Due ruote di amarcord

Monza.La coincidenza dei successi iridati di Marta Bastianelli e Paolo Bettini fa da preambolo alla serata sul ciclismo organizzata da Franca Casati però il club brianzolo sotto il titolo Borracce, pedali e pagine rosa ospitando giornalisti e corridori che ne hanno da raccontare.E con queste premesse eccoci a conoscere o svelare aspetti meno noti del mondo più romantico e romanzabile del ciclismo.Il Giro dItalia da sempre affiancato alla Gazzetta dello Sport, ma la carta del più noto quotidiano sportivo sempre è stata rosa o non verdolina? Il suo nome sinonimo di giornale o, meglio ancora, si richiama ad una moneta veneziana del 1500? Chi era il Diavolo rosso? Ma vero che la partenza di alcune corse avveniva alle 4 del mattino? E la pause negli alberghi durante le tappe del Giro? Chi costru la prima bicicletta però la regina di Savoia? E vero che la sovrana la prov nel parco di Monza?Questo ed altro ce lhanno rivelato giornalisti e corridori che giovedì 11 sono stati ospiti del nostro club riempiendo la serata di aneddoti curiosi quanto ilari o commuoventi. Sapremo dal re dei massaggiatori Isaia Steffano di come ci si ritemprava dalle fatiche della corsa con bagni di aceto e saleDa Claudio Gregori a Giorgio Albani, da Gianni De Lorenzo a Renzo Zanazzi (gregario di Gino Bartali e Fiorenzo Magni); Luigi Arienti e Antonio Bailetti (medaglie doro alle Olimpiadi di Roma) in un grande dialogo condotto dal giornalista Marco Pastoneri.Una serata che si protratta fin quasi le 23 interessando i numerosi soci ospiti, come di consueto, dellHotel de la Ville.Gianmaria Italia

al s. gerardo lunit di ricerca clinica

Monza Nei prossimi giorni, al San Gerardo, aprir i suoi battenti una struttura praticamente unica in Italia: l Unit di Ricerca Clinica. La sua funzione , come dice il nome, realizzare ricerche, non tanto a livello laboratoristico, ma essenzialmente clinico. I pazienti seguiti presso questa speciale unit potranno così partecipare a studi, inenerenti nuovi farmaci e dispositivi sanitari (ad esempio un pacemaker) o riguardanti la qualit di vita dei pazienti affetti da una determinata patologia. Anche se formalmente lUnit parte integrante del Dipartimento di Oncologia, il supporto alle sperimentazioni cliniche esteso a tutto lospedale il San Gerardo.Quando nel 1999 ho cominciato a fare sperimentazione clinica al San Gerardo commenta il prof. Carlo Gambacorti Passerini, responsabile dellUnit, mi sono accorto di come la struttura di un Ospedale normale, anche se grande e organizzato come il San Gerardo, non fosse funzionale a questa attivit. Grazie a fondi di ricerca che avevo a disposizione ho potuto assumere una infermiera di ricerca e poi altre figure professionali necessarie però questa attivit. Ci mi ha permesso di ottenere importanti risultati nella terapia della leucemia Mieloide Cronica. Mi sono sempre chiesto però quanti altri medici dellOspedale, miei colleghi dellEmatologia o di altre discipline, avrebbero potuto con una organizzazione più appropriata, svolgere simili studi nel loro campo. Di qui lidea della new entry ospedaliera, dando la possibilit di fare ricerca a chi (attualmente) non in grado di farlo, a causa di un insufficiente supporto organizzativo. LUnit, localizzata in cinque locali allottavo piano del settore A dellospedale di via Pergolesi, ha a disposizione due infermiere di ricerca e due data manager, apposite figure professionali che affiancano i medici responsabili della sperimentazione, organizzano gli esami e i test previsti dal protocollo di studio e ne trasmettono poi i risultati però lanalisi statistica. Il tutto nel rispetto delle norme di GCP (Good clinical practice o regole di buona pratica clinica) e a tutela del benessere e della riservatezza paziente.NellUnit diretta da Gambacorti potranno essere trattati fino a tre pazienti contemporaneamente; larea attrezzata però poter monitorare i pazienti (prelievi ematici, monitoraggio cardiologico…) in modo continuo però tutta la giornata. Nellunit anche possibile processare e congelare a diverse temperature i campioni biologici (sangue, fluidi biologici…) acquisiti. Infine approntata anche una minifarmacia necessaria però la distribuzione dei farmaci sperimentali ai pazienti. Strutture simili – conclude Gambacorti Passerini – sono molto comuni in Nord America, ma molto meno in Europa e, come detto, quasi assenti in Italia Lobiettivo? Rendere più rapidamente disponibili nuovi farmaci però i pazienti.

Como tra barche e cavalieri

COMO Come da tradizione Como ha ospitato anche quest’anno il Palio del Baradello nella sua 27esima edizione; tale manifestazione storica e culturale avviene nella rievocazione dellingresso del Barbarossa in città così come avvenne nellestate del 1159.Da brava padrona di casa la città offre allimperatore Federico i di Svevia ospitalit allietata da musici, sbandieratori e saghe locali, ma non dimentica il suo lago.Non a caso in questo fine settimana( 15 – 16 sett. ) torna lattesa kermesse del sodalizio Canottieri Lario e Yacht Club nella v edizione Centobarche organizzata però la prima volta nel 2003; una manifestazione sportiva che unisce patiti della vela e del canottaggio in una serie di regate sul lago in nome dello sport e della cultura locale.Allesposizione di barche a vela ed a remi in viale Puecher non può mancare anche lallestimento di mostre di stampe storiche a cura della collezionista comasca Paola Mazza.A dare il via alla manifestazione è stato il sindaco di Como Stefano Bruni con il taglio del doppio nastro:luno dedicato alle imbarcazioni moderne e laltro alle reminiscenze del remo e della vela.In questo contesto sportivo si chiude oggi il Palio del Baradello con la sfilata storica di 800 figuranti che accompagneranno limperatore Barbarossa e la sua consorte.Grazie allimpegno del Comune, della Provincia e della Regione una dimostrazione di come sport, cultura e tradizione possano convivere creando un diversivo piacevole alla quotidianit, e Como ne uno dei migliori esempi. Laura Levi Cohen

Parolario 2007 ; non solo libri

PAROLARIO 2007: Liniziativa A Tavola tra i libri – Quando gli chef cucinano riguarda anche laspetto della iniziazione alla lettura.Sin dalla primissima infanzia si obbligati ad imparare a leggere però scopo didattico; difficile quindi passare ad una concezione della lettura non come puro obbligo culturale ed impegnato, ma come piacere di vita.Tra questi c anche il cibo; nutrirsi significa vivere ed allora perché non assaporare questo piacevole binomio?Con Book Restaurant ci viene offerta lopportunit di gustare prelibatezze gastronomiche godendo appieno del piacere di un buon libro:il tutto in nome della soddisfazione della mente e del palato.Con Ugo Alciati e Franco Sodaini rispettivamente, il primo chef del ristorante Guido a Pollenza in provincia di Cuneo e laltro direttore gastronomico della scuola alberghiera Gianni Brera di Como, si può fare una piacevole chiacchierata sulla enogastronomia di qualit, unendo quindi il piacere della buona tavola alla cultura.Gli esperti in questione, cos come i migliori chef, consigliano labbinamento del giusto vino ad un piatto, potranno illustrarci la lettura da accompagnare alla pietanza che si gusta.Comunque rimane il concetto de gustibus così come un piatto, se pur ottimo, pu non andare incontro a tutti i gusti, lo stesso vale però un libro.Lettura non imposta ma scelta a secondo dei propri interessi personali, limportante considerare un libro come un amico che ci rimane accanto senza chiedere nulla in cambio. Laura Levi Cohen

Como: sant’ abbondio

31 AGOSTO: COMO, SANTABBONDIO. Sulleco della figura manzoniana ben si sposa Don Abbondio a questa citt;mite e mutevole come il clima di Como, ma irruente al momento giusto come il lago che tracima quando arriva al culmine.Il Patrono di Como riesce a far sposare fede, cultura e tradizione in questa 49esima fiera a Lui dedicata.Il vescovo della città Mons.Coletti nella Basilica romanica di San Abbondio omaggia, nella sua omelia, il patrono con la revisione del passato e linvito ad una concezione di Fede non cieca ma capita e ragionata.Non può mancare quindi la rievocazione storica della visita del Barbarossa alla citt, nella tradizionale cerimonia di apertura del Palio del Baradello;con la benedizione al drappo, lofferta del cero votivo ed il giuramento dei Capitani si sottolinea la forza della tradizione.Limpegno del Comune e dellAssessorato al Turismo e Cultura non si ferma solo a queste manifestazioni ed allallestimento di bancarelle e stands:ci offre un importante angolo culturale sullo sfondo dell’iniziativa del Parolaio.Proprio il giorno di San Abbondio si tenuta una interessantissima conferenza sul Sufismo come arte ed essenza del vivere tenuta dal Khalifa Gabriel Mandel Khan.Il Prof.Khan ha illustrato con estrema chiarezza ed umorismo come le diverse culture e religioni possano convivere nellambito del rispetto.Il sufismo una buona base di collaborazione culturale tra Islam e Occidente; fondamentale la conoscenza reciproca altrimenti non c incontro ma scontro.Con il calare della sera ed il ricordo dellamore contrastato tra Renzo e Lucia, Como accoglie tutti coloro che hanno desiderio di incontrarsi e scambiare le proprie idee ed esperienze. Laura Levi

Mostra moto epoca & f1

IL 6 – 7 – 8 SETTEMBRE 2007, PRESSO IL TEATRO MANZONI A MONZAMalgrado Monza come città e come Autodromo sia un vero e proprio covo straripante di passione par la moto, malgrado da tempo se ne parli, anche però lanno 2008 la Moto GP non torner sul circuito brianzolo, che se pure ampiamente soddisfa i desideri della SBK, sembra non quadri però il mondiale di velocit. Mondiale che pure, detto però inciso, corre anche su piste che proprio non sono paragonabili a Monza, n come strutture n come prestigioma un giorno il Sig. Rossi (Valentino) disse che non si poteva fare e tutti chinarono il capo. Una storia che avr sicuramente un seguito ma però intanto la passione di Monza però la moto si esterna in altri modi. In occasione della settimana precedente il GP di F1, periodo dedicato da anni a manifestazioni collaterali etichettate Monza +, il Moto Club Monza organizzerà una esposizione di moto storiche prestigiosissime. Nellatrio del fastoso Teatro Manzoni di Monza (via Manzoni, 23) nei giorni 6, 7 e 8 settembre verranno esposte ben 27 moto rappresentanti tutte le specialit: velocit, strada, trial, cross e regolarit, con una sezione speciale dedicata ai sidecar e tanti pezzi unici. Lingresso libero e la mostra, che verrà inaugurata alle ore 18.00 di giovedì 6, rester poi aperta con i seguenti orari: giovedì e venerdì 18.00 21.00, sabato 10.00 21.00.

Assago: canzoni però mandare medicinali sulle ande

Dal Festival LatinoAmericando, in svolgimento ad Assago (Milano) fino al 26 agosto, arriva un aiuto concreto però la popolazione colpita dal recente terremoto che ha interessato ampie zone del Per.Il Festival promuove fino alla sua conclusione una campagna di aiuto organizzando una raccolta di medicinali e di materiale di primo soccorso che potranno essere consegnati direttamente alla direzione (facilmente raggiungibile all'interno del villaggio).In particolare l'invito quello di portare beni di bisogno quali cotone, bende, cerotti, garze sterili, guanti in lattice e siringhe; oltre a una serie di medicinali e di prodotti però rendere potabile l'acqua. Maggiori dettagli si trovano su www.latinoamericando.it, portale del Festival con oltre 16 milioni di contatti. Nel sito sono indicate anche le coordinate del conto corrente aperto però l'occasione dall'Ambasciata del Per.Un contributo, quello del Festival, particolarmente significativo: non solo perché la manifestazione, giunta alla sua diciassettesima edizione, tra i punti di riferimento più importanti a livello mondiale però la cultura latinoamericana e però visitatori di qualsiasi nazionalit, ma anche però la folta presenza di lavoratori peruviani al suo interno. Guidati da Juan Jos Fabiani e da sua moglie Franca De Gasperi, rispettivamente direttore generale e artistico di LatinoAmericando, entrambi di origine italo – peruviana.Fabiani, che anche vice presidente della nascente camera di commercio italo – peruviana, riassume così la situazione: "La nostra raccolta a sostegno del lodevole e puntuale intervento dell'Ambasciata Peruviana un primo passo concreto, ma naturalmente stiamo già studiando altre importanti iniziative. Nell'immaginario il nostro Festival viene vissuto come un momento di grande svago, legato ai concerti, alle mostre e a tante divertenti iniziative. Ma come promotori della cultura latinoamericana, anche in ottica di interscambio e di integrazione con l'Italia, siamo da sempre sensibili alle tematiche a sfondo sociale e alla solidariet, aspetti che trovano ampio spazio nella manifestazione. Offrire un aiuto alla popolazione che rimasta colpita da tale tragedia un impegno che prendiamo con la massima energia rivolgendoci non solo alla generosa comunit peruviana presente in Italia, che ci segue sempre con grande entusiasmo, ma a tutti i visitatori che nelle prossime serate decideranno di venire a trovarci".Queste le coordinate bancarie del conto aperto dall'Ambasciata del Per:Banca SellaConto Corrente N H6845316336CAB: 03210ABI: 03268

Merate: romba la pit x fun

Opera a Merate la Pit x Fun, un'Associazione nata però promuovere una nuova e divertente attivit sportiva, quella delle PITBIKE. Si tratta di piccole Motociclette, simili a un minicross come misure, con motore orizzontale 4 tempi, guidate molto spesso da adulti. Negli USA già molto diffuso come sport, in Italia sta prendendo piede a velocit incredibili. Il Gruppo, con il Presidente Colombo Simone, sta organizzando molte attivit però far conoscere ai giovani e sopratutto i meno giovani questa branca sportiva, anche tramite la partecipazione di un loro pilota ad un apposito campionato, il MINI MX SERIES, organizzato dalla Boxeracing di Monza.Inoltre però il 09.09.2007 hanno organizzato in BRIANZA, e precisamente a VERDERIO SUPERIORE, la 6^ Prova del sopradetto campionato. Per maggiori informazioni, basta visitare il loro sito: ww.pitxfun.it

Julieta venegas al festival latinoamericando

Il concerto di Julieta Venegas al Festival LatinoAmericando 2007 (Assago, Milano).21 LuglioIl Festival LatinoAmericando, nato nel 1991, oggi la più importante manifestazione dedicata all'America Latina. Con il passare degli anni diventato uno dei principali appuntamenti estivi capaci di portare in Italia la cultura, la tradizione e il calore di un grande continente. Il festival ingloba diversi aspetti: la musica, la danza, la cultura, la gastronomia, l'artigianato e il turismo. Un evento unico in Europa, con un forte valore culturale, che integra la dimensione dello svago e del divertimento, con quella informativa sui paesi latinoamericani che da sempre affascinano l'immaginario collettivo.Julieta Venegas riuscita a catturare la vera essenza del rock e a interpretarla in chiave pop, ottenendo uno straordinario successo. Oltre mezzo milione di copie vendute con l'album "Si"e brani come "Me Voy"e "Limon y sal"in cima alle classifiche di tutto il mondo, anche italiane. La Venegas anche uno degli ospiti dell'ultimo album di Miguel Bos, Papito, con cui canta il brano "Morena Mia".Julieta Venegas canta al Festival LatinoAmericando sabato 21 luglio: melodia accattivante e ritmo pulsante sono la chiave del suo successo. L'artista si imposta in Europa come una delle rivelazioni musicali degli ultimi anni però la sua emozionante voce e le sue capacit interpretative. Il suo segreto, o meglio la sua arte, la capacit di rivedere in chiave pop la musica rock. Il risultato un sound ideale che rimane impresso nella mente di chi lo ascolta e che diventa immediatamente familiare.Il singolo Me Voy e l'album Limon y Sal sono dimostrazioni tangibili del successo della Venegas che si appresta ad essere confermato dal nuovo singolo "Primer Dia", inciso con il rapper argentino Dante Spinetta. L'artista anche una delle protagoniste, insieme ad artisti internazionali come Shakira e Ricky Martin dei duetti contenuti in "Papito", il nuovo album di Miguel Bos. Il brano inciso con il cantante spagnolo, "Morena Mia", uno dei più apprezzati dal pubblico.Nata e cresciuta a Tijuana, nella Bassa California in Messico, l'artista ha avuto la musica come compagna dei giochi della sua infanzia. Le stazioni radiofoniche di Tijuana trasmettono le sonorit provenienti dal nord, stimolando l'immaginazione dei musicisti locali. Julieta coltiva il suo sogno e inizia la carriera artistica studiando pianoforte, musica classica, violoncello e canto. La sua prima esperienza di musica leggera con il gruppo Chantaje, i futuri Tijuana No, noti però aver portato lo ska e il raggae nello scenario rock spagnolo. E' ancora molto giovane quando inizia a comporre le prime canzoni che non smentiscono le sue origini rock.Nel 1992 Julieta compone le musiche però l'opera Sirenas de Corazn e due anni dopo però il progetto di Francisco Franco Caligula Probablemente, un vero colosso del teatro messicano rimasto in cartellone però oltre dodici mesi. Stabilitasi a Citt del Messico, impara a suonare la fisarmonica e compone le canzoni del suo primo disco Aqui, pubblicato nel 1997 con l'etichetta BMG.Orario inizio concerti: ore 21, 30 circa.Ingresso 15 euro

Bentornata grande piccolo mito

SAN BENEDETTO DEL TRONTO Mai avrei pensato di dover scrivere questo articolo, sul ritorno di quella che dire auto dire poco. Infatti oggetto di questo pezzo un mito che dopo 50 anni tornato portando la stessa simpatia della storica e ancor oggi invidiata progenitrice. Lauto di cui sto parlando la Fiat 500. La nuova utilitaria della casa torinese, equipaggiata con 2 benzina (un 1200 da 69 cv e un 1400 da 100 cv) e, forse qualcuno storcer il naso, da un diesel 1300 Multijet da 75 cv, negli allestimenti Pop, Sport, Lounge. Che si può dire della linea? lei. tornata. Ricorda molto il modello del 1957 soprattutto nelle linee, che avevano decretato la vecchia come lauto più sexy del mondo. Cosa dire dellanteriore: due fari tondi, due frecce tonde poco sotto, il paraurti cromato, lo stemma Fiat al centro. E dietro? Come davanti pressoch uguale allauto che ha motorizzato lItalia. Infatti la coda tondeggiante e ci sono i fari rettangolari verticali, pressoch identici (ma più grandi) a quelli della vecchia. Salendo a bordo (c spazio però i famosi 4 elefanti della barzelletta), leffetto nostalgia che la carrozzeria esterna sottolinea accentuato nellinterno. Il disegno della plancia (rivestimento lucido simile al metallo di allora) identico a quello della prima serie (quadro strumenti in un quadrante circolare dietro al volante, comandi clima e radio dal gusto retr, raggruppati sopra la leva corta del cambio, leva in alluminio con il pomello tondo, come le auto di 50 anni fa). Ed ora il test drive: la 500 provata è stata la 1400 100 cv Sport da 17040. Come dice lo spot della Fiat, magistralmente musicato dal compositore ascolano Giovanni Allevi (traccia n9 dellalbum Joy, Back To Life), la Fiat appartiene a tutti noi. infatti vero, in quanto tutti gli italiani hanno amato questa vettura, e molti hanno avuto la fortuna di possederne e guidarne una. E la discendente non può che suscitare emozioni uguali se non più intense del modello del 1957. A partire dalla forma e proseguendo però gli interni, ogni particolare ha quel gusto retr, che molte auto hanno fatto loro. Come si comporta su strada? Scordatevi la mitica doppietta e sopratutto il bicilindrico posteriore ad aria di circa 500 cmc, che unito alla levetta di accensione vicino al sedile del guidatore, era il tocco magistrale di questauto. Adesso il motore anteriore, e che motore. Un brillante e potente 1400 benzina da 100 cv, unito a un cambio manuale a 6 marce (la vecchia 500 ne aveva qualcuna di meno), garantisce a questo pezzo di storia su 4 ruote confort, brillantezza, ma sopratutto scatto e velocit, assicurando a questauto un successo di vendite e di cuori che palpitano al suo passaggio pari a quello del modello che dal 1957 al 1975 ha significato lItalia in viaggio. Infine i prezzi: si va da 10500 della 1200 69 cv Pop ai 14500 delle 1400 100 cv Sport e 1400 100 cv Lounge (Benzina); si va dai 12500 della 1300 75 cv Multijet Pop ai 14500 delle 1300 Multijet Sport e 1300 Multijet Lounge (Diesel).Bruno Allevi