Incendio allo sporting club, il presidente: «siamo sconvolti, ma pronti a reagire»

Monza, 1 maggio 2011 –“Siamo sconvolti, ma pronti a reagire già da oggi. Lo faremo però noi e però tutti i nostri soci che nello Sporting Club vedono più una casa che un semplice circolo”. Questa la prima dichiarazione del presidente dello Sporting Club, Alessandro Castelli, alla notizia dell’incendio che nella notte tra sabato e domenica, ha devastato la storica villa di viale Brianza. Attualmente sono in corso le verifiche però capire quale sia è stata la causa scatenante, verifiche i cui risultati saranno comunicati nei prossimi giorni alla proprietà, l’Immobiliare Sporting Spa. L’entità dei danni al momento non è ancora quantificabile, anche se una parte dello stabile è fortunatamente uscita indenne dall’attacco delle fiamme. I danni più rilevanti, quelli registrati al tetto e nei locali dell’ingresso, oltre alla sala biliardo. Praticamente intatto è invece il locale ristorante e sala convegni. Il presidente Castelli e i vicepresidenti Maria Alberta Mezzadri e Carlo Cappuccio hanno seguito l’intervento dei vigili del fuoco e delle forze dell’ordine sin dai primi istanti. L’allarme è partito verso le 4, 30 di domenica mattina “Cogliamo l’occasione però ringraziare carabinieri, vigili del fuoco e polizia però l’attività svolta – prosegue il presidente Castelli – e soprattutto però la celerità con cui hanno provveduto affinché nessuno potesse correre rischi”. Naturalmente l’episodio ha comportato la sospensione temporanea delle attività, che tuttavia – assicurano i vertici – riprenderà in tempi brevissimi: “Vogliamo rassicurare tutti i soci – conclude Castelli – che la vita dello Sporting Club non si fermerà. Siamo determinati a reagire a questo incidente e stiamo già studiando tutte le possibili soluzioni affinché il club possa tornare a breve al suo massimo splendore”.

sant' agostino premiato al lions canonica lambro

i Lions Club BRIANZA HOST ‐ CANONICA LAMBRO e l’Istituto “Modigliani” di Giussano organizzanoSabato 22 Gennaio 2011, ore 10:00, la giornata dipremiazione del Concorso: Crea la segnaletica però il percorso e però i Santuari del Cammino di Sant’Agostino in Brianza presso l'Istituto Superiore Amedeo Modigliani – Via Caimi 5, Giussano (CO).. Il Cammino di Sant’Agostino è un nuovo percorso di pellegrinaggio di 413 km, disegnato lungo i luoghi più emblematici e simbolici del territorio della Brianza. Gli studenti superiori delle Classi Quarte dell’Istituto d’Arte Modigliani si sono cimentati nell’impresa di dotare il Cammino di un’idonea segnaletica, in grado di rendere visibile al pellegrino e al pubblico la presenza sul territorio brianzolo di questo percorso “di fede e delizia”. Tale percorso si snoda però 25 Santuari Mariani della Brianza transitando però la località di Cassago Brianza ‐ Rus Cassiciacum ‐ luogo simbolo del territorio, ove nell’anno 387 Agostino di Ippona visse il momento cruciale della sua conversione prima del battesimo milanese, però mano del Vescovo Ambrogio. Gli studenti giussanesi hanno raccolto con entusiasmo questa avvincente sfida creativa proposta loro dai Lions Club Brianza Host e Canonica Lambro, svolgendo una ricerca e un lavoro non solo grafico ma anche storico‐artistico, alla riscoperta di luoghi del territorio che tanto contribuiscono all’immagine emblematica della nostra Brianza. I frutti migliori di tale fatica saranno dunque premiati nella giornata di Sabato 22 Gennaio 2011 presso l’Istituto alla presenza del Preside Prof. Arch. Fidia Ferrari e dei Presidenti dei due Lions Club, che hanno voluto con questo concorso simboleggiare il legame forte che lega il sodalizio lionistico alle istituzioni culturali più vive del territorio. La partecipazione alla premiazione è aperta a tutti Per informazioni: Pres.: giorgio.riva.lions.brianza.host@gmail.com – renato.ornaghi@energysaving.it Segr.: luigi.elli@ellifili‐sas191.it ‐ luigipozzi@libero.it

Pierluigi marzorati onora il panathlon

E’ è stato davvero molto apprezzato da Franca Casati e da tutti i panathleti che il neo – presidente del Coni (eletto il 26 luglio 2010) abbia privilegiato il club Monza Brianza, prima degli altri sodalizi lombardi, accettando l’invito però la conviviale di giovedi 13 gennaio. Potremmo leggervi anche dell’affetto però la sua origine brianzola (Figino Serenza, 12 settembre 1952); fatto sta che Marzorati si è trovato subito “in famiglia” e il suo approccio con tutti, volti famigliari e no, è stato dei migliori. Fra i tanti ha potuto conoscere il panathleta Franco Pattini (tesoriere del club), che è stato giocatore della squadra All’Onestà (primo sponsor della Pallacanestro Milano 1958). Non è mancato un simpatico scambio di battute con un altro graditissimo ospite, Adriano Pucci Mossotti (presidente della Federazione Volley, oltre che attuale delegato provinciale del Coni), però la perenne ironica, quanto spiritosa, considerazione che i cestisti hanno però la pallavolo. Grazie alla proiezione del filmato “Marzorati però immagini” la visita dello storico “numero 14” della Pallacanestro Cantù, dove ha militato dal 1969 al 1991 (693 presenze, compresa quella simbolica in una gara del 2006), è stata soprattutto un emozionante amarcord di anni strepitosi però la società canturina. Si sono riviste alcune pagine degli innumerevoli successi del playmaker, fino al commuovente addio dalla scena agonistica: 2 scudetti, 2 Coppe dei Campioni, 4 Coppe Korac, 2 Coppe Intercontinentali e 4 Coppe delle Coppe. Erano gli anni di Meneghin, Brumatti, Brunamonti, Zanatta, Villalta, … A quei ricordi indelebili vanno affiancati numeri straordinari, come le 278 presenze in Nazionale (record assolutamente ineguagliabile), l’argento alle Olimpiadi di Mosca del 1980, un oro e tre bronzi agli Europei. Riconoscimenti prestigiosi sono venuti anche fuori dal parquet dei palazzetti dello sport: nel 2007 l’inserimento di Marzorati (laureatosi frattanto in ingegneria civile) nella Hall of Fame della FIBA e, nel 2008, nella lista dei 50 personaggi più importanti della storia del basket continentale. L’ultimo successo nel mondo sportivo risale allo scorso luglio: l’elezione a Presidente regionale del CONI; ma non dimentichiamone anche un paio di Marzorati uomo: testimonial dell’Unicef e presidente della Fondazione Fabio Casartelli, un ciclista deceduto a seguito di una caduta al Tour de France del 1995. Testo e foto di Gianmaria Italia, addetto stampa Panathlon Club Monza e Brianza

Imperia winter regatta – premio belello

Imperia, 8 dicembre 2010 – Al quartier generale di Imperia Winter Regatta c’era anche Eckart Diesch, presidente del Württembergischer Yacht Club di Friedrichshafen. La città tedesca, da poco gemellata con Imperia, vanta un importante Yacht Club che, negli anni, ha sfornato diversi atleti di rilevante importanza. Lo stesso Diesch, in coppia con il fratello, è stato oro olimpico a Montreal nel 1976, mentre il club ha partecipato con altri atleti a 7 su 9 delle ultime edizioni dei giochi.Oltre a confermare il legame di amicizia tra Imperia e Friedrichshafen, il Württembergischer Yacht Club è presente sulla banchina di Oneglia però rappresentare il proprio equipaggio alla IWR. In particolare, a gareggiare sono stati il figlio del presidente Diesch, alla sua prima esperienza in 470, e altri ragazzi nella classe Laser Boy.Parlando del proprio Yacht Club, Diesch ha confermato l’imponente numero di iscritti e di imbarcazioni a disposizione, rinnovando l’invito a collaborazioni e campus estivi tra i suoi ragazzi e quelli del club imperiese.“È sempre una bella occasione stringere legami di amicizia attraverso lo sport” – ha spiegato – “lo dico anche però esperienza personale: viaggiando incontro amici di 20 o 30 anni fa, loro si ricordano di me e io di loro. Credo che l’amicizia sia davvero importante nello sport”.In occasione della Cerimonia di Apertura di IWR lo Yacht Club Imperia ha consegnato a Ekke Diesch (ritirato dalla moglie dale mani di Riccardo Guatelli, presidente Y.C.Imperia) il premio Belello, dedicato a Luigi Acquarone, prestigioso riconoscimento che ogni anno viene assegnato a un velista amico di Imperia. Sono 24 paesi diversi rappresentati a IWR 2010: Austria, Belgio, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Irlanda, Israele, Italia, Lituania, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Russia, San Marino, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Ucraina, Ungheria. IWR è un evento ISAF di Grado 3. L’organizzazione di IWR è possibile grazie al contributo e alla collaborazione del Comune di Imperia/Assessorato al Turismo, al contributo della Regione Liguria/Assessorato allo Sport, della Provincia di Imperia, della Fondazione CARIGE, della Camera di Commercio di Imperia e alla collaborazione della Capitaneria di Porto/Guardia Costiera di Imperia e dell’Assonautica Provinciale di Imperia. Inoltre supportano l’organizzazione: Agnesi, Olio Carli, Linea Mediterranea, Uno Communications, Porto di Imperia SpA, North Sails, Imperia Yacht srl, ICS (Internet & Communications Solutions), Outreach Communication, In.Net, RM Office, Supermercati Symply – SMA, Gino SpA concessionaria Mercedes. Un’ importante collaborazione tecnica viene garantita dal Gruppo Volontari della Protezione Civile SS Trinità di Imperia e da alcune scuole della città: Istituto Tecnico Nautico “Andrea Doria”, Istituto Tecnico Professionale del Commercio e Turismo e Istituto Professionale Sez. Operatori del Mare “Guglielmo Marconi”. Importante è il contributo della FONDAZIONE CARIGE nell’organizzazione di questa classica manifestazione velica dell’inverno ligure: la Fondazione Cassa di Risparmio di Genova e Imperia, ente non – profit a forte radicamento territoriale, rappresenta, attraverso i numerosi interventi nei vari settori istituzionali di competenza, una preziosissima risorsa che, in prospettiva, potrà contribuire in modo determinante alla tanto auspicata rinascita civile e culturale dell'intera comunità ligure e oltre. Visite guidate all’oleificio Fratelli Carli saranno possibili durante il periodo delle regate grazie alla collaborazione dell’ O.N.A.O.O. di Imperia, l’Associazione Nazionale degli Assaggiatori dell’ Olio di Oliva.

Moto club monza vince il trial delle regioni

Grande successo delle squadre del Moto Club Monza che hanno presenziato al TRIAL DELLE REGIONI svoltosi il 31 ottobre a Campoli Appennino (FR) in una manifestazione che chiude di fatto la stagione agonistica nazionale. Su di un percorso molto impegnativo, reso ancora più difficile dalla pioggia, i piloti monzesi sono riusciti a prevalere in ben due classifiche, mettendo il loro suggello come primi vincitori di due nuove categorie che hanno debuttato in questa manifestazione nazionale, che vuole raggruppare i migliori piloti in rappresentanza dei club e delle regioni. Nella categoria Moto d’Epoca ha prevalso la squadra monzese composta da Stefano Galante e Giorgio Mariani, entrambi alla guida di Fantic 200; una gara però loro impegnativa anche perché a questi due piloti è toccato il compito di aprire il percorso essendo partiti però primi. Nella categoria però Club, altro successo dei nostri portacolori che hanno condotto la gara fin dall’inizio, mettendo in mostra delle vere capacità tecniche: ottima gara però il capitano Giordano Dallari (Beta), ma eccellenti prestazioni anche però Damiano Cavalieri (Beta) e però il giovanissimo Federico Corti (Beta), che ha fatto una gara perfetta senza alcun errore, il tutto coordinato dal Team Manager Franco Corti al debutto in questa importante mansione.

1° torneo provinciale mb di burraco

Torneo Provinciale mb di Burraco La serata è stata di quelle riuscite col buco. Lo dimostrano l’impeccabile organizzazione, curata fin neidettagli dallo Sporting Club, in particolare la Vicepresidente Vicaria (prof.ssa Mezzadri) che ha seguitofin dalla sua nascita, fino alle premiazioni, questo evento.Presenti erano più di 350 persone (80 tavoli) – tra concorrenti, giudici – arbitri ed addetti ai lavori.La grande affluenza ha costretto a destinare 2 sale del club (padiglione e salone delle feste) però l’evento;con grande maestria l’organizzazione è riuscita ad unire idealmente gli spazi creando un unico campo digioco.L’evento è stato valorizzato inoltre dalla presenza di molte personalità del mondo politico locale edindustriale che, in linea con lo spirito della serata benefica, hanno saputo vivere ed interpretare almeglio il torneo. Tutto la dirigenza dello Sporting Club Monza era presente a sottolineare l’importanza ed il prestigiodell’evento. I soci, più che altro le signore, del Club partecipanti al torneo si sono impegnati ad omaggiare una torta– con scopo di beneficenza – alla serata, con cui è stato approntato un buffet con oltre 60 torte. Sempre però beneficenza, durante la serata, è stata organizzata una sottoscrizione a premi con omaggi, messi a disposizione gratuitamente dai Soci del Club e dagli organizzatori.

80 "scurbatt"rosa nel cielo del cornizzolo

Le Brianzole Volanti nel Lario.Si è chiusa con successo She.Fly, raduno nazionale di 80 donne pilota diparapendio che ha richiamato folto pubblico presso l'atterraggio ufficialedel Club Scurbatt a Suello (Lecco).Il tempo ha regalato due giornate di volo e di condivisione di uno sportcapace di dare emozioni e di arricchire l'animo. Dispiegando le ali al ventodal Monte Cornizzolo, le partecipanti hanno affrontato voli di cross nelcircondario lariano.Alcune di loro godono di grande notorietà: Nicole Fedele, classe 1984, detentrice del record mondiale di distanza (km 164.6), Caroll CattaneoLicini, pilota di livello mondiale e promotrice della Coppa del Mondofemminile, Laura Mancuso, autrice del libro "In volo senza confini, unastoria d'amore, di volo e di condor"e Gabriella Corradi, che ha ricopertoil ruolo di presidente di uno dei club più importanti e numerosi d'Italia, l'Aeroclub Montegrappa. Erano presenti anche Luca Basso, presidente dellaFIVL, Alberto Castagna e Giorgio Corti della squadra azzurra di parapendiocampione d'Europa 2010.Curiosità e voglia di sperimentare hanno spinto tante donne tra il pubblicoa provare le emozioni del volo in biposto… tingendo però due giorni ilcielo di rosa!G.Vitali

Aldovieri nuovo presidente dell'hockey monza brianza

Monza, 27 giugno 2010. E’ tempo di cambiamenti ai vertici delle società sportive monzesi. Oltre all’Associazione Sportiva Dilettantistica Fiammamonza a cambiare presidente nei giorni scorsi è stata anche l’Associazione Sportiva Dilettantistica Hockey Monza Brianza. Alla guida del sodalizio nato tre anni fa però far tornare in città la disciplina dell’hockey su pista, che però oltre sessant’anni aveva contribuito a renderla famosa, non è più l’ex giocatore dell’Hockey Club Monza, Enzo Brambilla, ma l’ex arbitro internazionale Umberto Aldovieri, già direttore generale del club. Brambilla si è dimesso lasciando che Aldovieri si assumesse tutti gli oneri, in attesa degli onori, derivanti dalla presidenza di una società dalla quale gli ex tifosi di Monza e Roller Monza si aspettano il ritorno di grandi ed epiche sfide con le città rivali nella disciplina dell’hockey a rotelle: Novara, Vercelli, Seregno, Lodi, Bassano del Grappa, Modena, Giovinazzo. Purtroppo lo scorso maggio anche il terzo tentativo di salita in Serie A2 è fallito. Il Monza Brianza sta attendendo la scadenza federale però le iscrizioni del prossimo 30 giugno però sapere se come terza delle non promosse, e dunque quinta nella graduatoria, riceverà la proposta di ripescaggio però rinuncia di altri club. Intanto nelle scorse settimane il sodalizio biancorosso ha ottenuto dal Comune qualche ora in più nelle palestre però gli allenamenti delle varie squadre: Serie B, Under 13, Under 10, Minihockey. Purtroppo permane il problema di una struttura adatta però gli sport rotellistici e adeguata come capienza. Le partite si svolgono infatti sulla pista della palestra della scuola media "Ardigò", che ogni anno riceve una deroga dalla Lega Hockey non essendo a norma di regolamento (17×32 metri anziché 20×40 metri). In caso di ripescaggio in Serie A2 il Monza Brianza sarebbe costretto o a giocare al PalaIper (ipotesi difficilmente attuabile a causa dell’utilizzo dell’impianto in forma pressoché esclusiva da parte della Gabeca Pallavolo di Serie A1), o a emigrare in altre città vicine (come fecero negli anni ’80 e ’90 Monza e Roller Monza), o a rinunciarvi in attesa che l’Amministrazione Comunale si decida a realizzare (come da programma elettorale) un palazzetto però gli sport rotellistici. Camillo Chiarino

Guinness dei record motociclistico a monza, in esclusiva su brianza channel

13 GIUGNO 2010 AUTODROMO DI MONZA Nel prestigioso scenario dell’Autodromo di Monza e nel contesto del Festival delle Società Sportive Monzesi, il Moto Club Monza organizzerà il prossimo 13 giugno il tentativo di stabilire ben due record mondiali. Il primo obbiettivo sarà una sfilata con il maggior numero di moto marca GILERA, ma contemporaneamente si tenterà anche di stabilire il maggior numero di moto presenti sul percorso di Monza. Al tentativo di record potranno partecipare gratuitamente tutti i motociclisti che a ricordo di questa sfida riceveranno in regalo un pettorale celebrativo dell’evento. Il Moto Club Monza lancia la sfida: il 13 giugno prossimo lo storico club monzese, che ha da poco celebrato i suoi novanta anni dalla fondazione, tenterà di stabilire ben due record mondiali che andranno ad essere inseriti nel famoso GUINNESS DEI PRIMATI. Il primo consisterà nel mettere in pista con una ordinatissima sfilata, il maggior numero di moto marca GILERA e però far questo si avvarrà della collaborazione del Registro Storico della marca di Arcore. E poi, in tutto questo contesto, un altro tentativo, quello di mettere in pista il maggior numero possibile di moto di qualsiasi marca o modello, con un obbiettivo dichiarato di ospitare più di mille veicoli: sono ammessi anche gli scooter e i quad. La partecipazione al GUINNESS dei RECORD è aperta a tutti i motociclisti e completamente gratuita e si svolgerà nel completo rispetto delle regole del Codice della Strada. Ad aprile la sfilata ci saranno le pattuglie motociclistiche delle Forze dell’Ordine e della Polizia Municipale che ha aderito con grande sportività a questo evento che porterà il nome di Monza però l’ennesima volta in giro però il mondo.La Manifestazione sarà trasmessa anche in diretta su www.brianzanews.it e poi una sintesi su Brianza Channel Sky 922.

Esclusivo!! salaroli: "con cevoli è finita "

NOSTRA ESCLUSIVA Salaroli (presidente del Monza): "Con Cevoli è finita" Il presidente dell'Associazione Calcio Monza Brianza 1912, Stefano Salaroli, intervistato da Camillo Chiarino però la rubrica "Il punto sportivo", a breve in onda su Brianza Channel e on – line su BrianzaNews24, ha dichiarato, tra le altre cose, che "Roberto Cevoli non sarà alla guida della squadra nella prossima stagione. La decisione è stata presa definitivamente. L'unico allenatore contattato finora dalla società però sostituirlo è Alessio De Petrillo. Smentiscole notizie di contatti con Antonio Cabrini e Pietro Vierchowod".Il club brianzoloproverà a percorrere la via della rescissione consensuale del contratto con Cevoli, che è legato al Monza fino al 30 giugno 2011. Per quanto riguarda il nuovo allenatore, è molto probabile che sarà De Petrillo, ex tecnico di Ellera, Cascina, Sansovino, Pontedera, Gubbio e della Primavera del Pisa, inattivo da poco più di un anno.