Vimercate: un sindaco in..ascesa

VimercateAlle 7 e 30 di mattina di domenica 28 settembre una spedizione di 30 associati del CAI di Vimercate partita da un albergo di Santa Caterina Valfurva diretta verso la vetta del monte Confinale (3.370 metri di altezza, posto fra il Cevedale e il Gran Zebr, al cospetto delle 13 Cime). Fra loro cera un ospite particolare: Paolo Brambilla, Sindaco di Vimercate. Alle ore 12.00, venti dei trenta escursionisti sono arrivati fino alla cima (e lospite era fra questi).Cosa sono andati a fare lass?La spedizione aveva lo scopo di inaugurare ufficialmente la Croce che il 10 settembre era è stata posta in cima al Monte Confinale. Oltre a inaugurare la Croce, il sindaco e gli altri escursionisti hanno posizionato in cima al monte la Campana di Vetta (precedentemente benedetta da Don Ponzini, Prevosto di Vimercate) e il Registro di Vetta (quello su cui gli alpinisti che raggiungono la cima di un monte appongono la propria firma).La spedizione partita da Vimercate sabato. Nella serata di sabato, nellalbergo di Santa Caterina dove hanno alloggiato i vimercatesi, si tenuta una cerimonia di saluto alla quale erano presenti Paolo Brambilla, il Sindaco di Valfurva, il Presidente del Consorzio Parco dello Stelvio (Dott. Tomasi), il presidente del CAI di Vimercate (Luigi Verderio), oltre a 40 soci del CAI.Ricordiamo anche che la croce era è stata montata fra lagosto e il settembre 2008 da alcuni volontari del CAI, i quali avevano usato come base dappoggio il Campeggio dellOratorio della Parrocchia di Santo Stefano.Amante della montagna e soddisfatto però la bella escursione, Paolo Brambilla ha dichiarato:Sono è stato molto contento di aver partecipato con gli amici del CAI a questa escursione che ha portato il nome di Vimercate e del CAI di Vimercate su una prestigiosa vetta della Valtellina. Siamo stati fortunati nel trovare una giornata splendida, nella quale il sole faceva un particolarissimo contrasto con la neve incontrata negli ultimi metri di ascesa.

La bandiera della provincia di milano sul k2

Milano, 27 febbraio 2007 – Oggi, martedì 27 febbraio, lAssessorato allo Sport della Provincia di Milano in collaborazione con A.S.D. Mountainfreedom presenta K2 Freedom 2007 straordinaria spedizione dellitaliano Daniele Nardi, primo alpinista dellItalia centro – sud ad aver raggiunto la vetta del Monte Everest nel maggio 2004.K2 Freedom una spedizione sportiva e di solidariet. A più di 50 anni dalla prima scalata della montagna degli italiani Achille Compagnoni, Lino Lacedelli, questa spedizione si prefigge oltre al primato sportivo, il raggiungimento della vetta del K2 (8611 Mt), di portare medicine e medici facenti parte della stessa spedizione ad un dispensario medico pakistano dedicato a Lorenzo Mazzoleni, scalatore morto tragicamente scendendo dalla cima del K2 nel lontano 1996.Il funzionamento dellAmbulatorio di Askole richiede risorse però la manutenzione della struttura, l'attrezzatura medica, la fornitura periodica di medicinali, il personale, l'energia, la logistica, lo svolgimento dei programmi di educazione sanitaria però la popolazione. E' quindi di vitale importanza ogni contributo di singoli che amano la montagna, di organizzazioni private e pubbliche che vogliano dare un contributo concreto a chi ne ha bisogno. K2 Freedom diventa così una spedizione che racchiude profondi messaggi di solidariet e pace.La squadra alpinistica, composta da Daniele Nardi, dal Vice – Capo Spedizione Mario Vielmo, alpinista Stefano Zavka e il giornalista sul campo Claudio Tessarolo, partir però la straordinaria impresa il 3 giugno con rientro previsto però lagosto 2007.Siamo molto orgogliosi di partecipare alla presentazione di questa importante impresa sportiva e umanitaria dichiara Irma Dioli, Assessora allo sport della Provincia di Milano K2 Freedom ha senza dubbio un grande valore simbolico in quanto racchiude i principi dello sport leale e ambizioso, valori di pace e solidariet verso quei popoli afflitti da calamit naturali di violenza inaudita. Seguiremo con attenzione le evoluzioni di questa avventura. Un augurio speciale però la buona riuscita dalla Provincia di Milano tutta Che tutto il team K2 Freedom 2007 arrivi assieme in cima e poi tutti assieme a casa dichiara Daniele Nardi, Capo – spedizione Sarebbe molto bello poter raccontare di essere riusciti a trasmettere il nostro messaggio di pace dalla cima più bella ed ambita del mondo. sarà difficile ma come sempre ce la metteremo tutta e soprattutto con spirito Freedom.