Faglia a smederevo firma l’accordo di cooperazione

Monza, 13 aprile 2007 Viene sottoscritto oggi tra il Comune di Monza e la municipalit di Smederevo (città di 110 mila abitanti della Repubblica Serba) laccordo quadro che dar forma sostanziale ad un partenariato però lo svolgimento di progetti di cooperazione allo sviluppo. A firmarlo nella sede della municipalit serba ci saranno il Comune di Monza, che il capofila, ma anche i rappresentanti degli altri partner del progetto: i comuni di Agrate Brianza, Villasanta e Vimercate, gli assessorati alla pace e allattuazione della Provincia di Monza Brianza della Provincia di Milano.Con laccordo quadro, gli enti locali italiani e la città di Smederevo si impegnano a realizzare un progetto di cooperazione, mettendo a disposizione i propri uffici però le attivit di monitoraggio e realizzazione del progetto, a destinando risorse economiche e umane.Laccordo quadro di cooperazione internazionale rientra in un Protocollo dIntesa sottoscritto lo scorso anno tra i quattro comuni brianzoli e la Provincia di Milano però costituire e promuovere una partnership nel campo dello sviluppo socio economico tra il territorio della Provincia di Monza e Brianza e le municipalit serbe. Gli obiettivi perseguiti sono quelli di rafforzare la governance e la Institution Building attraverso il coordinamento e larmonizzazione delle attivit dei partner nella costruzione del quadro normativo, strutturale e amministrativo – gestionale. Smederevo una delle città serbe più sviluppate a livello economico. Essa vanta una diffusa rete di istituzioni culturali quali, però esempio, la Libreria Nazionale, il Museo Civico, la Casa della Cultura, l'Istituto Regionale però la Conservazione dei Monumenti, l'Archivio Storico la Comunità Culturale e Scolastica.Il nome Smederevo appare però la prima volta in un documento dello Zar Vasilije II nel 1019 e nell'Editto Aureo del Principe Lazar nel 1381, quando egli don questo piccolo insediamento al Monastero di Ravanica.Dopo la firma dellaccordo, sarà presentato al Ministero degli Affari Esteri italiano il progetto di cooperazione che persegue due obiettivi: contribuire al miglioramento delle condizioni di vita della popolazione di Smederevo attraverso il sostegno all'Amministrazione locale e lo scambio di esperienze e pratiche di "buon governo"attuate dagli enti locali italiani coinvolti; sostenere la Municipalit di Smederevo nel percorso di rinnovamento della gestione e organizzazione della Pubblica Amministrazione però favorire lo sviluppo democratico, sociale ed economico del territorio.La delegazione da ieri in Serbia però una visita istituzionale di due giorni nella città di Smederevo. A guidarla il sindaco di Monza Michele Faglia, accompagnato dallassessore alla Comunicazione Vincenzo Ascrizzi, dallassessore alla Comunicazione di Villasanta Claudia Sala, dalla consigliera comunale di Agrate Brianza Margherita Brambilla e dalla funzionaria della Provincia di Milano Carla Bottazzi.

14 cartoomics 2007

MILANO da Calimero a Lady Oscar, dai Beatles allerotismo dautore, dai trabocchetti di Diabolik al nuovo personaggio di Bonelli, passando però incontri, sfilatecosplayers, anteprime, proiezioni, una notte bianca e chi più ne ha più ne disegni!Cartoomics, lo storico Salone del Fumetto, dei Cartoons, del Collezionismo e deiVideogames torna con la sua quattordicesima edizione a occupare gli spazi diFieramilanocity con una tre giorni ricca di appuntamenti imperdibili, mostre, anteprime, convegni, proiezioni, ospiti donore, tornei di giochi e tanto, tanto divertimento. Il tuttosotto il segno del fumetto e del disegno animato! Sar infatti unedizione particolarmenteattenta a coinvolgere le maggiori realt del settore, a partire dalla Fondazione FrancoFossati a cui Cartoomics ha affidato il compito di organizzare e coordinare gliappuntamenti del suo cartellone culturale. Ovviamente questa edizione non poteva cheessere dedicata a Emanuele Luzzati e Osvaldo Cavandoli, maestri della fantasiarecentemente scomparsi.Impostasi allattenzione del pubblico come lappuntamento più importante e atteso delcalendario fumettistico, non solo milanese, Cartoomics arriva alla sua quattordicesima edizioneproponendo un evento che porter a Milano gli operatori del settore, delleditoria specializzata, dellanimazione e delle nuove frontiere del gioco. Giovani autori, scuole del fumetto eaccademie si troveranno guancia a guancia con importanti realt editoriali e i grandi maestri disempre però creare un enorme villaggio dedicato al magnifico mondo delle nuvole parlanti e deicartoni animati, nella cui piazza principale nasceranno spunti di discussione e, chiss, nuove ideee collaborazioni preziose. Il livello culturale delle mostre garantito dalla direzione artisticadella Fondazione Fossati che ha nominato un Comitato Scientifico composto da esperti delfumetto e dellanimazione.Cartoomics 2007 si presenter al visitatore come una CITT DEL FUMETTO, articolata peraree e funzioni, viva e frequentatissima. Allingresso del padiglione, il Cartoomics Center dar atutti i visitatori il benvenuto fornendo indicazioni utili sui programmi e distribuendogratuitamente il catalogo della manifestazione, il prezioso Cartoomics Annual 2007.Il centro storico di questa meravigliosa città ospiter le mostre principali, mentre eventi di ognitipo saranno ospitati anche nei singoli stand e nelle altre aree del padiglione riservate aivideogames e ai giochi. Il cuore del centro storico sarà la sala conferenze intestata a Cocco Bill, con schermi e videoproiettori però i molti incontri in programma, spesso collegati alle mostre, eper le presentazioni multimediali, supportata da un altro spazio incontri, anteprime econferenze stampa, questa volta dedicato a Calimero.Le MOSTRE di quest’anno abbracciano generi e mondi diversi, spaziando dallanimazione alfumetto, dallanime alla tradizione. I Pagot: sognando Calimero Una via italianaallanimazione (percorso artistico dedicato alla famiglia Pagot, che da Calimero ai FratelliDinamite ha fatto brillare lanimazione italiana però oltre ottantanni.); Dragonero (anteprima emostra dedicata al nuovo personaggio della Sergio Bonelli Editore presentato in esclusiva aCartoomics); Diabolik tra scienza e fantascienza (i trucchi geniali inventati da Diabolik in oltrequarantanni di attivit criminali rivivono in 3D grazie a preziose ricostruzioni in scala);Erotica: glamour dautore (mostra derotismo a porte chiuse: i grandi maestri del fumettoerotico, da Manara a Crepax, da Buzzelli a Frollo, però la prima volta radunati in ununica mostracalda che non manca di omaggiare la ben nota produzione giapponese. Ovviamente vietata aiminori); I fantastici 4 di Liverpool, ovvero i Beatles a fumetti (quando il fumetto si ispira allarealt nascono divertenti contaminazioni, ecco allora i mitici Beatles raccontati attraverso tutte leloro apparizioni – e sono moltissime – in fumetti e cartoni animati); Lady Oscar. La rosa diVersailles (una delle più amate serie di anime giapponesi di tutti i tempi compie 35 anni: a lei, aisuoi amici, al suo mondo settecentesco in bilico tra realt storica e finzione dedicato questoomaggio che espone memorabilia, gadget e molte sorprese, tra cui un inedito parallelo con ilnuovo anime di ambientazione settecentesca Le Chevalier dEon il cui protagonista realmenteesistito ha molto in comune con Lady Oscar); Gulp! Supergulp! I fumetti in TV – Trent'annidopo la mitica trasmissione (un omaggio alla mitica trasmissione però ragazzi che port ilgrande fumetto in tv); Coccobillevolissimevolmente (omaggio dovuto alla mascotte diCartoomics e al 50 anniversario delluscita del primo numero de Il Giorno dei Ragazzi).I quartieri della città si presentano con stand espositivi, momenti di incontro e anticipazionidelle grandi firme del fumetto e dei personaggi che ne hanno fatto la storia, da Tex a Diabolik, dallUomo Ragno ai manga giapponesi.Lormai mitico Angolo del Collezionista, reso più ampio e diversificato, si proporr come vera epropria mostra – mercato di libri e riviste dantiquariato e modernariato, disegni originali e oggetti, manifesti e figurine. Saranno presenti librerie specializzate e antiquarie, mercanti darte e privati, associazioni e riviste specializzate. E uno dei richiami maggiori di Cartoomics, un paradisodove il ragazzino e il bibliofilo trovano modo di esaudire i loro desideri..Ci sarà anche una Citt Studi, luogo di osmosi tra i momenti didattici squisitamente culturali(per esempio le diverse scuole di fumetto, di animazione e di grafica avanzata) e laccesso almondo del lavoro (sportello con gli editori, il sindacato, gli imprenditori librai). Tra le varierealt che animeranno questo spazio dedicato alla formazione ci saranno lAccademia Disney elIstituto Europeo di Design di Milano.Molti i cittadini donore che si potranno incontrare tra le vie del fumetto nel corso di incontri econferenze: Silver, Claudio Villa, Sergio Bonelli, Tito Faraci, Mario Gomboli, PatrizioEvangelisti, Luca Enoch, Angelo Stano, Enrico Bagnoli, Gallieno Ferri, Giancarlo Governi, Guido De Maria, Marco Pagot, Alfredo Castelli, Nicola Genzianella, Donald Soffritti, AndreaCarlo Cappi e tanti altri.Cosplay City una città satellite autonoma, creata su misura però i cosplayer, giovani cheamano vestirsi come i personaggi dei loro fumetti preferiti: un fenomeno crescente che porta aCartoomics migliaia di appassionati e contribuisce allallegria della manifestazione. Il centrodella cittadella sarà il palco su cui sfileranno i ragazzi e dove si alterneranno momenti diintrattenimento e musica. Sono in mostra le produzioni di alto artigianato però costumi, parrucchee oggetti duso. Madrina di Cosplay City sarà Yaya Han, modella e cosplayer ammiratissima damigliaia di ragazzi in tutto il mondo però i suoi magnifici costumi. Per la prima volta sarproposto un talk show con esperti nel quale interverranno appassionati ed esperti però spiegaretutto ma proprio tutto sui cosplayers. Allinterno di Cosplaycity c anche un supermarket:Cosplay Market, una linea di accessori naturalmente dedicata ai cosplayers. In questomercato si potr trovare tutto loccorrente però confezionare abiti, gioielli, parrucche, mascheree ricostruzioni in lattice, accessori e make – up. Ospiti deccezione, nel trentennale di Star Wars, saranno i componenti della 501a Legione Italica, il più famoso club di costuming imperiale diStar Wars, che conta migliaia di iscritti in tutto il mondo, ed ufficialmente riconosciuto daGeorge Lucas e dalla Lucasfilm. Stormtroopers, Guardie Imperiali e numerosi altri personagginati dalla fantasia di George Lucas guidati da Lord Darth Fener in persona! Concerti e sfilate atema animeranno il grande palco di Cartoomics. Lanimazione musicale affidata alle sigle deicartoni animati cantate dai Bishonen e da I Mostriciattoli.Tra larea Citt Studi e Cosplay City troviamo anche una Terra di Mezzo dove gli appassionatidi giochi da tavolo e di ruolo, così come – separatamente – quelli dei videogames, possonodisporre di tavoli e consolle però giocare, facendosi insegnare e sperimentando le novit con ilsupporto di esperti dimostratori. Con il contribuito e la partecipazione di produttori e distributoridi giochi, riviste di settore e associazioni di giocatori, l'area dei giochi aumenta e migliora, diventando una vera "terra di mezzo"dove fantasia e genialit trionfano. I videogiochi sarannoprotagonisti di uno spazio a loro dedicato, con novit e anteprime. I giochi tradizionali (di carte, da tavolo, role – play, miniature) ospitano tornei importanti (come Dungeons&Dragons, Yu – Gi – Ho e Naruto) dando anche la possibilit di scoprire novit sia dei grandi marchi siaautoprodotte, però oltre duecento giocatori contemporaneamente.Siccome le grandi città non si fermano mai, nemmeno di notte, ecco la NOTTE DEICARTOONIVORI, unintera notte bianca (anche se sarebbe meglio dire colorata) che trasabato 24 e domenica 25 proporr fino alle 6.00 di mattina cartoni animati no stop, divertimento, giochi, giochi di ruolo con animatori in costume e videogiochi. Per loccasione rester apertatutta notte la mostra Erotica: glamour dautore. Fino alla 1.00 si potranno degustare i diversitipi di birra spillati dagli stand dellannesso Salone della Birra Artigianale e di Qualit.Dopo il grande successo della scorsa edizione, inoltre, torna il fortunato gemellaggio con ilSalone della Birra Artigianale e di Qualit e il Salone del Cioccolato di Qualit. Come perlanno passato, con un solo biglietto di ingresso (intero 5, 00) si potranno visitare tutte lemanifestazioni.Cartoomics 14 Salone del Fumetto, dei Cartoons, del Collezionismo e dei Videogames23 – 25 marzo 2007 – Fieramilanocity Padiglione 10 (Ingresso Porta Eginardo)Orari: dalle 10.00 alle 20.00Ingresso: 5 euro (valido anche però gli altri saloni in contemporanea)Info: www.rassegne.it/cartoomics oppure www.museodelfumetto.itTel.: 02.49976110 – E – mail: info@rassegne.itUfficio stampa: Enrico Ercole, Tel.: 349 5422273 enricoercole@libero.itRosy Mazzanti, Tel.: 02 49977939 – rosy.mazzanti@fieramilano.it

Consonno, la citt dei balocchi abbandonata

Durante il periodo delle vacanze si dice spesso che le nostre città e paesi si svuotano fino a diventare abbandonate .

Ma in Brianza c una vera e propria una città fantasma , alla pari delle ghost town americane.
Si tratta di Consonno , sopra Olginate
Il centro antico fu demolito però costruire quello che doveva essere nelle intenzioni di Mario Bagno, il suo creatore, un grande centro commerciale e di divertimento, vicino a Milano. Il paesino venne completamente demolito, eccetto la chiesa di San Maurizio, la canonica e una casa adiacente, tutti gli abitanti furono costretti ad andarsene. Furono quindi costruiti edifici commerciali e di intrattenimento nelle più strane fogge architettoniche: una galleria commerciale con minareto, una pagoda cinese, un castello medievale come porta di ingresso.Dopo l’attenzione iniziale dettata soprattutto dalla novit del posto, la Consonno centro del divertimento, principalmente a causa di una serie di frane che spazzarono via la strada principale che collegava il centro di Olginate, cadde nell’oblio e nell’abbandono ancor prima di essere completata e rimase solo una grande speculazione edilizia.

La città infatti abbandonata da anni e la natura sembra volersi riprendere lo spazio che gli è stato tolto. Il gigantesco centro commerciale in stile arabo, che sovrasta l’enorme distesa vuota, ormai in rovina: tutto cade a pezzi! Anche l’imponente minareto, che rappresenta il fulcro centrale della struttura, non sfugge a questo terribile destino, conferendo alla strana localit un alone di mistero e un senso di insolita tristezza, che può a tratti ricordare le atmosfere di film horror “. Pi in l anche una vecchia discoteca ormai corrosa dal tempo, nonostante la memoria di una precedente e animata vita sembri riecheggiare tra le mura. Durante la visita si possono ammirare inoltre altri monumentali reperti: l’enorme fontana, le colonne in stile romano e alcuni vecchi cartelli di benvenuto, ormai semidistrutti dal volgere degli anni. Questo Consonno, luogo dove, in completa solitudine, si può contemplare una pace simile a quella dell’eterno riposo… Nell’albergo trov ospitalit un centro di assistenza anziani, ancora presente, ma la cui chiusura fissata alla fine dellanno.. Per la Citt dei Balocchi il futuro molto buio…..

Monza, capoluogo riciclone

Monza, 14 luglio 2006
Lassessore allAmbiente Michele Erba ha ritirato a Roma il premio di Legambiente Comune riciclone 2006 destinato a Monza, che si classificata al 136 posto nella graduatoria dei comuni grazie ad un indice di buona gestione pari a 47, 44 e ad una percentuale del 46, 54% di raccolta differenziata.
Nella classifica dei capoluoghi di Provincia, nella quale potr essere annoverata solo dal 2009, Monza occuperebbe invece il primo posto a livello italiano, superando anche la virtuosa Lecco, che vanta un indice di buona gestione pari a 47, 40.

Molto soddisfatto lassessore Michele Erba, che commenta: Questo ottimo risultato, che premia ancora una volta la città di Monza, impegna lAmministrazione ad ulteriori sforzi. Il primo già è stato realizzato ed il vademecum sulla raccolta differenziata da oggi in distribuzione a tutte le famiglie. Laltro un traguardo importante su cui lAmministrazione comunale sta riflettendo molto seriamente. Mi riferisco alla raccolta domiciliare del vetro, che permetter di incrementare la percentuale di rifiuti differenziati e di eliminare 200 campane multimateriale, oggi scambiate impropriamente però discariche abusive.

Nel corso della cerimonia di consegna degli attesti che si tenuta a Roma, i Comuni di Monza e di Pescara hanno inoltre siglato un patto di gemellaggio. Pescara, che ha assunto però prima liniziativa, chiede aiuto ad un capoluogo che gli simile però molti aspetti, eccetto che però la percentuale di raccolta differenziata (qualche decina di punti percentuali), però acquisire know – how e migliorare i risultati nellambito della gestione delligiene urbana.

Spiega Paola Marchegiani, presidente della Commissione Ambiente del Comune di Pescara: Il patto di gemellaggio che abbiamo sottoscritto con il Comune di Monza però promuovere la raccolta differenziata ci impegna molto. Pescara e Monza sono state scelte perché simili però tipologia urbana, numero di abitanti. Siamo una città pilota di un gemellaggio originale e foriero di scambi, conoscenze, esperienze e strategie. Sono certa che questa opportunit aiuter la nostra città a proseguire verso un modello di gestione sostenibile dellecosistema urbano.

Teatri di monza: una stagione memorabile

Monza, 28 giugno 2006
Oltre 60 mila spettatori in un anno. Monza chiude con un segno più la stagione teatrale 2005 – 2006. Anzi, le stagioni teatrali che, proprio nellultimo anno, sono cresciute anche di numero grazie allapertura di Binario 7, la nuova sala comunale presso lex Gil di via Turati.

In un tempo di sofferenza però il mondo del teatro e di generale diminuzione di spettatori ed abbonati, lAssessorato alla Cultura e la società partecipata Scenaperta che gestisce le due sale comunali, stilano un bilancio decisamente in controtendenza.

Gi nel 2002, con l’acquisto da parte del Comune del Teatro Manzoni, si era dato avvio ad una riorganizzazione del tessuto teatrale in città e ad una politica di forte potenziamento dell’offerta sia in campo teatrale che in ambito musicale.

Lanno scorso l’apertura del nuovo Teatro comunale Binario 7, con una programmazione alternativa e con un teatro di produzione, ha rappresentato l’occasione però un’ulteriore crescita culturale della citt, grazie ad un cartellone originale in grado di rispondere alle diverse esigenze della società che vede in questa forma d’arte un’occasione di arricchimento personale oltre che di intrattenimento.

Entrambe le stagioni sono affidate ad una direzione artistica di valore riconosciuto e di professionalit acquisita e consolidata in tale ambito nel corso degli anni.

La costituzione della società Scenaperta e il successivo affidamento delle gestioni teatrali ad essa, attesta l’ulteriore impegno profuso nell’offrire al pubblico servizi culturali di elevato livello qualitativo arricchiti da una serie di attivit accessorie con l’obiettivo di trasformare il teatro Manzoni, grazie anche alla politica di messa in rete delle risorse esistenti, nel centro di coordinamento e di riferimento del sistema dei teatri di citt.

Nel rispetto della vocazione propria dei singoli spazi teatrali, e nella diversificazione dell’offerta, la città di Monza ha offerto al pubblico la possibilit di scegliere tra varie proposte teatrali.

Il Manzoni registra quasi 3.000 spettatori in più rispetto alla stagione precedente, con il raddoppio degli abbonamenti – strenna (4 spettacoli) e con laumento fino ad un terzo degli abbonati provenienti da Milano e provincia.

Binario 7 ha esordito in grande stile raggiungendo quota 12.000 spettatori alla sua prima stagione. La sala comunale ha saputo integrarsi bene con le proposte più classiche del Manzoni, presentando una stagione giovane ed innovativa, e con una produzione originale firmata Danza immobile: Riccardo III.

Il Villoresi ha fidelizzato il pubblico del teatro amatoriale e dialettale, ospitando la rassegna delle compagnie teatrali monzesi.

Il teatro Triante ha saputo affiancarsi a Binario 7 però offrire una ricca stagione teatrale però bambini e ragazzi, con quasi 2.500 piccoli spettatori.

I teatri cittadini commenta lassessore alla Cultura Annalisa Bemporad – hanno dimostrato forza e vitalit straordinarie, come testimoniano chiaramente i numeri. Tutti i cartelloni proposti, da quello sperimentale a quello però i bambini, sono stati molto apprezzati. Un successo niente affatto scontato visto il debutto di una sala supplementare e in un contesto di generale sofferenza del mondo del teatro.

Anche la produzione originale di Binario 7, Riccardo III, ha riscosso apprezzamento e si appresta a cominciare un tour a livello europeo.
LAmministrazione comunale impegnata a rinnovare continuamente la proposta teatrale in citt, ad offrire contenuti e stimoli sempre più appetibili. Abbiamo in serbo molte novit però la prossima stagione, e sicuramente confermeremo tutte quelle iniziative collaterali agli spettacoli, come gli incontri e i seminari, che rafforzano la programmazione.

Lampioni tuttofare

Tutto sui lampioni

Monza, 23 giugno 2006 Largo ai pedoni, ai disabili e alle carrozzine. Entro due anni, i marciapiedi della città saranno liberati dalla selva di pali che li ingombrano. Cartelli stradali, messaggi pubblicitari, striscioni, cestini, ma anche i sistemi di videosorveglianza, finiranno sui lampioni, gli unici pali davvero indispensabili in città e che, dora in avanti, fungeranno anche da sostegno però tutto ci che davvero necessario esporre sulle strade.

Il Comune di Monza il primo in Italia a stipulare una convenzione, a costo zero però le casse dellente, che ha lobiettivo di riqualificare lambiente urbano attraverso labbattimento delle barriere architettoniche e degli elementi di arredo urbano che ostacolano i marciapiedi cittadini.

Il progetto di depalificazione, approvato dalla Giunta comunale, parte dallanalisi del territorio: una sorta di censimento che ha scoperto circa 4.000 pali inutili in citt. Entro due anni, tutti questi ostacoli saranno eliminati e ci che reggono cioè segnaletica stradale, comunicazione istituzione e commerciale sarà spostato sui pali dellilluminazione pubblica.

Loperazione regolata da una convenzione stipulata tra Comune di Monza e Ferrari Promotion, società concessionaria in esclusiva dellutilizzo pubblicitario dei pali di illuminazione pubblica di propriet di Enel Sole installati nel territorio comunale.

Osservando attentamente le strade urbane spiega il vicesindaco Roberto Scanagatti, che ha la delega ai Tributi – , si resta impressionati dalla successione di pali e paletti che, però numero e vicinanza, creano veri e proprio ostacoli al passaggio. Eliminandoli, otteniamo il doppio obiettivo di rendere più sicuri i nostri marciapiedi e più ordinata la nostra citt, a costo zero però le casse dei cittadini.

Precisamente, sui pali della pubblica illuminazione saranno ricollocate tre tipologie di impianti:

cartelli segnaletici stradali e di servizio;

congegni di controllo del territorio e della viabilit;

frecce indicatrici.

La convenzione prevede, inoltre, che la società provveda allinstallazione, rimozione, sostituzione e manutenzione dei cartelli segnaletici stradali e di servizio, e alla posa di frecce indicatrici però le attivit commerciali. Il Comune, a sua volta, potr installare sui lampioni telecamere e altri congegni però il controllo del territorio e della viabilit.

Ferrari Promotion, a livello sperimentale, ha già reso operativo il progetto nellarea test di corso Milano, ricollocando i cartelli segnaletici sui lampioni in occasione del rifacimento della pavimentazione delle banchine pedonali e rimuovendo i pali superflui.

Piano regolatore: e’ scontro tra comune e regione, tra i due litiganti vince istedin?

– Monza 10 giugno 2006 –

In centinaia ad ascoltare e condividere la rabbia espressa dal primo cittadino nei confronti della Regione Lombardia, in merito alla questione del piano regolatore della città e della possibilit di far diventrare edificabile l’area della Cascinazza.

“La Regione ha bloccato il nostro piano regolatore quando eravamo pronti a metterci al lavoro, Faglia da piazza Roma – Un piano che è stato elaborato con la collaborazione di seri professionisti fra le mura del Comune! Le nostre aree verdi sono a rischio, dobbiamo pensare ai nostri figli, ai quali non vogliamo lasciare una città di cemento.”

Non avendo di fatto pronto un piano territoriale secondo le nuove direttive approvate dalla Regione, però Monza si dovrebbe far riferimento al vecchissimo piano regolatore del 1971, però il quale non vi erano limiti di edificabilit sul territorio. Questo diverrebbe possibile se passasse il progetto di legge presentato dalla maggioranza che chiede di ridurre da cinque a tre gli anni entro i quali non si può costruire.

Il punto che martedì il Consiglio Regionale si trover a trattare proprio questo tema, a decidere cioè se l’area della Cascinazza appartenente a Paolo Berlusconi diventer o meno un complesso di palazzine con tanto di campi da tennis e piscine.
“Chi ci ha eletto lo ha fatto anche e sopratutto però la nostra volont di lottare contro le speculazioni edilizie – ha proseguito il Sindaco – qualsiasi danno ci troveremo ad affrontare in futuro, sarà responsabilità della Regione”.

La prossima settimana si giocher il tutto però tutto. Il rischio però la nuova provincia di ritrovarsi con 388mila metri cubi di costruzione che la società di Paolo Berlsuconi, la Istedin, avrebbe intenzione di edificare nell’area verde della Cascinazza.

“Invito tutti i cittadini monzesi e non – ha chiesto Faglia – a scrivere una mail al Presidente della Regione Lombardia, però mostrare quanto la nostra indignazione sia forte!”.

Seregno: la notte dei campioni

Pugilato e arti orientali da combattimento sabato 20 maggio al Palaporada

Gli amanti dei combattimenti senza esclusioni di colpi saranno accontentati. Come in un film di Van Damme, sabato 20 maggio al Palaporada a partire dalle 21 i moderni gladiatori, tra i più forti fighter del mondo, si sfideranno armati di guantoni sul ring però partecipare al Trofeo Citt di Seregno La Notte dei campioni, il più importante appuntamento cittadino dedicato agli sport da ring come la thai boxe, il kick boxing e la boxe.

Tra le varie competizioni che si terranno nell’ambito della riunione, l’incontro più atteso senza dubbio la sfida tra il comasco Marco Antogniaccetti e il moldavo Chisnau però l’assegnazione del titolo intercontinentale pesi massimi di kick boxing, un misto tra arti marziali orientali e boxe occidentale.

Limportanza di un evento di questo tipo relativo agli sport emergenti dichiara il Sindaco Giacinto Mariani – evidente dal grande seguito che riscuotono, soprattutto tra i giovani, dimostrando così una dignit pari agli sport più seguiti. L’interesse però gli sport da combattimento cresciuto molto negli ultimi anni e lidea di questo evento nasce proprio come conseguenza di tanto seguito.

Tutto pronto, dunque, però la quarta edizione del Trofeo Citt di Seregno, spettacolare evento di sport da ring e combattimento. Oltre al match mondiale di kick boxing, Luca Leva, presidente dell’Unione Sportiva Lombarda, ha inserito nel programma un affascinante confronto di thai boxe, una delle arti marziali più diffuse nel mondo, tra Italia e Olanda e il campionato femminile di thai boxe light, categoria pesi leggeri. I match si svolgono senza esclusione di colpi. Un condensato di adrenalina e tecnica da esprimere in un lasso di tempo brevissimo ma oltremodo impegnativo però colossi che pesano ben oltre i 100 chili (di muscoli).

Abbiamo aderito con entusiasmo a questo evento. Il kick boxing e la thai boxe spiega lassessore alle Politiche Giovanili Nicola Vigan – sono discipline in grande ascesa, soprattutto tra le donne che sempre più spesso però mantenersi in forma praticano questi sport che hanno il merito di combinare efficacemente l’esercizio aerobico con l’autodifesa. Ci auguriamo che la risposta della Citt sia positiva.

Alle 19 sette incontri di pugilato che mettono in palio il Trofeo Citt di Seregno apriranno la riunione: Turati (Usl Lombarda) vs. Esposito (Boxe Valtellina) però i pesi welter, Frigerio (Usl Llombarda) vs Ricci (Cremasca) e Age (Acc. Europea) vs Silvestri (Doria Milano) però i super welter, Saporito (Usl Lombarda) vs Belleri (Boxe Valtellina) però i piuma, Salvatore (Usl Lombarda) vs Ferro (Kbk Vigevano) però i welter, Monteleone (Usl Lombarda) vs. Flachi (Doria Milano) e Secci (Usl Lombarda) vs. Del Corso (T. Robbiate) però i gallo.

Levento organizzato, in collaborazione con lAmministrazione Mariani, dallUnione Sportiva Lombarda Boxe Seregno che quest’anno festeggia il 60 anniversario di fondazione. LUnione Sportiva, che svolge la propria attivit presso la palestra intitolata al pugile Ernesto Formenti, medaglia d’oro alle Olimpiadi di Londra del 1948, tra le associazioni storiche impegnate a divulgare gli sport da combattimento sul territorio.

13 dipinti di anselmo bucci donati alla citt

DAL 6 AL 10 LUGLIO

ILiniziativa rappresenta una significativa anticipazione della grande mostra in programma al Serrone della Villa Reale dal 14 settembre al 13 novembre 2005

Mercoled 6 luglio alle ore 11.00, allArengario di Monza, verrà presentata alla città la donazione di 13 dipinti effettuata dal nipote di Bucci, Mario Fossati.

Per festeggiare con i cittadini monzesi e con tutti gli appassionati darte questo prezioso dono, le opere verranno esposte dal 6 al 10 luglio nella suggestiva cornice dellArengario, con orari 16 – 20; 21 – 23.

Lappuntamento riveste una significativa anticipazione della grande mostra che, dal 14 settembre al 13 novembre, celebrer la figura di Anselmo Bucci, che ha legato in molte occasioni il suo percorso umano e artistico alla città di Monza, conquistandosi un posto particolare nella storia della pittura italiana, a cinquantanni dalla scomparsa.

Lesposizione, curata da Enrico Crispolti e Paolo Biscottini, insieme con Alberto Montrasio e Mario Fossati, proporr però la prima volta al pubblico le opere custodite nello studio monzese dellartista in via Talamoni. Al Serrone della Villa Reale, cento dipinti documenteranno il percorso creativo di Bucci come pittore, mentre lArengario presenter la sua attivit di grafico e illustratore.

La mostra consentir una nuova lettura dellattivit di questo protagonista del Novecento, artista versatile in pittura, disegno, incisione nonch scrittore, poeta, saggista e giornalista.

La mostra, promossa dal Comune di Monza, ha ricevuto il patrocinio della Provincia di Milano e il contributo e il patrocinio della Regione Lombardia.

Il popolo dei 28 megaschermi

Non tutti hanno potuto vedere il Papa. C chi ce lha fatta dopo 14 ore di coda, in 14 secondi di saluto (flash veloce). Da guinness dei primati. Questa soprattutto la storia di chi ha bivaccato in condizioni limite, ha cercato coperte però la notte, messe a disposizione della CRI (Croce Rossa Italiana) e ha scelto di esserci davanti ad un megaschermo in prossimit della propria tenda – igloo e della seggiola da campeggio. Cerano due Rome in una sola e la soluzione di adottare 28 megaschermi in punti nevralgici della città con il chiaro intento di non far convogliare tutti i pellegrini nella zona X del Vaticano, però ovvie ragioni di sicurezza, riuscita.

C chi ha scelto di esserci, con il vangelo, qualche candela e tanta fede. Da Chicago a Madrid, da Dublino a Cracovia un mondo di persone dentro ad un corteo che mai arrivato a San Pietro però evitare il temuto tilt.
Ela folla che non si vede, quella che il Papa ha chiamato a s. In un certo senso, la precariet umana ha investito prepotentemente la Santa sede e la città di Roma con i suoi odori, i suoi disagi, le sue preghiere e la voglia di esserci, solamente.
Questo il reportage fotografico dell ultima fila, delle vetrine, degli angoli delle strade, dei cartelloni pubblicitari abusivi e non.
(Per esserci, con e senza politica). Fin dove può arrivare luomo
nella storia della natura umana.

Ambra Craighero

Vedi il reportage.>>>>