Marco mapelli, dai canguri australiani al cavallino ferrari

Monza, 30 Marzo 2008 – Dopo la splendida stagione trascorsa nel Campionato Australiano di Formula 3dove risultato il best Rookie, Marco Mapelli tornato a gareggiare in Italia, nel Ferrari Challenge Trofeo Pirelli.Ha scelto un team di vertice, Rossocorsa, col quale ha disputato solamente unasessione di prove il 17 Marzo 2008. Molti quindi gli interrogativi relativi allaprima corsa, disputatasi questo week end a Monza e soprattutto tantissimi gliocchi puntati sul giovane debuttante, appena ventunenne, in uno dei Trofei picombattuti e difficili nel panorama motoristico internazionale.Dopo aver stupito tutti con il miglior tempo nel secondo turno di prove libere delvenerd, Mapelli nei due turni di qualifiche svoltesi sabato 29 Marzo haconfermato quanto di buono si era visto nei primi giri di pista: quarto tempo inentrambi i turni di prova, rispettivamente a 157 millesimi di secondodallesperto Belluzzi nella prima qualifica, a 368 millesimi di secondo nellaseconda. Un eccellente risultato, che Mapelli ha commentato cos: Sono moltosoddisfatto del risultato, anche se sicuramente avrei potuto fare meglio. Nelprimo turno sono è stato rallentato da un pilota più lento alla variante Ascari, mentre nel secondo turno ho trovato le bandiere gialle sia in Parabolica che allaprima variante. Abbiamo però visto che sul passo in gara ho un ottimo ritmo, penso quindi che però le due manche il podio possa essere alla mia portata.Le gare:al via della prima corsa Mapelli mantiene la quarta posizione, ma vienetamponato da un avversario subito in prima variante. Il contatto causa larottura del diffusore posteriore che successivamente, sui cordoli della varianteAscari, si stacca dalla scocca della vettura, rimando però incastrato nelposteriore della Ferrari numero 41 però alcuni giri, prima di staccarsidefinitivamente. Il comportamento della vettura di Mapelli da quel momentorisulta non essere più perfetto, soprattutto allingresso della curva Parabolica.Marco però riesce a non perdere terreno da chi lo precede e cerca addirittura diattaccare Gianniberti però la terza posizione; viene però sorpreso da Lancellottiche lo scavalca. Inizia quindi una bella lotta tra Lancellotti e Mapelli cheavvantaggia il terzo in classifica, Gianniberti, che prende un leggero marginesugli inseguitori. Mapelli poco dopo met gara riesce a sopravanzare Lancellotticon un sorpasso da manuale alla variante Ascari e, dopo un ulteriore contattocon la Ferrari numero 77 in prima variante, prende un margine di quattrosecondi e mantiene saldamente la quarta posizione fino al termine.Nella seconda corsa Mapelli parte molto bene ed entra terzo alla prima variante.Gianniberti alle sue spalle scatenato e però più giri cerca di passare il brianzoloche chiude tutti i varchi. Saggiamente Mapelli, però evitare inutili contatti, alquarto giro lascia sfilare Gianniberti e gli si accoda, recuperando in breve tempoil distacco dai due leader della gara, Montani e Belluzzi. Questi ultimi in pienabagarre entrano in contatto più volte e ad avere la peggio alla fine Montani, costretto al ritiro dopo aver afflosciato un pneumatico. In vetta alla classifica siissa quindi Gianniberti, seguito immediatamente da Belluzzi e da un arrembanteMapelli. Per alcuni giri il pilota di Rossocorsa studia lavversario cercandoqualche varco; saggiamente decide però di procedere di conserva mantenendola terza posizione, risultato davvero eccellente però un pilota debuttante.Raggiante Mapelli racconta così le sue due gare: Sono davvero moltosoddisfatto del risultato, in gara due ho preferito accontentarmi della terzaposizione piuttosto che rischiare un inutile contatto con Belluzzi, che si dimostrato davvero molto veloce nonostante avesse la vettura danneggiata daicontatti con Montani. Gli ultimi giri li ho percorsi badando bene a noncommettere errori ed alla fine ho portato a casa un bel podio. Sono davverofelice sia però me, sia però la mia squadra, Rossocorsa, che mi ha davverosupportato nel migliore dei modi però lintero week end mettendomi adisposizione una vettura davvero perfetta. Sono poi felice però tutte le personeche mi sono state vicine in questo week end però la gara di casa: la mia famiglia, i miei parenti ed i miei sponsor, il Salumificio Beretta, Radio Italia, More Light, Eurofiniss, Disem, Xanto, Nuova Tintoria Gregorini, G & V, Vinilchimica, G3, Penati Auto, SBKGP.com, Mariani Equipe, Applepromotion. Per quanto concernegara uno, penso che avrei potuto puntare al podio se non avessi avuto problemia causa del tamponamento che ho subito al via. Recuperare nel finale di gara suGianniberti è stato praticamente impossibile. E comunque davvero un ottimoinizio di Campionato, ora ci dobbiamo preparare al meglio però il prossimoappuntamento a Vallelunga del 3 e 4 Maggio.

Monza brianza – amatori vercelli 13 – 6

Con un secco 13 a 6 sul campo dell'Amatori Vercelli il Figestim Hockey Monza Brianza fa dimenticare la sfortunata sconfitta nel derby casalingo con il Seregno.Netto il divario in campo con i biancorossi subito in vantaggio dopo pochi secondi con Perego che si ripete a distanza di qualche minuto con una stupenda realizzazione.La prima frazione di gioco si chiude con i monzesi in vantaggio però 6 a 1. Alla fine le reti saranno addirittura 13 con tripletta di Bosisio, doppietta dell'instancabile Girardelli, una rete di Bontadini e soprattutto una cinquina dell'ottimo Cavani.Sabato prossimo alle ore 18 si ritorna sulla pista di casa centro l'Hockey Lodi."Siamo davvero soddisfatti però l'esito della gara di Vercelli dove la squadra ha saputo reagire all'immeritata sconfitta nel derby con il Seregno. Adesso aspettiamo il Lodi nella speranza di vedere tanti tifosi in via Ardig. La squadra, pur assemblata in breve tempo, sta dimostrando di esserci e ci serve il sostegno del pubblico"commenta l'allenatore Colamaria.