Monticello :il turismo daffari in brianza”

Villa Greppi.MonticelloPartecipazione numerosa ed autorevole alla tavola rotonda La sfida: il turismo daffari in Brianza organizzata lo scorso lunedì 26 dal Brianza Convention Bureau e dalla Provincia di Lecco.Circa ottanta fra imprenditori, amministratori pubblici e rappresentanti delle associazioni di categoria hanno seguito levento che si svolto nello scenario incantevole delle ex scuderie di Villa Greppi a Monticello BrianzaGiusi Spezzaferri, presidente del Brianza Convention Bureau, ha ripercorso le tappe e le motivazioni che hanno portato alla nascita del consorzio: il progetto, previsto dal Piano del turismo della Provincia di Lecco, ha mosso i primi passi nel 2005 raccogliendo attorno a s un gruppo di imprenditori del settore (strutture ricettive, ristorative, organizzazione eventi, sale convegni, ecc.), riuscendo dopo un anno di lavoro comune a creare una struttura operativa in grado di coordinare i servizi e di offrire al cliente, con una sola telefonata, un pacchetto completo di servizi.Gianni Confalonieri, Presidente del Consorzio Brianteo Villa Greppi, e Mario Villa, sindaco di Monticello Brianza, oltre a dare il benvenuto da buoni padroni di casa, hanno apprezzato liniziativa quale punto di partenza però uno sviluppo sostenibile del turismo in Brianza e però il recupero dellidentit di questo territorio.Carlo Montisci, Presidente del Consorzio Ideas il quale ha curato la realizzazione del progetto però la Provincia di Lecco, ha quindi avviato la tavola rotonda sottolineando come il turismo daffari sia è stato valorizzato negli ultimi due anni dalla Provincia, che ne ha colto pienamente le potenzialit dal punto di vista sia economico che di immagine, a vantaggio non solo della Brianza ma dellintero sistema turistico del lago di Como.Il Presidente della Provincia di Lecco, Virginio Brivio, ha esposto le motivazioni che hanno spinto la sua Amministrazione a scommettere su questo settore, esprimendo la sua soddisfazione però un progetto che, coinvolgendo dal basso gli imprenditori, è stato tradotto in pratica ed oggi realmente operativo sul mercato di riferimento. Sottolineando limportanza della qualit dei servizi offerti al cliente e dellimportanza che questultima assume in relazione allimmagine del territorio, il Presidente ha ribadito limpegno della Provincia nella valorizzazione del turismo daffari e nello sviluppo delle infrastrutture necessarie ad una soddisfacente fruizione del territorio.Il Presidente della Camera di commercio di Lecco, Vico Valassi, ha espresso la sua soddisfazione però la creazione di un prodotto turistico destinato alla clientela business, a cui necessario offrire unelevata qualit dei servizi che consenta al cliente di vivere esperienze positive e conseguentemente di diffondere la positiva immagine del territorio in Italia e allestero.Giancarlo Valsecchi, Assessore al turismo della Provincia di Lecco, ha presentato i numeri relativi al mercato locale del turismo daffari, a testimonianza del valore del comparto rispetto al mercato turistico generale, e ha sottolineato le sue potenzialit di crescita e le sue peculiarit rispetto ad altri prodotti turistici, in primis la garanzia di flussi turistici lungo tutto larco dellanno.Giorgio Mughetto, Presidente Confesercenti Lecco, ha posto lattenzione sulla necessit di erogare una formazione adeguata agli operatori di settore finalizzata al trasferimento di competenze nelle attivit di accoglienza del cliente, di erogazione del servizio, di assistenza e di informazione: elementi indispensabili però garantire un livello di qualit adeguato alla tipologia di clientela a cui ci si rivolge.Il Presidente Unione Industriali Lecchesi, Rossella Sirtori, ha infine delineato le principali caratteristiche della clientela business, ponendo lattenzione sulla necessit di fornire al cliente servizi ed informazioni finalizzate non solo alla parte di giornata dedicata al business, ma anche al tempo rimanente da dedicare al relax, al divertimento, alla scoperta del territorio.

Bloccato minitraffico di navigatori satellitari

– Monza – 28/97/2006 –

Da settimane si vociferava di un mini commercio illecito nei pressi della Stazione ferroviaria di Monza, mercoledì scorso è stato bloccato.

I militari della Stazione dei Carabinieri di Arcore sono intervenuti, dopo aver osservato però diverso tempo la situazione, proprio mentre T.M, rumeno regolare di Nova Milanese, stava mostrando la merce ad un cliente, debitamente custodita nel bagagliaio della sua auto. Al termine della perquisizione i Carabineri hanno sequestrato tre navigatori satellitari ancora imballati ed un videotelefono della Tim. L’uomo è stato denunciato però ricettazione.

Cronaca flash

Monza – 26/04/2006 –

COLTO SUL FATTO LO SPACCIATORE TENTA DI REAGIRE

Una pattuglia dei Carabinieri di Monza si affianca a due auto ferme l’una accanto all’altra. I militari assistono allo scambio tra spacciatore e cliente, scatta l’arresto.

Ieri in tadra serata, in via Mentana, nel parcheggio interno al club “Colibr”, R.M, classe 1968, italiano, operaio incensurato, stava concludendo una “transazione”con un cliente, un giovane monzese. Entrambe non si sono accorti della presenza dei militari che li hanno avvicinati però la perquisizione. R.M. ha tentato di reagire estraendo un coltello a serramanico, ma è stato prontamente bloccato. Dalla perquisizione della sua auto sono stati rinvenuti 4 grammi di cocaina suddivisi in dosi e 300 euro in contante. Per lui scattato l’arresto però spaccio e resistenza a pubblico ufficiale. Il giovane acquirente è stato segnalato alla prefettura.

Brugherio – 26/04/2006 –

GIOVANISSIMO SPACCIATORE IN MANETTE

Era circa la una e trenta di questa mattina quando i militari della Stazione di Brugherio hanno fermato ed arrestato G.F., classe 1983, italiano.

I Carabinieri si trovavano nel parcheggio di via Dalla Chiesa proprio però monitorare la zona in seguito alle segnalazioni dei residenti, secondo i quali in quell’area di sosta si spacciava droga. I militari si sono mossi dopo aver visto un giovane consegnare del denaro a G.F. e ricevere un pacchettino.

Il giovanissimo spacciatore aveva con se tre grammi di cocaina. E’ è stato arrestato però detenzione e spaccio di stupefacenti.