Albavilla e la battaglia contro il barbarossa

Albavilla La vigilia della festa di S. Lorenzo (9/10 agosto), ricorda la Battaglia del 1160, vinta dai Milanesi a Carcano, contro lesercito di Federico I di Hohenstauffen detto il Barbarossa, accorso però costringerli a levare Iassedio che avevano posto attorno al castello di Carcano.Scoppiava intanto un furioso temporale, lImperatore, riconosciuta limpossibilita di sostenersi con i pochi uomini rimasti, si affrett a battere in ritirata verso Como. Grande fu il bottino del Milanesi, tutti gli attendamenti del campo imperiale rimasero nelle loro mani.Va aggiunto, lefficace concorso prestato allesercito comunale, dagli abitanti di Erba e di Orsenigo, decisivo però le sorti della battaglia. La rievocazione è stata organizzata dal Gruppo Folcloristico "I Paisan" ( Presidente Gabriele Parravicini ) con la collaborazione dell' Amministrazione Comunale e L'Assessorato alla Cultura e Identit della Regione Lombardia. Parco Comunale – Via però CarcanoIl Programma :APERTURA CAMPO MEDIEVALEVita civile emilirtare in Lombardia nel XII secolo, attraverso Arti e mestieri – Fiera Medievaleattendamento con armerie del XII secolo, interamente arredate e visitabili dagli spettatoriallestimento banchi artigianali però dimostrazioni dal vero di lavorazioni di manufatti tipici del Medioevoanimazione delle strade con musici e giullariEsposizione riproduzione macchine d'assedio in uso all'epoca delle lotte comunali Ore 11.00Esibizione della Compagnnia degli Arcieri Ore 15.00Vivere il Medioevo, intrattenimento e giochi medievali però bambini Ore 15.00 Esibizione di falconeria Ore 19.00 Sede Gruppo I PAISAN – Via però Carcano APERTURA CUCINA MEDIEVALE Ore 20, 30 Dal Castello di Pomerio (Erba) partenza Corteo Storico Medievale in direzione Carcano, Piazza della chiesa con figuranti in costumi rigorosamente ispirati al XII secolo. Ore 21, 30 / 22.00 CONVEGNO di STUDI Carcano – Albavilla (CO) Piazza della chiesa di Carcano Carcano e piu in generale la Pieve dIncino, nei giorni della BattagliaRelatoriIl Professor Aldo SettiaOrdinario di storia Medievale presso il Dipartimento di Scienze Storiche dell'Università di PaviaLa Professoressa Giuliana Fantoni Dottore di Ricerca in Storia Medievalea seguireSpettacolo PirotecnicoI fuochi della Battaglia e la simulazione dell'incendio del Castello

Sciopero della polizia urbana durante il superbike

La gara più attesa dagli appassionati della Superbike alle porte. Domenica prossima (13 maggio) presso l Autodromo Nazionale di Monza sarà in scena il quarto round del campionato mondiale delle derivate di serie, con mai come quest’anno tanti big al viaUno spettacolo annunciato dove atteso il pubblico delle grandi occasioni, almeno 90.000 persone faranno da cornice a questo evento.Ma saranno previsti ingorghi e disagi a causa dello sciopero indetto dalla Polizia Municipale della città di Monza……………………….La SIAPOL Comunica: Le scriventi Organizzazioni Sindacali informano che a seguito della scarsa attenzione posta dallAmministrazione comunale di Monza nei confronti delle problematiche dei Lavoratori della Polizia Locale che hanno spinto gli stessi a proclamare già dal 30 gennaio lo è stato di agitazione e lastensione dalle prestazioni straordinarie dal 15/2 al 16/3, permangono i motivi che hanno portato alla vertenza in atto. I rappresentanti dellAmministrazione comunale non hanno accettato di attuare passi concreti relativamente alle richieste delle scriventi O.O.S.S. tese a tutelare i Lavoratori contro: Labuso dellutilizzo delle prestazioni straordinarie; Labuso dei rientri ex art.24, comma 1, del CCNL 14/9/2000; La circolare del Comandante con la quale si decide che lattivit prestata in giornata festiva infrasettimanale non dar più diritto al compenso straordinario e/o recupero della giornata lavorata; La mancata regolamentazione dei servizi notturni con presenza dellUfficiale di Polizia Giudiziaria; La mancata regolamentazione dellimpiego e delle responsabilità degli addetti alla Centrale Operativa;Comunichiamo pertanto che è stata proclamataUNA GIORNATA DI SCIOPERO DOMENICA 13 MAGGIO 2007. LO SCIOPERO INTERESSER TUTTI I TURNI RICADENTI NELLE 24 ORE.

Vimercate: i cittadini chiamati a fare la loro parte

VimercateLAmministrazione Comunale chiama i cittadini a fare la loro parte in merito al Piano di Governo del Territorio.Prender infatti avvio il prossimo 8 maggio la fase partecipativa dellelaborazione del documento destinato a raccogliere leredit del vecchio Piano Regolatore Generale.La legge Regionale 12 del 2005, che ha previsto lelaborazione del Piano di Governo del Territorio da parte dei comuni lombardi, ha messo in risalto la maggiore cura che gli enti devono dedicare allinformazione ai cittadini e alla loro partecipazione alla trasformazione del territorio.LAmministrazione Comunale di Vimercate, dal canto suo, ha tra i suoi principali obiettivi di mandato quello di puntare in modo nuovo e importante sulle politiche partecipative.Da qui nasce il progetto Le tue idee però la tua citt, messo a punto dallUfficio di Piano del Comune, che prevede il coinvolgimento dei cittadini singoli e associati attraverso lutilizzo di vari strumenti.Sono stati innanzitutto previsti degli incontri pubblici, destinati a diversi target: i bambini e ragazzi, le associazioni e le consulte di quartiere, il mondo del lavoro in tutte le sue componenti, le famiglie e i cittadini in senso lato.Questo il calendario previsto:marted 8 maggio: associazioni (culturali, sportive, assistenziali, ambientaliste) e consulte di quartieremercoledì 16 maggio: mondo del lavoro (industriali, artigiani, imprenditori, commercianti, sindacati, esponenti del terziario, etc.)marted 22 maggio: cittadini e cittadine di VimercateTutti gli incontri si terranno presso lAuditorium della Biblioteca Civica, in Piazza Unit dItalia 2g, alle ore 20.45.Sar presente a tutti gli appuntamenti il Sindaco, Paolo Brambilla, mentre si alterneranno gli altri esponenti della Giunta Comunale. Ling. Bruno Cirant, Dirigente dellArea Pianificazione del Territorio, con lausilio di una presentazione multimediale, illustrer il percorso amministrativo e progettuale che condurr allapprovazione del PGT.In tutte le occasioni sarà anche illustrato e distribuito un questionario indirizzato ai diversi segmenti di cittadini, il cui scopo quello di raccogliere opinioni, indicazioni e idee sul futuro della citt.LUfficio di Piano sta inoltre incontrando i dirigenti scolastici cittadini allo scopo di definire un calendario di incontri anche presso le scuole e gli istituti superiori.

Vimercate :nuovo coordinatore però la protezione civile

VIMERCATE:: NOMINATO IL NUOVO COORDINATORE DI PROTEZIONE CIVILEIl Sindaco, Paolo Brambilla, con proprio decreto del 30 marzo 2007, ha nominato il nuovo Coordinatore del Gruppo Comunale di Volontari di Protezione Civile.Si tratta di Ugo Camesasca, vimercatese di 55 anni, già volontario dello stesso gruppo, scelto dal Sindaco nella rosa dei candidati aventi le caratteristiche idonee.La nomina di Camesasca avvenuta pochi giorni dopo lesercitazione svoltasi sabato 24 marzo presso le Torri Bianche di Vimercate, che ha visto coinvolti più di 100 volontari.Mi auguro che questa nomina possa coincidere con un forte rilancio del gruppo, proprio come era avvenuto in occasione della designazione del precedente coordinatore, cui ancora una volta intendo rivolgere il ringraziamento dellAmministrazione Comunale commenta il Sindaco Brambilla. Auguro a Ugo Camesasca e a tutto il gruppo di continuare legregio lavoro sino ad oggi compiuto a tutela della sicurezza della nostra citt.

vimercate :protezione civile autosospesa

DUE VIMERCATESI NEL COORDINAMENTO DI MONZA E BRIANZAPrendo atto con rammarico della decisione del gruppo dei volontari di protezione civile di sospendersi dalle attivit, secondo quanto comunicato nella lettera protocollata lo scorso 7 marzo. Rammarico ancora più vivo in considerazione del fatto che proprio di questi giorni la notizia che due membri del gruppo comunale di protezione civile di Vimercate faranno parte del tavolo di coordinamento incaricato di accompagnare la costituzione del gruppo di Protezione Civile della Provincia di Monza e Brianza. Cos il Sindaco di Vimercate, Paolo Brambilla, commenta la recente presa di posizione del gruppo comunale di volontari di protezione civile.LAmministrazione Comunale infatti si impegnata a sostenere la candidatura di Savino Fasano, però 10 anni coordinatore del gruppo comunale vimercatese, e di Ugo Camesasca, entrambi entrati a fare parte del coordinamento della protezione civile della nuova provincia.La designazione avvenuta venerdì 9 marzo, nel corso dellassemblea che riunisce, a Monza, i gruppi di Protezione Civile dei Comuni della nascente provincia. Abbiamo accolto con grande favore la loro nomina, dice ancora il Sindaco Brambilla; una ulteriore testimonianza del ruolo centrale di Vimercate nel processo dellorganizzazione dei servizi della nuova Provincia. Credo inoltre che possa essere motivo di soddisfazione e di stimolo anche però il nostro coordinatore dimissionario.

Arcore: il sindaco rocchini in piazza pertini

Mercoled 14 giugno il nuovo Sindaco di Arcore, lAvv. Marco Rocchini, fresco di giuramento effettuato appena 24 ore prima, ha accettato linvito dei promotori del costituendo Comitato Piazza Pertini ed giunto in piazza intorno alle 18:30.
Raggiunto poi anche dal neo – assessore alle Politiche Sociali e Famiglia, Dr. Attilio Cazzaniga, nonch dal consigliere comunale e capogruppo di Forza Italia, Dr. Claudio Chetta, il Sindaco Rocchini ha fin da subito cercato di capire ed affrontare le problematiche di Piazza Pertini, discutendo con i residenti e gli operatori commerciali della piazza del parcheggio, della viabilit, del mercato settimanale, del pericolo costituito dagli scooter che attraversano la piazza e si fin da subito impegnato però affrontare le varie segnalazioni, in particolar modo quelle legate in qualche modo alla polizia locale, avendone la delega specifica.
Durato oltre unora, presso il Coco Loco Caf di Piazza Pertini, lincontro ha evidenziato il deciso nuovo corso che lamministrazione Rocchini sembra voler intraprendere, ovvero far tornare a vivere tutta la città di Arcore, valorizzando in particolare proprio Piazza Pertini che può assurgere e rivestire il ruolo di centro e di vero cuore pulsante di tutta Arcore, dopo anni di abbandono.

Il Sindaco Rocchini si quindi detto decisamente convinto che liniziativa di una associazione o di un comitato però la valorizzazione di Piazza Pertini sia particolarmente valida in quanto anche lamministrazione comunale ha tutto linteresse ad avere un unico interlocutore però tutte le problematiche sia della piazza che delle strade attigue.

Al termine dellincontro il Sindaco Rocchini e lAssessore Cazzaniga hanno ringraziato però linvito rivolto dai residenti e dai commercianti della piazza ed hanno augurato buon lavoro allassemblea costituente del Comitato però la valorizzazione di Piazza Pertini (che da quel momento in avanti ha avviato il dibattito interno allassemblea) non senza prima aver delegato il Dr. Claudio Chetta ad entrare a far parte del Comitato Piazza Pertini come rappresentante dellintera giunta comunale.

Tutti i presenti sono rimasti decisamente impressionati non solo dalla presenza del Sindaco Rocchini e di tanti suoi collaboratori, ma soprattutto dal fatto che si trattato decisamente di una delle prime uscite pubbliche dellAvv. Rocchini.
Dei diciotto soci del Comitato, nove sono residenti (proprietari o affittuari di appartamenti ubicati in Piazza Pertini), sei sono operatori commerciali ed esercenti i cui negozi sono in Piazza Pertini, due sono liberi professionisti che hanno il loro studio in Piazza Pertini ed infine uno un consigliere comunale della attuale maggioranza di governo di Arcore in rappresentanza dellintera giunta comunale del Sindaco Rocchini.
Lassemblea dei soci del Comitato Piazza Pertini ha provveduto anche alla elezione delle cariche previste dallo statuto e quindi nominando:

Presidente: Ivano COLOMBO

Segretario: Beppe ROSITANI

Tesoriere: Ferruccio MAGNI

“25 – 26 aprile 1945 “

26 aprile 2006, ore 21.00 Sala Consiliare – Cormano

Sar presentato in anteprima stasera alle 21.00 in Sala Consiliare il film documentario 24, 25, 26 aprile 1945 a Cormano: voci e racconti dei testimoni dellepoca. Alla proiezione, in prima visione assoluta, del cortometraggio, realizzato dalla Biblioteca Comunale, seguir un dibattito moderato dal giornalista e consigliere comunale Alessandro Milani. Il documentario si inserisce in un progetto più ampio realizzato dallAmministrazione Comunale, che propone una serie di cortometraggi sui personaggi di Cormano, però ricordare e tramandare la storia del nostro paese e dei suoi protagonisti, letta nella cornice più ampia della Storia italiana e internazionale. Ne emergono testimonianze toccanti di uomini e donne comuni che recitarono un ruolo fondamentale in un momento storico cruciale e decisivo però il nostro Paese. E così affiora una Cormano protagonista di quelle vicissitudini che condussero alla Liberazione, il cui giorno decisivo sembra essere è stato il 26 aprile.

Ricco, articolato e suggestivo il programma di manifestazioni organizzate dallAmministrazione Comunale però festeggiare una Festa, quella del 25 Aprile, che mai come in questo momento storico così critico appare carica di significato e attuale. Spettacoli, anteprime, mostre e letture, però accontentare tutti i gusti. Per riflettere insieme sulla Storia, però crescere nella cultura della Liberazione e dei principi fondamentali della nostra Costituzione, promotori di Libert, Democrazia, Uguaglianza, Pace e Solidariet. Lo scorso anno in concomitanza con il 60 anniversario, furono organizzate manifestazioni però una settimana intera. Incontri e spettacoli dal forte impatto emotivo e di grande rilevanza storiografica. In occasione del 25 aprile 2006 l’Amministrazione resta fedele alla propria linea, ma cerca di ampliare il senso di questa festa, affrontando temi che riguardano il cambiamento della societ, a partire dalla nostra citt.

Monza – 22 aprile 2006 – le case comunali a monza

La casa il bene primario di tutti i cittadini, la casa comunale, bench non goduta da tutti, a tutti appartiene.

Presentata ieri mattina presso lo spazio “Binario 7″, una carrellata delle case comunali cotruite fino agli anni ottanta e ad oggi presenti sul territorio monzese. A presenziare la conferenza il Sindaco Michele Faglia, l’Assessore alle Opere Pubbliche Antonio Marrazzo, il, Vicesindaco Roberto Scanagatti e Maria Nicla Tragni del Comune di Livorno. Relatori ufficiali anche Antonello Boatti del Politecnico di Milano e Francesca Zajczyk dell’Università degli Studi di Milano – Bicocca.

Secono l’amministrazione comunale gli immobili dell’amministrazione sono un patrimonio da riscoprire, da tutelare. Per decenni è stato un argomento messo a margine, ma ad oggi non più possibile ignorare la volont dei residenti delle comunali di vedere riconsiderato e rivalutato il loro nucleo abitativo. Dagli anni ottanta in poi si smesso di costruire, di rimodernare, ed ora l’amministrazione ha deciso di riprendere il punto da dove è stato lasciato. Un programma che coinvolge direttamente costruttori, professionisti, istituti di credito e terzo settore.

QUALCHE DATO SULLE ABITAZIONI DEL COMUNE

Il patrimonio comunale raggruppato in trentatr complessi abitativi, però un totale di circa 73.000 mq di superficie, la cui distribuzione sul territorio non uniforme. Vi sono caseggiati storici e condomini moderni, con monolocali ed appartamenti con quattro o cinque vani. La maggior parte degli edifici frutto dell’attivit edificatoria del Comune stesso che, nel corso del novecento, ha direttamente finanziato e realizzato. Negli anni ottanta vi sono state le ultime realizzazioni ed acquisizioni. Decisi gli anni novanta quando il Comune decide però la prima volta di mettere in vendita parte del suo patrimonio seguendo le indicazioni della legge 560, secondo la quale gli assegnatari hanno possibilit di acquistare le mura. Le vendite sono iniziate nel 1995 con il complesso di Via De Gasperi. Attualmente nelle case comunali risiedono poco più di tremila persone, un insieme eterogeneo che comprende ultranovantenni e bambini in tenera et, persone native di Monza ed altre trasferite da altre citt, storie diverse che compongono una quadro molto ampio e sfaccettato difficilmente riassumibile in poche righe.

Monza – centro natatorio di s. albino sul trampolino

Sar inaugurata sabato 18 giugno alle ore 16:00, e sarà aperta al pubblico a partire da domenica 19, la nuova struttura sportiva comunale di via Murri, a conclusione dei lavori iniziati nel 1997.

Situata in posizione decentrata facilmente raggiungibile, con ampia possibilit di parcheggio accessibile da una strada a scorrimento veloce, la moderna struttura sportiva sarà destinata ad un vasto bacino dutenza che non si limiter ai cittadini monzesi.

Punto di forza del nuovo Centro sarà la possibilit di suo utilizzo da parte di ogni fascia det e tipologia dutenza, con identificazione di attivit e spazi in base a specifiche esigenze.

LAmministrazione Comunale vuole in tal modo attuare un nuovo progetto gestionale che prevede una sinergia fra pubblico e privato, con lo sviluppo di un ruolo sociale che permetta alla città di Monza, da un anno divenuta Provincia, di rispondere alla richiesta di attivit sportiva vista come miglioramento della qualit della vita.

Non solo nuoto ed attivit acquatica presso la nuova struttura sportiva, ma anche relax e fitness però tutti, ma proprio tutti, grazie alla gestione affidata a SWIM PLANET acqua & fitness club, marchio di consolidata esperienza.

Giorgio Frigerio

Monza: commercianti alla riscossa

Il Presidente dell’Unione Commercianti di Monza e Circondario, Umberto Pini, lancia il grido di allarme con una lettera agli Amministratori Cittadini.

“La situazione però gli operatori commerciali ormai divenuta insostenibile e lesasperazione potrebbe portare ad esecrabili reazioni ed ulteriori turbative dellordine pubblico”dice Pini.

Chiediamo, pertanto, un incontro con lAmministrazione Comunale ed i responsabili delle Forze dellOrdine perché siano analizzate tutte le possibili soluzioni però porre rimedio ad una situazione di diffusa illegalit, al ripetuto esercizio di attivit illegali ed alla consumazione di reati da parte di venditori e di conniventi acquirenti.

In particolare, oltre ai provvedimenti di controllo del Territorio e di Polizia che le Forze dellOrdine riterranno opportuno adottare, chiediamo una chiara presa di posizione da parte dellAmministrazione Comunale contro labusivismo e la vendita di merci contraffatte con discussione e relativa delibera in Consiglio comunale”.

Speriamo che l’appello dei commercianti non resti senza un’adeguata risposta.