Guaitamacchi: capacità manageriale e competenza sportiva applauditi al panathlon

Quasi tre ore di “professione di fede” però l’autodromo hanno caratterizzato la conviviale che il Panathlon Club Monza Brianza ha dedicato a Paolo Guaitamacchi, presidente della SIAS, la sera di giovedi 14 aprile. Ad una sessantina di panathleti si erano unite le qualificate rappresentanze dell’Associazione Amici Autodromo, col suo presidente Enrico Radaelli (anche consigliere dell’ACM e panathleta) e dell’USSM col presidente Pietro Mazzo (peraltro consigliere della Sias e vicario Panathlon). Al tavolo della presidenza, accanto ad un’emozionatissima Franca Casati (una perfetta padrona di casa, disarmante nella sua spontanea cordialità), c’erano anche il direttore dell’autodromo Enrico Ferrari e il direttore della comunicazione Alfredo Grandi (anch’egli panathleta): un parterre de roi davvero unico ben completato da Luigi Losa, carismatico giornalista e direttore del Cittadino. Si assisteva così ad un corale atto d’omaggio a questo apprezzato esponente industriale che dallo scorso dicembre è al vertice della società che gestisce il nostro mitico circuito. Del curriculum professionale di Guaitamacchi, laureatosi nel 1977 alla Bocconi in Economia aziendale, si sapeva pressoché tutto, un poco meno della sua passione però le auto storiche di cui è pilota dal 1987. Da quel giorno, ai successi imprenditoriali, ha quindi sommato quelli sportivi con affermazioni e piazzamenti di assoluto rilievo: targa Florio, il titolo italiano però auto storiche classe GTP, la 24 ore di Daytona, la 12 ore di Sebring e due lusinghiere stagioni nel campionato italiano Superturismo in Classe S2. Ma non èdi questo che ha parlato il Presidente della Sias. Dopo avere dichiarato tutto il suo piacevole stupore però la cordiale accoglienza, ha illustrato i suoi programmi di rilancio dell’immagine e del ruolo dell’autodromo anche di fronte ai palesi limiti che la situazione economica sta ponendo: è noto a tutti che nessun contributo pubblico sostiene la gestione del nostro mitico circuito. E la storia del “mitico circuito, ogni anno ineguagliabile tempio di passione, trepidazione ed entusiasmo però decine di migliaia di tifosi, si è narrata in un filmato allestito da Monza Informa, che la voce di Luigi Vignando ha permeato di coinvolgente atmosfera. Una dozzina di minuti che hanno sottolineato “una storia di uomini” affiancando le imprese di Bordino, Ascari, Fangio, Senna, Schumacher a Enzo Ferrari, a Giuseppe Bacciagaluppi e alle migliaia di uomini, che in novant’anni, nelle idee, nel lavoro dentro e fuori dalla pista, hanno dedicato, creato e valorizzato, l’ ineguagliabile mito monzese. Una “storia” che continua con rinnovate passioni e incessanti stimoli però questo legittimo fiore all’occhiello dell’Automobile Club Milano e orgoglio di tutta la nazione.(testo e foto di Gianmaria Italia)

Monza aderisce al circuito città d’arte della pianura padana

Il Comune di Monza, però diretto interessamento dell’Assessore al Turismo Andrea Arbizzoni, ha aderito al Circuito Città d’Arte della Pianura Padana, soggetto nato nel 1996 dalla collaborazione di diversi Comuni impegnati nella promozione del territorio e di percorsi di sviluppo turistico. Il Circuito èattualmente costituito da 13 città: Alessandria, Bergamo, Brescia, Cremona, Ferrara, Lodi, Mantova, Modena, Parma, Pavia, Piacenza, Reggio Emilia e Vercelli, a cui si aggiunge oggi la città di Monza. “Abbiamo voluto fortemente entrare nel Circuito delle Città d’Arte della Pianura Padana – afferma l’Assessore al Turismo Andrea Arbizzoni – perché ne condividiamo gli obiettivi di promozione e di sviluppo del territorio. Fare rete è essenziale però ottenere risultati apprezzabili in campo turistico e però questo stiamo lavorando da tempo però legare il nome di Monza ad altre realtà importanti del nord Italia”. Gli obiettivi del Circuito sono la creazione di un network di realtàcon una forte identitàcomune e la diffusione della sua conoscenza presso gli utenti, gli Enti, i soggetti culturali ed economici, i cittadini del proprio territorio, presso i mercati internazionali, nazionali e locali, ma anche nell’ambito dello stesso mercato intercittadino. Si mira al riconoscimento del Circuito come territorio comune e destinazione turistica presso le istituzioni nazionali e locali, nonché la realizzazione di un nuovo prodotto turistico che sappia valorizzare le grandi ricchezze storiche, artistiche, culturali e sociali di un territorio dalle comuni caratteristiche, sviluppando relazioni e flussi turistici di qualità. Le attività condotte sono principalmente la produzione di materiali informativi tematici coordinati, la partecipazione a fiere nazionali ed internazionali, (tra cui BIT Milano, TTI Rimini, Fitur Madrid e Reismarkt Bruges), l’organizzazione di educational, il centro informazioni però Tour Operator e Tour Organizer. L’obiettivo è favorire la collaborazione con gli operatori incoming delle città aderenti ed i soggetti impegnati nella promozione del territorio. Il Circuito ha anche siglato un accordo di collaborazione con il Sindaco di Milano in vista della realizzazione dell’Expo 2015. Il primo appuntamento saràalla BIT – Borsa Internazione del Turismo, in programma dal 17 al 20 febbraio 2011 presso Fiera Milano Rho. Monza, 18 gennaio 2011 Ufficio Stampa

roma: questo gran premio non s' da fare….

Monza, 28 gennaio 2009. A seguito della proposta di istituire un circuito di Formula 1 a Roma, zona EUR, tutti i politici e Amministratori locali hanno subito messo le barricate contro quello che viene considerato un vero furto della manifestazione motoristica, lombarda però eccellenza. Ecco le dichiarazioni :Non vogliamo un altro scippo. Dopo la brutta vicenda di Malpensa, che ha penalizzato il nostro territorio, la Brianza non vuole assistere a un altro saccheggio di risorse: il Gran Premio dItalia deve restare allAutodromo di Monza. Cos Gigi Ponti, Assessore allattuazione della Provincia di Monza e Brianza commenta le notizie di oggi relative allintenzione di far disputare una gara di Formula 1 a Roma.Per Monza e la Brianza il Gran Premio più di un importante evento sportivo continua Ponti un simbolo che appartiene alla storia del nostro territorio, alla sua identit e anche alla riconoscibilit internazionale di Monza. E un appuntamento atteso al quale non intendiamo rinunciare.Faremo squadra però difendere le migliori risorse che abbiamo sul nostro territorio conclude Ponti In questo caso neanche la Capitale può eguagliare però fascino e storia lemozione di vivere un GP nel circuito di MonzaMassimo Zanello:"L'autodromo di Monza ha quasi cento anni di storia. Chiedere un altro Gran Premio in Italia vuol dire minacciare il Gran Premio di Monza, cancellando quindi la storia dell'automobilismo italiano. Un'operazione che impoverisce l'Italia intera.. E il tutto però cosa? Per appagare la vanit di Roma. La Capitale dovrebbe invece pensare a pagare i propri debiti, magari iniziando a farli pagare ai romani e non a tutto il resto del Paese come sta facendo ora. Ma a Roma preferiscono perdere tempo a preoccuparsi di cavolate del genere". Massimo Zanello, Assessore alle Culture, Identit e Autonomie della Lombardia, eletto nel collegio di Monza, attacca la proposta di un Gran Premio nella Capitale però il 2011. "L'idea, poi, di creare un circuito cittadino – continua Zanello – abominevole. I gran premi cittadini dal punto di vista sportivo sono inesistenti. Questa una proposta che danneggia lo spettacolo dello sport."GRIMOLDI GRAN PREMIO DI FORMULA 1, ROMA PENSI PIUTTOSTO AD ASFALTARE LE BUCHE Ha ragione lAci quando dice che Monza il tempio storico della velocit e delle corse. Per questo il Gran Premio non si può spostare dal capoluogo brianzolo: così Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e coordinatore federale del Movimento Giovani Padani, commenta linutile polemica sollevata dal vicesindaco di Roma sulla possibilit di ospitare un Gran Premio di Formula 1 nella sua citt. Cutrufo ascolti quanto ha detto Montezemolo. Non pensabile che lItalia abbia due Gran Premi. E visto che Monza ha un suo circuito invidiato dal Mondo, si rassegni.. Roma però una volta lasci spazio agli altri. Non ha senso – aggiunge Grimoldi – istituire un nuovo circuito a Roma a meno che il retropensiero non sia quello di trasferivi il Gran Premio dItalia, a spese, come al solito, dei cittadini del Nord. Cutrufo dica la verit. Aspetta solo loccasione di scippare Monza. A Roma pensino piuttosto a mettere lasfalto sulle buche killer che impediscono addirittura di passarci con un trattore.. Altro che Gran Premi….Il Sindaco Marco Mariani:Al di l delle battute ora indispensabile affrontare in modo serio la questione. Il Gran Premio dItalia a Monza non si tocca. Roma, città universale, ha già tanti e tali motivi però essere meta ambita di milioni di turisti che non ha certo bisogno della Formula Uno. Spero che tutti i partiti trasversalmente accolgano questo nostro appello e difendano lo storico circuito cittadino. Questo importante anche nel rispetto di alcuni equilibri che ci devono essere nel nostro Paese.Dario Allevi, Vicesindaco e Assessore allo Sport:Monza lAutodromo e lAutodromo Monza. Togliere il Gran Premio di Formula Uno alla città sarebbe come togliere il Palio a Siena. Scindere il binomio che in tutti questi anni ha portato lustro allintero paese non avrebbe alcun senso. Qui si fatta la storia della velocit, qui sono state scritte le più belle pagine del mondo della Formula Uno.Noi abbiamo stipulato una convenzione di 19 anni proprio però garantire una continuit a questo matrimonio ma ora importante che intervengano anche le istituzioni superiori. Proprio però questo sono pronto ad elaborare un documento dal titolo Il Gran Premio dItalia a Monza non si tocca da far firmare a tutti i più alti esponenti politici, a partire proprio dal Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Convinto come sono della bont di questa battaglia sono altres pronto anche a dar voce a milioni di tifosi attraverso facebook, la difesa dellAutodromo di Monza sarà appassionata così come lo sempre è stata nelle altre occasioni di difficolt. Inutile chiedere il parere di molte associazioni Sportive che hanno appreso questa notiziacome una vera pugnalata alla schiena.Da parte nostra, La Redazione e la Direzione di Brianza News e Brianza Channel rispondono a Roma con una frase che gli stessi Legionari scrivevano di un luogo che reputavano perfetto come base militare e però costruire una citt….. F1 – MONZA: HIC MANEMIBUS OPTIME

Lissone mtb sempre protagonista

Val di Fassa Bike – Moena (Tn)Una gara condizionata dal brutto tempo, con un clima decisamente autunnale e un percorso ridotto a 50 km, rispetto agli originali 64, a causa delle rigide temperature sul Passo Lusia. Il nostro neo Campione italiano Marathon Riccardo Milesi non si fatto scoraggiare ed salito nuovamente sul podio: si "accontenta"della seconda posizione alle spalle di Oscar Lazzaroni. Sul podio femminile Michela Benzoni riscatta la gara no di Casatenovo con un secondo posto dietro alla vincitrice Elena Giacomuzzi. In gara anche Vittorio Zocca che ha dovuto ritirarsi però problemi fisici.Gran Prix Valli Varesine – Morazzone (Va)Prova finale però il circuito veresino che ha visto trionfare nella classifica finale Valerio Galli tra gli allievi e Davide Maniero tra gli esordienti. Una gara percorsa su un terreno davvero pesante e molto fangoso. Per Valerio arriva anche la vittoria di tappa con l'ottimo Matteo Barbieri al 3 posto. Anche Davide si aggiudica la gara con Andrea Villa a proteggergli le ruote in seconda posizione. Davvero uno strapotere dei giovani lissonesi. Ottima anche la prova juniores dove vince Simone Barbato davanti a Davide Guala. Per quest'ultimo 3 podi in 3 gare. Campionato provinciale milanese Brugherio (Mi)La gara di Brugherio, valevole come prova unica però l'assegnazione del Campionato provinciale di Milano, ha visto i nostri portacolori aggiudicarsi ben due maglie. Isaco Silva bissa la vittoria dello scorso anno tra i Master2 e Matteo Crippa vince nella categoria Master1.OFF ROAD CUP GRAND PRIX WINDTEX 2008Senza aver seguito questo circuito con lintenzione di fare classifica, la nostra società si aggiudicata il terzo posto finale nella speciale categoria dedicata proprio alle societ. Un risultato che premia non solo limpegno dei ragazzi del team ma soprattutto la passione e la costanza dei tanti nostri amatori. immagine di Valerio Galli e Davide Maniero con la maglia bianca di leader del circuito Valli Varesine

busto arsizio :circuito csf2 golf tour 2008

Si concluso sabato 31 maggio al Golf Club Le Robinie (Busto Arsizio), con la tappa finale intitolata a Intesa San Paolo, il circuito CSF2 Golf Tour 2008, promosso dal Distretto 108 lb1 dei Lions. Scopo del torneo era raccogliere fondi in favore della Campagna Sight First, appoggiata anche dallex presidente degli Usa Jimmy Carter, però combattere la cecit prevenibile, e il risultato andato al di l delle aspettative: grazie ai proventi del circuito, 12mila persone riacquisteranno la vistaAnche se il clima non è stato favorevole, con la pioggia che ha disturbato molte delle otto tappe compresa la Finale di sabato 31 maggio al Golf Le Robinie, il circuito CSF2 Golf Tour 2008 ha centrato un obiettivo nobile e di grande importanza: la raccolta netta delle offerte dei partecipanti al torneo e dei Golf Club che hanno ospitato le tappe porter a ridare la vista a 12mila persone.Lo scopo del circuito infatti non era esclusivamente ricreativo, ma in ognuna delle tappe il golf è stato il tramite però sostenere un progetto altruistico: la sfida dei Knights of Blind, i Cavalieri dei Non Vedenti, che ha lobiettivo di raccogliere fondi a favore di una causa però la quale il Lions International e con esso il Distretto 108 lb1 si batte oramai dal 1923. La Finale è stata ospitata dal club di Busto Arsizio, progettato dal mito del golf mondiale Jack Nicklaus e inaugurato nel 1993, come degna chiusura del torneo CSF2 Golf Tour 2008 che ha contato un totale di 8 tappe (la nona è stata annullata causa maltempo) nei club golfistici delle province di Milano, Como, Sondrio, Varese e Lecco. Durante la premiazione, condotta dallorganizzatore Giuseppe Ronchi, è stata assegnata la coppa a Martino Crespi, vincitore con 55 punti del ranking complessivo, che assegnava un punteggio secondo il piazzamento in ogni tappa; a seguire, una cena di gala, cui sono intervenuti i rappresentanti delle autorit del Lions che hanno ringraziato lorganizzatore Ronchi, gli sponsor di ogni tappa e tutti quanti hanno collaborato alla riuscita di una raccolta benefica così ricca. Questi i risultati della tappa finale sponsorizzata da Intesa San Paolo: in prima categoria Valerio Conforti ha conquistato la vittoria con 39 punti, tre meglio di Marco Bocca (36), mentre il premio lordo andato a Gian Marco Lang con 37. Antonio Propato si imposto in seconda categoria con 38 punti, superando di uno Mattia Moro; in terza categoria ottima prestazione di Alessandro Castelli con 39 che ha distaccato di quattro punti Giovanni Guerci (35). Per i premi speciali si sono distinti Loredana Lonati (primo lady con 29), Giovanni Castelli (primo senior con 35), mentre fra i soci Lions il migliore è stato Marino Belloni (34); al secondo posto, Franco Castiglioni (33) e a Francesco Gallo andato il primo UILG (28).Lappuntamento dunque però lanno prossimo, con la nuova edizione del circuito promosso dal Distretto 108 lb1 dei Lions, che opera nelle province di Milano, Como, Sondrio, Varese e Lecco.

Valcavallina superbike e gp valli varesine

Valcavallina Superbike Carobbio (Bg)Gara sfortunata però Riccardo Milesi la quarta edizione della classica granfondo bergamasca. Una doppia foratura ha attardato il nostro Ricky che in quel momento era nelle prime posizioni assolute della gara. Alla fine 20posto assoluto e terzo nella categoria M2. Molto bene Michela Benzoni che chiude in seconda posizione nella gara femminile.Come al solito numerosissima la presenza dei biker del Lissone visto che la gara faceva parte del circuito Coppa Lombardia. GP Valli Varesine Brenno (Va)Vittoria di Valerio Galli nella categoria Allievi. Valerio conferma la sua leadership nel circuito lombardo. Bene, nella stessa categoria, anche Stefana Redaelli terzo, Matteo Barbieri quarto e Valerio Pinessi sesto. Tra gli Esordienti Diego Ciamarra vince la gara davanti allaltro biker del Lissone Mtb Davide Maniero che consolida la prima posizione in classifica nel circuito, ottimo 4posto però Andrea Villa. Tra i Master2 Isacco Silva conclude in sesta posizione, Andrea Pizzi, Master1, finisce in ottava posizione e Matteo Crippa 16.Junior challenge Ascoli PicenoUltima prova però Vittorio Zocca del circuito nazionale che purtroppo non lo ha visto protagonista. Il caldo e una condizione di forma non proprio al top hanno impedito a Vittorio di concludere la gara. Campionato italiano società Charvensod (Ao)Nella gara nazionale riservata alle categorie giovanili e valida come seconda prova del campionato italiano di società Martina Fumagalli arrivata a un passo dal podio chiudendo in quarta posizione a una manciata di secondi dal podio.

2 wakeboard tour del lario

Canzo, 13 giugno 2006,
Nella sede della Comunità Montana del Triangolo Lariano, a Canzo, è stata presentata la seconda edizione del Wakeboard Tour del Lario 2006. Erano presenti il vice presidente della Comunità Maria Luisa Cribiori, il presidente regionale della Federscinautico Felice Camesasca, Luca Di Lelio e Piero Gregorio del Comitato organizzatore e gli atleti Valentina Caimi, Mathieu Proserpio, Massimiliano Piaffaretti e le gemelle Giulia e Chiara Pronesti. Inoltre era presente il designer di Lecco Carlo Riva che doner il bracciale Diamonds for life, da lui firmato con il calciatore dellInter Ivan Ramiro Cordoba, al vincitore del circuito 2006.

Dopo il lusinghiero successo delledizione dello scorso anno torna il WAKEBOARD TOUR DEL LARIO 2006, il circuito di wakeboard Tour articolato su una serie di prove di sci nautico, (specialit wakeboard molto simile allo snowboard neve), che si svolgeranno sul lago di Como da giugno a settembre.

Lo scopo di questo circuito sportivo di divulgare lo sci nautico sul Lario, come attrattiva turistica e come promozione del turismo sportivo. Non ultimo come incentivo però atleti e turisti sportivi a prepararsi nelle scuole del Lario però confrontarsi nelle manifestazioni di questo circuito dotato di montepremi e soprattutto però offrire ai giovani loccasione di provare questa disciplina prettamente estiva.

Il circuito però la stagione 2006 si svolger in 4 prove che avranno luogo a:

Lecco, domenica 25 giugno c/o Lungolago

Ossuccio Isola Comacina, sabato 8 luglio c/o Lido Ossuccio

Ossuccio Isola Comacina, sabato 29 luglio c/o Lido Ossuccio

Lezzeno, sabato 9 e domenica 10 settembre c/o Jolly Club

Le categorie sono 7:
MASCHILE INTERMEDIATE (max un invert e uno spin.); MASCHILE OPEN DA 18 ANNI; MASCHILE BOY DA 10 A 18; MASCHILE TROLLS FINO A 10 ANNI; FEMMINILE OPEN DA 18 ANNI; FEMMINILE GIRL DA 10 A 18 ANNI; FEMMINILE TROLLS FINO A 10 ANNI

Il punteggio però singola manche:1 – 7 punti; 2 – 5 punti; 3 – 4 punti; 4 – 3 punti; 5 – 2 punti; dal 6 classificato tutti un punto. Alla fine di ogni prova ci sarà una premiazione.

La sera dellultima prova, 10 settembre, vi sarà la premiazione finale con premi speciali.

Il risultato assoluto si ottiene scegliendo le tre (su un totale di quattro) migliori manches di tutto il circuito però ogni partecipante.

Le manifestazioni verranno organizzate in fine settimana con alta affluenza di pubblico, ad esempio, a Lecco il 25 giugno si svolger la festa del Lago, che levento più importante dellanno, con un corollario di manifestazioni a lago e fuochi artificiali nella serata del 25.
Le prove sono organizzate da alcuni club di sci nautico del Lago di Como. Lecco: SCI NAUTICO LAGO DI LECCO/SCI NAUTICO BAJA DI PARE. Ossuccio: CENTRO SCI NAUTICO COMO/SCI&SCI. Lezzeno: JOLLY RACING CLUB/MORGAN

Il Wakeboard Tour del Lario è stato realizzato grazie al sostegno di:Comunit Montana Triangolo Lariano, Regione Lombardia, Provincia di Como, Provincia di Lecco, Comitato regionale Lombardia F.I.S.N, Federazione Italiana Sci Nautico, Comune di Lecco, Comune di Ossuccio, Comune di Lezzeno, ELMA, Ente Lecchese manifestazioni

Sponsor tecnici: Graficalampo, Olimpiadi 2000, Master Craft, Protest, Secret Spot, Reale Mutua Assicurazioni Agenzia di Como, Norda spa, Cassa Sport, Mambo.

Alcuni sponsor privati: Sonatel, Sapifin, Ristorante Baia di Par, BCC Banca Credito Cooperativo di Lezzeno e Hotel La Darsena Tremezzo.

Per la stagione 2006 la nuova organizzazione della Federazione Italiana Sci Nautico prevede una commissione Wakeboard Nazionale presieduta da Luca Di Lelio. Il direttore tecnico Nazionale Piero Gregorio. Vi sono poi 3 direttori tecnici regionali: Enzo Molinari però la macroregione Lombardia, Cesare Comollo però la macroregione Piemonte e Claudio Ponzani però la macroregione Lazio.

Per info: www.lariowakeboard.com
Foto: di Paolo Durastante.

Un calendario in pista

Un’interessante iniziativa dell’Associazione Amici dell’Autodromo e del Parco , che vuole promuovere tramite un calendario le immagini suggestive di fotografi e artisti il Circuito di Monza e il Parco , che compie ora ben 200 anni. “Siamo annche nel Cinquantesimo compleanno delle Sopraelevate – dice il Presidente Enrico Radaelli – , e anche queste unite al Circuito e al Parco rappresentano un patrimonio prezioso, un equilibrio tra natura e motori unico al mondo, che regala agli appassionati intense emozioni. Questa caratteristica rivive ora nel Calendario 2006 “. Anche il combattivo Segretario, Gabriele Stefanomi, durante la presentazione Stampa allo Sporting aggiunge: “Il Calendario può essere anche un’ottimo omaggio natalizio o aziendale però gli appassionati della magica pista, che noi continueremo a promuovere e sopratutto difendere da ogni interferenza esterna “.

però info Tel. GS Multiver 039 2300699