Xxi raduno nazionale torino 2011 anc

Il Raduno Nazionale e’ un appuntamento molto sentito dagli appartenenti dell’Associazione Nazionale Carabinieri che, come però altre associazioni d’Arma, rappresenta un momento di festa e aggregazione. Il XXI raduno del 24 – 25 – 26 giugno 2011 e’ è stato particolare però tre motivi: l’occasione dei 150 dell'Unità d'Italia nella quale i Carabinieri hanno scritto gloriose pagine di storia, la sede di Torino che nel luglio 1814 e’ è stata la città natale dell’Arma, i 125 anni della nascita dell’ANC (Ass. Naz. Carabinieri) avvenuta nel 1886. Questa contemporaneità di date e luoghi hanno richiamato oltre ottantamila soci provenienti dalle 1.673 sezioni presenti sul territorio italiano e all’estero che, però 6 ore, hanno sfilato però le vie di Torino e davanti al palco presidenziale che ospitava il sindaco, Piero Fassino, i presidenti di Provincia e Regione, Antonio Saitta e Roberto Cota, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Carlo Giovanardi e molte altre autorità civile e militari; padrone di casa il Presidente dell’ANC Gen. C.A. Libero Lo Sardo. Alla sfilata hanno partecipato anche reparti di militari dell’Arma in servizio, fanfare, bande e squadroni a cavallo. Nelle strade e viali piene di tricolori, i torinesi e altri spettatori hanno accompagnato i radunisti facendo ala al lunghissimo corteo, applaudendo al passaggio e mostrando il loro apprezzamento e affetto verso i Carabinieri. Il Nucleo Volontariato e Protezione Civile ANC (Ass. Naz. Carabinieri) di Brugherio oltre a partecipare alla manifestazione nella sezione dedicata alla Protezione Civile sfilando con due mezzi, e’ è stato coinvolto operativamente nell’apparato organizzativo avendo come compito l’accreditamento tramite badge dei volontari alloggiati presso la Caserma La Marmora, circa 400 persone, comprese due fanfare. Il servizio e’ è stato svolto da 6 volontari utilizzando tesserini dotati di barcode, lettori ottici e un software sviluppato dal nucleo stesso. Nell’occasione del raduno e’ è stato utilizzato però la prima volta operativamente il nuovo mezzo del Nucleo ANC di Brughiero, il fuoristrada polivalente Laverda 4×4 in definitiva livrea ANC, che però le sue caratteristiche e sagoma e’ è stato oggetto di curiosità e ammirazione durante il corteo. Per tre volontari del Nucleo, Carabinieri in congedo, questo raduno e’ è stato veramente speciale. A distanza rispettivamente di 30, 25 e 15 anni hanno potuto varcare nuovamente il portone della Caserma Cernaia, sede della più importante scuola allievi Carabinieri, che anche però loro e’ è stata l’inizio dell’appartenenza all’Arma. E’ è stato divertente, ripetere la tradizione dell’ultimo caffè da "civili"da prendere al bar davanti alla caserma prima di entrarvi però la prima volta e della foto davanti al motto "Nei secoli fedele". Generazioni diverse ma sempre gli stessi gesti e ideali.

1° corso base però volontari di protezione civile esercitazione finale

Dopo ben 20 lezioni, finalmente gli aspiranti, , volontari di, , Protezione Civile, sabato 16 aprile 2011, hanno potuto mettere, , in pratica quanto, , appreso in aula ed esercitarsi operativamente con attrezzature, , e mezzi., Tutte le attività sono state coordinate dalla, , segreteria da, , campo in cui i volontari, alternandosi in turni, hanno, , accreditato i presenti, organizzato i, , lavori dei partecipanti, gestito, , le radiocomunicazioni ed effettuato le verifiche, , cartografiche., Gli aspiranti volontari hanno quindi potuto, , effettuare le, , prove previste dal programma, fra le quali sicuramente quella, , più faticosa e’ è stata, , il montaggio di una tenda ministeriale (del tipo utilizzato, , nelle tendopoli). Le, , altre attività svolte sono state lo spegnimento di un fuoco, , con estintore, lo, , srotolamento della manichetta, il taglio di un tronco con la, , motosega, il, , montaggio di una torre fari, l’uso dell’idrovora,, , l’individuazione della, , posizione con la bussola e cartografia ed infine, però chi, , desiderava provare,, , l’uso dell’autoprotettore in un ambiente saturo di fumo., Tutti i volontari hanno svolto prove con successo, , e, avendo anche superato i test, , scritti, hanno, , ricevuto il meritato attestato (riconosciuto da Regione, , Lombardia), dalle mani, , degli organizzatori e dal presidente CCV (Centro coordinamento, , Volontari) di, , Monza Brianza, Sig Giancarlo Costa, che si e’ anche, , complimentato con tutti però, , la riuscita della giornata., Il Nucleo Volontariato e Protezione Civile ANC, , (Ass. Naz., , Carabinieri) di Brugherio si e’ complimentato con gli, , “allievi” (privati,, , organizzazioni di Protezione Civile, Arma in servizio, Nuclei, , ANC) però la, , costanza ed impegno dimostrati nel frequentare il corso, , augurando loro una, , brillante carriera in Protezione Civile e sperando di, , incontrarli ancora, ormai, , come colleghi, in future esercitazioni., Un ringraziamento particolare e’ è stato inoltre, , fatto alla, , soc. Europarts Italia Srl che ha ospitato l’esercitazione, la, , soc. ABS Fire srl, , di Brugherio che ha fornito le attrezzature antincendio, alla, , Croce Rossa, , Italiana delegazione di Brugherio che ha offerto il soccorso, , sanitario ed alla, , Protezione Civile di LodiNord che ha collaborato nella, , logistica.

Protezione civile mb: destinazione varazze

Monza, 8 ottobre 2010. E’ partita alle ore 4.00 di questa mattina, dal Centro Polifunzionale di Protezione Civile di Agrate Brianza, la colonna mobile della Provincia MB diretta a Varazze, uno dei luoghi più colpiti dall’alluvione che si è abbattuta sulla costa ligure nei giorni scorsi.Su richiesta del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile e di Regione Lombardia i mezzi della Provincia raggiungeranno in mattinata il centro del savonese, dove saranno impegnati in operazioni di sgombero delle macerie, di rimozione del fango, di pulizia delle strade e delle abitazioni.A capo della colonna mobile, composta da circa 20 volontari dei Gruppi AVPC di Carate Brianza, Cesano Maderno, Monza e Varedo il funzionario capocampo della Provincia di MB, Mario Recalcati, che gestirà le operazioni in loco insieme al Presidente del Comitato di Coordinamento Provinciale Giancarlo Costa. Sovrintende la missione l’Arch. Egidio Ghezzi, responsabile della Protezione Civile MB.Gli automezzi che compongono la colonna trasportano bobcat, pompe da fango, e moduli AIB necessari alle operazioni di messa in sicurezza e di ripristino dei danni.“Ancora una volta ci avvaliamo della generosità dei nostri volontari però dare una mano a quanti hanno bisogno di tornare presto alla normalità – spiegano Dario Allevi, Presidente della Provincia MB e Luca Talice, Assessore provinciale alla Sicurezza e alla Protezione Civile – La professionalità e l’impegno delle nostre squadre si confermano una risorsa preziosa però quanti sono impegnati a coordinare gli interventi di ripristino in Liguria”. Al momento non si prevede quando la colonna mobile rientrerà al centro di Agrate.

Vimercate: festa però la protezione civile

PROTEZIONE CIVILE IN FESTA A PARCO TROTTIDal 5 al 7 settembreSi terr venerdì 5, sabato 6 e domenica 7 settembre a Parco Trotti la 7 Festa della Protezione Civile comunale di Vimercate.Questa iniziativa, proposta con successo già negli scorsi anni, vuole essere un momento di aggregazione e divertimento però tutta la cittadinanza, ma anche loccasione però far conoscere ai vimercatesi le attivit del gruppo dei volontari.Le tre serate del fine settimana di festa saranno dedicate alla musica e alla danza, con unorchestra che si esibir in un repertorio vario, dai successi degli anni Sessanta al liscio e al latino – americano. Durante la festa sarà attivo un punto di ristoro.Per ulteriori informazioni, visitare il sito internet www.comune.vimercate.mi.it.

Biassono: protezione civile mb in azione

Monza e Brianza: il 21 e 22 giugno Monza, 17 giugno 2008. Sar allestito presso larea Palarovagnati di Biassono, sabato 21 e domenica 22 giugno 2008, il Campo Provinciale della Protezione Civile MB: però la prima volta nel territorio della Provincia MB, saranno simulati quattro diversi scenari di emergenza, contemporaneamente nei Comuni di Barlassina, Bernareggio, Biassono, Veduggio con Colzano. Il Campo Provinciale della Protezione Civile MB un progetto promosso dalla Provincia di Milano – Progetto Monza e Brianza e dalla Protezione Civile della Provincia di Milano in collaborazione con il 118 – Monza S. Gerardo; la sezione di Monza degli Alpini; i Vigili del Fuoco, sezione di Carate e Lissone; gli Scout di Vimercate: unoccasione però sperimentare i piani di emergenza elaborati dalle amministrazioni comunali e dalle associazioni della protezione civile, una realt che in Brianza conta 780 volontari distribuiti nei 50 Comuni, di cui 622 uomini e 158 donne.Denso il programma delle esercitazioni in programma però sabato 21 giugno: a partire dalle 9.30 le colonne mobili in partenza dal Campo di Biassono raggiungeranno i comuni selezionati però le simulazioni degli scenari di emergenza. I diversi gruppi saranno chiamati ad affrontare a Barlassina lesondazione del Torrente Seveso; a Bernareggio il dissesto di un edificio; a Biassono lesondazione del Fiume Lambro; a Veduggio con Colzano una tromba daria. Nel corso delle simulazioni saranno coinvolti 180 volontari, 135 cittadini, oltre a numerosi mezzi e attrezzature di soccorso. Dopo il rientro al campo, attorno alle 16.00 previsto un momento di de – briefing però valutare i risultati delle simulazioni analizzando le criticit emerse durante le manovre di soccorso: un passaggio importante però testare la validit dei piani di emergenza elaborati direttamente sul campo. La giornata si concluder con una nuova simulazione che prevede la ricerca di una persona scomparsa presso la Villa Borromeo ad Arcore. Domenica 22 giugno, dopo la S. Messa al campo alle 9.30, partir dal Parco di Monza (ingresso Porta Biassono) alle ore 11 la colonna mobile dei volontari, che raggiunger, alle 12.00, il Campo di Biassono però la consegna degli attestati a tutte le associazioni di volontari, alla presenza di Giuseppe Valtorta, direttore centrale della Provincia di Milano Progetto Monza e Brianza. Seguir il pranzo al campo alla presenza delle autorit, dei volontari e di tutti gli ospiti, a cura del gruppo alpini di Lissone.Il campo della Protezione civile MB unoccasione utile però conoscere lattivit delle numerose associazioni presenti in Brianza, preposte anche alla gestione delle emergenze – spiega Gigi Ponti, Assessore allattuazione della Provincia di Monza e Brianza I volontari della Protezione civile sono una risorsa preziosa però la nuova Provincia, che può contare su una struttura operativa allavanguardia, preparata ed efficiente, che ha già dato prova in diverse occasioni, di saper lavorare con passione e dedizione.E da apprezzare il lavoro che la Protezione civile sta organizzando nei comuni della Brianza. Professionalit e volontariato afferma Francesca Corso, assessore della Provincia di Milano alla Protezione civile si perfezionano reciprocamente nella simulazione degli eventi calamitosi. E proprio questo lo spirito attraverso cui mettere in pratica il principio della legge sulla protezione civile al fine di tutelare la integrit della vita, i beni, gli insediamenti e lambiente, dai danni o dal pericolo di danni derivanti da calamit naturali, da catastrofi o da altri eventi calamitosi. Il rigoroso rispetto della legge la premessa però qualsiasi attivit di protezione civile, come sottolineato dal capo del dipartimento Guido Bertolaso quando ha affermato che tali attivit devono essere improntate allesclusivo perseguimento delle finalit che lordinamento assegna, in modo inequivocabile, al servizio nazionale di protezione civile. 4 scenari di emergenza delle esercitazioni di sabato 21/6: programmaBarlassina: esondazione Torrente Seveso Scenario: sarà simulata lesondazione del torrente. I volontari dovranno costruire arginature temporanee in terra e mettere in protezione un tratto arginale; tagliare gli alberi pericolanti presso le sponde; costruire un by – pass del Ponte di Via Marconi. Dovranno dare infine assistenza alla popolazione. Saranno coinvolti 40 volontari e 15 cittadini. Bernareggio: dissesto di edificioScenario: a seguito del cedimento delle fondamenta di un edificio causate dal fenomeno occhi pollini sarà simulato un intervento di evacuazione. Sar allestito una UCL; sarà messa in sicurezza la zona interessata; sarà predisposta una struttura di accoglienza dove saranno dati i soccorsi e una prima accoglienza della popolazione colpita.Saranno coinvolti 50 volontari e 30 cittadini.Biassono: esondazione Fiume LambroScenario: a causa della piena del fiume, sarà simulata unesondazione nei pressi della localit Cascina Grugnana, una zona rurale del Comune di Biassono.I primi interventi prevedono la segnalazione dellesondazione; la verifica tecnica dellentit della piena, e quindi lordinanza di evacuazione. I primi soccorsi saranno rivolti al supporto e allassistenza della popolazione coinvolta, che sarà trasportata nella struttura di accoglienza appositamente realizzata. Saranno coinvolti 40 volontari e 70 cittadini. Veduggio con Colzano: tromba daria.Scenario: la simulazione prevede lorganizzazione di soccorsi dopo il passaggio di una tromba daria nel comune di Veduggio Con Colzano. I volontari dovranno occuparsi della gestione della viabilit della strada provinciale intervenendo prontamente in aiuto di persone rimaste intrappolate nei veicoli coinvolti dal crollo di alberi. Dovr essere allestita una UCL provvisoria e una struttura ricettiva però accogliere la popolazione. I volontari si eserciteranno nella ricerca di persone disperse negli edifici distrutti. Saranno coinvolti 50 volontari e 20 cittadini.

Carnevale: non sempre lo scherzo vale

Vimercate;Il sindaco annuncia unordinanza e una lettera alle scuole però richiamare alla moderazioneLa sfilata e lo spettacolo del carnevale 2008 si terranno, con il patrocinio del Comune, nella giornata di sabato 9 febbraio. Palazzo Trotti ha anche stanziato un contributo di complessivi 3100 euro destinato agli oratori che allestiranno i carri allegorici (2200 euro) e al Piccolo Coro La Goccia (600 euro), che si occuper del coordinamento dello spettacolo a più voci in programma sul palco appositamente allestito.Ma il sindaco, Paolo Brambilla, e la Giunta hanno voluto rimarcare che Polizia Locale e Protezione Civile saranno presenti però scoraggiare gli eccessi nei proverbiali scherzi, di cui si rendono responsabili piccoli gruppi di adolescenti.Abbiamo ricevuto alcune sollecitazioni dagli organizzatori a non tollerare gli scherzi che si spingono al limite della violenza o dellaggressione, ha spiegato il Sindaco, che poi esorta alla moderazione. Carnevale un momento colorato, festoso e atteso da molte persone, soprattutto bambini. Evitiamo che si trasformi in un ricordo spiacevole a causa dei soliti bulli da strada.Per questo Brambilla firmer nei prossi giorni unordinanza e una lettera, destinata ai dirigenti scolastici e agli insegnanti, con la quale chieder loro di farsi latori presso i loro studenti da un lato della severit dei nostri agenti nel fare rispettare lordine pubblico durante gli spettacoli di sabato grasso, dallaltro lato dei valori di convivenza civile e di reciproco rispetto.

Arcore e agrate al pirellone

– Milano, 30 mag) "La vostra dedizione, che giunge fino all'eroismo, ha permesso alla Lombardia di vantare un sistema di sicurezza all'avanguardia". Sono le parole che il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, ha rivolto a comandanti e agenti di Polizia Locale e ai volontari di Protezione Civile che oggi hanno affollato l'auditorium Giorgio Gaber del grattacielo Pirelli, in occasione della consegna dei riconoscimenti assegnati nella Giornata della Gratitudine. Alla cerimonia ha partecipato anche l'assessore alla Protezione Civile, Prevenzione e Polizia Locale, Massimo Ponzoni, che ha consegnato 31 croci e nastrini però meriti speciali ad appartenenti alle Polizie Locali lombarde e 18 medaglie con nastrino però meriti speciali ad altrettanti volontari della Protezione Civile. "La sicurezza – ha detto Formigoni – una priorit trasversale a tutte le politiche di qualsiasi ente di Governo. Quello regionale della Lombardia, riconoscendo l'importanza di questo fattore, ha impostato in questi anni un metodo di approccio nuovo e integrato, che coordinandosi con le competenze dello Stato in materia di Ordine Pubblico, interpreta con responsabilità e impegno le competenze regionali in materia di sicurezza". Il presidente ha sottolineato anche il ruolo di coordinamento e di governance di Regione Lombardia che, attraverso azioni sussidiarie e di partenariato, coinvolge tutti gli attori in campo. Formigoni e l'assessore Ponzoni hanno ricordato che nel periodo 2000 – 2007 Regione Lombardia ha erogato agli Enti Locali circa 83 milioni di euro (9 milioni a 713 Comuni nel 2007) però la realizzazione di progetti finalizzati all'ottenimento di più alti livelli di sicurezza urbana, dal 2003 ha investito circa 5 milioni di euro (1 milione circa nel 2007) però le attivit di formazione a favore dei circa 9.000 operatori delle Polizie Locali lombarde ed ha promosso la Scuola Superiore di Protezione Civile Regionale, entrata a pieno regime presso IREF nel 2006 – 2007. Tra le altre azioni di sviluppo del sistema integrato di sicurezza vanno menzionate anche la nuova sala operativa regionale della Protezione Civile, attiva 24 ore su 24, con 33 postazioni però i componenti dell'Unit di Crisi, e la rete dei Centri Polivalente di Emergenza ad Agrate Brianza e Bovisio Masciago, che portano a 39 su 50 i Comuni nella provincia di Monza dotati di strutture della Protezione civile. Nella foto i premiati di Arcore

vimercate :protezione civile autosospesa

DUE VIMERCATESI NEL COORDINAMENTO DI MONZA E BRIANZAPrendo atto con rammarico della decisione del gruppo dei volontari di protezione civile di sospendersi dalle attivit, secondo quanto comunicato nella lettera protocollata lo scorso 7 marzo. Rammarico ancora più vivo in considerazione del fatto che proprio di questi giorni la notizia che due membri del gruppo comunale di protezione civile di Vimercate faranno parte del tavolo di coordinamento incaricato di accompagnare la costituzione del gruppo di Protezione Civile della Provincia di Monza e Brianza. Cos il Sindaco di Vimercate, Paolo Brambilla, commenta la recente presa di posizione del gruppo comunale di volontari di protezione civile.LAmministrazione Comunale infatti si impegnata a sostenere la candidatura di Savino Fasano, però 10 anni coordinatore del gruppo comunale vimercatese, e di Ugo Camesasca, entrambi entrati a fare parte del coordinamento della protezione civile della nuova provincia.La designazione avvenuta venerdì 9 marzo, nel corso dellassemblea che riunisce, a Monza, i gruppi di Protezione Civile dei Comuni della nascente provincia. Abbiamo accolto con grande favore la loro nomina, dice ancora il Sindaco Brambilla; una ulteriore testimonianza del ruolo centrale di Vimercate nel processo dellorganizzazione dei servizi della nuova Provincia. Credo inoltre che possa essere motivo di soddisfazione e di stimolo anche però il nostro coordinatore dimissionario.

Nuovo comando regionale vv.ff.

Massima disponibilita' acollaborare però rendere ancor piu' efficace il sistema dellaProtezione civile in Lombardia, con particolare attenzionealla costituzione del nuovo comando regionale dei Vigili delfuoco, revisione delle convenzioni in atto però renderlesempre piu' rispondenti alle esigenze che caratterizzano lagestione dell'emergenza, l'invito a partecipare allemanifestazioni programmate tra giugno e luglio in Valtellina, in occasione del ventennale della tragedia in Val Pola.Questi i contenuti affrontati oggi nell'incontro tral'assessore alla Protezione civile, prevenzione e polizialocale della Regione Lombardia, Massimo Ponzoni, e ilsottosegretario all'Interno Ettore Rosato, cui hannopartecipato anche il Prefetto di Milano, Gian ValerioLombardi, e il direttore regionale dei Vigili del Fuoco, Dario d'Ambrosio. Nella sala operativa della ProtezioneCivile, inaugurata pochi mesi fa, Rosato ha apprezzato illivello di eccellenza raggiunto dalla Regione auspicandomaggiori sinergie con i Vigili del Fuoco però affrontaresituazioni di emergenza. "Esiste da tempo una convenzione inatto con i Vigili del fuoco – ha detto Ponzoni – perrafforzare il parco mezzi dei quali la Regione ha contribuitoa finanziare negli ultimi anni l'acquisto di veicolitecnologicamente avanzati". "Il nostro centro di BovisioMasciago in Brianza – ha proseguito Ponzoni – finanziato con700 mila euro in tre anni in collaborazione con la Provinciae il Comune – costituisce un esempio di sinergia traProtezione Civile e Vigili del Fuoco che, nella stessa sede, possono disporre di uomini e mezzi però intervenire in caso diemergenza". Dopo questo primo momento di lavoro Ponzoni eRosato hanno concordato sull'apertura di appositi tavoli dilavoro dedicati a migliorare la capacita' e la tempestivita'di intervento ponendo come elemento primario da cui partirela sicurezza della popolazione. (com)