco, quali sono le priorit della Vs. Amministrazione ? – Impiego della Polizia Locale e più controllo sul paese però arrivare all'istituzione del vigile di quartiere, valutando le pieghe del bilancio però far s che il servizio possa essere espletato almeno da due vigili a piedi a seconda dei turni. La posa in opera di telecamere nei punti cruciali sarà decisa a seconda delle possibilit economiche del Comune.Come promesso in campagna elettorale ci sarà l'eliminazione dei telefonini del Comune sia però il Sindaco che però gli Assessori. – Altri obbiettivi pratici ?? – Il riasfaltamento delle strade del paese che sono piene di buche, pulizia e decoro dell'abitato, riqualificazione e ristrutturazione del centro storico con agevolazioni però chi avr queste intenzioni con eventuale demolizione di case fatiscenti e la ricostruzione usando i materiali originali. Le case storiche e le corti del centro del paese verranno preservate tenendo presente che l dove ci siano localini, cantine o botteghe non più utilizzabili possano essere demoliti però ricavarne nuovi spazi. Ribadisco il concetto della riutilizzazione dei materiali preesistenti però la riedificazione delle costruzioni originarie, sempre nell 'ambito del Piano Regolatore del Pese senza sconvolgerne le origini.Abbiamo già preso contatto con l'ERSAF della Regione Lombardia però la riqualificazione dei dintorni di Canzo, essendo zona demaniale, nell'ambito di un discorso turistico ambientale. Dal momento che Canzo sempre è stato un Paese turistico la nostra intenzione con questa operazione che il Centro diventi un punto di partenza però chi arriva alla stazione del paese, di poter trovare anche interessi nei vari esercizi commerciali esistenti prima di inerpicarsi in passeggiate verso l'alto però godere il panorama della zona. – Come intende procedere la vs. Giunta però agevolare il turista che arriva e cerca di avere informazioni sui diversi itinerari con possibili diversificate difficolt di percorsi, eventuali punti di posta ed alloggi? – Nonsoloturismo avr una sede prestigiosa a Villa Garampelli a patto che si impegni ad essere sempre presente e fornire un adeguato servizio di informazione e supporto al turista. Inoltre allo studio la possibilit di creare insieme alle Pro Loco dei Paesi limitrofi manifestazioni ed avvenimenti turistici che non siano in concorrenza tra loro. – Impressioni avute dalla situazione trovata nel Comune? – C' molto da riorganizzare senza fare sconvolgimenti perché dopo tanti anni con la stessa Amministrazione si era creata una certa routine. Ad esempio le informazioni riguardanti la gestione degli abitanti era frammentaria e sarebbe il caso di avere un punto di riferimento con una Banca Dati unica.Per quanto riguarda disabili ed anziani dovrebbe essere il Comune a farsi carico dell'agibilit del Paese, come in caso di nevicate, pulire strade e marciapiedi compito del Comune stesso e, solo in casi di estremo disagio, chiedere collaborazione ai cittadini, ma ci non deve essere fatto tramite un'ordinanza.Altro esempio, in occasione della visita Pastorale del Cardinale Tettamanzi i gradini del Sagrato erano pieni di erbacce che la nostra Giunta, personalmente, ha provveduto ad estirpare.Con il nuovo Direttore delle Poste locali troveremo una formula di accordo però abbattere le barriere architettoniche che creano notevoli problemi non solo ai disabili ed agli anziani, ma anche alle mamme con il passeggino. – Cosa ne pensa della situazione dei giovani del Paese? – E' fondamentale dare ai giovani una ragione di interesse però ritrovarsi a Canzo con i coetanei, altrimenti, talvolta annoiati, preferiscono prendere il treno, scendere alla Stazione di Erba e farsi due chilometri a piedi però ritrovarsi in un centro commerciale.Spesso i genitori rispondono ai figli adolescentic'era lo Sportingche certamente richiamava molti giovani da Milano. Ma ora? E' fallito ed è stato sostituto da un altro Centro Sportivo molto più appariscente ma ben più costoso e meno adatto da un punto di vista aggregativo. Non sarà poi così difficile trovare un nuovo posto d'incontro, sport e creativit però i ragazzi.Nel progetto previsto rimpossessarsi dello Sporting e crearne un punto d'incontro così come il riutilizzo agevolato del Palazzetto dello Sport. Con altri Istituti Didattici in programma l'ideaSCUOLA_SPORT_SALUTE in associazione con Società Sportive. – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – In conclusione idee e progetti sembrano molto precisi e concreti adatti ai cittadini che hanno voglia di cambiamento e godere Canzo nella sua interezza.Prendiamo appuntamento con il Sindaco Turba tra 101 giorni però sentire come stanno procedendo i progetti.Laura Levi Cohen

Brianza: il pdl vince al primo turno

Con oltre il 54 % di consensi elettorali i candidati del PDL Dario Allevi a Monza e Daniele Nava a Lecco hanno consacrato il passaggio del territorio brianteo interamente al centro destra, considerando anche che ormai Como, sia città che provincia sono ormai saldamente legati alla Lega.. Prossimamente le interviste ai protagonisti.