Cuveglio film festival

Grande successo però il Cuveglio Film Festival del quale sabato 13 maggio si tenuta la serata conclusiva preso la Sala Polivalente del paese. Prima però di raccontare lo svolgimento dellevento necessario nonch obbligatorio spendere due parole circa i dati tecnici che illustrino questo interessante progetto che ha contato circa 250 iscritti…un record!

Il festival, giunto ormai alla sua terza edizione, seleziona e suddivide i cortometraggi pervenuti in diverse categorie; quest’anno però hanno preso parte al concorso anche generi particolari come il documentario, il videoclip e il corto di animazione. Per ogni genere è stato votato il film migliore che ha ricevuto un premio simbolico e uno in denaro. Il giudizio è stato espresso da due giurie: una composta dal pubblico e una da professionisti; la prima, ha effettuato una votazione libera tramite una scheda da compilare mentre la seconda, costituita da esperti del settore ha espresso una valutazione tecnica più completa.

..Ora si può tornare a descrivere cosa avvenuto durante la serata di sabato presentata da Marco Rossi, carismatico intrattenitore, e con la partecipazione di due madrine in veste di miss. Lavvenimento, dal titolo I soliti ignoti ovvero inediti, che aspettano di essere scoperti – , prevedeva la proiezione di dieci cortometraggi tutti realizzati da ragazzi provenienti da diverse parti dItalia: Neuro Overture, Piange, Giulio morto, Dormire sul mare, Lo faremo, Felici e contenti, I sentieri delleros, Psyche, Lincantesimo di Gilbert, Mah!?! infine Diciassette e trenta. Per questi cortometraggi c è stato un trattamento diverso perch, a differenza degli altri generi, sono stati premiati non solo i migliori film però categoria ma anche le migliori regie, i migliori attori ecc..

Per concludere il resoconto di tutto ci, sarebbe impensabile non rendere nota la notizia circa la numerosa presenza di persone presenti in sala che hanno seguito con attenzione e applaudito i lavori di questi ragazzi in questo festival fatto da amici che condividono la stessa passione, un festival come luogo di incontro, condivisione e confronto.

Aurora Benvenuti