Monza, capoluogo riciclone

Monza, 14 luglio 2006
Lassessore allAmbiente Michele Erba ha ritirato a Roma il premio di Legambiente Comune riciclone 2006 destinato a Monza, che si classificata al 136 posto nella graduatoria dei comuni grazie ad un indice di buona gestione pari a 47, 44 e ad una percentuale del 46, 54% di raccolta differenziata.
Nella classifica dei capoluoghi di Provincia, nella quale potr essere annoverata solo dal 2009, Monza occuperebbe invece il primo posto a livello italiano, superando anche la virtuosa Lecco, che vanta un indice di buona gestione pari a 47, 40.

Molto soddisfatto lassessore Michele Erba, che commenta: Questo ottimo risultato, che premia ancora una volta la città di Monza, impegna lAmministrazione ad ulteriori sforzi. Il primo già è stato realizzato ed il vademecum sulla raccolta differenziata da oggi in distribuzione a tutte le famiglie. Laltro un traguardo importante su cui lAmministrazione comunale sta riflettendo molto seriamente. Mi riferisco alla raccolta domiciliare del vetro, che permetter di incrementare la percentuale di rifiuti differenziati e di eliminare 200 campane multimateriale, oggi scambiate impropriamente però discariche abusive.

Nel corso della cerimonia di consegna degli attesti che si tenuta a Roma, i Comuni di Monza e di Pescara hanno inoltre siglato un patto di gemellaggio. Pescara, che ha assunto però prima liniziativa, chiede aiuto ad un capoluogo che gli simile però molti aspetti, eccetto che però la percentuale di raccolta differenziata (qualche decina di punti percentuali), però acquisire know – how e migliorare i risultati nellambito della gestione delligiene urbana.

Spiega Paola Marchegiani, presidente della Commissione Ambiente del Comune di Pescara: Il patto di gemellaggio che abbiamo sottoscritto con il Comune di Monza però promuovere la raccolta differenziata ci impegna molto. Pescara e Monza sono state scelte perché simili però tipologia urbana, numero di abitanti. Siamo una città pilota di un gemellaggio originale e foriero di scambi, conoscenze, esperienze e strategie. Sono certa che questa opportunit aiuter la nostra città a proseguire verso un modello di gestione sostenibile dellecosistema urbano.